verso provenzano

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Andare in basso

verso provenzano

Messaggio  jabru il Dom Mag 25, 2008 7:46 am

2008-05-24
di LAURA VALDESI
NIENTE LEGNANO, per Tittia. Ma Giovanni e la sua dolce metà che i primi di giugno lo renderà padre ieri erano a Monticiano per osservare i cavalli. Ma anche, forse, per mettere a tacere le malelingue che già leggevano nel suo forfait conseguenze più gravi dell’ematoma al braccio destro che ieri ha mostrato a tutti. «E’ ancora gonfio, mi hanno consigliato di non rischiare», racconta mentre le dirigenze fanno la fila per salutarlo. In coda ieri anche per scambiare due parole con Scompiglio, guardato a vista dallo staff di Pantaneto che osservava eloquentemente: «Perchè dovevamo essere a Legnano? A noi interessa la Piazza». Si è fermato alla mossa a guardare i cavalli, lasciandosi prendere in giro quando qualcuno gli consigliava una carriera da «tronista» nella trasmissione di Maria De Filippi.

INVECE DI PARLARE dei mezzosangue abbiamo iniziato dai fantini perchè su di loro si è in realtà appuntata l’attenzione (c’era anche Vittorio con tutta la Lupa). Gli infortuni e le cadute degli ultimi giorni hanno consigliato prudenza alle dirigenze. Non è da escludere chi ha potuto fare pressione abbia spinto affinchè i rischi in corsa venissero evitati, per quanto possibile. La rosa dei papabili è già abbastanza ristretta per togliere petali. Rosa in cui vorrebbe tanto trovare posto Antonio Siri. «Orfano» di Massimino, ieri a Legnano, il giovane fantino osservato con attenzione da una manciata di Contrade, ha comunque incassato tre successi: uno a mani basse con Già del Menhir, che piace molto alle dirigenze intenzionate a metterlo nel lotto, il secondo con Iron Horse (sta crescendo), l’ultimo con il 4 anni del Bufera apprezzato da tutti, il grigio Lampe Luke. Da segnalare la presenza, insolitamente a piedi, di Voragine in attesa di novità da Ferrara. Lunedì dovrebbe essere deciso se Pagliai potrà correre al posto de Lo Zedde che ha dato forfait. Venendo alle corse, davanti a un pubblico più risicato del solito stante il giorno lavorativo e Legnano, la prima vede il successo netto di Pagliai su Ginger de Mores che brucia subito Indos (Mureddu). Da segnalare la bella rimonta di Sanna su Guru che per un soffio non strappa la vittoria al battistrada, terzo è Veneri su Itako, quarto Siri su Frustone, di rincorsa era Bergamaschi su Fiorinesu. Poi occhi tutti sul sauro di Massimino, Già del Menhir, quando entra in pista, chiamato dal mossiere. Molto vivace, ieri ha forzato il canape: Giorgi annulla. Ma quando è buona il cavallino inizialmente stretto trova il viottolo per involarsi. Va in testa e la mantiene facilmente, limitandosi a controllare anche quando sull’arrivo Mureddu su Far West si avvicina: secondo. Terzo Carboni su Fidhes che attacca ripetutamente. Quarto Veneri su Flober. Incantado era montato da Bergamaschi, Galile da Calzolari e Diana baia da Pagliai. Netto anche il successo (l’ennesimo questa stagione) di Giove deus, ben condotto da Carboni. Merita la citazione Fanè spinta da Siri, che agguanta la seconda piazza in maniera convincente, terzo finisce la corsa Porcu su Innozente. Ad animar le fasi del via erano state le bizze de Il Cobra: alla fine Giorgi invita a portare fuori il cavallo che non intende girarsi. La quarta corsa è appannaggio di Iron Horse (vedi articolo in basso), nella quinta brilla e vince Salasso su Giordhan che mette la freccia e supera all’esterno il battistrada Leo Lui montato da Siri, complice forse anche un lieve inciampo del cavallo fino ad allora in testa. Si era messo in evidenza Carboni su Dovyzia che però poi cade al Melo secco rialzandosi subito. Terza posizione per Istemma, quarto Bergamaschi con Choci. I cavalli della quinta batteria vengono invitati ad entrare fra i canapi poco prima dele 19. Non c’è storia: schizza forte Migheli su Iron river (cavallino montato da Trecciolino a Monteroni), prende il largo e nessuno ha benzina per acciuffarlo. Quando arriva al traguardo il fantino bacia l’anello nella mano sinistra. Secondo Sanna su Galeottu, segue Bergamaschi su Irenella. Il gran finale? La splendida galoppata di Lampe Luke nella sesta corsa: scalza Veleno su Giocattolino dalla prima posizione già alla curva iniziale, bella la rimonta da dietro del grigio Guess con Carboni, Mureddu è terzo su Delizia.
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

estratte

Messaggio  jabru il Dom Mag 25, 2008 8:15 pm

MONTONE - BRUCO - NICCHIO .........EVVAIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII
domani altre notizie
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

corrono nel luglio 2009

Messaggio  jabru il Dom Mag 25, 2008 8:22 pm

Chiocciola, Civetta, Oca, Drago, Tartuca, Lupa, Onda


Ultima modifica di jabru il Gio Mag 29, 2008 9:43 am, modificato 1 volta
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

chi ha estratto chi

Messaggio  jabru il Lun Mag 26, 2008 9:15 am

il Valdimontone è stato estratto dal Capitano del Bruco, il Bruco dal Capitano del Valdimontone, il Nicchio dal Capitano dell' Istrice
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

da 'La Nazione'

Messaggio  jabru il Mar Mag 27, 2008 8:48 am

LAURA VALDESI
TRE CORAZZATE sono uscite a sorte — Valdimontone, Bruco e Nicchio —, a due che correvano di diritto la dea bendata ha regalato l’assenza dell’avversaria in Piazza. Istrice e Torre sono infatti «orfane», rispettivamente, di Lupa e Oca. Se lo sentiva la capitana di Salicotto Aurora Chigi Misciattelli che Fontebranda questa volta non sarebbe stata della partita. «Un presentimento — sottolinea — così come avevo detto a Gianni Falciani (capitano del Bruco, ndr) che se saremmo saliti insieme in Comune per l’estrazione la sua Contrada sarebbe uscita. Infatti mi ha aspettato e quando la ghiandina è venuta fuori si è girato subito verso di me».

IL RITO DEL 25 MAGGIO è alle spalle, adesso la Torre cosa farà? «Iniziamo nuovamente il giro delle Contrade e dei fantini. O meglio, lo rinforziamo un po’ poiché durante l’anno non si smette mai». La domanda è d’obbligo: si dice che Torre e Istrice (adesso è uscito anche il Valdimontone) si contendano Lo Zedde. «Vedremo... (sorride,ndr), molto giocherà il cavallo. E se nessuno dei due dovesse venire vorrà dire che ne troveremo un terzo», ribatte la capitana. Quindi Salicotto ha ampia scelta di fantini. «Non abbiamo trascurato nessuno anche se sono nove nomi per dieci Contrade. Di conseguenza — osserva — potrebbe esserci un esordiente. Anche in questo caso dipenderà dal cavallo». A tale proposito Aurora Chigi Misciattelli sottolinea che non c’è più una pista dove andare a vedere i candidati alla Piazza, saranno un punto interrogativo quando arriveranno alla previsita. L’auspicio — conclude — è che proseguano con serietà la preparazione perché c’è il rischio di risparmiarli per presentarli senza una grinza al Ceppo».

«INUTILE PARLARE adesso dei mezzosangue, finchè non si sa quanti rimangono davvero dopo la scrematura», è l’opinione di Andrea Franchi (nella foto in basso), capitano dell’Istrice. Che non nasconde di preparare, a maggior ragione adesso che è senza avversaria, una Carriera tutta all’attacco. In Comune per l’estrazione non è andato domenica sera. «Ho preferito lasciare che fosse uno dei miei mangini a provare questa bella esperienza. Nulla di scaramantico, comunque sia... mi fidavo», racconta sottolineando subito «che quello del 2 luglio sarà un gran bel Palio. Sono uscite Contrade importanti, ciascuna super-motivata alla vittoria. Come l’Istrice». L’argomento fantini è un altro tasto importante per Camollia anche se i nomi a cui far indossare il proprio giubbetto non gli sono mancati. «Trecciolino? me l’aspettavo questa domanda. E la risposta è invariata rispetto allo scorso anno: può tornare, per Gigi la porta è sempre aperta». Silvano Mulas, il vincitore di Fucecchio che si è operato all’ulna la scorsa settimana, resta vicino a Camollia. «Amici — lo ripeto — perché non abbiamo fantini ufficiali. Lo seguiamo ed esiste un buon rapporto. Quanto a concedergli la possibilità di fare la prima prova... vedremo se e in che modo avrà recuperato. Personalmente spero di far montare già dalla prima sera il fantino che andrà al Palio. Se poi ci dovesse essere bisogno, non credo che manchino i giovani». Franchi viene al nocciolo della questione: i nomi sono contati. «Il calcolo è presto fatto. L’estrazione ha introdotto un cambiamento nel senso che non sono uscite Contrade che erano legate ufficialmente. Di conseguenza, restano 4 che hanno già una solida base di partenza, mentre le atre sei devono giostrarsi fra i cinque liberi professionisti di maggiore esperienza. Chi? Ovviamente Trecciolino, Tittia, Lo Zedde, Bighino e Salasso». Dunque, ne manca uno. Si ricrea, complice anche la squalifica di Gingillo e la mancata uscita della Lupa che complica (ma non rende impossibile) l’inserimento di Vittorio, una situazione molto simile a quella del luglio 2007: il famigerato «cerino». Anche il capitano di Camollia è dello stesso avviso d Aurora Chigi Misciattelli: più probabile un esordio, meno un rientro anche se il quadro va ancora ben decifrato.
Sorride Franchi quando gli si ricordano i mille accostamenti fatti all’Istrice, quanto a nomi. «Basta pensare, per capire quanto sono veritieri, che dicevano avrei montato Lo Zedde e invece ho puntato su Brio ad agosto: sono abituato a non ascoltare le voci rimanendo convinto delle scelte che faccio e di cui mi assumo la piena responsabilità».
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Deputati alla festa, ispettori ecc.

Messaggio  jabru il Gio Mag 29, 2008 6:46 am

Deputati della Festa
Walter Munaretto Chiocciola
Antonio Cottini Oca
Luca Lombardini Tartuca

Ispettori di Pista
Stefano Talucci Drago
Giulio Petrangeli Lupa
Maurizio Bagnoli Onda

Giudici alla vincita
Andrea Muzzi
Mario Fusai
Gianfranco Bimbi

Maestro di Campo
Franco Sodi

Mossiere
Giorgio Guglielmi di Vulci
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

la previsita

Messaggio  jabru il Mar Giu 10, 2008 6:54 am

Alle ore 12,00 del 18 giugno p.v. scadono i termini per l'iscrizione dei cavalli alla previsita per in palio di Provenzano
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Cena della Prova Generale

Messaggio  jabru il Gio Giu 12, 2008 8:41 am

Le prenotazioni dei tavoli per la Cena della Prova Generale del 1° luglio potranno essere effettuate con le seguenti modalità:
1) nei giorni di Domenica 22, lunedì 23, martedì 24 dalle ore 21,30 alle ore 23,30 nei locali della Società L'ALBA mediante la consegna dell'apposito modulo di prenotazione disponibile sia nella Bacheca della Società che nel sito internet della Contrada: www.nobilcontradadelbruco.it

oppure:
2) fino al giorno 25 giugno mediante invio del suddetto modulo al seguente indirizzo di posta elettronica: commissionefesteggiamenti@nobilcontradadelbruco.it
oppure al fax della Contrada 057747740.

Si fa presente che in caso di prenotazioni incomplete la Commissione Festeggiamenti si riserva di accettare le medesime.

La vendita delle tessere per la Cena della Prova Generale verrà effettuata nei locali della Società L'ALBA dalle ore 21,30 alle ore 23,30 nei giorni 27,28,29 e 30 p.v.
Per informazioni è possibile rivolgersi a Fabio Boldrini 0577289107 oppure a Maurizio Palei 3392697629
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

i cavalli

Messaggio  jabru il Mar Giu 17, 2008 7:57 am

secondo il sito www.sunto.biz questi sono i cavalli che vedremo al canape: Ricapitolando questi i nomi dei dieci al canape: Elimia (1 Palio corso), Ermellyno (1 Palio corso), Choci (5 Palii corsi tutti consecutivamente, ed 1 vinto), Già del Menhir (debuttante), Iolao (debuttante), Guess (debuttante), Giove Deus (debuttante), Gherly (debuttante), Ganosu (debuttante), Ilon (debuttante). siete d'accordo?
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

i cavalli

Messaggio  jabru il Gio Giu 19, 2008 7:52 am

ecco l'elenco dei cavalli iscritti alla previsita per il Palio di Provenzano, riportato da 'sunto':
CAVALLO
PROPRIETARIO
1 A.S. INVINCIBILE
Raffaele Franceschetti
2 A.S. MILU’
Raffaele Franceschetti
3 AFARA
Giuliano Brandini
4 CARO AMICO
Alberto Manenti
5 CHOCI
Alessandro Tozzi

6 DEJANIRAH
Antonella Nuti
7 DELIZIA DE OZIERI
Marcello Roti

8 DERRIU JUNIOR
Antonio Villella
9 DIANA BAIA
Marco Pagliai
10 DILLIRI DIANA
Francesco Conti
11 DILLU
Massimiliano Brilli
12 DOVIZYA
Marcello Rosi
13 DREAM TEAM
Luca Veneri
14 DWORUS
Giuliano Fanti
15 EAST LIKE
Stefano Anichini
16 EDOLO
Andrea Roncucci
17 EI EI
Francesco Passalacqua
18 ELFO DI MONTALBO
Francesco Ticci
19 ELIMIA
Niccolò Rugani
20 ELISIR LOGUDORO
Stefano Anichini
21 ELYSYRIO
Alessandro Fontani
22 ENCANTADO
Vincenzo Facchini
23 ENDORA
Fabio Dolfi
24 ERMELLYNO
Augusto Bramerini
25 ERNESTO BELLO
Giancarlo Addolorati
26 ESCALYBUR
Marco Ghetty
27 ESTREMO ORIENTE
Enzo Vannini
28 FANE’
Simone Berni
29 FANTASTIC LIGHT
Simone Berni
30 FAR WEST
Guido Corsi
31 FAVELLA
Francesco Saccone
32 FEDORA SAURA
Augusto Posta
33 FIORE DE P.ULPU
Carlo Brocci
34 FIORINESU
Riccardo Piras
35 FIZZY
Luca Anselmi
36 FLOBER
Luca Veneri
37 FORMAGGIO SARDO
Roberto Giannelli
38 FORTE APACHE
Ciro Serchi
39 FRORIA
Federica Luchetti
40 FRUSTONE
Simone Berni
41 FUJAN DE OZIERI
Roberto Cioli
42 GALEOTTU DI GALLURA
Graziano Chiappetta
43 GALILE
Giovanni Melis
44 GAMMEDE
Daniele Bianciardi
45 GANOSU
Virginia Cannoni
46 GARIN
Alberto Ricceri
47 GENOMA
Francesco Passalacqua
48 GEZABELE
Claudio Berti
49 GHERLY
Augusto Posta
50 GIA’ DEL MENHIR
Massimo Coghe
51 GINGER DE MORES
Marco Pagliai
52 GIOCATTOLINO
Antonio Costantino Buzzi

53 GIORDHAN
Michela Gori
54 GIOSTREDDU
Roberta Pacciani
55 GIOVE DEUS
Nicola Sandroni
56 GIRA E RIGIRA
Marco Sampieri

57 GITANO DE AIGHENTA
Stefano Anichini
58 GIULIANA SAURA
Luca Francesconi
59 GOLDEN BOY
Mario Savelli
60 GOURAMI BLU
Francesco Conti
61 GRAND NATIONAL
Antonio Villella
62 GRIDO DI GALLURA
Roberto Danesi
63 GRIDU
Salomone Benveniste
64 GUADALUPE
Lucia Toto
65 GUERRIERO BAIO
Marcello Roti

66 GUESS
Fabio Romanelli
67 GULLIVER SAURO
Giovanni Atzeni
68 GUNGADIN
Ciro Serchi
69 GURU
Simone Panti
70 GUSCHIONE
Simone Berni
71 IADA
Samuele Sampieri

72 IARBA
Nicola Borselli
73 IBHRAIM
Luca Veneri
74 IKAROS
Alessandro Fontani
75 IL COBRA
Mario Savelli
76 ILON
Jacopo Bonucci
77 INCANTADO
Riccardo Piras
78 INDAGATO DI GALLURA
Osvaldo Costa
79 INDIANA INES
Bei Raffaele
80 INDIRA BELLA
Fabio Fioravanti
81 INDOS
Guido Corsi
82 INFINE
Silvia Stabile
83 INNOZENTE
Carlo Becatti
84 INOXIDABLE
Luca Veneri
85 INSOMMA
Fabio Romanelli
86 INTERNOS
Simone Picchi

87 IOLAO
Marco Ghetty
88 IRENELLA
Alessandro Burrini
89 IRON HORSE
Claudia Nerozzi
90 IRON RIVER
Simone Santi
91 ISAIA
Alberto Ricceri
92 ISEO DE AIGHENTA
Giovanna Fois
93 ISTEMMA
Roberto Danesi
94 ISTRICEDDU
Serena Butteri
95 ITAKO
Leonardo Brandi
96 ITALIANA DE SEDINI
Sonia Catania
97 IUBA
Augusto Posta
98 L’INCANTO MAGICO
Federico Andreini
99 LAMENTOSU
Massimo Martelli

100 LAMPANTE
Alessandro Bandini
101 LAMPE LUKE
Dario Colagè
102 LAMPO DE AIGHENTA
Sonia Catania
103 LARDO’
Francesco Ticci
104 LAVINIO DE ZAMAGLIA
Antonella Nuti

105 LEGALE
Dino Pes
106 LEGGENDA DI GALLURA
Stefano Sani
107 LEO LUI
Dario Colagè
108 LEZERA
William Castrica
109 LIGHT MY HEART
Luca Veneri
110 LILLOS
Luca Anselmi
111 LIMPIDU DE ZAMAGLIA
Duccio Bianciardi
112 LINKIN PARK
Dario Colagè
113 LO SPECIALISTA
Fabio Fioravanti
114 LU MUTU DI GALLURA
Giovanna Picconi
115 LUIVA’
Fabrizio Catocci
116 MATSONIA
Sergio Mattichi

Non tutti saranno presi in considerazione, vuoi perchè hanno partecipato a paliotti in tempi recenti o perchè non hanno svolto le prove regolamentari o infine perchè non hanno ancora l'età
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

da "La Nazione"

Messaggio  jabru il Gio Giu 19, 2008 3:59 pm

Siena, 19 giugno 2008 - Quasi... record. Battere quello del 2007, a luglio, quando i cavalli iscritti alla previsita furono ben 127 (17 assenti, altrettanti bocciati e 93 promossi al termine delle visite) era davvero difficile. Ma il numero dei mezzosangue segnati ieri entro mezzogiorno è stato comunque elevato: ben 116. Una cifra nettamente superiore, dunque, ai 101 cavalli del 2006, agli 88 del 2005. Giusto per andare un pochino indietro nel tempo. Numeri che evidenziano un serbatoio sempre più importante (e anche stabile) di soggetti a cui attingere per la Piazza. Forfait clamorosi non erano nell’aria e infatti non ci sono stati. Che Dostoevskij non veniva iscritto si sapeva, l’addio al tufo di Brento una certezza da tempo. E poi sono altre, semmai, le fasi di avanzamento della Festa in cui si assottiglieranno le fila dei mezzosangue. Ma che previsita sarà, quindi, quella che si apre lunedì 23 giugno alla clinica di Raffaello Ciampoli? Lunga - serviranno sicuramente due giorni interi e la mattinata di mercoledì - per smaltire la 'fila'. Articolata come sempre a gruppi corposi (nel 2007 furono anche di sette per ora), sia al mattino che alla ripresa pomeridiana, alle 17. Il meccanismo non cambia a parte l’ormai annunciata novità di un maggiore ricorso ai raggi x. Quanto al calendario con gli orari delle visite sarà probabilmente diffuso dal Comune venerdì 20.



Diamo un’occhiata ai 116 iscritti, magari con l’occhio degli addetti ai lavori. La sorpresa maggiore è stata sicuramente la presenza di Afara. Un ritorno, per la verità. Va poi al Ceppo Caro Amico, vincitore dell’Assunta 2006 che non era stato ammesso all’Albo, è stata iscritta Favella, che invece i proprietari avevano volontariamente lasciato fuori dal protocollo. Tre soltanto i vittoriosi nel gruppone del Ceppo: Caro Amico appunto, poi Choci e la grigia Fedora saura. In tutto, però, sono 17 gli esperti della Piazza che sanno cosa vuol dire presentarsi al canape e restare quattro giorni in una stalla di Contrada. Oltre al trio suddetto, saliranno infatti le curve del Ceppo anche Afara, Dejanirah, Delizia de Ozieri, Elfo di Montalbo, Elimia, Elisir di Logudoro, Ermellyno, Ernesto bello, Estremo Oriente, Favella, Fujan de Ozieri, Gezabele, Giordhan e Gridu. Rappresentano un discreto zoccolo duro anche se la sensazione è che i capitani attingeranno ad esso (esclusioni veterinarie permettendo) soltanto in parte. Dai papabili alla Piazza, per quanto riguarda l’età, vanno esclusi i 4 anni (che sono 18, con la L) e i 3 anni: ossia Matsonia e As Milù. Restano in 96. Da notare che si sono notevolmente assottigliati anche i mezzosangue con la 'D' (fra cui si notano due novità, Dilliri Diana e il polacco Dworus), 13 quelli con la 'E', poi largo alle nuove leve con la 'G' e la I (27 nomi). Molti tenuti sotto osservazione come Guess e Giove deus, Ganosu e il potente Già del menhir, Gherly e Gulliver sauro, Guru e Grido di gallura, solo per citarne alcuni. Idem per Ilon e Iolao, Iron river e Istriceddu piacciono fra i 4 anni anche se la concorrenza è agguerrita e potrebbero esserci sorprese.



Qualche curiosità: siamo praticamente di fronte a una sovrapposizione pressoché totale fra gli iscritti alla previsita e i cavalli ammessi all’Albo. Confrontando le due liste emerge infatti che sono soltanto trenta i nomi dell’elenco diffuso il 10 marzo che non compaiono in quello del Ceppo. Molti dei quali sono stati ritirati - vedi Giaguaro e Brento -, altri proprio non segnati come Dostoevskij, qualcuno sta facendo già passeggiate. Una sovrapposizione che rende ormai prossimo un ripensamento, di cui si è più volte parlato negli ultimi anni, sulla possibilità di salire al Ceppo riservata unicamente ai nomi del Protocollo. Ma adesso pensiamo al Palio di provenzano. Che si apre, per così dire, con una tradizione: i cavalli che lunedì mattina, alle 6, verranno visitati per primi dalla commissione composta da Marco Reitano, Nicola Magnaghi e Marco Pepe sono quelli di Trecciolino. Per l’esattezza Formaggio sardo, Iolao, Iron river e Innozente. Altri quattro, sempre della scuderia di Valiano, inizieranno le visite del pomeriggio, sempre del 23. Ossia Leggenda di Gallura, Internos, Edolo ed Escalybur. C’è da scommettere, visto che oltre a questi sono previsti altri nomi appettibili come quelli portati da Tittia e persino la grigia Fedora, che allo steccato della clinica del Ceppo vorranno affacciarsi in molti.

Laura Valdesi
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il drappellone

Messaggio  jabru il Ven Giu 20, 2008 10:39 am

sarà presentato al popolo il prossimo giovedì 26 p.v. nel Cortile del Podestà verso le 18,30. E' stato dipinto da Camilla Adami. Appena avrò ulteriori informazioni aggiornerò il topic


Ultima modifica di jabru il Mar Giu 24, 2008 11:53 am, modificato 1 volta
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Estrazione delle Bandiere per Provenzano

Messaggio  jabru il Lun Giu 23, 2008 8:36 am

Siena, 22 giugno 2008 - La sorte manda segni da brivido. E siccome il Palio è fatalità, mix di sacro e profano, chi ama i riti antichi non potrà sfuggire al fascino di appuntamenti come quello dell’estrazione a sorte delle bandiere nella basilica di Provenzano.



La mano di tanti piccoli contradaioli — c’erano fra gli altri del Nicchio e del Valdimontone, della Pantera — ha riservato un bel batticuore. Incredibile quello per Stalloreggi poiché, alla presenza di monsignor Enzo Carli, il barbero è venuto fuori per quarto. Proprio la stessa posizione che occupava nel 2006 quando vinse il Palio con Brio e Choci.



Ma anche la rivale Aquila non è stata trascurata dalla fortuna se si pensa che la sua bandiera sarà la 'portiera' del Palio, attenderà l’arrivo del Drappellone sopra la porta d’ingresso (è 9°). Proprio come fece quella dell’Oca quando il 2 luglio ’99 i contradaioli festanti sciamarono nella basilica per ringraziare la Vergine di Provenzano per la vittoria. Di più.



La buona stella del Leocorno è ormai proverbiale tanto che la bandiera di Pantaneto è stata sistemata ieri al settimo posto, lo stesso (quasi un doppio presagio) in cui hanno già trionfato nel 2002 l’Istrice e nel 2004 la Giraffa. Attenti, però, perché l’avversaria Civetta, che non corre, è stata messa nella 13esima postazione, vicino alla Madonna che potrebbe proteggerla da nuovi eventi «funesti». Inoltre proprio qui c’era la bandiera della Giraffa nel ’97, l’anno del 'cappotto'.



E ancora. I cittini delle Contrade hanno messo alla sinistra dell’altare la Lupa (1°, qui c’era l’Istrice nel 2000), quindi l’Onda (2°), il Valdimontone è 3° (stesso posto dell’Oca nel ’98, nuovo segnale), la Pantera come detto è quarta, quinta estratta la Chiocciola (c’era il Bruco nel 2005), sesto il Drago, settimo il Leocorno, ottava l’Oca (nel 2001 c’era il Leocorno), dell’Aquila si è già detto. Decimo il Nicchio (nessuna ricorrenza ma i Pispini hanno vinto nell’88, nel ’98, ogni decennio), undicesima la Torre (guarda caso qui c’era l’Oca nel 2007, altro segnale curioso).



Il barbero dell’Istrice è uscito per dodicesimo (nel luglio ’94 toccò alla Pantera), poi la Civetta, 14° la bandiera della Selva. A guardia del Palio però, come 15°, troviamo il Bruco (nel ’95 porto bene all’Onda). La Giraffa, infine, è 16, come la Selva quando vinse nel 2003. Alla destra dell’altare, infine, è stata messa la bandiera della Tartuca. Mai così tanti i segni e ricorsi che riflettono (forse) un Palio che sarà apertissimo. Fino all’ultimo.

La. Valde
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

visite

Messaggio  jabru il Lun Giu 23, 2008 8:40 am

Cominciano oggi al Ceppo le visite dei cavalli, dei 116 iscritti ne verranno selezionati una trentita per essere ammessi alle batterie
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

da: La Nazione

Messaggio  jabru il Mar Giu 24, 2008 8:33 am

Siena, 23 giugno 2008 - E’ iniziata la caccia al nuovo Berio. Un cavallo potente che non falliva un colpo, specie se in groppa c’era Trecciolino. Un nuovo Berio, basta leggere le dichiarazioni di capitani e fantini nelle pagine che seguono, non è ancora stato individuato. Vale a dire un punto di riferimento certo per i capitani e anche per chi deve giocarsi tutto in tre giri in groppa a un mezzosangue. Certo, Fedora saura (che alle 8 salirà oggi le curve del Ceppo per la previsita) è una cavallina potente come ha dimostrato nel successo del luglio 2007 nell’Oca con Tittia. Che fa paura alle dirigenze soprattutto fra la mossa e San Martino, metri diventati basilari, con il lotto attuale, per ipotecare la vittoria. Il lotto attuale, si ritorna qui. Manca un Berio, non c’è una punta vera. Fedora forse lo è già ma deve ripetersi per aspirare al titolo. Il resto dei cavalli è (molto) da scoprire. Qualcosina si potrà capire anche dalle visite che la commissione veterinaria ( messi a punto ieri sera gli ultimi dettagli di questa lunga tre giorni al Ceppo) effettuerà in maniera attenta. Forse dire severa sarebbe esagerato, comunque sia il numero elevato dei cavalli è tale per cui - non si stancheranno mai di ripeterlo Reitano, Pepe e Magnaghi - bisogna gioco forza selezionare.



Un elemento ulteriore, a tale scopo, sarà probabilmente l’impiego leggermente più serrato delle radiografie. Raggi x che negli ultimi anni, andando a memoria, erano stati abbastanza modesti. Sarà interessante vedere oggi il metro usato dalla commissione per rendersi conto di quali nomi potrebbero sparire nei vari step di avvicinamento al Palio. Interessanti quelli che sfileranno già dalle 6. Diversi vorranno dare un’occhiatina a Formaggio sardo, che dovrebbe aprire la previsita, abbastanza chiacchierato per il lotto. A seguire c’è il sempreverde Elfo, che ha ben figurato. E ancora la novità Ilon, che ha battuto in provincia Fedora saura, gli attesi Gridu e Gulliver, il quartetto di Salasso fra cui Giordhan con cui corse nella Chiocciola il 16 agosto scorso. L’elenco è ancora lungo con Gezabele, Fiore che piace tanto al Bufera, fra le 18 e le 19 occhi puntati su Fujan de ozieri e Choci. Si chiuderà con il ritorno della (ora) mamma Afara che vanta una sola Carriera nel Valdimontone.

Laura Valdesi
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

al Ceppo

Messaggio  jabru il Mar Giu 24, 2008 8:37 am

Elisir di Lugodoro e Gridu non partecipano alle Batterie
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

da "La Nazione"

Messaggio  jabru il Mer Giu 25, 2008 6:30 pm

"Dormo? Ma stai scherzando, sono le 16, sto facendo un po’ di palestra. Continuo ad allenarmi fino a giovedì, poi dovrò rallentare. Tanto ormai ci siamo al Palio". E’ vispo come una rondine Jonatan Bartoletti, in arte Scompiglio. "Mi sono spiegato bene, vero, cosa vuol dire mollare: lascio stare i cavalli, magari faccio un’uscita la mattina. Poi le prove di notte, eventualmente la Tratta. Ma sono pronto", mette subito le mani avanti il fantino del Leocorno.Parliamo di cavalli, tanto l’argomento che ti interessa è quello. "Alle prove di notte ci sta che monti Giuliana, Endora e forse Incantado. Per la Tratta quelli che passano".
In che senso?
"Semplice: che ci arrivano perchè ammessi dalla commissione veterinaria".
Sembra che dopo la vittoria dell’Assunta tu sia rimasto con i piedi per terra.
"Se non resti modesto te le abbassano comunque le penne. Finché non vinci, due, tre Palii almeno, devi stare zitto. Se ne hai centrato uno soltanto tendono a dirti che è stato solo per fortuna".
Come affronti questa Carriera?
"Tranquillo ma anche concentrato. Un anno fa era un pochino diverso perché non sapevo se montavo oppure no. La preparazione è stata identica a quella del 2007".
Torni in Piazza da vincitore: ti condiziona?
"Per niente, faccio finta di non aver vinto. Il passato è passato, mica puoi cullarti sugli allori. Basta un Palio fatto male ed ecco che ti sei giocato la credibilità. Io voglio dare il massimo".
Si va verso un lotto nuovo, tu hai vinto con un super-esperto come Brento: come si mette?
"Bene perché qualche soggetto discreto c’è anche fra le novità. Penso che almeno con 5-6 cavalli puoi provare a lottarci il Palio".
Favorevole alle lastre a tutti?
"Molto, dirigenze e fantini potranno lavorare in condizioni di sicurezza ancora maggiore. Più problemi si evidenziano, meglio è per chi deve da un lato impostare una strategia e dall’altro montare in groppa ad un cavallo".
Nell’inverno ti sei preso qualche soddisfazione dopo essere stato un po’ trascurato nel 2007?
"La soddisfazione è stata aver vinto con Brento, rimarrà a vita".
Vi assomigliate un pochino.
"Stesso carattere: testoni, un pizzico strani".
Come passi le serate? Qualche volta esci?
"A parte vederci con Marzia, il fine settimana, di solito sto a casa. Ceno, poi guardo un po’ di televisione. Mi piace fare questa vita, non sono particolarmente festaiolo. Almeno quando c’è da lavorare".
Bastiano in televisione ha detto che potresti andare nel Valdimontone, qualcuno dice Nicchio: la verità?
"Sono fantino del Lecorno, le altre Contrade per me si equivalgono. Un professionista deve andare a cercare il cavallo, non mi aspetto di montare il primo ma se posso scegliere e credo che uno sia migliore provo volentieri".
Insomma, resterai in Pantaneto.
"Non si sa, dipende da chi arriverà nella stalla il 29. Valuteremo con capitano e dirigenza. Qualora ci fosse una richiesta e un mezzosangue per fare bene si vedrà. Insieme, lo ripeto".
Ti ritieni una persona fortunata?
"Perchè ho vinto e ho trovato della bella gente, in passato ci sono stati momenti duri. La fortuna ho iniziato ad averla da agosto 2007, speriamo che non si spenga".
E Trecciolino?
"Poco da dire, vincere dieci Palii riesce a pochissimi. Magari arrivarci!"

Laura Valdesi
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

da "Antenna Radio Esse"

Messaggio  jabru il Gio Giu 26, 2008 9:33 am

25 giugno 2008
Chiuse le previsite, assente Caro Amico
Lavori conclusi alla Clinica del Ceppo, assente Caro Amico. L’equipe veterinaria del Comune di Siena ha ultimato i controlli sui cavalli. La tre giorni di previsite si è chiusa con l’arrivo di Favella, cavalla che ha già corso un Palio ma che non è stata iscritta al contributo. C’era attesa anche per Caro Amico, già vincitore di un Palio, che invece non è stato presentato. Tutti le provette sono già in laboratorio a Pisa dove il sangue prelevato verrà analizzato entro domani sera. Nella mattinata di venerdì si conosceranno dunque le liste dei soggetti che vedremo sabato in Piazza per le prove di notte e anche quelli direttamente ammessi alla Tratta.
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

da "Sienanews"

Messaggio  jabru il Gio Giu 26, 2008 9:06 pm

Applausi per il Drappellone di Camilla Adami

Piace ai contradaioli il Drappellone di Camilla Adami, svelato tra gli applausi nel Cortile del Podestà di Palazzo Pubblico e presentato dal sindaco Maurizio Cenni e da Franca Mancini.
“Camilla Adami con il linguaggio proprio dell'arte ha saputo perfettamente cogliere il mistero del Palio di Siena –si legge nella nota stampa del Comune di Siena - Ha risposto alle innumerevoli domande che da sempre si ripetono sulla città. Perché in questa piazza, che il poeta Herbert ha paragonato ad un qualcosa di organico, e quindi diversa da ogni altra, si corre da secoli una corsa squisitamente medievale? L'artista ha concretizzato l'essenza di una tradizione che si distanzia dal folklore avvicinandosi, invece, all'animo dei senesi. Il passato che diventa presente, senza artifizi, senza pressioni esterne, ma solo per il sentimento, la passione e l'attaccamento tenace di un popolo alla sua terra”.
“La Madonna di Camilla Adami, infatti – continua la nota - ha il volto di una donna di oggi, una donna universale. Il misticismo è dentro lo sguardo pieno che catalizza l'attenzione. Ma è universale anche la figura del cavallo: un sauro che galoppa senza fantino. Ecco la storicità della festa che Siena, ininterrottamente, ripropone ogni anno senza alterarne l'essenza. I due elementi essenziali: la Madonna ed il cavallo. Ecco, dalla tavolozza dei colori usati, uscire la forza del Palio. Decisi. Carichi di tensione. Soprattutto veri, come nello stile di questa artista in grado di strappare l'unicità dalla realtà per riportarla nelle figure delle sue opere. La sua tecnica segue una direzione di ricerca attenta, ma contemporaneamente aperta all'interiorità, all'esperienza percettiva. Camilla Adami, così, riesce a creare linee e cromatismi di grande impatto emotivo, così come ha fatto per dipingere questa striscia di seta, contesa ogni anno dai senesi riaffermando, così, l'immortalità del Palio”.
“A corredo, ma forse non è il termine giusto, perché troppo limitativo, l'iconografia delle Contrade che partecipano alla Carriera – prosegue la nota stampa del Comune di Siena – Anche in questo caso Camilla Adami ha dato spazio alla sua tecnica, al suo vivere la pittura. Gli animali sembrano contenere una scintilla di vita diventando un unicum con le altre immagini, compresa quella che rimanda alla dedica del palio: una suora vestita di bianco, per ricordare i 150 anni di presenza a Siena della Congregazione delle figlie della carità S. Vincenzo de Paoli. E' una suora senza volto, del resto come limitarsi a personificare chi dedica la vita agli altri? Nell'ovale vuoto, racchiuso dalla cornetta, l'antico cappello, ci stanno tutti i visi delle suore. Ognuno lo riempirà con i proprio ricordi e con i propri sentimenti, restando aperto per raccogliere frammenti di immagini. Forse per questo domina, assoluto, il bianco. Come luce pura, dentro l'azzurro cobalto dello sfondo. Come il cielo nelle notti estive”.
Con il Cencio è stato svelato anche il Masgalano 2008, realizzato da Eugenia Vanni e offerto da “Il Carroccio” di Siena: un Masgalano dalla forma tradizionale, completamente in argento, con quattro inserti lavorati di cui uno in bronzo e uno in plexiglass, così da testimoniare i vari periodi di stampa della rivista “Il Carroccio”, che a 23 anni dalla sua prima uscita in edicola, lo ha offerto alla Festa senese. Negli inserti, come pagine appoggiate nel vassoio, frammenti tratti dalle testate del giornale, per riproporre sezioni del carro di trionfo che chiude il Corteo Storico e un gruppo di cavali al galoppo. Sullo sfondo del piatto la cinta muraria della città. Un’incisione delicata come delicata appare Siena vista dalla campagna.
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

intervista a Camilla Adami

Messaggio  jabru il Ven Giu 27, 2008 8:52 pm

Siena, 27 giugno 2008 - Il Palio come mistero. Come forza e grinta. Azzardo. L’ha letto così il suo Drappellone, Camilla Adami. Per nulla emozionata, eppure coinvolta dall’atmosfera carica e chiassosa dell’Entrone. Quasi si preparasse anche lei a 'correre' la sua Carriera, che conoscerà l’epilogo quando la seta verrà calata dal palco dei capitani, scoppiato il mortaretto. Un’artista semplice e diretta, Camilla Adami. Proprio come il Palio che ha realizzato.
"L’artista ha concretizzato l’essenza di una tradizione - scrive Roberta Ferri - che si distanzia dal folklore avvicinandosi invece all’animo dei senesi. Crea linee e cromatismi di grande impatto emotivo, così ha fatto per dipingere questa striscia di seta". Interviste, abbracci, saluti. Camilla Adami sembra perfettamente a suo agio dopo la presentazione. Si percepisce che Siena l’ha contagiata. "Vero. Verissimo. Non ero per nulla emozionata, anzi molto divertita", racconta a caldo l’artista. "Ormai il lavoro era ultimato, mi sentivo tranquillissima perché ho dipinto un Drappellone per loro (dice rivolgendosi alla folla che lascia l’Entrone, ndr), per tutti i contradaioli".
Quale messaggio voleva trasmettere con questo Palio?
"Alla Madonna ho tratteggiato questa faccia dai tratti forti. D’impatto.Quasi una Vergine guerriera perché penso che oggi sono le donne che devono condurre delle vere battaglie, non solo per loro ma per la civiltà intera. Si devono dare una mossa in cattiveria, le donne".
Allora un Drappellone un pizzico femminista?
"Non sono femminista. Piuttosto convinta che la componente rosa debba prendere in mano la situazione".
Un volto molto moderno quello della Vergine. Nelle Contrade inizierà la caccia alla sosia, vedranno un segno.
"Ho preso volontariamente un volto che non avesse una grande espressività. Molto classico, non così caratteristico".
Ha detto durante la presentazione di aver cominciato a dipingere perché desiderava fare il Palio!
"Uno scherzo, naturalmente. Tuttavia è un privilegio enorme essere nati a Siena. Per qualche giorno anche io ne godrò, sentirò di appartenere a questa città".
Perchè quelle tre foglie nella scritta gialla del Palio?
"Semplicemente un richiamo romantico. Le tre foglie della corona della Madonna, che passano attraverso la terra di Siena, l’ocra. Assumono quel colore quando cadono formando un manto".
Nel collocare gli stemmi c’è il richiamo a qualche precedente Drappellone? Soprattutto nel collocare i simboli, esiste volutamente un ordine?
"Mi hanno dato i primi sette e li ho sistemati, poi sono giunti gli altri nella maniera che ritenevo più organica con il resto della composizione. Dove ho trovato spazio".
Gli animali sembrano veri.
"Sono molto appassionata degli animali, credo che i cavalli nel Palio si divertono pazzamente. Partecipano pienamente alla Festa. Per gli altri, ho preso molti animali ispirandomi ad esemplari veri, alcuni che non invece trovato sottomano li ho tratti dal bestiario di Siena".
La corona della Vergine è coperta di foglie.
"La corona vera della Madonna è composta da molte foglie d’oro, quindi ho scelto una semplificazione".
L’inserimento dei colori è stata casuale?
"Ho optato per il giallo e l’azzurro in alto perché sono colori forti, danno un colpo immediato. Sono colori che ’chiamano'".
In basso insiste il rosso.
"E’ la terra di Siena, non un rosso anonimo".
Alla fine è rimasta soddisfatta della realizzazione?
"In realtà era come se non lo vedessi più. Mi ero completamente immedesimata, non riuscivo più ad astrarmi".
A chi vuole dedicarlo?
"In che senso... E’ possibile fare questo? Non lo sapevo, non saprei sul momento. Ma, direi che lo dedico a me stessa, al piacere di averlo realizzato".
La dedica vera, invece, alle Figlie della Carità di San Vincenzo: c’è una suora senza volto.
"Le suore, soprattutto queste che lavorano negli ospedali, svolgevano un lavoro vero ed erano intercambiabili. Rappresentavano la speranza. Ho scelto il cappello bianco, grande, perché in fondo era anch’esso un punto di riferimento per gli ammalati che magari non avevano famiglia, oppure sapevano di dover morire".
Un cavallo senza fantino.
"Mi piace pazzamente questa cosa del cavallo che può arrivare senza fantino!"
Potrebbe quasi evocare il successo di uno scosso. Dietro la sua opera sembra che si legga una storia.
"La storia è scritta dall’azzardo. Se esci dieci minuti prima oppure dieci minuti dopo la tua vita cambia. In effetti nel Palio non puoi sapere mai: puoi avere un fantino e un cavallo fantastico, ma bastano due secondi che le cose cambiano completamente. Questo l’aspetto più affascinante. Il gioco del Palio".
Una lettura da brividi.

Laura Valdesi
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

da "SienaNews" - Cavalli

Messaggio  jabru il Ven Giu 27, 2008 9:01 pm

Palio di Provenzano 2008, cinque i cavalli che vanno direttamente alla Tratta dopo la Previsita. Sono 63 i cavalli che, invece, partecipano alle Prove regolamentate di domani mattina (28 giugno). Fra questi non ci sono i cavalli di età inferiore ai cinque anni.
Durante un incontro tra il Sindaco Maurizio Cenni ed i Capitani delle Contrade che parteciperanno al Palio, infatti, è stato deciso che alle cosiddette Prove regolamentate di domani mattina (28 giugno) potranno partecipare soltanto i cavalli che abbiano compiuto 5 anni.
Questa decisione è maturata per assicurare, anche a partire dalle fasi preparatorie del Palio, una tenuta ottimale della pista e per garantire una ottimale organizzazione logistica.
Ai fini esclusivi del Protocollo, comunque, sarà come se i cavalli di età inferiore ai 5 anni avessero effettivamente partecipato alle prove, avendo essi ottenuto l’idoneità dalla Commissione Veterinaria della Previsita.
Dall’incontro è emerso che l’incremento notevole del numero delle sedute di addestramento effettuate a Mociano e le corse del circuito, dodici in totale, hanno permesso un maggiore approfondimento ed una buona conoscenza anche dei soggetti nuovi che sono stati inseriti nel Protocollo riservando maggiore attenzione ai cavalli disponibili alla Tratta del 29 giugno.
“La decisione – conclude il Sindaco - testimonia la validità del Protocollo equino che in pochi anni ha visto, oltre ad una crescita importante nella qualità dei soggetti presentati, anche un aumento consistente del loro numero”.

Ecco i soggetti che vanno direttamente alla Tratta:
1 CHOCI
2 DELIZIA DE OZIERI
3 ELIMIA
4 ESTREMO ORIENTE
5 FEDORA SAURA

I cavalli che partecipano alle Prove regolamentate:
1 A.S. INVINCIBILE
2 AFARA
3 DERRIU JUNIOR
4 DILLIRI DIANA
5 DREAM TEAM
6 DWORUS
7 EDOLO
8 EI EI
9 ELFO DI MONTALBO
10 ELYSYRIO
11 ERMELLYNO
12 ERNESTO BELLO
13 FANE’
14 FAR WEST
15 FAVELLA
16 FIORINESU
17 FIZZY
18 FLOBER
19 FORTE APACHE
20 FRORIA
21 FRUSTONE
22 GAMMEDE
23 GANOSU
24 GARIN
25 GENOMA
26 GEZABELE
27 GHERLY
28 GIA’ DEL MENHIR
29 GINGER DE MORES
30 GIOCATTOLINO
31 GIORDHAN
32 GIOVE DEUS
33 GIRA E RIGIRA
34 GIULIANA SAURA
35 GOLDEN BOY
36 GRIDO DI GALLURA
37 GUADALUPE
38 GUERRIERO BAIO
39 GUESS
40 GULLIVER SAURO
41 GUNGADIN
42 GURU
43 GUSCHIONE
44 IADA
45 IKAROS
46 IL COBRA
47 ILON
48 INDIANA INES
49 INDIRA BELLA
50 INDOS
51 INFINE
52 INNOZENTE
53 INSOMMA
54 INTERNOS
55 IOLAO
56 IRENELLA
57 IRON HORSE
58 IRON RIVER
59 ISAIA
60 ISEO DE AIGHENTA
61 ISTRICEDDU
62 ITALIANA DE SEDINI
63 IUBA



Questo l’elenco dei cavalli di età inferiore ai cinque anni che hanno ottenuto l’idoneità dalla Commissione Veterinaria durante la Previsita e che non partecipano alle Prove regolamentate:

1 L’INCANTO MAGICO
2 LAMENTOSU
3 LAMPANTE
4 LAMPE LUKE
5 LAMPO DE AIGHENTA
6 LARDO’
7 LAVINIO DE ZAMAGLIA
8 LEGALE
9 LEGGENDA DI GALLURA
10 LEO LUI
11 LEZERA
12 LILLOS
13 LIMPIDU DE ZAMAGLIA
14 LINKIN PARK
15 LO SPECIALISTA
16 LU MUTU DI GALLURA
17 LUIVA’
18 MATSONIA



>>27/06/2008 16.23.00(SIENA)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

palio in TV

Messaggio  jabru il Sab Giu 28, 2008 7:22 am

da "La Nazione"

A partire dal 2 luglio il Portale Ufficiale della Toscana www.intoscana.it diffonderà in tutto il mondo la diretta del Palio del 2 luglio.
Non è la prima volta che il portale ufficiale della regione riporta in streaming la festa senese, anzi fu proprio nel 2 luglio del 2006 che il Palio fu ripreso e trasmesso per la prima volta in streaming dal Portale della Toscana, prima trasmissione in assoluto. Anche quest'anno si rinnoverà la collaborazione con il Consorzio per la Tutela del Palio, che gestisce le immagini della festa.
Saranno quattro le giornate live dedicate al Palio e due le finestre orarie previste, per ogni giornata: il 29 giugno dalle 9.00 circa alle 13,30 e alle ore 19.00; il 30 giugno e il 1 luglio alle ore 9.00 e alle ore 19.00, il 2 luglio alle ore 9.00 e alle ore 15,30 fino alle 19,30 quando è prevista la carriera.
La trasmissione su www.intoscana.it è a cura del Consorzio per la Tutela del Palio di Siena che ha anche concesso al Portale l'autorizzazione alla pubblicazione on line di tre documentari che servono a capire meglio l'essenza della festa senese: ''Vita per la Contrada', ''Perché il Palio', 'Il Palio in piccolo'. I documentari saranno disponibili fra gli oggetti correlati, all'interno della pagina live dedicata al Palio di Siena.
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

da "Sienw News"

Messaggio  jabru il Sab Giu 28, 2008 12:06 pm

Prove di notte per 62 cavalli questa mattina in Piazza. Tutti presenti tranne Ermellyno, il barbero di Augusto Bramerini, i cavalli convocati per le prove regolamentate, ultimo test per definire il lotto dei soggetti che prenderanno parte alla Tratta di domani. Prove che si sono svolte senza i cavalli più giovani: una decisione presa ieri durante un incontro tra il Sindaco Maurizio Cenni e i Capitani delle Contrade che parteciperanno al Palio, che hanno ritenuto opportuno convocare per le prove solo soggetti di almeno 5 anni di età. L’obiettivo, assicurare anche a partire dalle fasi preparatorie del Palio una tenuta ottimale della pista – che avrebbe potuto essere minacciata da un elevato numero di cavalli presenti alle prove - e per garantire un’ottimale organizzazione logistica.
Una scelta che non ha comunque compromesso l’assegnazione dei contributi: ai fini esclusivi del Protocollo, infatti, sarà come se i cavalli di età inferiore ai 5 anni avessero effettivamente partecipato alle prove, avendo essi ottenuto l’idoneità dalla Commissione Veterinaria della Previsita. Ora non resta che attendere l’elenco dei soggetti scelti per la Tratta, che si aggiungeranno ai 5 già ammessi: Choci, Delizia De Ozieri, Elimia, Estremo Oriente e Fedora Saura, tutti già presenti ad almeno una Carriera.
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

da "Palio News"

Messaggio  jabru il Sab Giu 28, 2008 1:17 pm

35 cavalli ammessi alla Tratta. Assente solo Ermellyno tra i cavalli convocati. Onda in lutto per la morte di Mattia Simoni, 29 anni, caduto dalla moto.
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

da "Siena News"

Messaggio  jabru il Sab Giu 28, 2008 1:21 pm

Ecco i cavalli ammessi alla Tratta:
1 CHOCI
2 DELIZIA DE OZIERI
3 DERRIU JUNIOR
4 EDOLO
5 ELFO DI MONTALBO
6 ELIMIA
7 ELYSYRIO
8 ERNESTO BELLO
9 ESTREMO ORIENTE
10 FAR WEST
11 FAVELLA
12 FEDORA SAURA
13 FIORINESU
14 FRORIA
15 FRUSTONE
16 GANOSU
17 GARIN
18 GEZABELE
19 GIA’ DEL MENHIR
20 GIOCATTOLINO
21 GIORDHAN
22 GIOVE DEUS
23 GIULIANA SAURA
24 GRIDO DI GALLURA
25 GUADALUPE
26 GUERRIERO BAIO
27 GUESS
28 GURU
29 GUSCHIONE
30 IADA
31 INDIRA BELLA
32 IOLAO
33 IRON RIVER
34 ISAIA
35 ISTRICEDDU
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: verso provenzano

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum