Vita nelle Contrade

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Hospice: la contrada non ti lascia mai solo

Messaggio  jabru il Gio Dic 19, 2013 9:13 pm

Hospice: le Contrade rispondono all'appello di vicinanza
Giovedì 19 Dicembre 2013 11:00
"Una struttura – per l’assessore Ferretti – da potenziare e far conoscere alla città"

Ieri pomeriggio il Magistrato delle Contrade Fabio Pacciani, alla presenza dell’assessore alla sanità e sociale Anna Ferretti e di alcuni dirigenti contradaioli ha consegnato al modulo Hospice all’interno dell’Ospedale di Comunità sito in Campansi 17 formelle raffiguranti le Contrade di Siena.

Manufatti di qualità che porteranno un pezzetto di Contrada vicino ai degenti di questa struttura. Un segno di affettuosa vicinanza con il quale le Contrade, ancora una volta, dimostrano il valore della loro unicità.

"l’Hospice è un servizio che funziona bene – ha commentato l’assessore Ferretti - grazie soprattutto alla professionalità e sensibilità del personale che vi opera. L’USL, ha molto investito in qualificazione del personale e l’associazione di volontariato Quavio lo sostiene in modo tangibile, anche con l’apporto di professionisti". "Adesso – ha proseguito – va potenziato, soprattutto con la presenza costante di un medico palliativista. Recentemente ho avuto un incontro con l’Ordine dei medici e si sono resi disponibili a mettere l’argomento all’ordine del giorno dei loro lavori. Dopo andrà individuata una sede migliore, perché anche il confort ambientale è importante".

La coordinatrice infermieristica, Simona Codevilla, ha fatto un appello accorato alle Contrade, perché, come più volte ha evidenziato: "Abbiamo bisogno di volontari per i momenti socializzazione, così importanti per la specificità dei nostri pazienti". L’Hospice sempre più come luogo di vita, come ha ribadito anche la presidente di Quavio Vanna Galli. Un percorso che necessita, sicuramente, un diverso approccio. Un processo culturale che porti ad avvalorare l’importanza di cure palliative con le quali allontanare il dolore e sostenere le persone e le famiglie che vivono questi momenti di forte difficoltà, perché compito degli Hospice è proprio sconfiggere la sofferenza, come sancito dalla L.38 del 2010.

A strutture come queste, con posti letto in base alla popolazione, vi si accede con la richiesta del medico di famiglia. Una pausa dal dolore, quello fisico dei ricoverati, ma anche dei famigliari che nei giorni del ricovero dei loro cari, oltre ad avere il sostegno della psicologa impegnata all’interno dell’Hospice, possono recuperare le forze per continuare, poi, in famiglia ad assisterli.

Tante, infatti, le testimonianze di affetto e i ringraziamenti, lasciati a memoria nel Libro d’Onore all’ingresso. Tutti meritati, viste le professionalità e la grande tenerezza del personale che ogni giorno si ritrova a condividere e assistere il tempo dei degenti.

Adesso è la città a essere chiamata, in un impegno corale con l’amministrazione, la USL e l’Ordine dei medici, a dare il suo contributo anche con un’ora di tempo da dedicare, volontariamente, a chi ne ha bisogno.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Goodmorning Palio

Messaggio  jabru il Gio Dic 19, 2013 9:28 pm

Tittia: Oca e Nicchio i 'grandi amori', ma tanti buoni rapporti
19/12/13 - 11:44
Ospite del Goodmorning di oggi il fantino Giovanni Atzeni

Completamente dedicato al palio il Goodmorning in versione natalizia di oggi. Ospiti ai nostri microfoni il il fantino che ha vinto entrambi i palii del 2013, Giovanni Atzeni detto Tittia, che ha parlato, tra le altre cose, dell'inizio della sua carriera, del rapporto privilegiato che lo lega alla contrada del Nicchio dove ha esordito e a quella dell'Oca dove si è consacrato, e il Rettore del Magistrato delle Contrade Fabio Pacciani, che ha fatto il bilancio di un anno "faticoso" come è stato il 2013 e ha parlato come, dovendo fare di necessità virtù, è cambiato il ruolo del Magistrato stesso nel rapportarsi con le istituzioni cittadine.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Collaborazione MPS e Magistrato delle Contrade

Messaggio  jabru il Ven Dic 20, 2013 7:43 pm

MPS E MAGISTRATO DELLA CONTRADE: CONTINUA LA COLLABORAZIONE Accordo su numerose iniziative per i giovani

SIENA. Banca Monte dei Paschi e il Magistrato delle Contrade rinnovano gli accordi di collaborazione. Come si ricorderà, i due enti collaborano, da diversi anni, nell’opera di valorizzazione e recupero dell’ingente patrimonio artistico e culturale delle contrade ed alla valorizzazione del Palio e delle sue tradizioni, oltreché preservare e sviluppare la funzione sociale da sempre svolta dalle Contrade stesse. Nel nuovo accordo hanno convenuto che tale collaborazione in futuro dovrà realizzarsi maggiormente in un’ottica di incentivazione di tale ruolo sociale, in particolare a favore delle nuove generazioni. Una serie di iniziative tali da sostenere gli obbiettivi individuati e dare rilievo pubblico a questa proficua collaborazione riguardano
Borsa di studio Intercultura per un periodo scolastico di scuola superiore all’estero.
Due stages, uno interno alla Banca ed uno esterno, in realtà ad essa collegata.
Una borsa di studio per un periodo da definire presso una prestigiosa università (alunnato).
L’installazione di postazioni wi-fi nelle contrade che ne facciano richiesta ad eccezione di quelle che già dispongono di tale servizio.
Concorso per cortometraggi destinati a valorizzare la vita di contrada.
Corsi di educazione economico-finanziaria
Le iniziative sopra elencate e le eventuali altre che, in tale ambito, verranno implementate, saranno realizzate dal Magistrato delle Contrade, in stretta collaborazione con le singole Contrade e con la Banca, la quale si impegna a sostenerne la loro realizzazione nel corso del 2014. Tale intervento è da intendersi a integrazione del Protettorato che la Banca nel corso dell’anno corrisponderà alle Contrade stesse. I progetti sopra elencati potranno essere realizzati anche in collaborazione con partner diversi, di volta in volta individuati.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Il Nicchio ha il nuovo capitano

Messaggio  jabru il Dom Dic 22, 2013 8:55 pm

STEFANO CAMBIAGGI È IL NUOVO CAPITANO DEL NICCHIO
News 22-12-2013


Anche la Contrada del Nicchio ha un nuovo capitano: il notaio Stefano Cambiaggi è stato eletto a larga maggioranza (oltre l'80% dei consensi) e prende il posto di Mario Corbelli
OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tempo di elezioni

Messaggio  jabru il Lun Dic 23, 2013 8:06 pm

"Mettersi a disposizione della Contrada significa mettersi a disposizione della città"
Laura Bonelli è stata confermata priore del Drago, Stefano Morandini resta onorando della Pantera. Tutti gli eletti
di Laura Valdesi

Siena, 22 dicembre 2013 — Laura Bonelli è stata confermata priore del Drago che guiderà dunque anche nel prossimo biennio. Cambia invece il capitano che sarà il cardiochirurgo Fabio Miraldi (leggi l’intervista nel giornale in edicola). Restano invariati i vicari, da quello generale, Walter Benocci, ai provicari Massimo Cerretani, Alberto Nastasi e Luigi Sani. Cambia invece il presidente di Società che è adesso Antonio Benocci.


«Mettersi oggi a disposizione della propria Contrada significa anche mettersi a disposizione della città che si deve riprendere. Il Magistrato guidato da Fabio Pacciani, che riunisce i priori — sottolinea Laura Bonelli ringraziando i dragaioli per la rinnovata fiducia — non si occupa certo solo di Palio ma anche della cultura senese e sta ricevendo un buon ascolto da parte del Comune. Ogni risorsa all’interno delle Contrade è dunque preziosa per sostenere e spingere verso il rilancio Siena».


Spirito che è condiviso da Stefano Morandini, anch’egli confermato onorando di Stalloreggi con l’85,6% dei consensi. Vicario resta Pasquale Colella, pro vicario alle finanze Franco Vaselli, al protettorato Claudio Guasparri, Luisa Sampieri alle pubbliche relazioni e Sandra Rossi pro-vicario all’organizzazione.
Confermato a larghissima maggioranza il presidente di Società Andrea Chiaroni: 90,5% dei consensi. Nuovo il capitano, Marco Antichi (leggi l’intervista nel giornale in edicola).

Adesso tocca al Leocorno, l'11 e il 12 gennaio, eleggere il nuovo capitano Bruno Mazzuoli e il priore, anch'esso nuovo, Massimo Bari.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La Pantera ha eletto il capitano

Messaggio  jabru il Lun Dic 23, 2013 8:15 pm

MARCO ANTICHI ELETTO CAPITANO DELLA PANTERA
News 23-12-2013


La contrada della Pantera ha scelto il suo capitano: Stalloreggi si affida al 50enne Marco Antichi, eletto con oltre il 70% dei consensi. Il successore di Riccardo Lenzi è consulente direzionale con una grande passione per i cavalli
OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Riconfermato il priore della Pantera

Messaggio  jabru il Gio Gen 09, 2014 8:41 pm

Morandini, “Avanti tutta
con il pieno appoggio
dei contradaioli”Il riconfermato priore della Pantera parla del futuro in Stalloreggi. “Ci sono tanti progetti da realizzare e l’entusiasmo non manca” ALARICO ROSSI09/Gennaio/2014 - 15:41Morandini, “Avanti tutta
con il pieno appoggio
dei contradaioli”AAAQUAL È IL TUO STATO D'ANIMO?Triste0Stupito0Allegro0Arrabbiato0ARTICOLI
CORRELATI
SIENA Il Palio d'inverno, Marco Antonio Lorenzini eletto capitano dell'AquilaIl Palio d'inverno, Marco Antonio Lorenzini eletto capitano dell'AquilaIl fine settimana appena passato (sabato 14 e domenica 15 dicembre) ha visto due contrade andare alle urne per eleggere ...Mari: "Istriceddu per sempre nel mio cuore, con lui lavittoria più bella"Mari: "Istriceddu per sempre nel mio cuore, con lui lavittoria più bella"“Patti chiari, amicizia lunga” così inizia l’intervista ad Andrea Mari, ancora a riposo forzato dopo la brutta caduta ...La favola di Tittia, quella grande forza che gli dona il giubbettoLa favola di Tittia, quella grande forza che gli dona il giubbettoSarà il magico giubbetto di Fontebranda, oppure non si sa cosa. Il fantino sardo-tedesco Giovanni Atzeni ha vinto il ...
TAGS
morandini, pantera


Ottimista per natura, Stefano Morandini ha vinto la sua seconda partita delle elezioni da priore della Pantera. Un grande consenso quello ricevuto dal confermato priore di Stalloreggi, un ottantasei per cento che parla da solo, soprattutto se sommato allo stesso simile consenso che ha ricevuto in media tutto il seggio. Per questo il commento di Stefano Morandini riguardo alle elezioni è di quelli che più positivi non si può.

Quale è il giudizio su questa elezione? "Il commento è positivo: sui 271 votanti che per noi è quasi un record ho ottenuto l'86 e tutto il seggio ha superato l'80 percento. E' un risultato che ho preso come positivo, dopo un mandato non è male. Questo alto consenso spero abbia dato un modo nuovo di vivere la contrada, di trovare nella contrada vedute univoche, senza divisioni e senza attriti. A me questo ha fatto piacere, a parte il personale, soprattutto per tutto il seggio. Speriamo di iniziare una fase in cui tutti si rimettono a remare dalla stessa parte, soprattutto vedo la gente entusiasta di ripartire. Ci sono tre provicari nuovi su quattro e tutti hanno entusiasmo, il risultato delle elezioni l'ho preso come un segnale positivo. Spero sia un inizio".
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

I cento anni di Remigio Fanetti, violinista lupaiolo

Messaggio  jabru il Ven Feb 07, 2014 9:08 pm

Il violinista del Maggio compie 100 anni
Remigio fanetti, lupaiolo, ha festeggiato con Contrada e Accademia dei Rozzi l'evento Laura Valdesi

Siena, 6 febbraio 2014 - «Una fortuna, quella di arrivare a cento anni. Che ho accettato volentieri!» Volge poi lo sguardo verso il panorama, spaziando dall’ex San Niccolò alla Torre del Mangia. Un piccolo piacere della vita, quella vista che si gode dalla terrazza della casa nel Vicolo dell’Oro dove Remigio Fanetti raccoglie ricordi e affetti. Basta che la moglie, Teresita (per tutti Rita) Toninelli, ondaiola nata nella casa di Giovanni Duprè, apra un cassetto ed ecco che spuntano fotografie in bianconero del musicista. Sì, perché questo centenario a cui l’età ‘biologica’ pare essersi fermata venti anni prima, è nipote di uno dei migliori violinisti di Siena. «Fu lo zio ad indirizzarmi verso questo settore — va indietro con la memoria — , tanto che ho poi studiato in conservatorio a Firenze entrando quindi nell’Orchestra del Maggio. Sono rimasto una decina di anni, poi ho voltato pagina senza comunque mai dimenticare la passione per le note». Remigio Fanetti, infatti, decise di aprire in Piazza d’Armi un’attività di elettrauto, insieme al fratello, divenendone amministratore.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La Torre ricorda Artemio Franchi

Messaggio  jabru il Dom Feb 09, 2014 8:25 pm


Giovedì 20 febbraio, alle ore 18, nella Sede museale verrà presentato il libro di Antonella Leoncini “Per Artemio Franchi. Un genio del calcio con il Palio nel sangue” edito da Chianti Banca e Betti Editore. Dopo i saluti del Priore Sergio Ceccuzzi interverranno Luca Bruni (Collegio dei Maggiorenti della Contrada della Torre), Claudio Corsi (Presidente di Chianti Banca), Francesco Ghirelli e il giornalista Franco Morabito. La presentazione sarà coordinata da Massimo Bianchi (Università di Siena). Saranno presenti l'autrice e Francesco Franchi, presidente della Fondazione "Artemio Franchi". A seguire cena con proiezione diimmagini, filmati, testimonianze. Il programma è disponibile online nel sitowww. contrada della torre.it
corrieredisiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Cordiglio per la morte di Piero D'Inzeo

Messaggio  jabru il Ven Feb 14, 2014 8:39 pm

La scomparsa di Piero D'Inzeo, il cordoglio del sindaco Bruno Valentini
Venerdì 14 Febbraio 2014 13:11 Per cinque Palii, quelli corsi dal 1986 al 1987, è stato mossiere del Palio di Siena

"Con la morte di Piero D’Inzeo – ha commentato il sindaco Bruno Valentini - scompare un campione dell’equitazione. Un grandissimo atleta. Sei le medaglie vinte alle Olimpiadi, e un palmarès ricco di prestigiosi successi. Un gentleman in divisa, come veniva definito, e come lo ricorda la città che, per cinque Palii, quelli corsi dal 1986 al 1987, lo ha visto sul Verrocchio.

Le più sentite condoglianze, mie, dell’amministrazione comunale e della città tutta, dove ha lasciato in ricordo la sua professionalità".
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Piero D'Inzeo leggenda dell'ippica

Messaggio  jabru il Ven Feb 14, 2014 8:45 pm

MORTO PIERO D'INZEO, LEGGENDA DELL'IPPICA ITALIANA E MOSSIERE DEL PALIO
News 14-02-2014




A pochi mesi di distanza dal fratello Raimondo, all'età di 90 anni, è morto Piero D'Inzeo, una vera e propria “leggenda” dell'ippica italiana. Nato a Roma e di famiglia molisana, è stato il cavaliere che con 7 successi ha vinto più di ogni altro il concorso ippico internazionale di Piazza di Siena. Nel suo curriculum sono da annoverare 8 partecipazioni ai Giochi Olimpici con 2 argenti e 4 bronzi conquistati. La medaglia più importante fu probabilmente l'argento conquistato con il cavallo The Rock alle Olimpiadi di Roma del 1960 quando il fratello Raimondo vinse l'oro. A Siena lo ricordiamo mossiere nelle carriere del 1986 e del 1987. Fu il mossiere della Carriera da molti considerata come la più bella del Novecento ossia quella del 13 settembre 1986 vinta dal Valdimontone con Giuseppe Pes detto il Pesse su Brandano. Piero D'Inzeo è stato infine maestro dell'ex mossiere Natale Chiaudani e di altri famosi cavallerizzi.

Francesco Zanibelli da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Il colonnello Reitano lascia

Messaggio  jabru il Ven Feb 14, 2014 8:50 pm

Il Colonnello Reitano lascia la commissione veterinaria
14/02/14 - 15:55Dopo ben 14 anni passati ad occuparsi dei cavalli di Piazza il Colonnello Marco Reitano lascia la commissione veterinaria comunale. E con lui va in archivio una parte importante della recente storia del palio, perchè il colonnello è stato protagonista di passaggi importanti come l'utilizzo dei mezzosangue e l'affinamento del circuito delle corse in provincia per l'addestramento dei cavalli.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Morto Giuliano Ghelli

Messaggio  jabru il Sab Feb 15, 2014 8:55 pm

5/02/2014 12:29MORTO GIULIANO GHELLI: DIPINSE IL PALIO DEL 2009 Pittore surrealista degli oggetti volanti

FIRENZE. E' morto la notte scorsa, nella sua casa di San Casciano Val di Pesa, il pittore Giuliano Ghelli. Avrebbe compiuto 70 anni il prossimo maggio. Ghelli ha avuto una prolifica carriera artistica iniziata negli anni '60 con le prime esposizioni in Italia e poi negli anni '70 con le prime performance all'estero, tra cui Parigi, Lussemburgo, New York, Los Angeles. La sua pittura guarda all'Informale, ma Ghelli ebbe contatti anche con la corrente surrealista: celebri i suoi oggetti 'volanti' che compaiono sempre nelle sue opere, come la busta da lettere, l'arcobaleno, i bastoni bianchi e rossi. Nel 1989 un suo acquerello viene pubblicato sul LAV Journal di Los Angeles e l'anno successivo, dopo l'incontro con Carlo Pedretti, direttore dell'Harmand Hammer Institute for Leonardo Studies di Los Angeles, prende avvio il ciclo pittorico ispirato a Leonardo da Vinci che si apre con la pubblicazione di una cartella di acqueforti e acquetinte intitolata 'Aqua Fortis'. Un percorso che culminera' nel 1992 con una grande mostra al Castello Sforzesco di Milano. Nel 2000 e' uno dei vincitori del concorso indetto dalla Fondazione Collodi per la realizzazione di un grande murale su Pinocchio. Nello stesso anno e' presente con una personale a Sidney durante le manifestazione per i Giochi Olimpici. Nel 2002 a Firenze e Pietrasanta per la prima volta vengono presentati al pubblico i suoi busti dell'"Esercito di terracotta", un 'best seller' della sua produzione che nel 2008 culminera' in una grande mostra a Palazzo Medici Riccardi a Firenze. Nel 2007 viene costituita la Fondazione Giuliano Ghelli a Poppi (Arezzo) dove c'e' una antologica permanente. Dipinse nel 2009 il drappellone del Palio di Siena dedicato a San Bernardo Tolomei. Nel 2011 conclude il cantiere d'arte del Museo Piaggio di Pontedera con una sua mostra. Tra le oltre 100 personali della sua carriera, anche quelle di Miami, Potsmouth, Furnes (Belgio), Francoforte, Tokyo, Mosca. Ghelli ha lavorato anche a importanti progetti e committenze di Mercedes Benz, Toyota, Premio Milano per la Moda, Premio Maestri del cinema di Fiesole.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Morto il pittore del Drappellone della Civetta

Messaggio  jabru il Sab Feb 15, 2014 8:57 pm

Morto Ghelli: dipinse il Palio storico vinto dalla Civetta
Il suo Drappellone pop era piaciuto molto

Siena, 15 febbraio 2014 - E’ morto la notte scorsa, nella sua casa di San Casciano Val di Pesa, il pittore Giuliano Ghelli. Avrebbe compiuto 70 anni il prossimo maggio. Dal 2013 era commendatore della Repubblica Italiana.  Ghelli ha avuto una prolifica carriera artistica iniziata negli anni ‘60 con le prime esposizioni in Italia e poi negli anni ‘70 con le prime performance all’estero, tra cui Parigi, Lussemburgo, New York, Los Angeles. La sua pittura guarda all’ Informale, ma Ghelli ebbe contatti anche con la corrente surrealista: celebri i suoi oggetti ‘volanti’ che compaiono sempre nelle sue opere, come la busta da lettere, l’arcobaleno, i bastoni bianchi e rossi.

Aveva dipinto anche il Palio dell'Assunta 2009 vinto dalla Civetta. Un Drappellone storico.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La Morte di Alessandro Falassi - La condoglianze del sindaco

Messaggio  jabru il Gio Feb 20, 2014 8:38 pm

Le condoglianze del sindaco Valentini per la morte del professor Falassi

<<Con la scomparsa di Alessandro Falassi – ha detto il sindaco Bruno Valentini – Siena ha perso una parte di sé. Intellettuale raffinato, uomo e contradaiolo sensibile, attento all’evoluzione dei tempi. Il professor Falassi negli anni ha ricoperto ruoli di prestigio a livello nazionale e internazionale. Innumerevoli le pubblicazioni con le quali, in maniera unica, è riuscito a raccontare la storia della nostra Città e della sua grande Festa>>.
<<Se milioni di persone nel mondo – ha proseguito Valentini – sono riusciti a comprendere la vera essenza del Palio lo dobbiamo sicuramente a lui, alla sua instancabile generosità nel lasciare il proprio contributo, nel voler condividere il suo grande sapere. Pregevole l’impegno profuso, negli anni, per il Comune di Siena. Un mecenate della cultura, una persona di grande profilo che tutti noi rimpiangeremo e di cui ne sentiremo la mancanza. In questo momento di grande dolore sono vicino alla famiglia alla quale, insieme all’amministrazione comunale, e alla città tutta, esprimo le mie più sentite condoglianze>>.
SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Ricordo di Alessandro Falassi

Messaggio  jabru il Gio Feb 20, 2014 8:41 pm

IL PROFESSOR FALASSI MI HA INSEGNATO AD AMARE IL PALIO E LA CITTÀ DI SIENA
News 20-02-2014


Erano i primi giorni del luglio 1991 e mio fratello, reduce da una vacanza a Siena, tra le tante cose mi portò un libro che mi colpì già dal titolo "La terra in piazza".

Lo divorai in una notte e poco più, tenendolo sempre sul comodino e nella libreria, ancora desolatamente vuota, nei mesi successivi.

Ancora non ero mai venuto a Siena, il Palio era un sogno a colori che pareva irraggiungibile, ma il "tarlo" destinato a rapirmi anima, cuore e mente si stava già facendo strada dentro me.

Presi il coraggio a quattro mani e cercai l’indirizzo del Professor Falassi, avevo bisogno di contattarlo, di scrivergli, di parlargli perché quel libro mi era entrato dentro con la sua capacità incredibile di coinvolgermi in ogni dettaglio, era come aprire una matrioska più leggevo e rileggevo e più ne volevo sapere.

Con mia somma sorpresa, dopo pochi giorni, arrivò la risposta tanto attesa ed insieme ad essa una copia di un altro libro del Professore, ora nella libreria c’erano due libri del medesimo autore e la passione prendeva sempre più piede diventando quasi un’ossessione.

Nella lettera, che conservo ancora, il Professore si disse stupito della mia storia di non senese appassionato e mi esortò, quasi incoraggiò, a venire a Siena per conoscere meglio la Festa e tutto ciò che vi ruotava intorno.

Per anni "La terra in piazza" è stato il mio punto di riferimento quella che ho sempre definito la "mia" bibbia paliesca, il libro che ha dato lo spunto e l’ispirazione a tutto il resto venuto fuori negli anni successivi.

Alessandro Falassi, di conseguenza, è stato per me un maestro, una delle persone da cui ho imparato di più, mi sentivo onorato della sua attenzione anche quando in occasione dell’uscita del secondo volume di "Con la rivale in Campo" sorse un piccolo dissidio tra noi.

Erano anni difficili nella rivalità tra Istrice e Lupa, il capitolo riferito a questa inimicizia fu sottoposto al giudizio ed alla supervisione del Professore.

Non ci trovammo d’accordo su alcuni punti ma il rispetto verso il nostro autorevole interlocutore e la delicatezza del momento ci indusse a cambiare gran parte dell’impostazione del capitolo, cosa non affatto agevole a pochi giorni dalla pubblicazione.

Ero amareggiato e mi sentii quasi chiamato in causa quando, qualche tempo dopo, in un librettino satirico il Professore ironizzava, a ben donde, sui cosiddetti "Benedetti ospiti", suddividendoli in varie categorie tra cui quelli che imparavano tutto a memoria per snocciolare dati stile "Lascia o raddoppia".

L’equivoco durò poco e già al successivo Palio incontrai il Professor Falassi in una trasmissione televisiva in cui avemmo modo di parlare dell’argomento che amavamo di più e che ci univa in un rapporto di infinita stima...

Mi piace ricordarlo così, nella sua immensa disponibilità di studioso illuminato nei confronti di un ragazzo non senese innamoratosi, grazie al suo capolavoro, di Siena, delle Contrade e del Palio.

Roberto Filiani da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Alessandro Falassi

Messaggio  jabru il Gio Feb 20, 2014 8:51 pm

20/02/2014 11:05 SI È SPENTO ALESSANDRO FALASSI L'ex priore dell'Istrice era malato da tempo. Il cordoglio delle istituzioni

SIENA. E' morto ieri sera (19 febbraio) dopo una malattia Alessandro Falassi, ex-priore dell'Istrice, antropologo e studioso. Ha insegnato dal 1992 all'Università per stranieri di Siena, come docente di materie demo-etno-antropologiche dal 1980, è stato direttore dell’ istituzione dal 1985 al 1992. Ha insegnato all'Università di Urbino. University of California, Berkeley. University of California, Los Angeles. Semester Abroad in Siena, University of Colorado and University of Texas. Semester at Sea .Tours around the world of University of Colorado and University of Pittsburgh. Scuola di Lingua e Cultura Italiana per Stranieri.
Ha ricevuto il Mangia d’Oro della città di Siena nel 1991.
Per la sua attività di docente ha ricevuto l’attestato di benemerenza civica dello stato della California.
Membro dell’ Accademia degli Intronati, dell’American Anthropological Association e dell’American Folklore Society, Folklore Fellow dell’Accademia delle Scienze Finlandese. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni, tra cui La Terra in Piazza. An Interpretation of the Palio of Siena. Berkeley and Los Angeles: the University of California Press (con Alan Dundes). La Santa dell’ Oca. Vita, morte e miracoli di Caterina da Siena. Milano, Mondadori. En la Mesa con Rossini. Barcelona,Galaxia Gutemberg. Italian Folklore: an Annotated Bibliography. New York: Garland. Tradizioni italiane.Codici, percorsi e linguaggi.

L’Università per Stranieri di Siena piange la scomparsa di Alessandro Falassi, insigne docente di materie demo-etno-antropologiche. Fortemente impegnato nelle attività di ricerca e nella didattica, ha dato un contributo importantissimo agli studi sul Palio e sulle feste popolari, alla cultura enogastronomica, al recupero delle tradizioni. Amatissimo in Città, amava Siena in modo appassionato. L’Università per Stranieri di Siena deve molto a Alessandro Falassi, che ha contribuito fortemente alla sua nuova identità nel profondo legame con le sue radici originarie, che affondano nella tradizionale identità cittadina. Alessandro, cittadino di Siena, era cittadino del mondo, aperto alle novità, fine interprete dei processi culturali, studioso di altissima qualità, generoso amico di tutti noi.
Con la scomparsa di Alessandro Falassi – ha detto il sindaco Bruno Valentini - Siena ha perso una parte di sé. Intellettuale raffinato, uomo e contradaiolo sensibile, attento all’evoluzione dei tempi. Il professor Falassi negli anni ha ricoperto ruoli di prestigio a livello nazionale e internazionale. Innumerevoli le pubblicazioni con le quali, in maniera unica, è riuscito a raccontare la storia della nostra Città e della sua grande Festa. Se milioni di persone nel mondo - ha proseguito Valentini - sono riusciti a comprendere la vera essenza del Palio lo dobbiamo sicuramente a lui, alla sua instancabile generosità nel lasciare il proprio contributo, nel voler condividere il suo grande sapere. Pregevole l’impegno profuso, negli anni, per il Comune di Siena. Un mecenate della cultura, una persona di grande profilo che tutti noi rimpiangeremo e di cui ne sentiremo la mancanza. In questo momento di grande dolore sono vicino alla famiglia alla quale, insiemeall’amministrazione comunale, e alla città tutta, esprimo le mie più sentite condoglianze.

Il Gruppo Stampa Autonomo Siena esprime il proprio cordoglio per la scomparsa del Professor Alessandro Falassi, antropologo di fama internazionale e docente dell'Università per stranieri di Siena oltre che uomo di grande cultura e che non ha mai fatto mancare il suo impegno alla Sua Contrada e a Siena tutta. In noi sarà sempre indelebile il ricordo di tutto quello che il Professore ci hai dato.

Il rettore dell’Università di Siena, Angelo Riccaboni, a nome personale e di tutto l’Ateneo, esprime profondo cordoglio per la morte di Alessandro Falassi. Studioso e intellettuale di caratura internazionale, ha portato nel mondo la cultura italiana, soprattutto attraverso la sua attenta e acuta lettura di Siena. I suoi libri, tradotti all’estero, sono considerati opere fondamentali negli studi antropologici e delle tradizioni popolari medievali. Con i suoi studi si è confrontato con gli ambienti accademici in Italia e all’estero, ed è stato anche capace di conquistarsi l’interesse di un vasto pubblico di lettori. Illustre cittadino di Siena, mancherà molto alla città.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Contradaioli in pista

Messaggio  jabru il Ven Feb 28, 2014 8:33 pm

28/02/2014 15:42 CONTRADE IN PISTA PER IL TRADIZIONALE SLALOM La premiazione il 9 marzo alla Pania
SIENA. Domenica prossima (2 marzo) sulla Pista Roccione della Val di Luce, si svolgerà la gara di sci tra Società di Contrada “Per Slalom e per Amore”. Giunta all'invidiabile traguardo della ventesima edizione, quest'anno vedrà al via oltre 130 partecipanti in rappresentanza di tredici Società di Contrada. In un momento in cui tutto il mondo dello sci e con esso anche le varie competizioni, registra forti flessioni, ancora una volta viene sancito il successo ed il gradimento di questa manifestazione, organizzata da sempre dallo Sci Club Siena, presieduto per la prima volta da Franco Maggiorelli che è succeduto ad Andrea Santini che lo guidato per oltre trenta anni. Verrà stilata la classifica individuale per categoria e per Società. Premi speciali anche per le società che avranno totalizzato i migliori punteggi nella classifica di “Barberi in Pista” riservata ai concorrenti più piccoli. Il lavoro d'equipe, coordinato dal nuovo Presidente, si è concretizzato con questo successo e con le altre attività dello Sci Club, prima fra tutti quella dei corsi per bambini sull'Amiata, curata in prima persona dal Vice Presidente Maris Fabbrini. La premiazione avrà luogo presso i locali della Società Pania (g.c.) Domenica 9 Marzo.
Di seguito l'ordine di partenza.
Alba: 8 NASONI SARA; 11 GIOVANI SARA; 12 NASONI DARIO; 16 DI PAOLA GABRIELE; 19 AVETTA CARLO; 27 TRAPASSI SILVIA; 37 PASSERI SERENA; 40 LANDOZZI GINEVRA; 41 NASONI DUCCIO; 50 DRAGONI PIETRO; 57 CENCIONI FABRIZIO; 60 FANETTI PIERLUCA; 65 FALERI MASSIMO; 72 CINELLI FRANCESCA; 80 RIDOLFI CLAUDIO; 87 NASONI MAURIZIO; 95 FOSI GIANNI; 105 LOTTI MIRKO; 107 DI PAOLA ROBERTO; 108 GIOVANI MICHELE; 124 BROGI PAOLO; 126 LANDOZZI DILETTA; 127 BETTI COSTANZA; 128 NASONI EMMA;
Camporegio: 30 MANDARINI ALESSANDRO; 69 MANDARINI FEDERICA;
Castelmontorio: 9 SEMPLICI GIORGIA; 14 MARCHETTI GUIDO; 34 MUGNAINI ALESSANDRA; 42 LIBERATI FRANCESCO; 49 BOTTONI GIANMARCO; 51 MARCHETTI GIULIA; 85 LIBERATI MARCO; 96 SEMPLICI PAOLO; 103 MARCHETTI STEFANO;
Cecco Angiolieri: 1 MIGONE LUDOVICA; 5 ANSELMI GHERARDO; 8 MIGONE GINEVRA; 24 ANSELMI CHIARA; 43 ANSELMI FLAVIO; 86 MIGONE FRANCESCO; 99 ALSELMI AGOSTINO;
Due Porte: 31 TANGANELLI ITALO; 68 CIANI JACOPO; 71 TANGANELLI ILARIA; 74 PERA ILARIA; 111 PERA FEDERICO; 123 PERA ALESSANDRO;
Dupré: 28 TACCIOLI MAURO; 82 GAMBELLI ROBERTO;
Leone: 23 MARIONI ANGELA; 29 CALZERONI GIULIANO; 46 TOZZI NICCOLO'; 53 FORCONI VITTORIA; 55 COPPINI ROBERTO; 66 LASTRI MAURO; 70 LASTRI SARA; 77 LASTRI MARIA ELISABETA; 78 FAVILLI GIULIA; 83 PIFFERI ALESSANDRO; 90 PIFFERI RICCARDO; 92 GENNAI ALESSIO; 106 DI SIMPLICIO FRANCO;
Pania: 3 GRILLI DANIELE; 6 LORENZONI GUGLIELMO; 7 GRILLI LUCA; 10 LORENZONI MARGHERITA; 35 VANNONI SONIA; 56 FABBRINI MARIS; 61 SAMBUCCI MASSIMO; 63 GUIDI ROBERTO; 75 GIOMARELLI CATERINA; 81 CANNONI RICCARDO; 89 FROIO GIORGIO; 97 LORENZONI LUCA; 98 GRILLI RICCARDO; 100 MARTINI MARCO; 102 POZZI NICOLA; 116 BOZZI GIANNI;
Provenzani: 21 ROSSI ROMANO;
Rinoceronte: 25 BONELLI FRANCESCA; 44 BANDINI MATTEO; 59 MARINI ANDREA; 64 PIANIGIANI GRAZIANO; 76 PIANIGIANI GIULIA; 110 MARINI ALBERTO; 112 PIANIGIANI LORENZO; 117 GUERRINI LUCA; 119 CINI GUIDO; 120 PIANIGIANI ANDREA;
Rostro: 121 ANDREINI ALESSANDRA;
San Marco: 13 MAGGIORELLI JACOPO; 15 IANNONE PIETRO; 17 RABISSI GIULIO; 38 PERUGINI CHIARA; 45 CONTU EDOARDO; 47 PUPATTI ALESSIO; 48 CIALDINI NICCOLO'; 52 RABISSI COSTANZA; 84 CIALDINI FRANCESCO; 91 BOTTONI MICHELE; 94 IANNONE SANDRO; 101 RABISSI MARCO; 104 CONTU MARCO; 122 MAGGIORELLI FRANCO;
Trieste: 2 COCCHIA ELENA; 4 VANNI ETTORE; 20 ORLANDI ANTONIO; 36 SENSI VALENTINA; 39 COCCHIA MARTA; 58 GREN ANTONIO; 62 ROSA ROBERTO; 73 GREN CATERINA; 79 MACINAI SIMONA; 88 COCCHIA PAOLO; 93 COCCHIA CLAUDIO; 113 GREN FRANCESCO; 114 PIFFERI SIMONE; 118 VANNI BERNARDINO
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Festa dello sport

Messaggio  jabru il Ven Mar 07, 2014 8:33 pm

Un pubblico caloroso ha accolto i Deejay e i rappresentanti delle Contrade scesi in campo oggi, giovedì 6 marzo, allo Stadio Artemio Franchi di Siena, per raccogliere fondi a favore dell’Associazione “Le Bollicine”. Sul rettangolo di gioco si sono visti i più famosi dj delle radio nazionali, come Mario Fargetta, Stefano Noferini, Luca Agnelli, Salvatore Angelucci, Alex Gaudino, Ricky Le Roi, Ryan Paris, Alex Natale, Sergio Mauri, Provenzano, Dj Ross, Francesco Zappalà, Leandro da Silva, Dr. Feelx, Tradelove, Stefano Pain, Robert – eno, Dj Herbie, Miki Garzilli e Dj Osso. Allenati da Stefano Gallerini i rappresentati delle contrade si sono fatti valere raccogliendo applausi e entusiasmo dagli spalti. A vincere è stato soprattutto il pubblico senese che ha accolto l’invito, partecipando con cori e tanti sorrisi, e che, ancora una volta, si è mostrato molto generoso. Dopo lo spettacolo sul prato verde la festa si è spostata nella Sala delle Lupe per la cerimonia di premiazione dei giovanissimi atleti senesi, che si sono distinti nei cosiddetti “sport minori”. Piccoli campioni che si sono fatti strada vincendo medaglie e riconoscimenti importanti. La festa dello sport si è conclusa in Piazza del Campo sulle note dei dj per l’evento “Uno contro l’altro” con animazione e gadget, guidate dal voice Scott (from Vanilla).
Tra le fila della rappresentativa senese delle Contrade in campo: Guido Squillace (Aquila); Alberto Massoni (Bruco); Massimo Belli (Chiocciola); Lapo Pianigiani (Civetta); Giovanni De Luca (Drago); Duccio Tripoli (Giraffa); Tommaso Fabbiani (Istrice); Guido Prosperi (Leocorno); Stefano Piersimoni (Lupa); Davide Regoli (Nicchio); Giacomo Rosini (Onda); Massimiliano Tommasi (Oca); Niccolò Sensi (Pantera); Giulio Valenti (Selva); Francesco Vaselli (Tartuca); Federico Bonelli (Torre); Simone Gennai (Valdimontone). Allenatore: Stefano Gallerini.
SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Lutto nel Montone

Messaggio  jabru il Sab Mar 08, 2014 9:10 pm

E' morta la contradaiola Alessandra Castagnini Lutto nel Palio: si è spenta al policlinico delle Scotte dopo due settimane di agonia, aveva 45 anni 08/Marzo/2014 - 15:45

E' scomparsa ieri, dopo un lungo ricovero, Alessandra Castagnini, 45 anni, senese molto conosciuta in città. Alessandra aveva avuto un malore due settimane fa ed era stata ricoverata alle Scotte. Le sue condizioni erano subito apparse gravi.

Con il passare dei giorni la situazione non è migliorata e venerdì Alessandra si è spenta circondata dai famigliari e gli amici. Grande contradaiola del Valdimontone, era un'appassionata tifosa della Robur e spesso si recava anche in trasferta per seguire la squadra bianconera, partecipando anche all'organizzazione dei viaggi. Conosciutissima in città per la simpatia e la vitalità, sui social network non sono mancati decine e decine di messaggi di vicinanza alla famiglia, di commozione e di cordoglio. Da sabato mattina la salma di Alessandra è esposta all'obitorio delle Scotte, lunedì mattina il trasferimento nell'Oratorio del Montone, dove in giornata verrà celebrato il rito funebre.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Per slalom e per amore

Messaggio  jabru il Gio Mar 13, 2014 8:32 pm

Sotto un sole dai connotati primaverili, ma con una neve degna di dolomitica memoria, si è svolta in Val di Luce, pista Roccione, la ventesima edizione della gara di sci “Per slalom e per amore”, che doveva sciolinare in “prima convocazione” domenica 2 marzo, rinviata al 9 a causa delle avverse condizioni atmosferiche che avevano trasformato la Val di Luce in una glaciale banchina artica dove anche il vostro incauto cronista, suo malgrado, si era ritrovato. Sole a palla invece nello scorso week end, ma partecipanti al via sensibilmente diminuiti, 81 i partenti rispetto alle 130 iscrizioni in origine.

Nonostante tutto la gara si è svolta in un’atmosfera di pieno relax, senza però sminuire il giusto grado di competitività, visto che la “scrematura” ha consentito un innalzamento del livello tecnico. Ancora gli organizzatori non hanno svelato il nome della Società di Contrada che si è aggiudicata il titolo di questo slalom gigante: "Come da tradizione, il verdetto verrà ufficializzato in occasione delle premiazioni – dichiara il neo presidente Franco Maggiorelli, che ha sostituito Andrea Santini in vetta allo Sci Club Siena – che quest’anno si terranno presso la Società La Pania, domenica pomeriggio 16 marzo, con inizio alle ore 18".

E veniamo alla sfida, cronometro alla mano: il miglior tempo in assoluto l’ha fatto registrare Federico Pera, irriverente anche nei confronti del padre Alessandro, giunto terzo, e dello stesso presidente che per 7 decimi deve accontentarsi del secondo posto sul podio. Per le quote rosa, sugli scudi Angela Marioni, mentre tra i più piccoli è Ginevra Migone a scendere più veloce. Di seguito, la classifica ufficiale per ogni categoria, relativa alle prime 3 posizioni:

Slaom Gigante-classifica ufficiale prime 3 posizioni: Baby: Grilli Luca (Pania) 1’41.44, Cocchia Elena (Trieste) 1’45.78, Grilli Daniele (Pania) 1’49.50. Cuccioli F: Migone Ginevra (Cecco Angiolieri) 1’05.50, Renzoni Margherita (Pania), 2’28.32. Cuccioli M: Maggiorelli Jacopo (San Marco) 1’07.17, Nasoni Dario (L’Alba) 1’13.26, Rabissi Giulio (San Marco) 1’40.81. Master D: Orlandi Antonio (Trieste) 1’15.81. Lady B: Marioni Angela (Leone) 1’01.85, Trapassi Silvia (L’Alba) 1’15.67, Galeotti Giulietta (Siena AD) 1’19.61. Master C: Calderoni Giuliano (Leone) 1’06.51, Rossi Vasco (Siena AD) 1’19.61. Lady A: Sensi Valentina (Trieste) 1’16.62, Perugini Chiara (San Marco) 1’17.83, Landozzi Ginevra (L’Alba) 1’41.34. Ragazzi: Nasoni Duccio (L’Alba) 1’09.41, Tozzi Nicola (Leone) 1’09.95, Liberati Francesco (Castelmontorio) 1’17.01. Allieve: Rabissi Costanza (San Marco) 1’11.45, Cialdini Camilla (San Marco) 1’40.06. Allievi: Barabino Sebastiano (Rinoceronte) 1’13.00. Master B: Fabbrini Maris (Pania) 59.62, Coppini Roberto (Leone) 1’00.90, Barbino Alessandro (Rinoceronte) 1.09.96. Miss: Manganelli Ilaria (Due Porte) 1’04.20, Lastri Sara (Leone) 1.08.11. Junior F: Macinai Simona (Trieste) 1’09.09, Giacomelli Caterina (Pania) 1.10.43, Lastri M.Elisabetta (Leone) 1.10.56. Master A: Liberati Marco (Castelmontorio) 55.25, Cannoni Riccardo (Pania) 57.43, Pifferi Alessandro (Leone) 59.12. Senior B: Vannucci Paolo (Due Porte) 1’18.95, Junior M: Pera Federico (Due Porte) 51.13, Pifferi Simone (Trieste) 1’01.46, Salvini Jacopo (Trieste) 1’07.07. Senior A: Bozzi Gianni (Pania) 1’10.87, Guerrini Luca (Rinoceronte) 1.17.74, Fisi F: Andreini Alessandra (Rostro) 1.04.33. Fisi M: Maggiorelli Franco (San Marco) 51.83, Pera Alessandro (Due Porte) 52.71, Brogi Paolo (L’Alba) 54.20.

Roberto Rosa da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Barbareschi e.... frittelle

Messaggio  jabru il Lun Mar 17, 2014 8:44 pm

SIENA Prelibatezze di Mario per unire a tavola tutti i barbareschi Imperdibile appuntamento per il mondo del Palio si è svolto nei locali della contrada della Chiocciola
ALARICO ROSSI 17/Marzo/2014 - 15:07

Prelibatezze di Mario per unire a tavola tutti i barbareschi È stata la scusa, anzi la tradizione, delle frittelle di San Giuseppe a riunire barbareschi di ieri e di oggi. Sabato sera in un gremito salone della società San Marco infatti, la contrada della Chiocciola ha ospitato la tradizionale frittellata dei barbareschi, a cui hanno preso parte sia i guardiani del cavallo di oggi che quelli di ieri. Ma non era soltanto la serata dei barbareschi: moltissimi contradaioli della chiocciola erano a cena insieme ai barbareschi e molte autorità hanno preso parte alla serata. Toccante in questo senso è stato il lunghissimo discorso che il priore della chiocciola Senio Corsi ha riservato nei confronti dei barbareschi.

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 17 marzo 2014
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Pantaneto diventa isola pedonale

Messaggio  jabru il Mar Mar 18, 2014 11:07 pm

Rivoluzione: Pantaneto diventa pedonale ogni fine settimana
Prossima l'intesa fra Contrada del Leocorno, Comune e negozianti. S'inizia il 4 aprile
di Laura Valdesi

Siena, 17 marzo 2014 - «Sì alla pedonalizzazione di Pantaneto nel fine settimana, ‘no’ a far diventare l’arteria cuore della ‘movida’. Con bottiglie lasciate ovunque, per intendersi, e piazzetta Grassi trasformata in orinatoio». Favorevole, dunque, alla novità anche se ci sono diversi punti interrogativi e cautele da adottare: questa, in sintesi, l’idea del priore del Leocorno Massimo Bari. Che ha compiuto valutazioni nel consiglio di Sedia e poi un passaggio in assemblea, quando il Comune ha invitato la Contrada a prendere in considerazione l’eventualità allo studio. L’arteria è delicata, da anni al centro di polemiche e disagi denunciati dai residenti, quanto a vivibilità. Finché i commercianti, in sinergia con il Leocorno, hanno deciso di cambiarle ‘etichetta’ trasformandola in salotto di eventi. «Pur non potendo gestire la cosa in prima persona, la Contrada si è resa disponibile a fornire tavoli e materiale ai negozianti per ‘Viva Pantaneto Viva’», racconta la genesi del percorso Bari. «I commercianti hanno costituito un piccolo Comitato che — prosegue — nell’autunno scorso ha chiesto al Comune di chiudere nel fine settimana Pantaneto, concedendo loro spazi in modo da mettere tavoli e sedie, pagando il suolo pubblico. Naturalmente, solo da parte di chi ha attività di somministrazione di cibo e bevande».
Quale è l’idea allo studio?
«Rendere appunto pedonale la strada a partire dal venerdì sera. Per questioni di traffico e di circolazione del Pollicino, non potrà avvenire prima delle 20 e fino alle 24, mentre il sabato si replica dalle 18 sempre fino alle 24, la domenica dalle 12 fino alle 24. Sarà ovviamente consentito il passaggio dei mezzi di emergenza e delle auto di chi ha box in Pantaneto».
L’accesso al rione?
«Probabilmente avverrà non più da via Roma ma da Ovile. Sinceramente la Contrada non ha reagito male all’iniziativa in cui ravvisa l’opportunità di migliorare la vivibilità del territorio. Fermo restando, ripeto, che per evitare l’effetto orinatoio e una gestione notturna senza eccessi, è stato chiesto un maggiore controllo la sera che, difficilmente, però, il Comune potrà garantire. Sollecitiamo almeno un’illuminazione adeguata e la sigla di un accordo da condividere e soprattutto rispettare fra Contrada, appunto, Comune e commercianti dove ci si impegna sulle linee di comportamento».
Il 4 aprile la ‘prima’?
«Si sta lavorando per questa data. E’ stato coinvolto anche il priore della Torre per scongiurare il rischio di un aggravio del traffico in Salicotto, con gli onorandi di Nicchio e Valdimontone si cercherà di individuare eventuali nuovi spazi per le due ruote».
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Araldica e Contrade

Messaggio  jabru il Mar Apr 08, 2014 7:56 pm

L’araldica Sabauda nelle Contrade del Palio di Siena: se ne parla nella Chiocciola

.
A Siena, giovedì 10 aprile alle ore 18, la Contrada della Chiocciola ospita una conferenza aperta alla cittadinanza presso la Sala delle Vittorie (via delle Sperandie, 27)
A presentare i risultati di una recente ricerca interverranno Gustavo Mola di Nomaglio (Centro Studi Piemontese), Saverio Battente e Giacomo Zanibelli (Università di Siena)

Quali mutamenti culturali si verificarono nella Siena post risorgimentale, rafforzando il legame che già da tempo si era instaurato tra la città e il Piemonte sabaudo? Come questo ebbe modo di interferire sul Palio e sulle Contrade?

A questi quesiti, giovedì 10 aprile alle ore 18, proveranno a dare risposta Gustavo Mola di Nomaglio (Centro Studi Piemontese), Saverio Battente (Università di Siena – dipartimento di Scienze Politiche e Internazionali), Giacomo Zanibelli (Università di Siena – dipartimento di Scienze Politiche e Internazionali) nella conferenza dedicata al tema “L’araldica Sabauda nelle Contrade del Palio di Siena” che la Contrada della Chiocciola ospita nella Sala delle Vittorie (via delle Sperandie, 27).

La conferenza presenta uno studio recente che fa luce su come tra Otto e Novecento Siena divenne il prototipo delle virtù nazionali da riscoprire. Questo contribuì alla ripresa di un acceso dibattito cittadino all'interno della classe dirigente senese circa le sfide della modernizzazione ed il posizionamento della città all'interno del processo unitario. In tale contesto si inseriva il rapporto tra la casa reale Savoia, emblema del nuovo stato nazionale e le contrade, depositarie della identità municipale, questo elemento sarebbe stato fondamentale per il mantenimento dello status quo ante.

Quando i reali giunsero a Siena, il 16 luglio del 1887, la città fu pervasa da un forte sentimento di gioia, le cronache del tempo ci parlano di festeggiamenti grandiosi. Per questa occasione la municipalità organizzò perfino un palio straordinario; si trattò di un evento importantissimo anche per la vita delle 17 contrade: dopo le concessioni araldiche della famiglia Savoia le contrade cristallizzarono improvvisamente l’iconografia dei loro stemmi. Un momento emblematico nella storia del palio che, a tutt’oggi, necessita ancora di studi approfonditi e di un’attenta analisi da parte degli storici.

La conferenza, promossa dalla Contrada della Chiocciola è realizzata in collaborazione con il Centro Studi Piemontesi e fa parte delle iniziative per Siena Capitale Europea della Cultura 2019.

SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

E' tempo di Ondeon

Messaggio  jabru il Gio Apr 10, 2014 7:34 pm

Siena. Sabato 12 e domenica 13, dopo la consueta pausa di un anno, saranno di nuovo i cittini dei gruppi piccoli delle 17 contrade i protagonisti indiscussi della 21° edizione di Ondeon, la rassegna teatrale per i Gruppi Piccoli organizzata dalla Contrada Capitana dell'Onda.Un'edizione speciale a suo modo, visto che dopo tanti anni, Ondeon pur restando uguale a se stesso si rinnova:17 contrade, ansia dei tempi sempre troppo stretti, voglia di fare bene, emozione e passione continueranno ad essere le costanti che da oltre trentanni fanno di Ondeon un appuntamento imperdibile. Non più 2 spettacoli al giorno, ma 4, non più 18 piccoli attori per ogni "compagnia teatrale", ma 22, sono le novità che caratterizzano questa 21°edizione.Una decisione dettata dalla voglia di riuscire a dare sia la possibilità ad un maggior numero di bambini di provare la magia di questo appuntamento tradizionale nel calendario contradaiolo, sia per consentire la partecipazione più amia di pubblico contradaiolo e non.Come ogni anno, oltre ad emozionarci e farci divertire, i nostri cittini attraverso le loro interpretazioni coglieranno l'occasione per invitarci a riflettere sull'importanza dello star bene insieme, il valore dell'appartenenza per la propria contrada e l'amore per una città non solo bella, ma unica nel suo genere come Siena.

I piccoli attori calcheranno il palcoscenico in quest’ordine: Sabato 12 aprile il 1° spettacolo (ore 15-17) vedrà protagoniste Tartuca, Leocorno, Drago e Nicchio. Nel 2° spettacolo (ore 18-20) sarà invece la volta di: Lupa, Giraffa, Oca, Istrice e Civetta. Domenica 13 aprile apriranno il 1° spettacolo (ore 15-17) i piccoli della Selva, seguiti da Aquila, Chiocciola e Valdimontone. Nel 2° spettacolo (ore 18-20) chiuderanno la kermesse le contrade della Torre, del Bruco, della Pantera e, infine, dell’Onda.

I biglietti sono ancora in vendita presso il Teatro dei Rozzi, il pomeriggio dalle 16 alle 18 e prima degli spettacoli dalle 14.15 fino alle 18.

Antoine De Saint-Exupéry nel Piccoli Principe scrive: "Tutti i grandi sono stati bambini una volta. Ma pochi di essi se ne ricordano". Ondeon è decisamente l'occasione giusta per rinfrescare la memoria...Vi aspettiamo!
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vita nelle Contrade

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum