Correre fuori Siena

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Correre fuori Siena

Messaggio  jabru il Mar Mag 21, 2013 12:20 pm

Ferrara: Periclea sfida Bonantonio. Migheli terzo incomodo
di Laura Valdesi

Siena, 21 maggio 2013 – Accoppiata vincente non si cambia. Questa la filosofia del rione San Benedetto di Ferrara che, infatti, si affida ancora ad Andrea Chessa su Bonantonio da Clodia per tentare il colpaccio. Ossia vincere due anni di seguito una corsa che, questa volta, si annuncia davvero di alto livello. Il motivo è semplice: sono stati ingaggiati alcuni dei migliori mezzosangue visti in provincia.

Chessa e Bonantonio (a disposizione c’è anche Ottiglia) restano i grandi favoriti. Non c’è dubbio. Ma dovranno fare i conti con altre accoppiate ben assortite. E potenti. Per esempio quella di San Giovanni formata da Francesco Caria e Periclea, cavalla che ha vinto il gran premio a Fucecchio in maniera convincente. La rivelazione della stagione, montata da un fantino che in piazza Ariostea ha già trionfato nel 2011 (S.Giacomo) e che ha dimostrato di aver fatto il salto di maturità e qualità. In alternativa a Periclea c’è sempre Nadir de Mores. Il terzo incomodo potrebbe avere il volto di Alessio Migheli (San Giacomo) che si presenta all’appuntamento ben attrezzato. Può contare sia su Occolè, cavallo che i capitani stanno valutando per il debutto a luglio in Piazza del Campo, sia su Nanneddu, famoso per il suo ‘motore’.

Queste le punte ma nessuno degli altri colleghi ci sta ad interpretare la parte del comprimario. A partire da Antonio Villella che veste il giubbetto della ‘nonna’ Santa Maria in Vado: monterà il suo Noioso, meno probabile Nity Dea. Saldo il rapporto fra Sandro Chiti e San Giorgio: Fogosu è una sicurezza, ma il fantino dovrebbe puntare su Akcent. Non è da meno Narcisco, il mezzosangue potente di Simone Mereu (San Luca). Santo Spirito affida le sue speranze a Giosuè Carboni con Nuraghe e Pestifero, quest’ultimo particolarmente apprezzato in provincia. Debutta infine a Ferrara Adrian Topalli che, a sorpresa, veste i colori di San Paolo. I suoi cavalli? Bossanova e Orpen. Domani esodo verso Ferrara e giovedì via alle previsite.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Ferrara: le accoppiate

Messaggio  jabru il Mer Mag 22, 2013 6:47 pm

PALIO DI FERRARA, TUTTE LE ACCOPPIATE
News 22-05-2013


A Ferrara si è tenuta la cerimonia del Giuramento in cui gli otto borghi e rioni della città estense hanno annunciato i cavalli e i fantini che, il 26 maggio, si contenderanno il Palio in Piazza Ariostea. Il Rione San Benedetto, vincitore dello scorso anno, ripropone la stessa accoppiata vincente formata da Andrea Chessa e da Bonantonio da Clodia (cavallo di riserva Ottilia). Il Borgo San Giacomo si affiderà invece ad Alessio Migheli e al cavallo Occolè (cavallo di riserva Nanneddu). Il Borgo San Giovanni monterà Francesco Caria su Nadir de Mores (cavallo di riserva Periclea). Anche il Borgo San Giorgio si affiderà alla stessa accoppiata dello scorso anno formata da Alessandro Chiti e da Fogosu (cavallo di riserva Akcent). Il Borgo San Luca, invece, si affiderà a Simone Mereu e a Narcisco (cavallo di riserva Boscaglia da Clodia). Il Rione Santa Maria in Vado propone l'accoppiata recente vincitrice a Monticiano formata da Antonio Villella e da Noioso (cavallo di riserva Nity Dea). Il Rione San Paolo monterà Adrian Topalli su Bossanova (cavallo di riserva Orpen) mentre infine il Rione Santo Spirito si affiderà a Giosuè Carboni su Nuraghe (cavallo di riserva Pestifero). Favoriti della vigilia sembrano essere il Rione San Benedetto, Borgo San Giacomo e Borgo San Giovanni.

Francesco Zanibelli da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Legnano, crescono le quotazioni del Bruschelli

Messaggio  jabru il Ven Mag 24, 2013 6:42 pm

Palio di Legnano, il ritorno di Bruschelli dopo 10 anni
di Laura Valdesi

Ieri mattina le prove libere sulla pista silicea. Crescono le quotazioni di Mulas



Siena, 24 maggio 2013 - Sono in corso a Legnano le visite veterinarie dei cavalli che correranno domenica a Legnano. Poi verranno ufficializzati i fantini. Un momento particolarmente atteso perché sembra proprio che Gigi Bruschelli, dopo 10 anni (l'ultima volta fu nella Flora), tornerà a montare in terra lombarda.
Ieri mattina si è presentato in pista, con tanto di maglietta rossa della contrada di San Magno, per testare due purosangue. Con lui c'era anche Ireneo Cabiddu che stasera, a partire dalle 20,30, disputerà la cosiddetta 'provaccia', vale a dire il Memorial Favari. Bruschelli ha lodato le condizioni del tracciato, in sabbia silicea. Ma come al solito non ha lasciato trapelare nulla sulle strategie.
A provare è stato anche Valter Pusceddu, fresco vincitore del palio di Fucecchio. Poi Giuseppe Zedde, che corre per Sant'Erasmo. C'era anche il favorito Silvano Mulas, che è in Legnarello, contrada che attende la vittoria da 22 anni e che può disporre di un discreto pacchetto economico. Tutti, insomma, hanno cercato di trovare l'affiatamento con il proprio purosangue. Unica contrada a non provare ieri è stata San Bernardino, dove corre Antonio Siri.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Legnano

Messaggio  jabru il Sab Mag 25, 2013 12:53 pm

Andrea Farris trionfa nel Memorial Favari All'ultimo tuffo batte Angioi
FOTO IL PALIO SI AVVICINA
di Laura Valdesi

Ieri sera alle 23 si è corsa la 'provaccia' del palio di Legnano. Ecco le monte ufficiali


Siena, 24 maggio 2013 — Ora è ufficiale: Gigi Bruschelli correrà il palio di Legnano per San Magno. Un colpaccio, non c’è che dire, per la contrada che è stata capace di far indossare il giubbetto, prima del 2 luglio, al fantino in carriera che ha vinto più Palii. Bruschelli ha dunque mantenuto fede alla promessa fatta questo inverno. Se la vedrà con Coghe Jr (S.Martino), Dino Pes (S.Domenico), Andrea Mari (S.Ambrogio), Silvano Mulas (Legnarello), Antonio Siri (S.Bernardino), Giuseppe Zedde (S.Erasmo) e Valter Pusceddu (La Flora). Sarà una bella prova generale di Provenzano.

Ma a calamitare l’attenzione ieri è stato anche il Memorial Favari, la cosidetta ‘provaccia’ che si è corsa poco prima delle 23. Il vincitore? Andrea Farris (S.Martino) che si è preso finalmente un po’ di «luce» dopo le ultime stagioni sfortunate. Alle sue spalle è giunto Giuseppe Angioi (S.Bernardino), terzo Alessandro Colombati (S.Ambrogio), quindi Giuseppe Piccinnu (La Flora). Combattuta la finale che aveva visto Angioi in testa fino al penultimo giro quando Farris ha messo la freccia, superandolo agevolmente.

Due le batterie di accesso. Alla prima non ha partecipato Ireneo Cabiddu (S.Magno) perchè il cavallo aveva dei problemi comportamentali evidenti, è stato anche controllato dai veterinari. A lasciare il segno in avvio è stato proprio Farris, vincendo davanti a Piccinnu mentre per Todde (Legnarello) non c’è stato niente da fare. Solo i primi due in finale.
A guadagnarsela sono stati, nella batteria successiva, Angioi e Colombati, partiti in testa, che hanno lottato fino all’ultimo metro. Terzo Virginio Zedde che aveva cercato ripetetutamente di passare.
Durante la serata è stato premiato anche il cavallo di Fedeli, Rockyness.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Legnano - La prove

Messaggio  jabru il Sab Mag 25, 2013 12:55 pm

Migheli 'sprinta', Chessa resta nascosto. Cresce Caria su Periclea

Prove del palio di Ferrara in un clima invernale.


Siena, 24 maggio 2013 - Alessio Migheli ci proverà a vincere il palio di Ferrara. E' andato bene nella prova di ieri sera, ha vinto. Per quel che può contare, per carità. Era uno dei grandi favoriti e lo resta. Pronto in partenza, in piazza Ariostea ha fatto scorrere bene il cavallo mentre gli spettatori erano infreddoliti. Sembrava di essere a febbraio invece che a maggio, tanto bassa era la temperatura riuscita a gelare persino l'entusiasmo.
Ancora conferme sono venute da Andrea Chessa su Bonantonio da Clodia (San Benedetto), il cavallo vittorioso nel 2012, sicuramente da battere. Buono spunto anche nelle prove, sebbene sia rimasto abbastanza coperto. Tanto non c'è poi molto da far vedere. E dimostrare. Sarà una bella sfida fra queste due accoppiate. Anche se stanno salendo le quotazioni di Periclea, condotta da Francesco Caria per San Giovanni, Simone Mereu (San Luca) ha trovato inutile spingere oltremisura visto che Narcisco lo conosce come le sue tasche. Ha effettuato solo una prova Adrian Topalli (San Paolo) perché è rimasto solo con un cavallo. Hanno cercato di 'registrare' il motore sia Carboni (S.Spirito) che Villella (S.Maria in Vado). Unica nota di colore l'impennata del mezzosangue di Sandro Chiti (S. Giorgio) al canape, abbassato da Gennaro Milone.
Oggi alle 10, salvo intemperanze metereologiche, sarà effettuata l'ultima prova. Per la pista, i senesi in partenza saranno interessati, non dovrebbero esserci problemi perché ha retto e appare in ottime condizioni.
Laura Valdesi da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Ieri si è corso a Ferrara e Legnano

Messaggio  jabru il Lun Mag 27, 2013 7:11 pm

Caos al Palio di Legnano: Coghe finisce all'ospedale con il naso rotto, furia dei contradaioli.
A Ferrara intanto la vittoria va a Alessio Migheli

Siena, 27 maggio 2013 - Trionfa Dino Pes a Legnano, su Guglielmino per la contrada di San Domenico, che dal 1996 (con Trecciolino) non conquistava la vittoria. Una bellissima corsa di testa mentre dietro si davano battaglia per recuperare metri Andrea Mari, che difendeva i colori di Sant’Ambrogio su L’Inglese, Silvano Mulas su Deo Volente per Legnarello e Giuseppe Zedde su Peppino per Sant’Erasmo. Molto nervosismo nelle due batterie: nella prima, la Flora (Valter Pusceddu - Neutrino) ha ostacolato l’avversaria San Martino (Andrea Coghe - Miki) e si sono annullate a vicenda.
Pusceddu e Coghe hanno proseguito la pesante discussione anche nei box, dopo la corsa, tanto che sono intervenute le forze dell’ordine per placare gli animi. Andrea Coghe è finito in ospedale con il naso rotto. Il priore di San Martino e i contradaioli, per protesta si sono allontanati prima che si corresse il palio. Nella seconda batteria sono San Magno (Luigi Bruschelli) e San Bernardino (Antonio Siri) a ripetere la scena di poco prima: la discussione si allarga anche ai contradaioli sugli spalti, con un nuovo intervento delle forze dell’ordine.
A Ferrara, intanto, la bellissima corsa testa a testa tra Alessio Migheli su Occolè (Borgo San Giacomo) e Andrea Chessa su Bonantonio da Clodia (Rione San Benedetto) finisce al fotofinish: qualche minuto di attesa per i contradaioli, poi la vittoria va ad Alessio Migheli.
Katiuscia Vaselli da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Dino Pes vince a Legnano, Migheli a Ferrara

Messaggio  jabru il Lun Mag 27, 2013 7:18 pm

DINO PES VINCE A LEGNANO, MIGHELI A FERRARA
News 26-05-2013


Un grandissimo Dino Pes su Guglielmino ha vinto il Palio di Legnano per i colori della contrada S.Domenico. Era dal 1996 che questa contrada non riportava la vittoria e in quell'occasione l'accoppiata vincente era formata da Gigi Bruschelli e da Vittorio. Nella prima batteria sono state sorteggiate Sant'Erasmo con Giuseppe Zedde, La Flora con Valter Pusceddu, S.Martino con Andrea Coghe ed infine Legnarello con Silvano Mulas. La mossa fulminea data dal mossiere Renato Bircolotti ha vinto andare in testa Sant'Erasmo, seguita da Legnarello mentre le due avversarie S.Martino e La Flora hanno dato vita ad un duello caratterizzato da reciproche trattenute per il giubbetto e da violente nerbate. La batteria ha visto quindi la vittoria di Sant'Erasmo, al secondo posto Legnarello, terza La Flora, quarta S.Martino; hanno avuto quindi accesso alla finale Sant'Erasmo e Legnarello. Da segnalare delle scaramucce dopo la batteria tra i contradaioli di S.Martino e quelli di La Flora. Nella seconda batteria sono entrate tra i canapi S.Domenico con Dino Pes, S.Bernardino con Antonio Siri, S.Ambrogio con Andrea Mari ed infine S.Magno con Luigi Bruschelli. Rispetto alla prima batteria, c'è stato più lavoro per il mossiere che ha dovuto invalidare due mosse ed inoltre tra i canapi c'è stata qualche scaramuccia tra le contrade avversarie S.Bernardino e S.Magno. Alla mossa valida, è partita in testa S.Ambrogio, seguita da S.Domenico mentre Antonio Siri e Gigi Bruschelli, fantini di S.Bernardino e S.Magno si sono ostacolati a vicenda con il primo che ha avuto la meglio giungendo al terzo posto. Sono dunque andate in finale S.Ambrogio e S.Domenico. Dopo la batteria, tensione tra i contradaioli di S.Bernardino e S.Magno. L'ordine al canape sorteggiato per la finale ha visto l'ingresso di S.Domenico con Dino Pes, S.Ambrogio con Andrea Mari, Sant'Erasmo con Giuseppe Zedde e Legnarello con Silvano Mulas. Al momento della partenza S.Domenico è riuscita ad andare in testa nerbando anche l'avversaria Sant'Erasmo ed è riuscita a rintuzzare gli attacchi della stessa Sant'Erasmo e poi di S.Ambrogio. Alla fine dei cinque giri, la vittoria è andata a S.Domenico, seconda Sant'Erasmo, terza S.Ambrogio e quarta la favorita Legnarello. Per Dino Pes si tratta di un successo importante e che lo rilancia in maniera forte anche in ottica Piazza del Campo. A Ferrara, invece, c'è stata una lunghissima mossa che ha visto partire in testa Alessandro Chiti su Fogosu per il Borgo S.Giorgio ma c'è stato poi il sorpasso di Andrea Chessa su Bonantonio da Clodia per il Rione S.Benedetto che sembravano poter bissare il successo dello scorso anno. All'ultima metro di corsa, però, c'è stato il potente recupero del Borgo San Giacomo con Alessio Migheli su Occolè che per un'incollatura hanno beffato l'accoppiata del Rione S.Benedetto. Bellissima vittoria anche per Alessio Migheli che dimostra di essere in forma in vista del Palio di Luglio e grandissima prova di Occolè, cavallo veramente potente e freddo.

Francesco Zanibelli da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Ferrara, basta coi fantini senesi

Messaggio  jabru il Mer Mag 29, 2013 4:05 pm

IL SINDACO DI FERRARA: "BASTA CON IL PALIO DI SIENA, SERVONO FANTINI LOCALI"
News 28-05-2013


Lo sanno tutti ed è inutile nascondersi dietro a un dito: fra i fantini che corrono il Palio di Ferrara, tutti gravitanti nell’ambiente toscano e in particolare senese, circolano soldi, tanti soldi. E si sa anche che se una contrada intende puntare alla vittoria (sostanzialmente tutte) più alza l’ingaggio del fantino più questi avrà risorse disponibili per fare promesse o patteggiamenti con i colleghi in gara. Favori che poi - e anche questo è noto – prima o poi verranno restituiti, nello stesso o in altri palii italiani. Tanto il gruppo di fantini da cui tutta Italia pesca è sempre quello, l’unica scuola di professionisti di corse al palio alla quale attualmente è possibile rivolgersi, quella senese appunto. Una garanzia, per alcuni, un problema per altri, visto che proprio a causa delle cosiddette combine fra fantini domenica scorsa in piazza Ariostea la mossa è stata snervante, eccessivamente lunga (1 ora e 45 minuti).
Fantini senesi e regolamento
Occorrerebbe trovare un modo per smarcarsi da quella che è diventata una sorta di “sistema senese”, che francamente, oltre a essere invadente, ha anche poco a che fare con le tradizioni e le caratteristiche del Palio estense. Torna quindi con forza l’idea – avanzata anni fa in tempi non sospetti proprio dall’attuale presidente dell’Ente Palio, Giambaldo Perugini - di costituire una scuola di fantini ferraresi, con relative scuderie di cavalli, così da rendere il nostro Palio indipendente. E a metterla sul tavolo è proprio il primo cittadino di Ferrara, il sindaco Tiziano Tagliani, che giudica “inammissibile” quanto avvenuto domenica in termini di attesa e comportamento dei fantini. Sindaco che tra l’altro ieri mattina a ricevuto in municipio il collega tedesco Stefan Bosse, primo cittadino della città bavarese gemellata di Kaufbeuren.
«Ho assistito personalmente – ha detto Tagliani – all’abbandono della piazza da parte di una ventina di turisti. La dimensione dello spettacolo non può essere totalmente nelle mani di questi fantini. Quindi o cambiamo l’ordine delle gare, facendo partire per primi i cavalli, oppure cambiamo le regole di ingaggio. Bisogna che ci svincoliamo e la soluzione può essere quella di una leva di fantini locale o regionale. È giunto il momento di porre seriamente la questione sul tavolo, e lo farò presto».
«Il sogno di una scuola ferrarese – commenta il presidente dell’Ente Palio, Giambaldo Perugini – è rimasto sospeso ed è un problema che si sono posti anche altri palii in Italia. Ma è di difficile realizzazione. Sulle lunghe attese si può intervenire invece da subito, mettendo mano al regolamento e dando maggiori poteri al mossiere nei confronti del fantino di rincorsa. Tutto il resto ha funzionato splendidamente, ma di quello che si può migliorare ne parlerò presto, prestissimo, con i presidenti di contrada, senza attendere ottobre».
La situazione di Perugini
Resta in sospeso il nodo delle dimissioni di Perugini dalla presidenza dell’Ente Palio, dopo gli attacchi personali ricevuti dopo la sua recente nomina.
«Mi avevano chiesto di rimanere per questa edizione – dice Perugini – e io ho accettato chiedendo due cose: nuove idee e una soluzione duratura per la sede dell’Ente Palio. Ho grandi progetti che possono andare avanti anche senza di me alla presidenza. Non so ancora però se renderò effettive le mie dimissioni. Prima devo sistemare alcune cose, poi vedremo».

Mauro Alvoni da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Palio di Mordano

Messaggio  jabru il Sab Giu 01, 2013 2:02 pm

Torna domani la sfida di Mordano. Bartoletti: "Non ci sarò"
di Laura Valdesi

Impegnati invece Chiti, Bandini e Columbu

Siena, 31 maggio 2013 — Non c’è pace quest’anno per la città e per la nostra Festa. Dopo un inverno travagliato, segnato fino all’ultimo dall’incertezza sull’effettuazione del Palio stesso, adesso ci si è messo anche il maltempo. Come se sulla provincia si fosse concentrata, insomma, la nuvoletta di Fantozzi. Corse odierne annullate e continui rinvii delle sessioni di addestramento organizzate dal Comune rendono quantomai incerta la valutazione delle potenziali accoppiate in vista di Provenzano denso però di rivalità forti.

Nel resto d’Italia, invece, proseguono le sfide che vedono protagonisti i fantini di Piazza. Domani, dopo un anno di stop, torna infatti il palio di Mordano, centro a due passi da Imola. La trentesima edizione si disputerà intorno alle ore 21: 3 giri di pista di circa 400 metri l’uno con purosangue montati a pelo.
Si era data addirittura per certa la presenza di Jonathan Bartoletti ma il fantino smentisce: «Sarò soltanto ai due appuntamenti di Mociano poi basta agonismo, adesso si fa sul serio».
Di sicuro invece correrà Alessandro Chiti, ci sarà Claudio Bandini, poi Massimo Columbu, Danilo Todde, quindi nomi ricorrenti nelle corse al Nord quali Riccardo Coppa, Salvatore Lo Manto e Tiziano Raffero.
Il mossiere, però, a Siena lo conoscono bene perchè ha corso anche due Palii, entrambi nella Civetta. Si tratta di Roberto Petroncini, detto Pedro, presente in Piazza a luglio e agosto 1981.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Mordano, vince Columbu

Messaggio  jabru il Lun Giu 03, 2013 4:21 pm

Mordano, trionfa Columbu. Il giovane Arri è terzo
Chiti cade al canape: infuriato con il mossiere


Siena, 2 giugno 2013 - La zampata vincente è stata quella dell'inossidabile Massimo Columbu. E' stato lui a vincere ieri il palio di Mordano per il borgo Montebottone. Alle sue spalle Claudio Bandini, terzo il giovane pupillo di Bastiano Federico Arri.
Buona la prima mossa ma Sandro Chiti, che partiva con i favori del pronostico, è caduto perché il canape è andato giù lentamente (troppo leggero, si è detto) facendo il laccio alle zampe del cavallo. Il mossiere però l'ha data buona causando le rimostranze (super-vibrate) di Chiti.
Alla terza curva è caduto anche Lo Manto: nessuna conseguenza anche per lui.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La sorte incendia il Palio di luglio

Messaggio  jabru il Lun Giu 03, 2013 4:25 pm

LA SORTE INCENDIA IL PALIO DI LUGLIO CON CINQUE COPPIE DI RIVALI
Nove antagonisti scaldano la Carriera di luglio, esultano Leocorno, Onda e Nicchio. La manifestazione si profila incandescente, carica di patemi e non priva di tensioni, con Pantera esclusa e tutti i concorrenti pronti a darsi battaglia
03/06/2013 09:41:48

Serviva uno scossone per risvegliare la città? Eccolo. E’ uscito dall’urna con l’estrazione di Leocorno, Onda e Nicchio. Il Palio del 2 luglio si profila incandescente, carico di patemi e non privo di tensioni, con nove rivali su dieci, Pantera esclusa, pronte a darsi battaglia. Retorica a parte, fa bene a tutti tuffarsi di nuovo nel vortice della festa, arricchito dalla miscela esplosiva di cinque coppie di ataviche antagoniste: Montone e Nicchio, Oca-Torre, Torre-Onda, Istrice e Lupa e infine Civetta e Leocorno. Tocca per prima alla contrada di via Pantaneto assaporare, di fronte ad una piazza gremita baciata dal sole, la gioia di tornare a correre. Di seguito, al suono rassicurante delle chiarine, spunta la bandiera dell’Onda e dal Casato scorre un fiume di contradaioli festanti verso il palazzo, è il ritorno dopo la vittoria di luglio, l’entusiasmo è alle stelle.

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 3 giugno
a cura di Gaia Tancredi
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Chiti si impone al palio di San Pietro

Messaggio  jabru il Lun Giu 10, 2013 10:32 am

ALESSANDRO CHITI SI IMPONE NEL PALIO DI SAN PIETRO
News 09-06-2013


Alessandro Chiti ha vinto, per i colori della contrada Gallo, il Palio di S.Pietro ad Abbiategrasso (MI). Il Palio è stata caratterizzato da una lunga mossa, durata più di un'ora. Voragine ha vinto precedendo Giacomo Lo Manto (contrada Sforza) e Patrizio Serra (contrada Legnano) e si è dunque riscattato dopo la delusione del Palio di Mordano.

Francesco Zanibelli da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

A Sarteano "Febbre da cavallo"

Messaggio  jabru il Ven Giu 14, 2013 4:28 pm


E' Febbre da Cavallo a Sarteano, l'evento dedicato al mondo equestre


Nella zona centrale degli impianti sportivi fino a domenica 16 giugno sono in programma mostre, spettacoli ed esibizioni



Sarteano, l'evento Febbre da Cavallo


Sarteano, una delle tante esibizioni durante l'evento Febbre da Cavallo


Sarteano, 14 giugno 2013 - Al via alla decima edizione di Febbre da Cavallo, manifestazione equestre che da oggi fino a domenica si svolgerà a Sarteano.
La zona centrale degli impianti sportivi, dalle 14 alle 23, ospiterà la mostra mercato dedicata al attrezzature e abbigliamento per cavalli con articoli di artigianatato e prodotti enogastronomici. Questa sera alle 21 si terranno le prove di spettacolo equestre nel "main ring" e in contemporanea la serata danzante con i Country Go West.
Sabato 15 giugno, dalla mattina ci saranno le prove di addestramento relative alla monta da lavoro e l'esibizione delle scuole di equitazione con la presentazione di attività e razza dei cavalli. In serata gran galà equestre presentato da Nico Belloni, con la partecipazione di Bartolo Messina Aragonas, Enrico Maria Scolari e Federico Forci, vale a dire i migliori nomi del settore.
La manifestazione dedica un'intera area ai piccoli con il “villaggio indiano e la città western”, a ingresso gratuito, per divertirsi imparando a conoscere lo straordinario mondo dei cavalli.
L’organizzazione è a cura di Proloco e Comune, in collaborazione con le associazioni giostra del Saracino, Nonsolomamme, Comitato dei genitori e i pattinatori della Fenice, vede il patrocinio della Regione Toscana, della Provincia di Siena, dell’Unione dei Comuni della Valdichiana senese, del Coni, della Fitetrec-Ante e il fondamentale contributo della Banca Valdichiana
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Castiglion Fiorentino, indiscrezioni sulle monte

Messaggio  jabru il Ven Giu 14, 2013 4:38 pm

PALIO DI CASTIGLION FIORENTINO, INDISCREZIONI SULLE MONTE
News 14-06-2013
Domenica a Castiglion Fiorentino si disputa la trentacinquesima edizione del Palio dei Rioni. Ricordiamo che a questo Palio partecipano tre contrade ognuna delle quali ha due fantini che corrono in ''squadra''. Di sicuro le dirigenze senesi saranno presenti in quello che rappresenta l'ultimo appuntamento di corse a pelo prima della Carriera del 2 luglio. Le monte non sono ancora sicure ma trapelano alcune indiscrezioni. Per Porta Romana si parla di Andrea Chessa e di Alessandro Chiti. Porta Fiorentina, vittoriosa lo scorso anno con Silvano Mulas su Melissa Bella sembra orientata a confermare lo stesso Mulas mentre come seconda monta potrebbe esserci una possibilità per Gianluca Mureddu. Infine, il Cassero dovrebbe confermare il proprio fantino di contrada Valter Pusceddu, probabilmente affiancato da Franco Casu. Questa sera, dalle 17 alle 19, i tre Rioni avranno l'opportunità di provare i propri cavalli mentre domani alle 18.30 avrà luogo la Provaccia, seguita dalle cene propiziatorie.
Francesco Zanibelli da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Memorial di Asti

Messaggio  jabru il Dom Giu 16, 2013 11:33 am

Zampata di Murtas nel Memorial di Asti. Secondo è Angioi

Presente anche Silvano Mulas che pensa già alla Piazza


Sebastiano Murtas sta guadagnando consensi

di Laura Valdesi
Siena, 16 giugno 2013 – Alla fine la zampata è di Sebastiano Murtas. Il primo Memorial “Lillo L’Annunziata” di Asti è appannaggio del fantino cresciuto alla scuderia Bruschelli.  Che si afferma davanti ad Angioi,  allievo di Tittia, terzo chiude i giochi Caria. Assenti i nomi di primo piano della Piazza. Unica eccezione Silvano Mulas che, tuttavia, non è apparso lanciato come al solito, segno evidente che il pensiero del vicino impegno di Provenzano frena l’assunzione di rischi inutili in questa fase da parte del fantino. Che è corteggiato dal capitano panterino Riccardo Lenzi ma potrebbe indossare anche altri giubbetti, a seconda di dove la fortuna smisterà i cavalli il 29 giugno. Ad Asti ieri sera ha staccato il biglietto Tittia ma solo per essere spettatore. Vietato farsi male.

Una serata ricca di imprevisti, quella al “Censin Bosia”. Apre le danze con un successo netto Dino Pes,  che supera il battistrada Claudio Bandini, secondo. Terzo è Mereu. Pes (osservato speciale dalle dirigenze senesi con qualche chance di entrare in gioco il 2 luglio) poi si arrabbia con il mossiere Gagliardi quando dà buona la partenza della seconda corsa secca: si era rotto il canape, il via viene dato con la bandierina. A vincere è Alessandro Colombati,  che in questa stagione ha compiuto passi da gigante, secondo Bandini, terzo Giacomo Lo Manto.


Poi si fa sul serio. Tocca alla prima batteria del Memorial (il canape è nuovo) che vede accedere alla finalissima i tre fantini che poi in questa  conquisteranno il podio: successo di Angioi, anche lui in crescita, secondo Murtas. Terzo Caria, altro giovane che si è distinto. Dalla batteria successiva arrivano i nomi degli ultimi finalisti: vince Calvaccio, dietro Piras, terzo è Antonio Siri. Si fanno riposare un po’ i cavalli mentre vengono disputate un paio di corse secche.  La prima è appannaggio di Mereu,  la successiva vede Enrico Bruschelli  partire in testa e restare primo per quasi tre giri, cedendo alla fine all’attacco di Saccu, che vince. Secondo appunto è Bruschelli jr, terzo Carrus.
Poco prima di mezzanotte la finale. Al via è un testa a testa Calvaccio-Siri, poi finisce la benzina e punta dritto al primo posto, con un attacco deciso, Sebastiano Murtas, che si lascia dietro Angioi e Caria.

La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Castiglion Fiorentino

Messaggio  jabru il Dom Giu 16, 2013 6:52 pm

C'è il Palio di Castiglion Fiorentino Grande sfida fra Chessa, il super favorito, e Mureddu. Tante 'scintille'

I fantini senesi vogliono brillare per guadagnarsi un giubbetto il 2 luglio  DI LAURA VALDESI


Franco Casu a Castiglion Fiorentino

di Laura Valdesi
Siena, 15 giugno 2013 — Il grande favorito del palio di Castiglion Fiorentino che si corre oggi è Andrea Chessa, in arte Nappa II, su Narcisco.  La manifestazione,  in pura salsa senese come ormai ogni palio dello Stivale, vede  protagonisti fantini  e cavalli che hanno segnato la stagione di corse in provincia appena conclusa. E anche le strategie, per chi ha seguito bene l’evolversi degli eventi, sono abbastanza leggibili.
Le prove che dopo i rinvii dovuti al fondo della pista  si sono (finalmente)  svolte ieri sera hanno confermato valori e schieramenti. Porta Fiorentina, vittoriosa lo scorso anno conSilvano Mulas (ieri sera  in pista ad Asti), si affida a due volti rudi e che non vanno tanto per il sottile: Gianluca Mureddu, che dovrebbe puntare su Melissa Bella, e Massimo Columbu, in groppa invece a Istrix che ha provato appunto nella seconda sessione al canape, agli ordini del mossiere Andrea Calamassi. Il cavallo di riserva, spinto da Bastiano Sini in maniera soprendente, era però Tavel Pontadour, nome che ha brillato a Fucecchio ma che dovrebbe (il condizionale è d’obbligo)  fare la riserva.
Strategie, si diceva. Come quelle che sembrano tenere tradizionalmente più  vicini i rioni di Porta Romana e del Cassero. Quest’ultimo  si affida di nuovo a Valter Pusceddu che, salvo novità, monteràNadir de Mores mentre il suo compagno di viaggio sarà l’inossidabile  Franco Casu su Oscar Sauro.  Più difficile che sia impiegato Nino’s, anche se ha provato la partenza nella prima batteria.  E Porta Romana? Come detto appare (anche economicamente)  la grande favorita  con Chessa su Narcisco (un successo farebbe bene anche alle  quotazioni  del fantino in vista del  2  luglio)  e Alessandro Chiti con Leppidoro. Cavallo di riserva è (e resterà)  Orpen.

Chessa in prova ha già fatto vedere quali sono le sue intenzioni: schizzare primo e andare via. Sini su Tavel l’ha superato, quando fermava,  raccogliendo apprezzamenti. Insomma, la partita è aperta e stando ai nomi scelti dai  tre rioni c’è da attendersi che al canape se ne vedranno delle belle. Non si andrà certo per il sottile. Anche perché, tutto sommato, al Palio di Siena ci sono nove rivali in Piazza e potrebbe esserci bisogno di qualcuno che ferma l’avversaria. La pubblicità è l'anima del commercio. O no?

La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Castiglion Fiorentino, vince Chessa

Messaggio  jabru il Lun Giu 17, 2013 10:27 am

Chessa vince il palio: duello e botte fra Casu e Columbu

Grande sfida al palio di Castiglion Fiorentino
I due fantini se le sono date avvinghiati nella pista
di Laura Valdesi



Brutta caduta per il fantino al palio di Castiglion Fiorentino (Foto di Cristini)

Siena, 16 giugno 2013 - Battaglia doveva essere, battaglia è stata. Protagonisti di un duello rusticano senza precedenti  Massimo Columbu (Porta Fiorentina) e Franco Casu (Cassero), due nomi che a Siena sono sinonimo di  ‘killeraggio’. Coraggio da vendere e niente scrupoli, insomma, pur di fermare l’avversaria. L’hanno già dimostrato in Piazza del Campo prendendosi tanti Palii di squalifica. Questa volta, però, il duello rusticano è finito con i due fantini che sono venuti alle mani in pista dove si sono rotolati avvinghiati come due ‘amanti’. Invece erano botte
Questo l’episodio clou di un palio, quello di Castiglion Fiorentino, che è stato vinto come da pronostico da Andrea Chessa su Narcisco per i colori di Porta Romana. Ha fatto il vuoto dietro, dopo la mossa che Andrea Calamassi ha dato alle 21 lasciando nel dubbio molti spettatori. Forse era da annullare, comunque sia i fantini l’hanno accettata e sono partiti. Mureddu (Porta Fiorentina), che montava Melissa bella, vittoriosa lo scorso anno qui con Mulas (tra l’altro era al sesto posto fra i canapi proprio come nel 2012) nulla ha potuto contro Chessa. E contro strategie  risultate perfette. Se c’è un fantino che, agli occhi di molti addetti ai lavori senesi, ha eseguito bene il compito di ‘killer’ senza ricorrere alle mani, è stato Valter Pusceddu: vero che è rimasto fermo al momento della mossa, per carità. Però ha ‘curato’ a dovere Mureddu durante le lunghe e tribolate fasi della partenza impedendo che volasse via.

Impossibile però non tornare con la mente al duello fra Casu e Columbu, entrambi colpiti da una doppia ammonizione per cui verranno squalificati almeno per il prossimo anno dalla manifestazione. Columbu è stato decisamente più aggressivo, tanto che dopo una prima schermaglia ha letteralmente buttato giù da cavallo Casu finendo avvinghiato con lui  nella pista con i barbareschi che hanno penato non poco per riportare la calma.

La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Castiglion Fiorentino, la vittoria di Chessa

Messaggio  jabru il Lun Giu 17, 2013 10:31 am

Chessa: "Killer in Piazza? Ok. Ma non come è successo a Castiglion Fiorentino"

di Laura Valdesi
Il fantino dedica la sua vittoria alla compagna e al bambino che nascerà



L'arrivo vittorioso di Andrea Chessa

di Laura Valdesi
Siena, 16 giugno 2013 — «Cosa ho pensato quando ho  visto i miei colleghi avvinghiati  nella pista? (Ride, ndr)  Senti, io ho fatto il mio senza andare a cercare nessuno. E nessuno è venuto a cercare me».Andrea Chessa, nome d’arte  sul tufo  Nappa II,   nella questione delle  botte fra Columbu e Casudurante le fasi della mossa a Castiglion Fiorentino non vuole entrare.  Preferisce godersi la sua vittoria «in groppa ad un cavallo, Narcisco  — spiega — che non era super-favorito ma che, anche con una prova in meno, ha dimostrato di adattarsi bene e avere grosse potenzialità. Ero allo steccato, posizione che in questo circuito è favorevole, ma possono anche coprirti e andare davanti. Insomma, è andata bene».
Ci voleva un successo dopo essere arrivato due volte secondo in palii che contano quali Fucecchio e Ferrara.
«Il mio motto è non arrendersi mai. Altrimenti avrei dovuto cambiare lavoro. Serve pazienza e impegno, le corse si vincono e si perdono, l’importante è essere protagonisti».
A chi dedichi la vittoria?
«Alla mia compagna Veronica che mi renderà padre a settembre, poi alla contrada di Porta Romana».
Un successo a pochi giorni dal 2 luglio che ti rilancia. Non sarà semplice rientrare nei dieci.
«Riuscire a correre in Piazza è duro, lo so. Però, come ho detto, il mio motto è non arrendermi. Penso di poter fare bene, la ruota prima o poi girerà. Come ho sbagliato io a Siena hanno sbagliato anche altri colleghi».
E allora veniamo al sodo: qualcuno dice che se Mulas non indossasse il giubbetto di Stalloreggi potresti farlo tu.
«Mi danno a destra e a sinistra... Posso dire solo che sono fiducioso, cercherò di fare bene le prove all’alba e la Tratta. E poi vediamo».
Domanda di rito in una Carriera con 9 rivali: faresti il killer?
«Non ho paura di niente. Farò quello che dirà la Contrada. E’ indifferente che ci siano tante nemiche, l’importante è esserci».
Impossibile fare una cosa come quella di Castiglion Fiorentino.
«Impossibile sì! Sei squalificato a vita e con te la Contrada».
Andrea Mari, oggi in un’intervista, dice che quello del 2 luglio sarà un Palio per uomini.
«Sicuramente ti vuole vedere in faccia. Del resto facciamo i fantini, mica  i panettieri.  Se uno ha gli attributi questa è l’occasione per dimostrarlo».
     La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Chessa vince a Castel Fiorentino

Messaggio  jabru il Lun Giu 17, 2013 10:33 am

Chessa vince a Castiglion Fiorentino. Rissa fra Casu e Columbu
17/06/13 - 08:29

Andrea Chessa su Narcisco ha vinto la trentacinquesima edizione del Palio dei Rioni di Castiglion Fiorentino per i colori di Porta Romana. La mossa è stata molto lunga con il mossiere Andrea Calamassi che ha avuto il suo bel da fare. Da segnalare durante la mossa un violento scontro a suon di nerbate e non solo tra Franco Casu e Massimo Columbu. Alla mossa buona, è scattata in testa Porta Romana con Andrea Chessa su Narcisco, seguita da Porta Fiorentina con Gianluca Mureddu su Melissa Bella e dall'altra accoppiata di Porta Fiorentina formata da Massimo Columbu e dal cavallo Istrix; più distanziate le due accoppiate del Cassero (Franco Casu su Oscar Sauro e Valter Pusceddu su Nadir de Mores) e l'altra accoppiata di Porta Romana formata da Alessandro Chiti su Leppidoro. Chessa è riuscito a mantenere un buon vantaggio e a vincere per Porta Romana che attendeva la vittoria dal 2009; in quell'occasione fu Francesco Caria su Igor de Mores a conquistare la vittoria.

Francesco Zanibelli da AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Castiglion Fiorentino: rissa fra Casu e Columbu

Messaggio  jabru il Lun Giu 17, 2013 10:39 am

Chessa vince a Castiglion Fiorentino. Rissa fra Casu e Columbu
17/06/13 - 08:29

Andrea Chessa su Narcisco ha vinto la trentacinquesima edizione del Palio dei Rioni di Castiglion Fiorentino per i colori di Porta Romana. La mossa è stata molto lunga con il mossiere Andrea Calamassi che ha avuto il suo bel da fare. Da segnalare durante la mossa un violento scontro a suon di nerbate e non solo tra Franco Casu e Massimo Columbu. Alla mossa buona, è scattata in testa Porta Romana con Andrea Chessa su Narcisco, seguita da Porta Fiorentina con Gianluca Mureddu su Melissa Bella e dall'altra accoppiata di Porta Fiorentina formata da Massimo Columbu e dal cavallo Istrix; più distanziate le due accoppiate del Cassero (Franco Casu su Oscar Sauro e Valter Pusceddu su Nadir de Mores) e l'altra accoppiata di Porta Romana formata da Alessandro Chiti su Leppidoro. Chessa è riuscito a mantenere un buon vantaggio e a vincere per Porta Romana che attendeva la vittoria dal 2009; in quell'occasione fu Francesco Caria su Igor de Mores a conquistare la vittoria.
AntennaRadioEsse

avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Castiglion Fiorentino, mossa lunghissima e rissa

Messaggio  jabru il Lun Giu 17, 2013 10:48 am

MOSSA LUNGHISSIMA E RISSA, A CASTIGLION FIORENTINO VINCE ANDREA CHESSA
News 16-06-2013
 

Nella notte del Parterre, e dopo una mossa lunghissima, esplode al cielo la gioia di Porta Romana che vince la 35esima edizione del Palio dei rioni grazie a Narcisco montato da Andrea Chessa detto Nappa II. Per tutto il rione giallorosso, reduce da un decennio di delusioni e sconfitte, è un vero e proprio pianto di gioia quello che si riversa sul tufo di piazzale Garibaldi. La "farsa 2009" è finalmente dimenticata, ora arriva in San Lazzo un Palio vero, autentico, corso dopo una preparazione durata quasi un'ora, con ben cinque mosse false, una vera e propria scazzottata fra Massimo Columbu e Franco Casu e una tensione così forte che ha spento ogni tipo di coro o canto dai vari settori rionali.
La mossa buona arriva quando la partita dell'Italia è già iniziata, a Castiglioni il tramonto è già sceso e il primo vero caldo dell'estate è stato già soppiantato da temperature gradevoli. Mossa strana: i due cavalli di Porta Fiorentina, quello vincente di Porta Romana (al quale la sorte gli aveva dato la posizione allo steccato) e uno del Cassero (Casu su Nino's) si comprimono allo steccato, così tanto che si ostacolano a vicenda. E, seppure il mossiere Andrea Calamassiavesse abbassato il canapo, sembra che nessun fantino riesca a far ingambare il proprio mezzosangue, causando un impasse di qualche decimo di secondo che è sembrato però eterno. Si "libera" dall'incastro per primo Chessa che scatta in avanti, inseguito dalla coppia arancioverde formata da Mureddu con Melissa Bella (vincitrice qui negli ultimi due anni) e Columbu con Istrix. Indietro il Cassero con Casu, fermi al palo l'altra accoppiata Cassero (Pusceddu su Nadir de Mores) e l'altra di Porta Romana (Chiti su Leppidoro). Porta Romana vola via, e la coppia arancioverde non riesce nemmeno a provare un attacco a Nappa, che alla sua seconda apparizione in piazzale Garibaldi coglie il primo Palio castiglionese. Per il rione giallorosso del fresco presidente Nico Vanni è il 12esimo Palio della storia e si porta a un solo Palio di distanza dalla "capolista" Porta Fioretina.
Da segnalare, durante la mossa, una micidiale e mai vista rissa fra due fantini. Non un semplice scambio di nerbate, come se ne vedono spesso, ma una vera aggressione (a terra, una volta scesi da cavallo) fra Massimo Columbu e Franco Casu. Attimi di tensione e incertezza per gli spettatori (come si sa, da regolamento dentro i canapi tutto è permesso e le forze dell'ordine non sono intervenute), e il mossiere non ha potuto far altro che abbassare il canapo e chiamare i barbareschi i quali per fortuna non hanno dato seguito all'episodio.
LA CRONACA - In netto ritardo rispetto alla regolare tabella di marcia (ma questo non fa più notizia), il mortaretto di ingresso dei cavalli è scoppiato pochi minuti prima delle 20. Ai canapi si sono presentati, in ordine di estrazionePorta Romana (Chessa), Cassero (Casu), Porta Fiorentina (Columbu), Porta Romana (Chiti), Cassero (Pusceddu), Porta Fiorentina (Mureddu). L'impostazione delle accoppiate è chiara fin da subito: Porta Romana tranquilla che cerca di forzare la partenza tutte le volte che può, Porta Fiorentina con Mureddu e Melissa Bella che cerca di partire ingambata, e Cassero di rimessa, con Pusceddu che non perde mai di vista Filuferro. Nei primi 20 minuti due mosse false (la seconda è un vero e proprio "sfondamento" di Filuferro che Calamassi giustamente non tarda ad annullare), poi il nervosismo crescente fra i fantini, qualche parola grossa, e poi Veleno II che strappa letteralmente un pezzo di caschetto a Spirito e lo lancia in aria. Casu appare disorientato, chiede di rifiatare, e una volta risaliti a cavallo i due chiudono i conti: vengono alle mani, si buttano giù da cavallo e la piazza assiste a una scena mai vista. Intervengono i barbareschi, e anche alcune persone che barbareschi non sono (...), ma per fortuna gli animi si placano. Il tempo di far distendere i nervi ai mezzosangue, e poi su il canapo per altre due mosse in cui Mureddu è rimasto fermo e in cui il mossiere ha annullato nel frastuono crescente dei rionali giallorossi, visto che in quattro partenze tre era sempre partito primo Narcisco. La sesta è quella buona, con Mureddu che prova a infilarsi a sorpresa fra Columbu e Chiti, causando un ingorgo al canapo, e con Nadir de Mores montato da Pusceddu completamente girato verso la Foce. Ovvia la rabbia dei rionali biancoazzurri. Come nel 2012, anche quest'anno è sembrato a molti che il mossiere volesse premere il pulsante del mortaretto. Le immagini fanno notare infatti che Calamassi abbassa il braccio una volta, ma poi è subito scappato (come succede in caso di mossa buona). In ogni caso queste sono polemiche del lunedì mattina, la notte è tutta colorata di giallo e rosso.


OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Asti, corse a pelo

Messaggio  jabru il Gio Giu 20, 2013 5:26 pm

CORSE AD ASTI, RIFINITURA IN VISTA DEL PALIO DI SIENA
News 20-06-2013
Serata di corse a pelo presso lo stadio Censin Bosia di Asti. Il programma prevedeva quattro corse secche più le due batterie e la finale del Memorial Lillo L'Annunziata. Nella prima corsa secca, ottima la partenza di Claudio Bandini con  Twister che è stato però superato da Dino Pes con  Dudu che si è aggiudicato la corsa; al terzo posto Simone Mereu con Biorama. Nellaseconda corsa secca è stato Alessandro Colombati su Lady Gaga a prevalere nei confronti di Claudio Bandini con Foschi e di Giacomo Lo Manto con Napoletano. Si sono poi corse le due batterie che davano accesso alla finale del Memorial L'Annunziata. Nella prima batteria hanno conquistato la finale Giuseppe Angioi con Suerte, Sebastiano Murtas con Caffè Carducci e Antonio Siri con Vichingo mentre nella seconda si sono qualificati Donato Calvaccio con Caterina, Stefano Piras con Gatto Siloco ed infine Simone Mereu con Florida. La terza corsasecca ha visto la buona partenza di Donato Calvaccio con Ozzx, seguito da Simone Mereu con Castello e da Martin Ballesteros con Django ma, grazie ad un ottimo spunto nel finale, è stato Mereu a prevalere, secondo Calvaccio, terzo Ballesteros. Nella quarta ed ultima corsa secca, è partito in testa Enrico Bruschelli con Gustadom ma con una grande rimonta è stato Nicolò Saccu con D'Accord a vincere mentre al terzo posto è arrivato Carrus con Scodizzolo. Si è disputata infine la finale del Memorial L'Annunziata che ha visto l'ottima partenza di Giuseppe Angioi con Suerte che sembrava non avere problemi ma a pochi metri dall'arrivo c'è stato il sorpasso di Sebastiano Murtas con Caffè Carducci che ha beffato Angioi vincendo.
Francesco Zanibelli - foto: www.collegiodeirettori.net
OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Casole d'Elsa

Messaggio  jabru il Sab Lug 06, 2013 1:04 pm

E’ la settimana del palio di Casole d’Elsa

Casole d’Elsa
Finalmente è arrivata l’ora del Palio di Casole d’Elsa.
Per la 139° volta i cavalli delle contrade di Casole si fronteggiano in una corsa avvincente nella pista situata fuori dal centro storico.
Ovviamente tutta la settimana si festeggerà la ricorrenza dedicata a Sant’Isidoro con vari eventi.
Si comincia Lunedì 8 con l’appuntamento alla scoperta delle bellezze artistiche di Casole d’Elsa con il tour “Dal Museo al Territorio”. Un autobus ci condurrà attraverso il territorio comunale per vedere alcuni siti normalmente chiusi al pubblico quali la cappella di Scorgiano e la villa La Suvera. Il percorso inizia dal Museo civico archeologico e della collegiata alle 15:00. Biglietti: intero € 7,00; ridotto € 5.00. Prenotazione obbligatoria: museo@casole.it; 0577 948705.
La sera, alle 21:00, le contrade si sfideranno in un torneo di calcetto nel campetto di Via Roma.
Per i Martedì di Casole, oltre al consueto mercatino serale, si esibiranno alle 21:30 i tamburini e gli sbandieratori delle Contrade. Dalle 21:00 sarà anche aperto il Museo civico in occasione delle Notti dell’archeologia: alle 21:30 i visitatori potranno partecipare ad una visita guidata della sezione archeologica compresa nel prezzo del biglietto.
Mercoledì 10, in piazza della Libertà, saranno proiettati alcuni filmati storici del Palio di Casole d’Elsa.
Giovedì, nel suggestivo chiostro della collegiata di Santa Maria Assunta alle 21:15, ci sarà Concerto di musica lirica: Soprano – Cristina Ferri; Pianoforte- M° Simone Maria Marziali. Ingresso 8.00€ – Gratuito per bambini minori di 12 anni (in allegato il programma della serata).
Da Venerdì si entra nel vivo della competizione: Sfilata delle Contrade e riconsegna del vessillo alle 21:15; Estrazione delle batterie alle 21:30; Presentazione del Drappellone dipinto dall’artista Paola Imposimato alle 22:00.
Sabato alle 9:00 correranno le varie batterie di qualificazione lungo la pista del Palio; alle 12:30 sorteggio e abbinamento dei cavalli in Piazza della Libertà ed alle 20:00 ci sarà la possibilità di cenare insieme ai contrada ioli nelle varie sedi.
Domenica di grande festa dalle 10:00 del mattino con i mercatini in tutto il centro storico; alle 11:00 la sfilata degli sbandieratori e dei tamburini; alle 11:30 la Santa Messa. Il pomeriggio dalle 16:00 sfilata ed esibizione degli sbandieratori e dei tamburini; a seguire la benedizione dei cavalli in piazza della Libertà e dalle 19:00 la corsa del 139° Palio di Casole d’Elsa.
Alle 20:00 cena con carne alla brace in centro storico per festeggiare la contrada vincitrice.
Gran finale con lo spettacolo dei fuochi d’artificio dal piazzale antistante la chiesa di san Niccolò.
SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Bientina

Messaggio  jabru il Sab Lug 13, 2013 11:41 am

DINO PES E ONDINA PRIMA: L'ACCOPPIATA DA BATTERE AL PALIO DI BIENTINA
News 12-07-2013


In attesa del Palio di Casole d'Elsa che si svolgerà domenica 14 luglio, diamo uno sguardo alle accoppiate che si stanno formando in vista del Palio di Bientina, in programma domenica 21 luglio. L'accoppiata vincitrice dello scorso anno per la contrada Centro Storico formata da Dino Pes e da Ondina Prima difenderà questa volta i colori di Villaggio. La Forra dovrebbe affidarsi ad Antonio Siri sul cavallo Nerone Sauro mentre Andrea Chessa su Orpen difenderà i colori di Quattro Strade. Per Viarella il fantino dovrebbe essere Valter Pusceddu mentre per quanto riguarda il cavallo, c'è ancora incertezza se puntare su Nadir de Mores oppure su Akcent. Gianluca Mureddu e Melissa Bella dovrebbero difendere i colori di Santa Colomba mentre Puntone si affiderà a Martin Ballesteros su Incantado. Centro Storico, contrada vincitrice dello scorso anno, dovrebbe invece scegliere Elias Mannucci ed il cavallo Mulan. Per quanto riguarda Guerrazzi, il fantino probabilmente sarà Alessandro Colombati sul cavallo Ora Basta. Infine Cilecchio dovrebbe affidarsi ad Andrea Farris mentre il cavallo è ancora da definire. Vi terremo aggiornati su eventuali variazioni.

Francesco Zanibelli da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Oggi il palio di Casole

Messaggio  jabru il Dom Lug 14, 2013 10:43 am

CAMPAGNA E PIEVALLE GRANDI FAVORITE AL PALIO DI CASOLE
News 14-07-2013


Un sabato di attesa, a Casole d'Elsa, in vista del Palio. Si sono svolte le batterie di qualificazione e l'assegnazione dei cavalli alle sei contrade. Indubbiamente Casole Campagna è stata favorita dalla sorte in quanto ha avuto in sorte il fortissimo Bonantonio da Clodia che sarà montato da Andrea Chessa. Altra accoppiata interessante è quella di Pievalle con Simone Mereu su Narcisco. Al Rivellino è andato in sorte Orzata che sarà montata da Giuseppe Angioi. Il Merlo si presenta invece con il cavallo Nunteregghepiù che sarà montato da Luca Minisini mentre l'accoppiata di Monteguidi è formata dal cavallo Tavel Pountadour e dal fantino Adrian Topalli. Infine a Cavallano è stato assegnato Namber One che sarà montato da Michele Uccheddu. Ricordiamo che il Palio si corre alle ore 19.

Francesco Zanibelli da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Correre fuori Siena

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum