Si corre

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ultimo borsino delle accoppiate

Messaggio  jabru il Mar Lug 02, 2013 2:39 pm

IL BORSINO DELLE ACCOPPIATE, LUPA FAVORITISSIMA. MA CRESCONO MOLTO PANTERA E LEOCORNO
Nelle prove entusiasmano anche Torre e Leocorno
02/07/2013 12:10:42

E’ quindi arrivato l’appuntamento più atteso, il Palio del 2013, il culmine di 4 giorni di Festa. A poche ore della Carriera, facciamo il punto sul borsino delle accoppiate. Più dei barberi, infatti, anche in questo Palio ciò che conta sembra nuovamente il cosiddetto manico. La capacità di conduzione, saranno le armi principali per arrivare primi al bandierino.

Lupa Andrea Mari non ha messo in mostra più di tanto Indianos in queste prove. Il cavallo però non ha bisogno di grande “pubblicità”, tutti sanno il suo valore, tra l’altro ha dimostrato di essere migliorato e maturato in tutto. Veloce e preciso, se sarà condotto a dovere, sarà senz’altro favorito. Potenti.

Valdimontone Lo Specialista e Bartoletti si vogliono confermare grandi. Il cavallo ha già vinto con lo stesso fantino lo scorso anno ed entrambi hanno dimostrato di sapere cosa vogliono: la presenza in Piazza della nemica, il Nicchio, non agevola il bis e soprattutto c’è da tenere conto anche di non permettergli la vittoria. Lo Specialista resta svelto in partenza, potente in corsa. Lusso.

Leocorno Porto Alabe e Bruschelli sono una delle accoppiate favorite. Gran parte di questa Carriera ruota intorno a loro, entrambi con la voglia di vincere, entrambi, probabilmente, con gli occhi addosso delle altre contrade che vogliono vincere. L’unico interrogativo è per il barbero al debutto, ma sembra aver trovato un feeling perfetto con il Re della Piazza. Giganti.

Pantera Pestifero e Mulas stanno crescendo tanto da essere presi maggiormente in considerazione rispetto alla prima prova. Il fantino, con la stalla di via Stalloreggi, sembrano riusciti a migliorare sensibilmente il barbero che ha dato segnali di grande vitalità con un galoppo forte e deciso. Se riusciranno a sfruttare la mossa hanno il terzo giro a loro favore. Ardimentosi.

Nicchio Morosita Prima e Murtas hanno trovato un buon feeling. Il barbero è cresciuto molto, dimostrandolo provando fortissimo, e può contare su una monta grintosa, determinata e che vorrebbe affermarsi. Non sarà facile perché sul tufo c’è anche la nemica Valdimontone che può scombinare i piani. Portenti.

Torre Mocambo e Gingillo, gran bel feeling. Sono una accoppiata che è cresciuta molto in queste prove e vuoi la prontezza alla mossa del cavallo, vuoi la voglia di riscatto del fantino, si inseriscono di fatto tra le possibili sorprese. Outsider.

Oca Guesse Tittia sono rimasti particolarmente nascosti provando soltanto qualcosa in poche occasioni durante la corsa e alla mossa. Il barbero però sta bene, è reattivo e ha tanta voglia di galoppare. Atzeni è fantino capace a capire ogni situazione e saprà riuscire a calmare il barbero che ha iniziato a scalciare fra i canapi compromettendo la sua tenuta. Grintosi.

Civetta Nottambulo e Migheli, accoppiata che ha lavorato senza mai fermarsi ed ora ci sono anche i frutti perché sono cresciuti prova dopo prova. Il barbero ha dimostrato di essere un cavallo dal buon galoppo, forse può pagare lo stress del debutto, però può dire la sua. E lo scatto in partenza potrebbe essere l’arma in più. Certo, Migheli sa bene che la nemica Leocorno è accoppiata favorita, ci sarà da osservarli bene, quindi un lavoro doppio. Preponderanti.

Onda Ozzastru e Minisini rientrano tra le novità assolute. Il fantino torna dopo due anni di assenza, il cavallo è al debutto. Dopo due prove interessanti, il barbero ha iniziato a dare problemi alla mossa, calciando e addirittura ieri mattina è rimasta ferma al momento del via. Dè vuole cercare di tirare fuori il meglio da questo barbero che ha anche spiccate qualità, ma prima di tutto deve lavorare sul cavallo per tenerlo calmo. La sua professionalità e la voglia di riscattarsi può essere il valore aggiunto dell’accoppiata. Sorpresa.

Istrice Naikè e Pusceddu, accoppiata a 360 gradi. Il cavallo è all’esordio in Piazza, ha qualche limite però Bighino ha saputo farlo crescere e la prova di ieri mattina lo ha dimostrato. Ha uno scatto potente in partenza, mai grandi favori di cui gode la nemica Lupa possono far adottare a Camollia la strategia della “parata”. Pusceddu, che ha dimostrato di avere grandi mani per la conduzione, ha lavorato tantissimo, ma l’occhio di “riguardo” è verso la Lupa.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

I 10 al canape

Messaggio  jabru il Mar Lug 02, 2013 2:49 pm

Nessuna novità nella segnatura dei fantini: le schede dei dieci al canape

Nessuna novità nella segnatura dei fantini: tutte le monte confermate. Nessun esordiente in Piazza quesa sera.
LUIGI BRUSCHELLI DETTO TRECCIOLINO – Questa sera correà per i colori del Leocorno sull’esordiente Porto Alabe
CARRIERA:
Nato a Siena il 27 dicembre 1968
Palii corsi 41
Palii vinti 13
agosto ‘90 Civetta Adonea, luglio ‘91 Civetta Nicoleo, luglio 1992 Civetta Brandauer, agosto ‘92 Civetta Bambina, agosto 1993 Civetta Usilia, luglio ‘94 Bruco La Fanfara, agosto ‘94 Istrice Naomi, luglio 1995 Civetta Rass de Ozieri, agosto ‘95 Civetta Naomi, luglio 1996 vince nell’Oca con Quarnero, agosto ‘96 Oca Quarnero, luglio 1997 Drago Careca, agosto ‘97 Chiocciola Lobi’s Andrea, luglio 1998 vince nell’Oca con Vittorio, agosto ‘98 Oca Careca, luglio ‘99 vince nell’Oca con Giove, agosto ‘99 Civetta Vanity Girl, luglio 2000 vince nell’Istrice con Gangelies, settembre 2000 Valdimontone Votta Votta, luglio 2001 vince nel Leocorno con Ugo Sanchez, agosto 2001 Aquila Venus VIII, luglio 2002 Bruco Urban II, agosto 2002 vince nella Tartuca con Berio, luglio 2003 Pantera Zilata Usa, agosto 2003 vince nel Bruco con Berio, agosto 2004 vince nella Tartuca con Alesandra, luglio 2005 vince nel Bruco con Berio, agosto 2005 vince nella Torre con Berio, luglio 2006 Istrice Zodiach, agosto 2006 Tartuca Elisir di Logudoro, luglio 2007 Bruco Choci, agosto 2007 Valdimontone Estremo Oriente, luglio 2008 vince nell’Istrice con Già del Menhir, agosto 2008 Tartuca Elimia, luglio 2009 Istrice Elisir di Logudoro, agosto 2009 Istirce Ganosu, luglio 2010 Nicchio Istriceddu, agosto 2010 vince nella Tartuca Istriceddu, luglio 2011 Pantera Miguel, 16 agosto 2011 Bruco Lo Specialista, luglio 2012 vince nell’Onda Ivanov, agosto 2012 Onda, Magic Tiglio



ANDREA MARI DETTO BRIO corre il Palio per la Civetta con Indianos
CARRIERA:
Nato a Rosia (SI), il 13 ottobre 1977
Palii corsi 18
Palii vinti 3
16 agosto 2001 TARTUCA Razzo de’ Nulvi, luglio 2002 AQUILA Venus VIII, agosto 2002 OCA Varco II, agosto 2003 AQUILA Big Big, agosto 2004 VALDIMONTONE Zilata Usa, luglio 2005 TARTUCA E.T. di Gallura, agosto 2005 ONDA Choci, luglio 2006 vince nella PANTERA con Choci, agosto 2006 PANTERA Choci, luglio 2007 NICCHIO Dostoevskij, agosto 2007 ISTRICE Elisir di Logudoro, luglio 2008 PANTERA Indira Bella, agosto 2008 TORRE Già del Menhir, agosto 2009 vince nella CIVETTA con Istriceddu, agosto 2010 CIVETTA Ilon, luglio 2011 CIVETTA Marrocula, agosto 2011 vince nella GIRAFFA con Fedora Saura, luglio 2012 GIRAFFA Moedi, agosto 2012 CIVETTA, Moedi.


GIUSEPPE ZEDDE DETTO GINGILLO – Correrà per i colori della Torre su Mocambo
CARRIERA:
Nato a Siena il 30 luglio 1982
Palii corsi 15
Palii vinti 2
16 agosto 2002 BRUCO Attilax, 16 agosto 2003 CIVETTA Zodiach, 2luglio 2004 TORRE Brento, 2 luglio 2005 CIVETTA Vai Go, 16 agosto 2005 ISTRICE Donnaiuolo, 16 agosto 2006 DRAGO Elfo di Montalbo, 2 luglio 2007 CIVETTA Delizia de Ozieri, 16 agosto 2007 CIVETTA Elmizatopec, 16 agosto 2008 vince nel BRUCO con Elisir di Logudoro, 2 luglio 2009 vince nella TARTUCA con Già del Menhir, 16 agosto 2009 PANTERA Giove Deus, 2 luglio 2010 LEOCORNO Giostreddu, 16 agosto 2010 BRUCO Elfo di Montalbo, 2 luglio 2011 BRUCO Lampante, 2 luglio 2012 BRUCO Mississippi, 16 agosto 2012 ISCTRICE Morosita Prima

GIOVANNI ATZENI DETTO TITTIA, correrà per i colori dell’Oca su Guess
CARRIERA: Nato a Nagold (Germania) il 13 aprile 1985
Palii corsi 17
Palii vinti 2
2
luglio 2003 NICCHIO Alesandra, agosto 2003 NICCHIO Amoroso, agosto 2004 NICCHIO Barattieri, luglio 2005 NICCHIO Brento, agosto 2005 CIVETTA Desmon, luglio 2006 LEOCORNO Zilata Usa, agosto 2006 BRUCO Fujan de Ozieri, luglio 2007 vince nell’OCA con Fedora Saura, agosto 2007 BRUCO Choci, luglio 2008 BRUCO Estremo Oriente, agosto 2008 OCA Elfo di Montalbo, luglio 2009 DRAGO Fedora Saura, agosto 2009 GIRAFFA Giordhan, agosto 2010 OCA Lahib, luglio 2011 vince nell’OCA con Mississippi, agosto 2011 AQUILA Indianos, luglio 2012 AQUILA Missisippi, agosto 2012 TARTUCA, Indianos



SILVANO MULAS DETTO VOGLIA – Corre il Palio con Pestifero per i colori della Pantera
CARRIERA: Nato a Dorgali (NU) il 23 marzo 1984
Palii corsi 6
Palii vinti 1
2 luglio 2009 ONDA Insomma, 16 agosto 2009 ONDA Guadalupe, 2 luglio 2010 vince nella  SELVA con Fedora Saura, 16 agosto 2010 VALDIMONTONE Fedora Saura, 16 agosto 2011 ISTRICE Marrocula, 2 luglio 2012 SELVA Indianos, 16 agosto 2012, PANTERA, Gammede

LUCA MINISINI DETTO DE’ – Corre il Palio per i colori del’Onda su Ozzastru.
CARRIERA: Nato a Livorno il 25 marzo 1977
Palii corsi: 20
Palii vinti: 3
2 luglio 1998 SELVA, Papavero Nero, 16 agosto 1999 DRAGO, Paola Barale, 16 agosto 2000 vince nel LEOCORNO su Venus VIII, 9 settembre 2000 DRAGO, Altoprato, 2 luglio 2001 DRAGO, Alghero, 16 agosto 2001 vince per il Drago su Zodiach, 2 luglio 2002 vince nell’Istrice con Ugo Sanches, 16 agosto 2002 DRAGO, Altoprato, 2 luglio 2003 DRAGO, Ugo Sanchez, 16 agosto 2003 CHIOCCIOLA, Altoprato, 16 agosto 2004 DRAGO, Berio, 2 luglio 2005 AQUILA, Zilata Usa, 16 agosto 2005 LEOCORNO, Elisir di Logudoro, 16 agosto 2006 NICCHIO, Zodiach, 16 agosto 2007 GIRAFFA, Gridu, 2 luglio 2008 GIRAFFA, Gezabele, 16 agosto 2008 VALDIMONTONE, Choci, 2 luglio 2009 OCA, Indira Bella, 16 agosto 2009 AQUILA, Indira Bella

JONATAN BARTOLETTI DETTO SCOMPIGLIO – Corre questa sera per i colori del Valdimontone con Lo Specialista
CARRIERA:  Nato a Pistoia il 30 aprile 1980
Palii corsi 9
Palii vinti 2
16 agosto 2007 vince nel LEOCORNO con Brento- to, 2 luglio 2008 LEOCORNO Iada, 16 agosto 2008 DRAGO Fedora Saura, 2 luglio 2009 PAN- TERA Elfo di Montalbo, 2 luglio 2010 ONDA Giove Deus, 16 agosto 2010 ONDA Lo Speciali- sta, 2 luglio 2011 VALDIMONTONE Lo Specia- lista, 16 agosto 2011 LEOCORNO Ivanov, 2 luglio 2012 DRAGO Lampante. 16 agosto 2012 vince nel Valdimontone con Lo Specialista

ALESSIO MIGHELI DETTO GIROLAMO  - Questa sera corre il Palio per i colori della Civetta su Nottambulo

CARRIERA:  Nato a Siena l’8 febbraio 1984
Palii corsi 6
Palii vinti 0
2 luglio 2008 VALDIMONTONE Iolao, 2 luglio 2010 DRAGO Insomma, 16 agosto 2010 DRAGO Mortimer, 2 luglio 2011 DRAGO Indianos, 16 agosto 2011 NICCHIO Fantastic Light, 2 luglio 2012 NICCHIO Misteriosu, 16 agosto 2012 Civetta Nicolas De P. Ulpu


VALTER PUSCEDDU DETTO BIGHINO corre il Palio per i colori dell’Istrice sull’esordiente Naiké
CARRIERA: Nato a Pegli il 16 aprile 1981
Palii corsi 17
Palii vinti 0
2 luglio 1999 LEOCORNO, Razzo de Nulvi, 16 agosto 1999 ISTRICE, Verkos, 2 luglio 2000 TARTUCA, Razzo de Nulvi, 9 settembre 2000 CIVETTA, Zetsun, 2 luglio 2001 TARTUCA, Zenubbia, 16 agosto 2011 CIVETTA, Attilax, 2 luglio 2002 TORRE, Altoprato, 16 agosto 2002 LEOCORNO, Zodiach, 2 luglio 2003 LEOCORNO, Urban II, 16 agosto 2003 TORRE, Artù Valoroso, 2 luglio 2005 ONDA, Ellery, 16 agosto 2005 SELVA, Vai Go, 2 luglio 2006 OCA , Elisir di Logudoro, 16 agosto 2006 OCA, Didimo, 2 luglio 2007 ONDA, Giaguaro, 16 agosto 2007 ONDA,Ermellyno, 16 agosto 2008 PANTERA, Istriceddu, 2 luglio 2009 VALDIMONTONE, Ilon, 2 luglio 2011 ISTRICE, Moedi, 16 agosto 2011 PANTERA, Gammede



SEBASTIANO MURTAS DETTO GRANDINE - Corre per i colori del Nicchio  su Morosita Prima
CARRIERA:  Nato a Santu Lussurgiu (OR) il 18 luglio 1990
Palii corsi 1
Palii vinti o
16 agosto 2012 LEOCORNO, Nobile Nilo
SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

I dieci barberi

Messaggio  jabru il Mar Lug 02, 2013 3:02 pm

I dieci barberi che questa sera si contenderanno la Carriera

Ecco i dieci barberi che questa sera correranno la Carriera di Provenzano 2013
MOROSITA PRIMA(Nicchio) – Proprietario: Carolina Tacconi, allenatore: Massimo Milani.
Femmina baio scuro del 2005. Al suo secondo Palio. Ha corso il 16 agosto 2012 nell’Istrice montato da Gingillo.
NOTTAMBULO(Civetta) – Proprietario Mattia Marchetti, allenatore Alessio Migheli
Castrone sauro del 2006. E’ all’esordio in Piazza
OZZASTRU(Onda) – Proprietario Lucia Toto, allenatore Massimo Milani
Castrone sauro del 2007. Al suo primo Palio
MOCAMBO(Torre) – Proprietario Mark Harris Getty, allenatore: Luigi Bruschelli
Castrone sauro del 2005. E’ al secondo Palio. Ha corso la Carriera del 16
agosto 2010 nel Nicchio montato da Tremendo
LO SPECIALISTA(Valdimontone) Proprietario: Fabio Fioravanti, allenatore: Fabio Fioravanti
Castrone sauro del 2004 E’ al suo quinto Palio. Unico cavallo in Piazza ad aver vinto un Palio: 16 agosto 2012 nel Valdimontone con Scompiglio
GUESS(Oca) – Proprietario: Fabio Romanelli, Allenatore: Giovanni Atzeni
Castrone grigio del 2002
E’ al quarto Palio. Ha corso il 16 agosto 2008 nel Nicchio con Salasso,16 agosto 2011 nella Torre con Tremendo e 16 agosto 2013 nel Drago con Amsicora
PORTO ALABE(Leocorno) Proprietario: Fabrizio Brogi, allenatore: Massimo Milani
Castrone sauro del 2008 è al suo esordio in Piazza.
INDIANOS(Lupa) Proprietario; Benedetta Gualtieri, Allenatore: Massimo Milani
Castrone grigio del 2003.
E’ al suo sesto Palio. Ha corso il 16 agosto 2010 nella Selva con Salasso, 2 luglio 2011 nel Drago con Girolamo, 16 agosto 2011 nell’Aquila con Tittia, 2 luglio 2012 nella Selva con Voglia ed il 16 agosto 2012 nella Tartuca con Tittia.
PESTIFERO(Pantera): Proprietario: Massimo Leonini, Allenatore: Massimo Milani
Castrone sauro 2008 è all’esordio in Piazza
NAIKE’(Istrice): Proprietario: Simone Picchi, Allenatore: Luigi Bruschelli
Femmina baio del 2006 al suo esordio in Piazza
SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Fantini: chi sale e chi scende

Messaggio  jabru il Mar Lug 02, 2013 3:04 pm

IL BORSINO DEL PALIO: CHI SALE E CHI SCENDE A POCHE ORE DALLA CARRIERA
News 02-07-2013


Va di moda la borsa e lo spread e non c’è niente di male se anche per questo Palio del 2 luglio, alla luce di quello che si è visto nelle prove, si cerca di individuare chi è in "toro" e chi in "orso", precisando che nel linguaggio di borsa il toro individua i titoli in forte crescita, mentre l’orso marchia i valori in perdita.

E’, questa volta, un lavoro improbo, perché chi più chi meno ha dimostrato con i fatti e non con le parole di aver lavorato bene su accoppiate, cavallo-fantino, decisamente ben assortite.

Direi che è sostanzialmente stabile il Valdimontone, un bello stabile intendiamoci, visto che ai Servi hanno ricomposto il binomio, Lo Specialista-Jonatan Bartoletti detto Scompiglio, che li ha riportati al successo, lo scorso agosto, dopo una carestia lunga ventidue anni. Cercano di raddoppiare, è chiaro, ma non credo di sbagliare di molto nel dire che anche un "pareggio" sarebbe accolto con una certa soddisfazione. Insomma non vince il Montone e resta a secco il Nicchio….e le bandiere si fanno un altro anno.

Per restare in tema di rivalità, vedo in "toro" proprio l’accoppiata dei Pispini, quella che vede Sebastiano Murtas detto Grandine crescere sulla svelta Morosita. Il barbero è pronto alla mossa e sa marcare una rispettabile potenza di galoppo. Mi pare che il fantino sia riuscito a correggere alcune sbavature della femmina intraviste a San Martino e al Casato e nella "generale" ha corso davvero alla grande.

Anche l’Istrice non è dispiaciuto e riesce a spuntare un significativo "più" nel borsino del Palio. Tutto sta a vedere quali siano le consegne date a Valter Pusceddu, ma Bighino sa che per far perdere la rivale si può arrivare anche primi al bandierino con la precisa Naikè.

La Lupa è chiaramente in toro. Non ha fatto cose strabilianti, ma non c’era da scoprire proprio niente. Indianos è forte, parte bene e mantiene dal primo passo alla fine un assetto di corsa invidiabile. Andrea Mari detto Brio ha un'occasione d’oro – in tutti i sensi – per dimostrarsi il più serio pretendente al trono, peraltro ancora saldo, del Bruschelli.

Chi è cresciuto prepotentemente è il binomio che difende i colori della Contrada di Stalloreggi. Il 5 anni Pestifero si sta rivelando un soggetto molto interessante. Corre raccolto, come conviene sul Campo, ma sprigionando punte di velocità eccezionali. Silvano Mulas detto Voglia sta puntando grosso sul barbero per imporsi definitivamente all’attenzione generale. Ecco un favorito a sorpresa che può diventare splendida realtà: la Pantera.

Anche la Torre è un valore in crescita. Mocambo è a suo agio fra i canapi e in corsa. Giuseppe Zedde detto Gingillo, poi, non vede l’ora di buttarsi dietro le spalle due stagioni in grigioscuro. Vuole tornare a vincere e Mocambo sembra avere i numeri per assecondare la sua sete di successo.

Chi invece, dopo un buon debutto la sera del 29 giugno, è parso smarrirsi un po’ è il debuttante Ozzastru. Irrequieto e un po’ svagato nelle prove finora sostenute. Luca Minisini, detto Dè, ci sta impiegando tutte le sue arti di buon mestierante per farlo progredire, ma i dubbi sul conto del cavallo restano tutti.

Nell’Oca, Giovanni Atzeni detto Tittia e il grigione Guess sono in crescita grazie soprattutto alla possente mossa azzeccata la sera della terza prova. Guess non è mai stato un soggetto troppo serio e ora ha imparato anche a scalciare, ma ha i mezzi per imporsi in un lotto così omogeneo. Il Tittia lo conosce alla perfezione e può spingerlo fino a centrare un obbiettivo finora impensabile.

Il Nottambulo della Civetta si sta dimostrando un barbero vero. Scattante, veloce e preciso. Insomma un piazzaiolo nato. Alessio Migheli detto Girolamo è il suo convinto interprete. Le azioni sono in crescita, è vero, ma mai quanto quelle della rivale.

E allora veniamo al Leocorno. Qui, sul 5 anni, sauro, Porto Alabe è montato l’imperatore, Luigi Bruschelli detto Trecciolino. Il cavallo cresce a vista d’occhio e Gigi, che di nascosto prova ora un Casato ed ora un San Martino, sembra credere sempre di più nel barbero. Quotazioni in netto rialzo, perché il Bruschelli è il fantino più bravo e se ha deciso di montare Porto Alabe…gatta ci cova.

La sessione di borsa si chiude qui…stasera si apre il mercato che conta e le previsioni lasceranno la strada alla certezza. Qui uno vince e tutti gli altri perdono…e non siamo alla Borsa Valori di Milano o Francoforte, ma sul Campo di Siena!

Roberto Morrocchi da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gli ospiti

Messaggio  jabru il Mar Lug 02, 2013 6:13 pm

Gli ospiti del Comune di Siena per la Carriera di Provenzano
Cronaca
Sono stati resi noti gli ospiti del Comune di Siena in occasione del Palio di Provenzano. Non ci saranno il sindaco di Firenze Matteo Renzi, nè il premier Letta (invitati della vigilia) ma ci saranno bensì Wei Ding, Ambasciatore cinese in Italia, Alessandro Cosimi, sindaco di Livorno, Cristina Scaletti, assessore Regione Toscana alla cultura, Sarah Morrison, console generale Usa a Firenze, Claudio Contini, responsabile business Telecom Italia, Carlo Macchitella, Produttore Rai Fiction, l'attore Massimo Ghini, il giornalista e scrittore Antonio Socci e il gruppo dei Planet Funk.
SienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La mossa

Messaggio  jabru il Mar Lug 02, 2013 9:27 pm

Palio 2 luglio: l’ordine della busta: Valdimontone, Lupa Torre, Istrice , Leocorno, Civetta, Oca, Onda, Pantera e Nicchio di rincorsa



Ore 20.12 – Primo richiamo all’Istrice che continua a spostarsi dalla quarta posizione alla seconda accanto alla Lupa o alla prima al posto del Montone. Ambrosione richiama tutti nuovamente fuori per la settima volta consecutiva
Ore 20.08 - Nulla da fare, la tensione sale, l’allineamento non si trova, l’Istrice cerca la lupa e quindi restano accanto Oca e Torre. Il Nicchio attende una disattenzione del Montone. Ambrosione chiama tutti fuori per la sesta volta.
Ore 20.00 - Il Valdimontone era fuori posizione ed il Nicchio ha subito fiancato. Mossa invalidata da Ambrosione perché l’ordine tra i canapi non era rispettato. Sono scattati subito in testa il Valdimontone, seguito dall’Istrice e poi dal Leocorno
Ore 19.57 - Per la quinta volta nuovamente tutti fuori. L’Istrice non rispetta l’allineamento e cerca la vicinanza con la Lupa. Il Leocorno ha difficoltà a mettersi al canape anteriore e il Nicchio ovviamente non entra se la rivale Montone resta ferma e concentrata come è adesso visto poi che si trova in prima posizione
Ore 19.53 - Difficile trovare l’allineamento con Ozzastru che continua a scalciare. L’Istrice non sta nella sua posizione ed il Leocorno ha difficoltà a trovare il canape anteriore
Ore 19.49 . Confusione tra i canapi con il cavallo dell’Onda abbastanza irrequieto. Ambrosione chiama fuori tutti per la terza volta
Ore 19.44 - Il mossiere chiama nuovamente tutti fuori, difficile trovare l’allineamento
Ore 19.41: Ambrosione chiama tutti subito fuori. La sorte ha voluto vicine Leocorno e Civetta e il Valdimontone al primo posto con la rivale Nicchio di rincorsa
La busta: Valdimontone, Lupa Torre, Istrice , Leocorno, Civetta, Oca, Onda, Pantera e Nicchio di rincorsa
Ore 19.38 Silenzio assordante in Piazza arriva la busta
Ore 19.35 - Scoppia il mortaretto escono i cavalli dall’Entrone
Ore 19.27 - Il l Drappellone viene issato sul palco dei capitani: a breve l’uscita dei cavalli dall’Entrone
SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

E' Oca

Messaggio  jabru il Mar Lug 02, 2013 9:29 pm

L’Oca con Guess e Giovanni Atzeni detto Tittia vince il Palio di Provenzano 2013

L’Oca con Guess e Giovanni Atzeni detto Tittia vince il Palio di Provenzano 2013
SiennaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Prima l'Oca

Messaggio  jabru il Mar Lug 02, 2013 9:35 pm

02/07/2013 19:39PALIO... E' OCAGuess in velocità dalla prima all'ultima curva, fino alla vittoria SIENA. E' Oca. Il Palio del 2 luglio è andato a Guess montato dal fantino GIovanni Atzeni, detto Tittia.
Questa la posizione ai canapi: Valdimontone, Lupa, Torre, Istrice, Leocorno, Civetta, Oca, Onda, Pantera. Di rincorsa il Nicchio.
Fuori la prima volta, come da tradizione.
Fuori la seconda volta per difficoltà nel trovare l'allineamento.
Fuori la terza volta. Cavallo dell'Onda che scalcia mostrando qualche segnale di nervosismo. L'allineamento non è stato trovato.
"Attento ai calci" ripete costantemente il mossiere. Leocorno indietro che non riesce a trovare la posizione. Nicchio ancora lontano dal verrocchino. L'Istrice in prima posizione che non riesce a conquistare la sua quarta posizione e che, forse, viene colpito dal cavallo agitato dell'Onda.
Sono passati circa 20 minuti e il mossiere manda fuori nuovamente i cavalli. L'Istrice tallona la Lupa da vicino e non consente alla Torre di tenere la sua posizione sul canape anteriore.
Una partenza che appare subito molto problematica. L'Istrice resta in seconda posizione, affianco alla Lupa....
Fuori tutti per la quinta volta. La mossa non è matura. Il Nicchio, non appena vede il Valdimontone "distratto" si lancia tra i canapi ma il mossiere, visto il mancato allineamento, ha chiamato il mortaretto. Era partito, comunque, Valdimontone in prima posizione, dietro Istrice e Lupa.
Si riparte.
Un attimo di tranquillità sebbene non si trovi il giusto allineamento. Poi, nuovamente confusione... "No, no, no, no" dice Ambrosione. Tra inviti alla calma e richiami per conquistare la posizione assegnata, il mossiere cerca il giusto allineamento. Ma il Nicchio resta lontano dal verrocchino.
L'Istrice resta seconda, prima della Lupa e della Torre. E l'Oca gli resta vicina. Il cavallo dell'Onda resta nervoso e non trova il canape anteriore. Il mossiere richiama nuovamente fuori i cavalli. Sesta uscita dai canapi. L'ordine ai canapi non si riesce a rispettare e viene stravolto. Le contrade rivali tendono a stare vicine per infastidisi o anche solo per controllarsi.
Pantera ferma sul verrocchino che tende a non entrare ta i canapi. Ancora calci e agitazione.
Tutti fuori, per la settima volta. Istrice invitato a mettersi nella sua posizione, Onda che scalcia ancora.
Poi l'uscita dai canapi. Torre in testa, Oca dall'interno prende una buona traiettoria e gira bene al primo San Martino.
L'Oca resta prima... seguita dalla Lupa e da due cavalli scossi. Anche al secondo San Martino passa l'Oca per prima, seguita strettamente dalla Lupa che non riesce a superare
lupa, valdimontone, uno scosso. Oca in testa a Fonte Gaia. Al secondo San martino gira l'Oca... alle spalla la lupa. Due cavalli scossi.  Lupa all'interno ma l'Oca vince, portando a casa il Palio del 2 luglio 2013.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Oca prima

Messaggio  jabru il Mar Lug 02, 2013 9:39 pm

Palio di Siena, vince l'Oca
Palio di Siena: carriera emozionante. Sul tufo di piazza del Campo trionfa la contrada dell'Oca davanti alla Lupa - Siena, 2 luglio 2013 - E' la contrada dell'Oca con il cavallo Guess montato da Giovanni Atzeni, detto Tittia, a trionfare nel Palio di Siena, (quello di luglio, detto Palio di Provenzano 2013) al termine di un'appassionante corsa che, come da tradizione ha richiamato migliaia di senesi e di turisti. Oltre, ovviamente, alla solita parata di Vip: dall'amministratore delegato del Milan Adriano Galliani all'attore Massimo Ghini fino al ct della nazionale di basket (ed ex trionfatore sulla panchina della Mens Sana Siena) Simone Pianigiani.
L'Oca, che aveva vinto appena due anni fa, nel luglio 2011, ha soprassato la Torre e poi ha dominato, insidiata solo dalla Lupa
Come sempre straordinario lo spettacolo offerto dal corteo storico, preceduto dalla tradizionale benedizione dei cavalli. Un'attesa crescente culminata prima in una mossa annullata, poi nella splendida carriera che ha visto, come detto, il trionfo dell'Oca. E ora può scattare la festa
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

L'Oca appende il sessantacinquesimo Cencio

Messaggio  jabru il Mar Lug 02, 2013 10:58 pm

Giovanni Atzeni, detto Tittia, vince il suo terzo Palio e il popolo di Fontebranda conquista il suo sessantacinquesimo drappellone

Oca! Un urlo lunghissimo ha liberato l’adrenalina. La città, tutta, si è come risvegliata. Gli alfieri, vestiti con i colori del tricolore, hanno aperto la seta delle loro bandiere e con il popolo di Fontebranda sono andati a prendere quel drappo così agognato.
Urla e pianti. Gioia e amarezza. Tutto si è mescolato dentro una Piazza del Campo gremita di persone. In migliaia hanno assistito al Palio del 2 luglio, dedicato alla Madonna di Provenzano, e hanno atteso questa corsa del cuore. Senesi e turisti si sono ritrovati avvolti in uno spazio, dove i primi hanno contaminato gli altri con ansia e trepidazione.
Un tempo senza lancette per veder sfilare la storia di Siena. Colori e suoni, impregnati di odori, hanno riportato il passato nel presente.
Poi finalmente tutto è ripartito. Il mossiere, Bartolo Ambrosione, ha iniziato a chiamare i cavalli tra i canapi: Valdimontone, Lupa, Torre, Istrice, Leocorno, Civetta, Oca, Onda, Pantera e Nicchio di rincorsa. E’ lui a dare la partenza. E la lancetta del tempo è ripartita. Scatta in testa la Torre, inseguita da Istrice e Lupa. Tre giri su quell’anello di tufo mentre la polvere gialla si mescolava all’aria e il cuore impazziva.
Alla prima curva di S. Martino la Torre prova ancora a guidare la corsa, ma l’Oca guadagna terreno e la sorpassa. Inutile l’inseguimento delle altre Contrade.
Il popolo di Santa Caterina ha in mano il Palio. La bella opera realizzata da Claudia Nerozzi, carica di simboli così amati dalla città, è già nella Chiesa di Provenzano. Tutta Fontebranda ringrazia la Vergine per il sogno avverato. Hanno conquistato il loro sessantacinquesimo drappellone, dopo solo due anni dall’ultima vittoria. Una corsa magistralmente condotta da Giovanni Atzeni, detto Tittia su Guess, un castrone grigio di 11 anni. Per il fantino è la sua terza gloria, e sempre con i colori dell’Oca. I contradaioli dell’Oca, da stasera, festeggeranno per mesi.
La Piazza si è svuotata. Chi non ha vinto è già a casa a riguardare, in replica TV, la corsa. Cercano spiegazioni nel commentare l’amara sconfitta. Dopo le lacrime hanno bisogno di trovare un perché. Ma a Siena non è facile. Qui si corre solo per vincere, e, per un anno intero, si aspetta questo momento.
Una realtà difficile da capire, soprattutto per tutti coloro che non sanno che i senesi imparano a riconoscersi prima nella bandiera della Contrada di appartenenza, poi in quella della città e, infine, nel tricolore. Forse è per questo che lo stemma della città è uno scudo per metà bianco e per l’altra nero. Come si poteva raccogliere tutto l’individuale cromatismo dell’araldica contradaiola senza far torto a nessuno?
SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Il capolavoro di Tittia

Messaggio  jabru il Mar Lug 02, 2013 11:01 pm

Capolavoro di Giovanni Atzeni e Guess che riportano la vittoria in Fontebranda a distanza di soli due anni. Meritata la vittoria dell’ocaiolo Romanelli, proprietario del grigio che nonostante la tanta sfortuna con caparbietà ha creduto in lui

L’ Oca con Giovanni Atzeni detto Tittia ed il grigio Guess trionfano di “prepotenza” questa splendida e combattuta Carriera di Provenzano.
Un Palio davvero al cardiopalma a partire dai momenti convulsi della fase della mossa che è durata oltre 45 minuti.
Questo l’ordine d’ingresso tra i canapi:  Valdimontone, Lupa, Torre, Istrice, Leocorno, Civetta, Oca, Onda, Pantera e Nicchio di rincorsa. La sorte ha voluto vicine le rivali Civetta e Leocorno – che però è rimasto sempre nelle retrovie – e il Valdimontone in prima posizione e la rivale Nicchio di rincorsa.
Ambrosione ha dovuto richiamare tutti fuori ben sette volte. Confusione indescrivibile tra i canapi, con l’Istrice(due i richiami dal mossiere) che  non ha mai rispettato la sua quarta posizione portandosi sempre al secondo posto a fianco della rivale Lupa.
Il Leocorno non ha quasi mai cercato la posizione verso il canape anteriore ed è rimasto sempre dietro.
Dopo il quarto rientro tra i canapi, il Nicchio nota che il Valdimontone è leggermente indietreggiato dal canape anteriore e fianca. Parte fortissimo ugualmente proprio il Montone, seguito dall’Istrice e dal Leocorno. Abrosione però invalida subito la mossa. Nulla da fare, bisogna ripetere tutto.
Confusione sempre più palpabile in mezzo ai canapi con i cavalli, quello di Onda, Oca ed ad un certo punto anche quello della Lupa che iniziano a scalciare. Altre tre volte Ambrosione fa uscire tutti.
Bartoletti su Lo Specialista si distrae mezzo istante e Grandine di rincorsa coglie l’attimo perfetto e fianca.
Partono fortissimi la Torre, dietro l’Oca e a seguire l’Istrice. Nerbate dell’Istrice alla Fonte nei confronti della Lupa. Pusceddu in questo modo non ha permesso ad Andrea Mari su Indianos di prendere la perfetta traiettoria al primo San Martino. E’ la Torre con Gingillo su Mocambo ad arrivare primo a San Martino ma Tittia con Guess compie un vero capolavoro ed affronta un San Martino dall’interno al centimetro portandosi così in prima posizione seguito dalla Torre.  All’altezza del palco delle comparse Murtas cade da Morosita Prima che prosegue la sua corsa scossa. L’Oca mantiene la testa tallonata dalla Torre, ci prova anche la Pantera con Silvano Mulas su Pestifero a raggiungere l’Oca ma al secondo San Martino scivola dal cavallo che prosegue la sua corsa scosso. Arriva da dietro forte la Lupa con Andrea Mari su Indianos che prova una rimonta straordinaria ma viene spesso bloccato dallo scosso della Pantera.
Giovanni su Guess effettua le due ultime curve, San Martino e Casato, davvero perfette tallonato dalla Lupa che è davvero a un millimetro dall’Oca. Giovanni vince però di “prepotenza” bloccando all’arrivo anche con il nerbo la Lupa. Andrea Mari cade da Indianos proprio all’arrivo impattando nello steccato.
Il nerbo di Giovanni si alza al cielo e così Tittia riporta il Palio in Fontebranda a distanza di soli due anni. Un Palio davvero bellissimo lottato per tre giri e non scontato sino alla fine.
Ennesimo capolavoro di Fontebranda che, in silenzio, ha costruito un Palio tutto fatto in casa: Guess è di Fabio Romanelli ocaiolo ed è allenato proprio da Giovanni ch – e anche se ufficialmente non è più il fantino di contrada –  qui ha riportato le sue vittorie e qui si sente a casa. Un successo tutto meritato per Giovanni che ha lottato per tre giri. Una vittoria stra-meritata per Guess, il grigio troppo spesso sfortunato ma nel quale Fabio credeva moltissimo e con caparbietà ha continuato a portare in Piazza. Ha avuto ragione lui, ha avuto ragione Tittia nel credere in questo forte grigio che era stato solo sfortunato. Guess ha vinto alla grande ed ha vinto nella sua contrada per il suo proprietario, per tutta Fontebranda che adesso inizia la sua festa senza fine.
Elena Casi da SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Il trionfo dell'Oca

Messaggio  jabru il Mer Lug 03, 2013 8:12 am

La contrada ha vinto il Palio di Siena del 2 luglio 2013 corso in onore della Madonna di Provenzano, conquistando il Drappellone realizzato dall'artista Claudia Nerozzi.

L'ordine di ingresso ai canapi è stato il seguente: Valdimontone, Lupa, Torre, Istrice, Leocorno, Civetta, Oca, Onda, Pantera e Nicchio di rincorsa.

Dopo che il mossiere Bartolo Ambrosione ha fatto uscire i cavalli dai canapi per cinque volte per un allineamento molto problematico, entra il Nicchio ma Ambrosione invalida la mossa a causa delle inversioni tra alcune contrade al canape. Nuovo tentativo dopo che ormai sono passate le 20, ed ancora il mossiere fa uscire le contrade, per la sesta volta e poi per la settima volta. Grandi problemi di allineamento tra i canapi. Alle 20.15 abbondanti, la partenza finalmente è buona, partono forte Istrice, Lupa e Torre. A San Martino passa l'Oca che continua in testa seguita dalla Lupa e dal cavallo scosso della Pantera e va a vincere il Palio con Giovanni Atzeni detto Tittia su Guess che riesce a contenere il forte recupero finale di Indianos e Pestifero.


--------------------------------------------------------------------------------

Questi gli accoppiamenti nell'ordine di ingresso ai canapi del Palio di Siena del 2 luglio 2013 (nell'ordine: cavallo, contrada, tra parentesi il numero di orecchio, di coscia, di trifora e di assegnazione, manto, sesso, età, fantino):

LO SPECIALISTA VALDIMONTONE (o1 - c1 - t1- a5) baio C 9 - Jonatan Bartoletti detto Scompiglio
INDIANOS LUPA (o7 - c14 - t6- a8) 8 grigio C 10 - Andrea Mari detto Brio
MOCAMBO TORRE (o10 - c21 - t7- a4) baio C 8 - Giuseppe Zedde detto Gingillo
NAIKE' ISTRICE (o9 - c19 - t5- a10) baio F 7 - Walter Pusceddu detto Bighino
PORTO ALABE LEOCORNO (o4 - c10 - t8- a7) sauro C 5 - Gigi Bruschelli detto Trecciolino
NOTTAMBULO CIVETTA (o2 - c7 - t4- a2) sauro C 7 - Alessio Migheli detto Girolamo
GUESS OCA (o8 - c16 - t3- a6) grigio C 11 - Giovanni Atzeni detto Tittia
OZZASTRU ONDA (o3 - c9 - t9- a3) sauro C 6 - Luca Minisini detto Dè
PESTIFERO PANTERA (o6 - c13 - t2- a9) sauro C 5 - Silvano Mulas detto Voglia
RINCORSA MOROSITA PRIMA NICCHIO (o5 - c11 - t10- a1) baio oscuro F 8 - Sebastiano Murtas detto Grandine
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Il trionfo di Fontebranda

Messaggio  jabru il Mer Lug 03, 2013 8:14 am

Fontebranda in trionfo
Martedì 02 Luglio 2013 21:16 di Gabriele Voltolini -
Al ritorno sul tufo dopo la squalifica dello scorso anno, l'Oca torna al successo da imbattuta, visto che l'ultima vittoria risaliva proprio al 2 luglio 2011 , ultima carriera corsa dalla contrada di capitan Claudio Cocchia, che all'esordio assoluto conquista subito il primo trionfo.

Con un eccezionale capolavoro, Giovanni Atzeni detto Tittia riporta il palio in Fontebranda. Guess, dato da molti come un cavallo sul viale del tramonto, smentisce tutti con una corsa superlativa, guidato alla perfezione dal suo allenatore.

L'ordine ai canapi mette il Valdimontone al primo posto e il Nicchio di rincorsa (con Civetta e Leocorno accanto), una situazione complicata che infatti richiede grande polso da parte del mossiere. Dopo circa 20 minuti e diverse uscite dai canapi per colpa di un allineamento da trovare, il Nicchio entra, il Montone parte primo, ma il mossiere annulla (da rivedere) perché l'Istrice è fuori posto. Altri 20 minuti per trovare l'allineamento e alla fine Sebastiano Murtas entra. La Torre schizza in prima posizione, mentre l'Istrice inizia a nerbare la Lupa fino al primo San Martino, quando Tittia entra meravigliosamente dall'interno sorpassando la Torre e guadagnando la testa. Al primo Casato Giovanni Atzeni entra un po' largo e sbatte nei palchi. La Torre prova a superare nuovamente la rivale, ma il fantino di Fontebranda compie una manovra eccezionale stringendo la contrada di Salicotto allo steccato. Da dietro la Lupa inizia a farsi minacciosa, ma le traiettorie di Tittia sono perfette. Si arriva all'ultimo Casato con lo scosso della Pantera che insidia l'Oca e con Andrea Mari che cerca la rimonta. Giovanni Atzeni imposta la curva, ma prima rifila 2 nerbate sul muso del cavallo della Lupa, arrivando in volata fino al bandierino davanti alla Pantera e alla Lupa.

Tittia trionfa a nerbo alzato, consegnando il cencio di Claudia Nerozzi al popolo di Fontebranda.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7432
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Si corre

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum