Fantini

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Fantini

Messaggio  jabru il Mar Ago 13, 2013 7:24 pm

ALBERTO RICCERI: "CHE LIBIDINE CORRERE NEGLI USA"
Salasso si candida per correre il palio di Atlantic City
13/08/2013 14:19:35

“Che libidine sarebbe correre ad Atlantic City”. Immaginate chi può aver detto una frase del genere? Solo lui: Alberto Ricceri. Arrivato in Piazza da Chantilly, dove lavora nella scuderia accanto a quella di Giuseppe Pes, ha subito chiesto di prendere contatti con la cittadina americana dove il 13 ottobre prossimo si dovrebbe correre sulla spiaggia l’American Palio. Ad Albertino, nato e cresciuto nell’Onda con la “malattia” del Palio, al pensiero di poter correre un palio di là dall’oceano brillano subito gli occhi. Così nell’Entrone, tra una batteria e l’altra, ha trovato il tempo di informarsi sulla manifestazione. Dovrebbero essere 1200 metri di dirittura sulla spiaggia, anche se ancora non si è ben capito, a causa delle proteste degli allenatori locali, se sarà costruita una curva nel tracciato. Quello che è certo è che l’investimento di 800mila dollari, l’equivalente di 600mila euro, per installare telecamere e totalizzatori per accettare le scommesse è diventato l’argomento di attualità nel New Jersey.                                            

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 13 agosto


Ultima modifica di jabru il Mar Ago 13, 2013 8:41 pm, modificato 1 volta
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Coghe: potrei cancellarmi dall'Albo

Messaggio  jabru il Mar Ago 13, 2013 7:27 pm

COGHE: "POTREI CANCELLARMI DALL'ALBO. IL PALIO? PRENDANO GLI AVELIGNESI"
Il preparatore di Magic Tiglio ancora arrabbiato
13/08/2013 14:05:55

Massimo Coghe cerca di prenderla con filosofia. Il giorno dopo il grande sfogo per l’esclusione di Magic Tiglio, il cavallo che allena tutto l’anno, non vuole continuare nella polemica, ma la delusione è ancora cocente. Troppa e la condivide con alcuni dei proprietari del cavallo che ieri mattina si trovavano davanti all’Entrone per le prove di notte, come l’avvocato Paolo Saracini: “Ci ho ragionato e sono arrivato alla conclusione che questa esclusione mi ha fatto contento - ha risposto sarcasticamente Massimino - così mi hanno tolto un peso, non avrei retto quattro giorni di ansia e angoscia. Vivrò questo Palio da spettatore e sono traquillissimo”.

Il futuro di Magic Tiglio?
“Sta bene grazie e continuerà a stare bene”.

Ma sei arrivato ad una spiegazione logica di come un cavallo che ha fatto appena due giri in due Palii possa rientrare nelle strategie che fino a poco tempo fa erano riservate soltanto a cavalli che avevano vinto molte Carriere? Forse è davvero una questione legata alle monte?
“Magic Tiglio è un cavallo forte come sono forti altri cavalli che sono dentro alla Piazza. Semmai il ragionamento è un altro, un cavallo forte messo in mano ad un preparatore che sa fargli tirare fuori il meglio può fare la differenza rispetto ad altri messi in mano ad allenatori meno esperti. Non voglio essere presuntuoso però penso che sia un ragionamento che ha una logica. In ogni modo non ci sono cavalli imbattibili, lo abbiamo visto con Già del Menhir. E’ stato uno dei barberi più forti di sempre eppure è stato battuto, vuoi per ragioni di mossa vuoi per situazioni paliesche”.
Servizio integrale nel Corriere di Siena del 13 agosto
a cura di Andrea Bianchi Sugarelli
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Salasso

Messaggio  jabru il Mer Ago 14, 2013 7:21 pm

“PER MONTARE SALASSO CI VUOLE UN CAPITANO MOLTO CORAGGIOSO”
Alberto Ricceri: "In 20 anni di carriera non ero mai caduto per la Tratta: speriamo mi porti fortuna"
14/08/2013 13:44:20

"In 20 anni non ero mai caduto durante le batterie della Tratta o nel corso delle prove di notte". Per Alberto Ricceri alcune leggere abrasioni ma quello che fa più male è non aver avuto la possibilità di scendere nuovamente sul tufo. "Avevo già trovato un cavallo ma i capitani hanno deciso di non fare la batteria di recupero".
Ma cosa è successo a San Martino? "Nessie già al primo giro tendeva a stringere. Il Casato è andato bene e quindi ho deciso di farlo scorrere un po' più veloce. Quando sono arrivato a San Martino davanti a me c'era Phalena con Carboni che aveva già provato e stava riprendendo il cavallo in mano. Nessie non ha più avuto un punto di riferimento e ha stretto la curva e mi sono ritrovato a terra".

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 14 agosto

avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Trecciolino

Messaggio  jabru il Mer Ago 14, 2013 7:22 pm

“PALIO SENZA BIG? MI DÀ NUOVI STIMOLI. NIENTE È SCONTATO”
Gigi Bruschelli racconta la sua filosofia di vita e paliesca che dopo poche ore si è tradotta nella scelta di Oppio
14/08/2013 13:26:25

A chi vanta una carriera di successi si chiede continuamente di superarsi. Di superare quel limite ideale che sta fra il mondo del possibile e il paese delle meraviglie. Ciò avviene più che mai nel Palio. Ciò avviene intorno a Gigi Bruschelli, il fantino che fino ad oggi può vantare il più alto numero di vittorie fra i colleghi in carriera. Da oggi si appresta ad affrontare una nuova sfida con se stesso che durerà quattro giorni. E alla vigilia di questa nuova esperienza, anziché parlare di contrade e giubbetti, proviamo a descriverne lo stato d'animo.
Con quale spirito questa volta? "E' vero che ogni Palio ha la sua storia e che può presentare nuove ed inaspettate prospettive, ma per quanto mi riguarda lo spirito è quello che mi ha sempre accompagnato, sorretto dal massimo impegno, dalla determinazione che serve, ma anche dalla serenità interiore che credo non debba mancare e che non mi manca neppure in questo Palio".

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 14 agosto
A cura di Gaia Tancredi
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Villella

Messaggio  jabru il Mer Ago 14, 2013 7:24 pm

“MI MANCA IL PALIO. NON VOGLIO LASCIARE CON BRUTTI RICORDI”
Antonio Villella: "Se mi danno una possibilità mi gioco il tutto per tutto: sempre con il numero 35"
14/08/2013 13:38:44

Quando arriva in piazza e Antonio Villella scende sul tufo non lo fa mai senza il suo 35. Il numero, che inserito all'interno di una collana, Sgaibarre ogni volta dopo il Palio rimette attorno ad un cavallo in argento che si trova sulla tomba del nonno. "Trentacinque era il soprannome di mio nonno. Era un ex fantino e purtroppo è morto prima che mi vedesse in piazza. E' per questo che ogni hanno lo vado a prendere, è come se lo portassi a fare un giro con me".
Una batteria da protagonista con Noioso (martedì 14). "E' andato bene, un cavallo che penso ci possa stare: affidabile. Qualche anno fa aveva un problema, aveva un testicolo attaccato all'addome e io lo avevo comprato come castrone. Inizialmente non capivo i motivi del suo comportamento, poi abbiamo fatto fare degli esami e tutto è stato chiaro. Il cavallo è stato operato già da qualche anno e adesso non ha più nessun tipo di problema".

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 14 agosto
A cura di Riccardo Pagliantini

avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Mari squalificato

Messaggio  jabru il Gio Ago 15, 2013 6:58 pm

ANDREA MARI È LO SQUALIFICATO DI QUESTO PALIO PER NON ESSERSI PRESENTATO A FIRMARE IL 13 AGOSTO
"Conto di rimontare a cavallo il 13 ottobre, giorno del mio compleanno"
15/08/2013 10:53:19

E’ il grande escluso di questo Palio. Andrea Mari è stato squalificato per questa carriera per non essersi presentato il 13 agosto mattina a firmare per essere a disposizione del Comune per partecipare alle batterie della tratta.
Una squalifica dovuta al suo infortunio e che rappresenta comunque una prassi visto che l’infortunio al bacino patito dopo la caduta da Indianos immediatamente dopo il passaggio del terzo bandierino non gli avrebbe permesso di montare. Andrea Mari ha commentato sia la sua volontà di ritornare a cavallo dopo l’intervento, sia il Palio che domani si correrà sul Campo.

Come procede il recupero? Quando potrai tornare a cavallo? “Procede tutto bene. L’obbiettivo è quello di tornare a cavallo il 13 ottobre, il giorno del mio compleanno, ma senza fossilizzarsi troppo. Saranno Andrea Causarano ed Edoardo Krainz, il professore che mi ha operato, a darmi il via libera, io sono carico e penso che ci si possa fare”.

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 15 agosto
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tittia

Messaggio  jabru il Lun Ago 19, 2013 6:45 pm

TITTIA: "GIGI GRAZIE, HAI CREDUTO IN ME. LA FAMIGLIA IL MIO SEGRETO"
Due giorni dopo la vittoria del Palio nella contrada dell'Onda che ha determinato il suo “cappotto” personale cerca di realizzare e razionalizzare l’impresa che ha fatto
19/08/2013 11:05:58

Giovanni Atzeni, due giorni dopo la vittoria del Palio nella contrada dell’Onda che ha determinato il suo “cappotto” personale, visto il trionfo a luglio nell’Oca, cerca di realizzare e razionalizzare l’impresa che ha fatto. Un capolavoro che sancisce un cambio generazionale, che apre nuove porte per il futuro. E del resto Gigi Bruschelli, proprio ieri nell’intervista al Corriere di Siena, nelle sue dichiarazioni sembra aver confermato il passaggio dello scettro a Tittia, suo ex allievo in scuderia a Valiano: “Gigi lo ringrazierò sempre, da lui ho imparato tutto del mestiere e del Palio. Mi ha fatto venire a Siena, mi ha insegnato cosa vuol dire essere fantino del Palio e per questo ho solo da ringraziarlo. Ho avuto la fortuna di imparare dal migliore” ha detto Tittia.

A 48 ore dalla vittoria, Giovanni Atzeni cosa pensa? “Onestamente sto metabolizzando qualcosa, ma vivo ancora un sogno. Ci vorranno dei giorni per realizzare tutto, ma sono estremamente felice. Adesso vivo un po’ di relax dopo quattro giorni intensi. Voglio spegnere tutto, liberare il cervello e spurgarmi di tutta l’adrenalina e la tensione per godermi a pieno questa gioia”.

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 19 agosto
a cura di Andrea Bianchi S.
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tittia: erede dei grandi

Messaggio  jabru il Lun Ago 19, 2013 6:47 pm

ANCHE A LEGNANO ESULTANO PER ATZENI. E IN SARDEGNA: "E' L'EREDE DI ACETO"
In Sardegna l’euforia per il “ragazzo” di Nurri è stata contagiosa
19/08/2013 15:07:17

Anche a Legnano e in Sardegna esultano per la vittoria di Giovanni Atzeni. Nella città lombarda perché la contrada di San Bernardino ha già trovato un accordo con Tittia per il prossimo palio di maggio tanto che il capitano biancorosso Luca Bosatta, a luglio ha esultato perfino dai palchi di Piazza del Campo. Tittia ha vinto a Legnano nel 2011 con San Magno che proprio quest’anno lo ha sceso per impegnarsi con Bruschelli. In Sardegna, invece, l’euforia per il “ragazzo” di Nurri è stata contagiosa tanto che la Nuova Sardegna lo ha già definito il fantino con “le caratteristiche giuste per raccogliere l’eredità del mitico Aceto (Andrea Degortes di Olbia) che detiene il record con 14 Palii vinti, del grande Cianchino (Salvatore Ladu di Bono) e degli altri bravissimi fantini sardi che hanno scritto pagine indimenticabili della storia del Palio del Siena”.

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 19 agosto

avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tittia

Messaggio  jabru il Mar Ago 20, 2013 11:04 am

Tittia: "Non mi sento l'erede di nessuno, mi sento fortunato"
Il fantino vittorioso dell'Onda analizza il suo doppio successo ed il suo strepitoso momento

Giovanni Atzeni ha calato il poker e con il "cappotto" di questo 2013 entra di diritto nella storia del palio. Due carriere vinte a distanza di un mese e poco più l'una dall'altra l'hanno consacrato nell'Olimpo. Due vittorie vere, combattute, diverse e bellissime entrambe. "Ho lavorato tanto negli anni, mi sono sempre dato da fare, mi sono sempre comportato bene con tutti - ha detto Tittia - e prima o poi i risultati dovevano arrivare. Io non mi accontento mai, il mio lavoro è sempre una sfida per me. Finalmente sono riuscito a montare il primo cavallo di Piazza, nel momento giusto, senza pressioni grazie alla vittoria di luglio. Insomma potevo rischiare il tutto per tutto senza sciupare niente". Sempre educato, gentile, riservato ma con un sorriso dolcissimo che non puoi non ricambiare, Tittia non esagera nemmeno in un momento come questo in cui potrebbe farlo e non si sente l'erede di Gigi Brushelli, come molti lo hanno definito: "Non mi sento nè migliore nè peggiore di nessuno - ha detto - mi sento fortunato, mi sono trovato pronto a raccogliere le occasioni nel momento in cui si sono presentate
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Bruschelli

Messaggio  jabru il Mar Ago 27, 2013 8:43 pm

"AVREI VOLUTO DEDICARE A SALLUSTIO LEONCINI LA MIA QUATTORDICESIMA VITTORIA IN PIAZZA"
Gigi Bruschelli molto affezionato all’ex capitno scomparso pochi giorni fa, lo fece debuttare
27/08/2013 11:31:16

“Coltivavo da tempo l'idea di dedicare a Sallustio il mio quattordicesimo Palio, mi dispiace di non aver avuto l’occasione di fargli arrivare questa dedica, prima che ci lasciasse, volevo dedicargli il Palio importante, quello che meritava, ma non ne ho avuto il tempo”. Sono le parole di Gigi Bruschelli che accompagnano il suo saluto a Sallustio Leoncini, l’ex capitano della Civetta che ci ha lasciato pochi giorni fa, dopo una lunga malattia. “Questa dedica, se avrò l’occasione in futuro, resta sua. Ma sarebbe stato bello poterlo fare con la sua presenza. Non si pensa mai che non ci resti davanti quel tempo sufficiente per raggiungere tutti i nostri propositi, si pensa al bene e mai al male, ma spesso la vita ci mette davanti a alcune scelte obbligate”.

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 27 agosto
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Sanzioni ai fantini nei paliotti

Messaggio  jabru il Mer Set 25, 2013 12:59 pm

PUSCEDDU FUORI A VITA DAL PALIO DI LEGNANO DOPO LA RISSA CON COGHE
Ad Andrea Coghe, fantino della rivale di Bighino e coinvolto nella rissa del dopo corsa, è stata comminata una semplice ammonizione
25/09/2013 11:00:05

Se a Siena ancora si aspettano novità in fatto di giustizia paliesca, con l'assessore delegato Paolo Mazzini che dovrà, sulla base delle relazioni di mossiere e deputati della Festa redigere le proposte di sanzione, dalle altre parti d'Italia le varie "giustizie" hanno avuto la loro mano pesante. La sanzione più drastica è andata a Legnano ai danni di Valter Pusceddu detto Bighino che a causa della rissa del dopo palio di fine maggio è stato squalificato a vita dal palio di Legnano. Ad Andrea Coghe, fantino della rivale di Bighino e coinvolto nella rissa del dopo corsa, è stata comminata una semplice ammonizione. A Fucecchio invece si è conclusa per il momento con un poco di fatto la diatriba legata alla relazione dei giudici falsificata. Il cda del palio di Fucecchio ha promesso sanzioni interne sulle persone, che arriveranno solo d'inverno con cambi ai vertici del consiglio di amministrazione, ma nel frattempo ha equiparato le sanzioni ai fantini di Porta bernarda e Porta Raimonda, rispettivamente Silvano Mulas e Francesco Caria, che sono stati squalificati per due anni dal palio fucecchiese. Non è andata quindi in porto la "crociata" portata avanti da Porta Bernarda, riguardo alle firme falsificate nella relazione dei giudici della corsa.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Scompiglio si è sposato

Messaggio  jabru il Lun Set 30, 2013 11:19 am

Le nozze dell'anno: Scompiglio ha sposato Marzia

Siena, 29 settembre 2013 — Promessa mantenuta: Jonatan Bartoletti si è sposato con Marzia, la sua fidanzata storica. L’aveva annunciato a caldo, poco dopo aver vinto il Palio nel Valdimontone, lo scorso anno ad agosto. E se il detto ‘sposi bagnati, sposi fortunati’ è vero, allora la coppia può contare su un grande futuro insieme perchè ieri a Pistoia (come a Siena) è venuto il diluvio. Tanto da impedire l’arrivo a cavallo del fantino, come era stato ipotizzato. Niente giubbetti, questa volta, per lui piuttosto un abito elegantissimo che faceva da pendant con quello della sposa, avvolta in taffetà color avorio.

E’ stata una cerimonia per pochi intimi, così ha deciso Scompiglio, la cui unione ha ricevuto anche il sigillo della benedizione di papa Francesco che ha invocato per gli sposi «piena intercessione della Vergine». Nutrito il gruppo di volti senesi che ha assistito alla cerimonia durante la quale il fantino ha tradito giusto un attimo l’emozione. Presenti dirigenti e staff delle Contrade per cui Scompiglio ha vinto il Palio, Leocorno e Valdimontone. Non poteva mancare, fra gli altri, l’ex capitano di Pantaneto Luigi Fumi Cambi Gado che l’ha sempre considerato come un figlio, insieme a lui gli allora mangini Randolfo Pellegrini e Pietro Casini, l’attuale Marco Andreini, il barbaresco-amico Giorgio Campanini. Per il Valdimontone c’era ovviamente Franco Morandi, l’ex capitano dei Servi, e anche l’attuale Francesco Palazzi, fra gli altri Aldo Nerozzi, Mario Vannini, il barbaresco Federico Bari. Francesco Petrazzi era nella chiesa di San Bartolomeo, così come il proprietario di cavalli Enzo Vannini che ha affidato a Scompiglio la cavallina Novanta. Quanto a Luca Francesconi è stato anche in questa bella occasione la sua 'ombra'.
All’uscita, oltre alla pioggia, un bagno di riso portafortuna. Quanto al viaggio di nozze non è ancora deciso.
Laura Valdesi da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Scompiglio squalificato per 10 anni

Messaggio  jabru il Mar Ott 01, 2013 8:13 pm

Jonatan Bartoletti squalificato per 10 anni dal palio di Asti
01/10/13 - 12:56 Dieci anni di squalifica per Jonatan Bartoletti, il fantino che montava il cavallo morto durante l'ultimo Palio di Asti, lo scorso 15 settembre. "Si tratta del provvedimento più severo adottato dal Palio di Asti per un fantino - dice il capitano del Palio Enzo Clerico - d'altra parte la gravità del fatto meritava una punizione esemplare". Il cavallo durante la corsa era inciampato nel canapo, battendo la testa nella caduta e disarcionando il fantino.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Ricceri

Messaggio  jabru il Lun Ott 07, 2013 5:18 pm

Ricceri: "La cavalla che alleno ha partecipato all'Arc de Triomphe"
di Laura Valdesi

Il fantino, vincitore di due Carriere, racconta la sua emozione sfilando a Longchamp

In Francia anche tanti selvaioli, Andrea Mari e Aceto

Siena, 6 ottobre 2013 — «Sì, è tutto vero. Ho presentato uno dei cavalli che partecipavano all’Arc de Triomphe, all’ippodromo di Longchamp a Parigi. Un regalo bellissimo, per di più nel giorno del mio 38esimo compleanno». C’erano anche tanti amici senesi e della Selva a festeggiare l’evento con Alberto Ricceri, in arte Salasso, due Palii vinti. Che dopo il trasferimento in Francia, a Chantilly, sta riscuotendo particolare apprezzamento per il lavoro svolto come allenatore presso la scuderia di Andrè Fabre, uno dei nomi più importanti a livello mondiale.
«Uno dei diciotto partenti era Pirika», spiega il fantino, poco dopo il Prix vinto da Treve. Una purosangue dalle grandi qualità ma con un caratterino che soltanto ‘l’uomo che sussurra ai cavalli’, è riuscito a dominare. Al punto che già aveva vinto una corsa con un premio altissimo a maggio, guadagnandosi l’Arc de Triomphe domenica 6 ottobre.
Quando ti hanno detto che avrebbe partecipato ad una delle corse più importanti del pianeta?
«Quattro giorni fa, una sorpresona. E’ arrivata nel gruppo ma la soddisfazione per me resta stellare. Se penso che sono l’ultimo arrivato... Qui sono contentissimo, mi vogliono bene e mi stanno dando l’opportunità di dimostrare quanto valgo. Da oggi abbiamo anche un appartamento tutto nostro e mio figlio ha iniziato a frequentare la prima elementare».
Che effetto fa sfilare in un’occasione del genere, si tratta di una manifestazione ippica molto esclusiva.
«Non so neppure dirtelo... Ero vestito di scuro, cravatta dorata. Davanti ad un parterre di quella levatura, c’era tantissima gente, chiunque si emoziona. E’ stato così anche per me».
C’erano la tua compagna Loretta e tuo figlio Andrea, oltre a tanti amici senesi.
«Quando stavo al tondino mi sono sentito chiamare: ‘Alberto, Alberto!’ Sono venuti alcuni ragazzi della Selva e la sera prima ho viasto il mio collega e amico Andrea Mari. Sta benissimo, è tornato in forma splendida dopo l’infortunio del Palio di luglio. In questi giorni ho incontrato anche Aceto».
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tittia premiato in Sardegna

Messaggio  jabru il Lun Ott 14, 2013 7:24 pm

Tittia premiato dal presidente della Sardegna: "Sei il simbolo del nostro coraggio"
di Laura Valdesi

Ha ricevuto la "Spiga d'oro" come personaggio dell'anno per le due vittorie nel Palio

Atzeni: "Emozione speciale". Con lui anche i guardafantini dell'Onda

Siena, 12 ottobre 2013 — «Essere festeggiati nella propria terra è bellissimo. Dà una sensazione particolare, che ti entra dentro». E’ ancora emozionato Giovanni Atzeni, in arte Tittia, per quella cerimonia che sabato pomeriggio l’ha visto incoronare a Nurri, paese dove è cresciuto e in cui vive la sua famiglia, «Personaggio dell’anno 2013». Per merito di quel ‘cappotto’ personale nei Palii 2013 che ha fatto esultare prima l’Oca e poi l’Onda, gli è stato assegnato dai Comuni dei sentieri del grano il premio ‘La spiga d’oro’, un riconoscimento destinato a un cittadino che si è distinto nel settore culturale, scientifico, turistico, civico, socioeconomico, politico. E Tittia, ecco la motivazione, ha dato «lustro ed onore alla sua comunità e al territorio, esprimendo tenacia, caparbietà e forza di volontà, tipiche della gente dei paesi» del circondario.

Presente anche il presidente della Regione Sardegna Ugo Cappellacci. «Con le sue vittorie Giovanni Atzeni ha riempito di orgoglio il cuore dei sardi», ha detto aggiungendo: «Tutte le volte che andrai a correre afferma l’orgoglio dei sardi, della tua terra, del tuo popolo. Sarà un aiuto per tutti noi, un messaggio simbolico di coraggio per i sardi che tutti i giorni affrontano un momento difficile della nostra storia, con dignità e determinazione».
«Parole bellissime — ha spiegato Tittia —, l’ho ringraziato, così come i sindaci che mi hanno conferito il riconoscimento. Ero veramente emozionato, c’era ovviamente tutta la mia famiglia presente».
Più tardi, poi, festa grande e ricca di sorprese fino a tarda notte, sempre a Nurri. Dove ad accompagnare il loro ‘eroe’ c’erano anche i guardafantini dell’Onda.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Andrea Mari

Messaggio  jabru il Gio Nov 07, 2013 6:53 pm

"Rapporti ottimi, in Vallerozzi non mi resta che vincere..."
06/11/13 - 12:46
E' tornato a sorridere e soprattutto a montare a cavallo dopo l'infortunio nel Palio del 2 luglio scorso. Andrea Mari il popolare fantino reduce da una lunga degenza e dalla riabilitazione ha potuto riprendere ad allenarsi per tornare in forma il prima possibile. "Per l'inizio della prossima stagione di corse voglio essere al pari dei miei colleghi - ha dichiarato ai microfoni di Antenna Radio Esse - farò le corse in provincia, poi Legnano e soprattutto penso al Palio di Siena che purtroppo ad agosto ho visto in tv. Sono a Punta Ala e monto 3 cavalli in una situazione ideale per chi come me deve recuperare da un infortunio. Sono felice di aver ripreso a fare attività fisica a quattro mesi dalla caduta, il 2 luglio mi dissero che l'infortunio era molto serio ma grazie al professore che mi ha operato e a chi mi ha seguito nella riabilitazione ora sto bene, posso riprendere a fare il mio lavoro e non ho dolore". Nell'intervista su Are Brio ha parlato anche del legame con la contrada della Lupa: "Siamo rimasti in ottimi rapporti, in Vallerozzi non mi resta che vincere..." ha detto Andrea Mari che ha poi parlato anche del ricorso presentato contro la richiesta dell'assessore al Palio di ammonizione per cambio di posto. "E' una decisione che non ha senso, io ho cambiato posto perchè venivo disturbato dall'avversaria, quindi bisogna valutare i motivi altrimenti non ha senso. Ho presentato le mie discolpe e spero che mi tolgano l'ammonizione, altrimenti pazienza. Spero che rivedano anche la posizione di Gigi, le motivazioni della squalifica non le condivido. E' un grande fantino che spero sia presente in piazza perchè a me gli avversari piace affrontarli".
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Fantino in go-kart

Messaggio  jabru il Mer Nov 13, 2013 8:27 pm

Fantini in go kart per beneficenza

Da Aceto a Trecciolino passando per Bastiano e Tittia: 23 fantini e con loro i dirigenti delle 17 contrade di Siena scenderanno in pista sabato 23 e domenica 24 novembre nella pista di go kart a Castelnuovo Berardenga scalo per un evento che coniugherà il piacere di stare insieme e offrire un bello spettacolo. Per una volta i fantini si metteranno alla guida di go kart in una vera e propria competizione che alla fine dei due giorni darà il suo vincitore. Una due giorni da vivere in allegria nella speranza che tanti senesi siano attirati dall’evento. Torna anche la sponsorizzazione del Monte dei Paschi, a detta degli organizzatori un “simbolo importante della fiducia che speriamo di ritrovare per vivere un futuro positivo”. Il ricavato della manifestazione sarà devoluto alla Lilt per la lotta contro i tumori, per la grande soddisfazione del presidente della LegaTumori senese Franco Nobile.
SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Bighino: punizione esagerata

Messaggio  jabru il Mar Nov 19, 2013 8:29 pm

Bighino: "Punizione esagerata. Non ho infranto le regole del Palio"
Bighino rompe il silenzio dopo i due Palii di squalifica. "Ma ho già ingaggi per tutti gli altri appuntamenti e otto mezzosangue a scuderia", rilancia

di LAURA VALDESI

Siena, 19 novembre 2013 - «Due ammonizioni potevano anche starci. Ma che venga inflitto, a dritto, un Palio di squalifica per come mi sono comportato fra i canapi, questo proprio non lo digerisco. Anzi, dirò di più. E’ un’ingiustizia bella e buona. Un’esagerazione». Valter Pusceddu, divenuto da poche ore papà per la seconda volta, nonostante il lieto evento non riesce a cancellare l’amarezza (e la rabbia) per le due Carriere di stop imposte dalla giunta comunale che non ha accolto il suo ricorso per Provenzano. «Un danno enorme per chi, come me, fa il fantino. Perché sia chiaro che non ho mai creato situazioni per fermare la rincorsa, non ho danneggiato alcuna Contrada. Non ho nerbato nessuno nelle fasi della partenza. E’ chiaro, c’era la rivale che in qualche modo va considerata tale fra i canapi. Ma l’esistenza delle avversarie è da sempre, le ho trovate quando ho iniziato a fare questo mestiere, non le ho certo inventate», si sfoga.
Insomma, proprio non ti va giù?
«Cambiavo posizione? Dammi allora un’ammonizione... ma un Palio fuori... a dritto. Non ci sta. Basta rivedere i filmati per rendersi conto che non racconto barzellette. Mi viene contestato che esistono regole della Festa da rispettare: ebbene, ho cercato di onorare il giubbetto stando alle regole. Non c’è stata persona che, dall’esterno, guardando cosa è avvenuto fra i canapi, abbia stigmatizzato il mio comportamento. Anzi, la considerazione unanime è che quello di luglio è stato, a tutto tondo, un ‘bel’ Palio».
E sia. Le due Carriere di squalifica, ossia tutto il 2014, Pusceddu le deve mettere in conto.
«Un discreto dispetto, per quanto mi riguarda. Perché vuol dire che non si vedrà un capitano a scuderia. In compenso sarò presente a tutti gli appuntamenti fuori Siena. Ho già ingaggi per Fucecchio, Ferrara, Castiglion Fiorentino, Bientina, Feltre ed Asti. E a scuderia ci sono otto mezzosangue e 5 puri».
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Fantini d'inverno

Messaggio  jabru il Lun Nov 25, 2013 8:13 pm

NEL PALIO D'INVERNO TUTTI I FANTINI SONO IN CORSA


Siamo in pieno inverno e i cavalli all'interno delle scuderie sono sempre al prato ma non possiamo non parlare delle sanzioni decise dall'Assessore Paolo Mazzini per quanto riguarda la Carriera del 2 luglio che sono destinate a ridisegnare in maniera decisa le strategie di alcune Contrade in vista della prossima stagione paliesca. Non è un mistero, infatti , che ci sia un gruppo di Contrade che fa riferimento a Luigi Bruschelli detto Trecciolino e che, con la sua squalifica, dovranno per forza lavorare ad eventuali alternative in caso di situazione favorevole di cavallo e rivedere le loro strategie. E' chiaro che comunque bisognerà attendere le tre Contrade che verranno estratte a maggio per fare un'ulteriore valutazione globale. Il dato certo è che, almeno a luglio, Trecciolino non ci sarà e i suoi cosiddetti "avversari" fra i big cercheranno ovviamente di approfittarne. Sarà interessante vedere come rientrerà Andrea Mari dopo l'infortunio ed anche la voglia di riscatto di Jonatan Bartoletti che quest'anno, specialmente nella Carriera di Agosto, è andato molto vicino alla vittoria. Il 2014 sarà un anno importante anche per Giuseppe Zedde dopo un 2013 a Siena tutt'altro che esaltante anche se nel finale di stagione Gingillo è riuscito ad ottenere due importanti successi ad Asti e a Castel del Piano. Chi arriva ovviamente nelle migliori condizioni possibili alla nuova stagione paliesca è Giovanni Atzeni che dopo il "Cappotto" personale di quest'anno può correre con la mente sgombra e senza pressioni sapendo che sarà uno dei fantini più ambiti dalle dirigenze e che sarà il destinatario principale della classica "prima telefonata" nel dopo-Tratta. Oltre a Trecciolino, mancherà anche Valter Pusceddu che a differenza di Bruschelli dovrà saltare anche la Carriera di Agosto. Anche l'assenza di Bighino potrebbe cambiare degli equilibri soprattutto per quanto concerne quelle Contrade che avranno l'esigenza di fare un Palio più "difensivo". Proseguendo nella nostra disamina, ci attendiamo un'annata di riscatto anche da parte di Silvano Mulas dopo un 2013 anche per lui in chiaroscuro viste le indubbie qualità che tutti gli riconoscono. Purtroppo nel Palio moderno, a causa delle caratteristiche dei cavalli attuali che spesso non consentono di fare delle Carriere di rimonta, non ci si può permettere di non essere pronti in partenza ed in questo aspetto Mulas può certamente migliorare; lo stesso discorso si può estendere anche ad Alessio Migheli, un fantino che comunque è riuscito spesso a fare degli ottimi Palii di rimonta pur non riuscendo mai a cogliere la vittoria. Vedremo poi se verranno date altre possibilità di monta a fantini giovani come Sebastiano Murtas, Francesco Caria e Antonio Siri o ad altri più esperti come Luca Minisini che nel 2013 è rientrato nel "giro" dopo alcuni anni di assenza. La stagione paliesca 2014 sarà certamente molto interessante e potrebbe davvero cambiare equilibri e gerarchie all'interno del gruppo dei fantini, vedremo dunque cosa accadrà...

Francesco Zanibelli da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Fantini in Go -Kart

Messaggio  jabru il Lun Nov 25, 2013 8:21 pm

Fantini in go-kart per la Legatumori Siena
25/11/13 - 10:39

Un fine settimana solidale e divertente quello che ha visto i fanti del palio di Siena scendere sulla pista internazionale di Casetta per raccogliere fondi a favore della Legatumori senese. E' Andrea Mari detto Brio che primeggia sui suoi colleghi, secondo Giuseppe Zedde e terzo Alessandro Bartali.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Pusceddu

Messaggio  jabru il Ven Nov 29, 2013 8:15 pm

SQUALIFICATO A VITA AL PALIO DI LEGNANO, PUSCEDDU RICORRE AL TAR
News 29-11-2013


Valter Pusceddu e Comune di Legnano: continuerà in un'aula di tribunale il confronto tra il fantino senese e l'amministrazione comunale legnanese.

Infatti, dopo il secondo e definitivo grado di giudizio per i fatti del dopo-corsa 2013, con la conferma della squalifica a vita, Pusceddu ha deciso di ricorrere al Tar della Lombardia.

La decisione è stata confermata dall'avvocato senese Paolo Lorenzini, anche se il legale del fantino di Ponte a Tressa non ha voluto chiarire i termini del ricorso. Ma è logico ritenere che la richiesta sia indirizzata all'annullamento della sanzione emessa dai magistrati del Palio legnanese e a un risarcimento economico.

OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Trecciolino fantino della Selva?

Messaggio  jabru il Dom Dic 01, 2013 8:28 pm

Palio d'inverno, la Selva aspetta il ‘sì’ di Trecciolino: il ‘matrimonio’ adesso è vicinissimo
Dopo un lungo corteggiamento di capitan Targetti ecco la svolta
di Katiuscia Vaselli
Capitan Targetti aspetta la risposta di Bruschelli

Siena, 1 dicembre 2013 - MANCA SOLTANTO il ‘sì’. Per il resto, la richiesta è stata fatta in maniera ufficiale, rispettando tempi e modi. Come sempre accade quando si vuole un legame importante. C’è voluto un po’ di tempo, ci sono state riflessioni e anche dichiarazioni più o meno velate. Fatto sta che alla fine il capitano della Selva, Gianluca Targetti, ha deciso di compiere il grande passo: ha chiesto ufficialmente a Gigi Bruschelli di diventare fantino della Contrada di Vallepiatta.

Manca ancora la risposta da parte di Trecciolino ma, stando alle voci che corrono intorno alla notizia, il fantino sembrerebbe ben disposto a pronunciare il ‘sì’.

Un’idea, quella del capitano selvaiolo Targetti, che è stata portata avanti fin dalla sua elezione ma nessuno, probabilmente, avrebbe pensato a una mossa strategica come questa. L’interesse nei confronti di Trecciolino, paventato più volte dal dirigente selvaiolo, è stato infatti fin da subito una linea diversa rispetto a quelle portate avanti dalle recenti gestioni paliesche di Vallepiatta e potrebbe culminare presto, dunque, con la firma tutta personale di Targetti.

Trecciolino, è vero, sarà fuori il prossimo Palio di luglio per la squalifica dovuta alla somma di ammonizioni ma ad agosto, ‘pulito’ da ogni sanzione, tornerà sul tufo. Intanto la Selva, che il prossimo luglio correrà di diritto, potrebbe ottenere i primi effetti positivi dal legame con Trecciolino (ammesso che lui dica sì, come sembra). Perché, si sa, i rapporti tra Contrade e fantini sono tessuti con filati delicati ma sanno anche essere molto resistenti, quando da entrambe le parti c’è la volontà comune di fare bene. E se da un lato il capitano della Selva non ha mai nascosto la simpatia e la stima per Trecciolino, dall’altra Gigi Bruschelli si trova a poter giocare una carta carica di opportunità. Dettaglio che fa tutta la differenza del mondo soprattutto per l’imperatore, che del grande cervello oltre che della grande capacità di montare a cavallo, ha fatto il proprio marchio di fabbrica. Una linea, quella impostata da Targetti, che guarda quindi con grande ottimismo e positività al futuro. Soprattutto se Gigi Bruschelli accetterà la proposta di diventare fantino della Selva.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Siri

Messaggio  jabru il Sab Dic 21, 2013 9:06 pm

Siena, 20 dicembre 2013 - Oggi è giorno di confetti per Antonio Siri, in arte Amsicora, il fantino che ha corso l'ultimo Palio nel Bruco. Si unirà alla sua Daniela in Sardegna, a Bottidda, con il figlio nato da poco a fare da testimone. Siri ha aperto le porte della sua scuderia a La Nazione: i cavalli, i sogni, i nodi della Festa raccontati dal fantino.

LEGGI L'INTERVISTA NEL GIORNALE IN EDICOLA (La Nazione)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Muore in un incidente la figlia di Ercolino

Messaggio  jabru il Lun Dic 30, 2013 8:03 pm

Tragico incidente, muore a 9 anni la figlia del fantino
Stella Manzi, figlia di Ercolino, è deceduta al Bambin Gesù di Roma: l'auto su cui viaggiava travolta dalla Fiat Ka di un giovane ubriaco e drogato - di KATIUSCIA VASELLI

Siena, 30 dicembre 2013 - UNA STELLA in più illumina il cielo e ha ridato la vita a cinque bambini. Sono stati infatti donati gli organi della piccola Stella Manzi, coinvolta insieme alla madre Giannina Calissano, alla sorellina e a due fratellastri nel terribile incidente avvenuto la sera di Santo Stefano sulla Nettunense, nel tratto che attraversa il comune di Aprilia.

La tragedia si è consumata al rientro da una giornata di festa: una Fiat Ka guidata da un ventenne romeno che, come si apprenderà successivamente dai rilievi della polizia stradale di Albano, guidava senza patente, ubriaco e dopo aver fatto uso di cocaina, con un sorpasso azzardato ha invaso la corsia opposta centrando in pieno la Fiat Panda dove si trovavano Stella, i fratelli e la madre che guidava. Oltre al cagnolino di casa che è morto nell’impatto.


Tutti ricoverati nelle strutture ospedaliere più vicine, se la caveranno con qualche frattura e lievi ferite. La più grave, appena arrivati i soccorsi, è apparsa subito Stella, trasportata al Bambin Gesù ed entrata in coma irreversibile già qualche ora dopo l’incidente.
Ieri notte, la bimba è morta e i genitori, con grande lucidità e generosità, hanno autorizzato l’espianto degli organi.
Stella era figlia di Adolfo Manzi detto Ercolino, fantino che ha corso 21 Palii e ne ha vinti due (agosto 1973 nell’Aquila, con Panezio scosso e agosto 1981 nel Nicchio, su Balente de su Sassu) e che negli ultimi anni, pur lavorando ormai all’ippodromo romano delle Capannelle, non ha mai abbandonato Siena e il Palio. Ogni estate, Ercolino torna e diverse volte lo ha fatto anche con Giannina, con Stella e con gli altri figli per salutare la Piazza, i colleghi, per seguire le prove di notte e le batterie davanti all’Entrone, sempre col sorriso, sempre insieme ai vecchi compagni d’avventura con i quali ha condiviso l’amore, la passione, le fatiche dell’essere fantino sul tufo.


Adolfo e Giannina hanno dovuto dire addio alla loro piccola ma anche nella tragedia più grande hanno trovato il motivo per compiere un gesto di grande umanità, quello che farà brillare ancora di più il ricordo della loro Stella.
«E’ morta con l’allegria della vita. Destino infame» ha scritto Giannina dal letto di ospedale rispondendo ai tanti messaggi di cordoglio che hanno raggiunto la famiglia. Stella è morta, è volata via, «a tutti coloro che l’hanno conosciuta, lunedi prossimo ci saranno i funerali. Alla Parrocchia di Santa Barbara. A Capannelle». Un dolore senza misura racchiuso in frasi brevi, singhiozzi e lacrime per rispondere a una comunità intera che si è stretta intorno alla famiglia Manzi. Poi restano tante foto, una bimba piena di allegria che vedeva il mondo tinto di rosa, come i suoi vestiti, le sue bambole, la sua cameretta fotografata con orgoglio come fosse la casa di barbie. Un piccolo angelo che amava i libri, i cavalli e tutti gli animali. Tante le dirigenze delle Contrade che si sono strette al dolore di Adolfo Manzi e della famiglia.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Antonio Mulas

Messaggio  jabru il Ven Gen 03, 2014 8:13 pm

Silvano Mulas cerca il riscatto. Monterà a Buti in Pievania
Assestate le monte della prima corsa dell'anno
di Laura Valdesi


Siena, 2 gennaio 2013 - Silvano Mulas accetta la sfida di Buti per rilanciare la sua immagine uscita appannata dalle Carriere 2013. E lo fa indossando il giubbetto di Pievania, che pur avendo vinto nel 2012 non è certo sazia di successi. Anzi. Un’occasione importante, dunque, per il fantino su cui saranno puntati tutti gli occhi senesi e le strategie che inevitabilmente ruotano intorno alla (nostra) Festa. Al palio di Buti, che si corre il 19 gennaio, dovrà fare bene per mettere a tacere, da subito, le voci che insistono nell’evidenziare i suoi talloni di Achille, in primis lo spunto in partenza.


Il valzer di monte si è consumato nei mesi scorsi (in Pievania nel 2012 correva Virginio Zedde) ma qualcuno anche molto di recente. E ha fatto discutere. E’ il caso di Andrea Chessa che non indosserà il giubbetto di San Rocco, a cui aveva tolto la ‘cuffia’ lo scorso anno. Si è accasato in San Francesco. Rione, quest’ultimo, dove era però maturato un bel feeling con Roberto Filippini che, invece, è finito proprio in San Rocco. Mosse tutte da interpretare. Il fantino dell’edizione 2012 del palio di Buti per San Francesco (contrada che detiene il primato delle vittorie, ben 9), Cucinella, è stata la scelta verso cui si è orientata l’attuale ‘nonna’ della manifestazione, San Michele, che registra un unico centro, nel 1994. Saldo invece più che mai il rapporto fra Gianluca Fais e San Nicolao, a sorpresa nella Croce Angelo De Pau, assente dalla manifestazione da 20 anni. L’Ascensione punta invece su un nome conosciuto delle regolari, Gavino Sanna. Il mossiere? Dopo lo stop del 2013, ci sarà ancora Giancarlo Matteucci. Domenica 12 estrazione delle batterie, il 19 si corre.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fantini

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum