Dove nasce la verbena

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Drappellone d'agosto

Messaggio  jabru il Mer Mar 04, 2015 8:27 pm

“Il Palio d’agosto sia dedicato alla Maestà di Simone Martini”


Data: 3 marzo 2015 11:03



Il Club Unesco di Siena invita a non attaccarsi al carro dell'Expo



SIENA.Apprendiamo solo ora dell’apertura del Gruppo Facebook per la Dedica del drappellone di agosto alla Maestà, quindi in pieno accordo con quanto proposto ormai due settimane fa da questo Club! Esprimiamo i nostri più vivi complimenti per la sensibilità dimostrata.
La Maestà di Simone è l’opera artistica massima, con il Buongoverno, nel Palazzo del Comune, e il palio d’agosto è storicamente del Comune per la Madonna. Il Comune che ha il privilegio di averla, bellissima, nel proprio palazzo più bello e tradizionale, non deve cogliere l’occasione dell’attenzione mondiale sull’Italia nei prossimi mesi per diffonderla come messaggio di bellezza e di pace a tutti nel mondo?
La dedicazione all’Expo ci sembra troppo ‘ovvia’, in questo momento, assumendo il senso di agganciarsi al carro del momento per togliersi un problema, senza nessuna originalità e rispetto per il patrimonio di civiltà schiettamente senese.
Da quando è che Siena fa le cose ovvie? E’ ben noto a tutti che già da ora la Toscana (anche con idee e soldi di Siena) sta investendo molto sull’Expo. Che senso ha accodarsi anche con il drappellone, facendo noi già parte del progetto regionale? Si può aggiungere un altro punto: siamo sicuri che bisogna fare accorrere altri turisti a Siena in agosto? Non è l’unico mese che non pone problemi da questo punto di vista?
Se mai, se proprio si volesse sottilizzare ed essere contrari alla Maestà perché il palio d’agosto è già tradizionalmente dell’Assunta, si potrebbe pensare ad esaltare l’agroalimentare del nostro territorio cui ha già pensato opportunamente il sindaco. E allora si proceda con la dedicazione agli ‘Effetti del Buongoverno in campagna’, dipinto sempre nel Palazzo del Comune e sempre notissimo e unico a livello mondiale. C’è la fertile campagna del nostro olio e dei nostri vini, distesa fino al mare, con una visione d’assieme del territorio storico di Siena: che c’è di meglio per preparare una larga attenzione alla mostra sul Lorenzetti che si spera possa coprire tutti i mesi invernali e primaverili prossimi venturi?
E’ soluzione ugualmente plausibile, rispettosa della grande cultura artistica senese e non ovvia (e un po’ commerciale, lo si consenta) come l’Expo. Ribadiamo però che la Maestà solo arbitrariamente può ritenersi ‘annullata’ dall’Assunta: non è soltanto un altro modo di declinare la stessa devozione?
Una sola cosa ci sembra sommessamente da sottolineare: tra Maestà e Buongoverno del territorio non c’è spazio per un competitore congiunturale: ‘tertium non datur’.
Club Unesco di Siena

ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Borsa di studio MPS col Magistrato delle Contrade da a una ragazza del Bruco

Messaggio  jabru il Mer Mar 04, 2015 8:31 pm

Siena, 4 marzo 2015 – «Passare un anno all’estero mi ha sempre attirato. Però non avrei mai avuto l’opportunità di farlo se non ci fossero stati Banca Mps e Magistrato delle Contrade. Le figure che più rappresentano la mia città hanno deciso di investire sui giovani in un momento non facile: una bella cosa». Timida, ma non troppo, Ginevra Marconi. E’ lei la contradaiola di 16 anni – nata a Siena ma residente a Parma – che ha sbaragliato la concorrenza aggiudicandosi la borsa di studio attivata grazie alla sinergia fra Rocca Salimbeni e il Magistrato, coinvolgendo la Fondazione Intercultura.
Sono stati 12 in tutto i giovani che hanno partecipato al bando «che consente – ha sottolineato Roberto Ruffino, segretario generale di Intercultura – di far aprire le finestre alla scuola obbligandola a riflettere su di sè dopo essersi guardata la pancia per tanti anni, senza insegnare le lingue».

Accanto a Ginevra, la più grande di tre figli, c’è la madre Fulvia Gazzei. «D’estate e ogni volta che può è sempre qui a Siena», dice con orgoglio. In borsa ha il fazzoletto del Bruco che mette al collo per la foto ricordo raccontando dei soggiorni «dalla zia e dalla nonna che stanno in Vallepiatta», svelando di frequentare a Parma il liceo linguistico. «Un corso particolare – aggiunge Ginevra – che al termine dei 5 anni consentirà, facendo una prova in più, di aver il diploma che è riconosciuto anche in Francia».

Un altro progetto "giovane" possibile grazie all'interazione fra Banca Mps, Magistrato delle Contrade e Biblioteca degli Intronati è la sistemazione del Fondo Borghini, un patrimonio di 20mila volumi lasciato alle Consorelle dal soprintendente scomparso di recente. Grazie ad un bando, 5 ragazzi potranno mettere alla prova le loro competenze e ricevere una formazione ad hoc per svolgere tale attività.

La.Valde. da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Si consolida la collaborazione tra Banca Mps e Magistrato delle Contrade

Messaggio  jabru il Mer Mar 04, 2015 8:37 pm

3 mar, 2015


Si consolida la collaborazione tra Banca Monte dei Paschi di Siena e il Magistrato delle Contrade in favore dei giovani contradaioli meritevoli, finalizzata ad incentivare il ruolo sociale delle Contrade stesse, in particolare a favore delle nuove generazioni. Il Presidente di Banca Mps, Alessandro Profumo, e il Rettore del Magistrato delle Contrade, Fabio Pacciani, hanno presentato oggi a Siena l’esito del bando di gara promosso nell’autunno scorso insieme alla Fondazione Intercultura per un programma annuale di formazione scolastica all’estero ed hanno annunciato contestualmente l’avvio del “Progetto di Ordinamento e Catalogazione della Biblioteca delle Contrade – Fondo Gabriele Borghini” presso la Biblioteca Comunale degli Intronati.

“Siamo orgogliosi di poter presentare due progetti di fondamentale importanza per la crescita professionale ed individuale delle nuove generazioni senesi – ha dichiarato Alessandro Profumo, Presidente di Banca Mps -. Due iniziative nate dalla proficua e continua collaborazione con il Magistrato delle Contrade di Siena ed arricchite dal coinvolgimento di un’organizzazione prestigiosa come Intercultura, che si è sempre contraddistinta nel campo della formazione internazionale dei giovani, per favorire l’incontro e il dialogo tra persone di tradizioni culturali diverse e la promozione dell’educazione interculturale all’estero. Di grande valore anche il progetto analitico di ordinamento della Biblioteca delle Contrade-Fondo Gabriele Borghini, che offrirà ai giovani delle Contrade l’occasione di accrescere e mettere alla prova le proprie conoscenze in campo bibliotecario e all’intera cittadinanza di poter fruire di un ricco patrimonio letterario e artistico. Così Banca Mps si conferma ancora una volta al fianco della comunità locale nella promozione di iniziative meritevoli”.

“Ciò che è stato realizzato dal Magistrato delle Contrade insieme a Banca Monte dei Paschi – ha poi sottolineato Fabio Pacciani, rettore del Magistrato delle Contrade – sancisce una nuova forma di progettualità non più basata sul semplice contributo economico ma finalizzata al raggiungimento di obiettivi che possano creare, a favore delle giovani generazioni, acquisizioni di competenze e conoscenze. La partecipazione di due prestigiose realtà quali Intercultura e la Biblioteca degli Intronati arricchisce di contenuti estremamente qualificati i progetti. L’auspicio è che la volontà di costruire insieme, così presente nella realtà contradaiola, e vero valore aggiunto di questi progetti, possa mantenersi nel tempo con la vivacità di intenti e di proposte dimostrata in queste occasioni”.

In particolare, Banca Mps ha deciso di devolvere una borsa di studio a copertura di un soggiorno di studio all’estero con Intercultura per l’anno 2015-2016 rivolto agli studenti dell’ultimo anno delle scuole medie superiori. Vincitrice della borsa di studio, dopo una fase di rigorose selezioni a cura di Intercultura per giovani contradaioli in possesso dei requisiti richiesti, la senese Ginevra Marconi che studia a Parma presso l’Istituto Scolastico Marconi. Ha scelto la Francia come sede del programma annuale di studio. Con tale iniziativa, Banca Monte dei Paschi di Siena e Magistrato delle Contrade hanno certamente dato un segnale positivo, dimostrando il loro interesse concreto per la crescita umana e culturale dei giovani e ponendosi all’avanguardia degli scambi culturali giovanili. Gli adolescenti di oggi sono internazionali per necessità, bombardati dalle sollecitazioni senza confini di internet e dei social network, dalle trasmissioni televisive e radiofoniche poli-linguistiche e multiculturali, con lo smartphone in una mano e la valigia nell’altra, ma il cuore sempre nella propria Contrada. Obiettivo principale dei programmi di studio promossi dalla Fondazione Intercultura è l’apprendimento interculturale, ovvero la capacità di interiorizzare i diversi bisogni di studio che emergono dall’evolvere della società contemporanea, integrando i punti di vista “locali” in un processo di dialogo interculturale. Questo perché nell’esperienza all’estero sono messe in gioco capacità di adattamento, abilità di problem solving, necessità di comunicare in un contesto sconosciuto, senso di disciplina, capacità di organizzazione personale: tutti elementi che portano ai saperi del XXI secolo, imprescindibili nella formazione personale e professionale dei nuovi manager e dei cittadini del mondo in senso lato.

“Intercultura – ha commentato il Segretario Generale della Fondazione Intercultura, Roberto Ruffino, intervenuto a Siena – è grata a Banca Mps e Magistrato delle Contrade per il sostegno alla formazione internazionale dei giovani. Non si tratta soltanto di dare un beneficio personale agli adolescenti che usufruiscono di una borsa di studio, ma soprattutto di contribuire all’apertura della scuola italiana verso altre civiltà ed altri modi di vivere. La nostra scuola è ancora troppo concentrata sulla realtà italiana, sulla nostra storia, sulla nostra letteratura, sul nostro passato. Senza negare il valore della nostra eredità culturale, oggi bisogna sapersi aprire al mondo e dialogare in altre lingue e con altre mentalità. Attraverso gli scambi culturali con l’estero, è tutto un ambiente scolastico che si confronta con altri modi di insegnare e di preparare i cittadini di domani”.

Con l’occasione Banca Mps e Magistrato delle Contrade hanno presentato anche l’avvio del progetto di inventariazione e catalogazione elettronica di oltre 20.000 volumi del “Fondo Gabriele Borghini” che coinvolge direttamente i giovani delle Contrade in possesso delle necessarie competenze tecnico-biblioteconomiche. Il Magistrato delle Contrade ha depositato i preziosi volumi appartenuti a Gabriele Borghini, già Soprintendente ai Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici delle Provincie di Siena e Grosseto, presso la Biblioteca Comunale degli Intronati ad integrazione del programma avviato per la costituzione di un vasto settore/dipartimento dedicato alla storia dell’arte (Gabinetto disegni e stampe, Biblioteca di storia dell’arte, area espositiva ecc.) e allo scopo di renderli consultabili e fruibili a tutti. La Biblioteca Comunale degli Intronati, Istituzione del Comune di Siena, ha accolto con favore il deposito dei volumi alla luce dell’eccezionale interesse delle opere che andranno ad arricchire in maniera consistente il patrimonio bibliografico riguardante la storia dell’arte.

All’incontro hanno partecipato anche Roberto Barzanti e Luciano Borghi, rispettivamente presidente e direttore della Biblioteca Comunale degli Intronati.
AntennaRadioESse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Le Contrade “a valanga” all’Abetone.

Messaggio  jabru il Mer Mar 04, 2015 8:39 pm

4 mar, 2015


Neve perfetta, buone condizioni climatiche e il giusto spirito competitivo, sono stati gli ingredienti fondamentali per l’ottima riuscita della 21^ edizione della gara di sci riservata alle Società di Contrada “Per Slalom e per Amore”, slalom gigante che quest’anno si è tenuto su un tracciato disegnato sulla pista del Pulicchio nel comprensorio dell’Abetone. Ben 138 gli iscritti alla gara, con alcune defezioni dell’ultimo momento. Si è visto un solo capitano di Contrada indossare la pettorina, Claudio Cocchia dell’Oca, che se l’è cavata abbastanza bene tra le porte con un 48.76 che comunque non gli ha consentito di salire sul podio nella categoria Master A. Alle ore 10 in punto il primo concorrente, Guglielmo Lorenzoni della Pania, ha superato il cancelletto di partenza, dando così il via alla competizione. Vincitore di questa manifestazione Federico Pera delle Due Porte (tempo 40,61) che si è ripetuto a distanza di un anno; il secondo miglior tempo in assoluto l’ha fatto registrare Leonardo Vinicio (Provenzani) con 41,22; in 3^ posizione Alessandro Pera (Due Porte), padre del vincitore, con 42,30; quarto tempo assoluto per Paolo Brogi (L’Alba) staccato di soli 9 decimi dal terzo. Squalificato a sorpresa invece Franco Maggiorelli (San Marco), per aver saltato nell’impeto della discesa, la porta numero 13. Gli organizzatori, con in testa lo stesso Maggiorelli e il presidente dello Sci Club Siena Maris Fabbrini, non hanno ancora svelato il nome della Società di Contrada che si è aggiudicata il titolo: “Come da tradizione, il verdetto verrà ufficializzato in occasione delle premiazioni – ha fatto sapere il neo presidente Fabbrini – che quest’anno si terranno presso i locali della Società della Giraffa, domenica 15 marzo, con inizio alle ore 18″.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Per slalom e per amore - tutti i risultati

Messaggio  jabru il Gio Mar 05, 2015 8:40 pm

Siena, 5 marzo 2015 - Ecco le classifiche delle varie categorie con i tempi dei primi tre classificati della 21esima edizione di <Per slalom e per amore> riservato alle società di Contrada.

Categoria Baby: Lupi Grassi Giovanni (Trieste) 58.40, Lorenzoni Guglielmo (Pania) 1’06.09, Grilli Luca (Pania) 1’10.50. Cucciole: Migone Ludovica (Cecco Angiolieri) 55.23, Cocchia Elena (Trieste) 1’13.98. Cuccioli: Maggiorelli Jacopo (San Marco) 49.34, Garzella Giacomo (San Marco) 56.54, Viani Marco (Pania) 1’02.80.

Master D: Paolucci Marcello (Sci Club) 53.81, Orlandi Antonio (Trieste).

Lady B: Masoni Cristina (Cecco Angiolieri) 52.31, Vanni Sandra (Provenzani) 54.96, Trapassi Silvia (L’Alba) 55.00.

Master C: Taccioli Mauro (Duprè) 47.98, Moriconi Cesare (Sci Club) 49.09, Nencioni Walter (Sci Club) 49.65.

Lady A: Vannoni Sonia (Pania) 53.46, Fabbrini Tiziana (Pania) 54.99.

Ragazze: Migone Ginevra (Cecco Angiolieri) 46.78, Bonomei Elena (L’Alba) 1’01.59, Landozzi Ginevra (L’Alba) 1’07.11.

Ragazzi: Liberati Francesco (Castelmontorio) 51.89, Lucchesi Andrea (Pania) 55.86, Pescini Filippo Maria (Provenzani) 1’07.36.

Roberto Rosa

Allieve: Rabissi Costanza (San Marco) 50.72, Pierini Ludovica (Leone) 54.33, Taddeucci Alice (L’Alba) 57.90.

Allievi: Vittori Gabriele (Cecco Angiolieri) 48.26, Ciani Jacopo (Due Porte) 53.02, Pallini Francesco (Trieste) 1’02.31.

Master B: Gambelli Roberto (Duprè): 43.09, Fanetti Pierluca (L’Alba) 51.78, Lazzi Marco (L’Alba) 53.42.

Miss: Manganelli Ilaria (Due Porte) 49.04, Fabbrini Marta (Provenzani) 51.75, Lastri Maria Elisabetta (Leone) 53.17.

Junior F: Macinai Simona (Trieste) 49.01, Vittori Cecilia (Cecco Angiolieri) 49.66, Giomarelli Caterina (Pania) 51.56. Fisi F: Andreini Alessandra (Rostro) 48.00.

Master A: Cresti Simone (Castelmontorio) 44.53, Liberati Marco (Castelmontorio) 44.62, Lupi Grassi Matteo (Trieste) 44.73.

Senior B: Lotti Mirko (L’Alba) 45.77, Ripari Massimiliano (Sci Club) 45.78, Lenzi Simona (L’Alba) 49.48.

Junior M: Vinicio Leonardo (Provenzani) 41.22, Bianchini Bernardo (Romolo e Remo) 46.79, Pifferi Simone (Trieste) 48.69.

Senior A: Meli Leonardo (Trieste) 47.65, Pianigiani Andrea (Rinoceronte) 49.96, Furielli Tommaso (Rinoceronte) 52.68. Fisi M: Pera Federico (Due Porte) 40.61, Pera Alessandro (Due Porte) 42.30, Brogi Paolo (L’Alba) 42.39. R.R.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Dedica del palio di agosto

Messaggio  jabru il Gio Mar 05, 2015 8:44 pm


PALIO, DEDICHE, EXPO E L'ODORE DELLA PECUNIA: LA DISCUSSIONE È APERTA

News 05-03-2015




A me fa già un certo effetto che sponsor dell'Expo mondiale che si sta per aprire a Milano - incentrata come noto sull'importanza delle risorse agricole, sull'alimentazione, il cibo e sulla industria alimentare – siano Coca Cola e Mc Donald.

Lo so, "pecunia non olet", ma mi sembra impossibile che certe nostre eccellenze, penso alla Ferrero, o che so io, alla Barilla non abbiano nemmeno provato a competere con i colossi statunitensi. Certo, la Coca Cola riuscì perfino a spostare nella "sua" Atlanta, l'Olimpiade già tagliata su misura per Atene e niente di strano, quindi, che metta il marchio su questa Expo, anche se questo abbinamento - bevande e fast food che ci gonfiano - non mi pare del tutto attinente al tema e al messaggio salutistico che da Milano dovrà partirà per il mondo intero.

E vengo ora alla nostra città, al Palio e a come Siena possa interloquire in qualche modo con l'Expo.

Lo farà, ne sono certo, con il suo patrimonio culturale, con le sue bellezze e le sue riconosciute peculiarità eco-gastronomiche.

A qualcuno era venuta, prima che Matera ci togliesse l'egida di capitale della cultura europea per 2019, l'idea che si potesse chiedere ai 17 popoli il viatico per effettuare un Palio straordinario, abbinando il "sicuro" riconoscimento per il 2019 con l'Expo.

Personalmente ritengo "straordinari" già i due Pali ordinari...e ho salutato con favore, quindi, il tramonto della idea bislacca che puntava ad una possibile terza carriera.

Ora, però,si apre la discussione sulla dedica dei due drappelloni.

Quello di Provenzano dovrebbe ricordare il rinnovarsi del miracolo delle sacre particole, mentre per quello dell'Assunta ecco rispuntare l'idea della dedica all'asso pigliatutto: l'Expo.

Meno male che il Club Unesco e, dico io, soprattutto un gruppo spontaneo nato su Facebook, e capace di raccogliere in una giornata oltre mille adesioni, abbiano lanciato la proposta, per me assolutamente affascinante e suggestiva di ricordare sul "cencio" i 700 anni della Maestà di Simone Martini. Ho subito aderito al gruppo, senza pormi né se né ma, condividendo sulla bacheca del mio diario l'immagine della stupenda Maestà, ispirata a Duccio, che campeggia nella Sala del Mappamondo di Palazzo Pubblico dal 1315.

La discussione è aperta, voglio sperare che per una volta non ci si divida per bande e partiti, ma si guardi alle nostre radici, alla nostra tradizione, a tutto quanto fa di noi Senesi, una comunità singolare che solo Siena poteva generare.

Chiudo ricordando agli smemorati che quando il Giappone invitò le nostre comparse all'Expo, che se non erro si teneva a Osaka, le nostre Contrade risposero con un gentile no. Eppure anche allora, nella Siena non ancora travolta dalla sua grandeur, la pecunia non mandava cattivi odori.

Roberto Morrocchi da OKSIENA

avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Dedica del palio di agosto

Messaggio  jabru il Gio Mar 05, 2015 8:48 pm

Expò o Maestà, il dibattito sul palio di agosto si infiamma

5 mar, 2015

Expo o Maestà quale scegliere come intitolazione del drappellone di agosto? La questione ha animato il dibattito in questi giorni su facebook tra chi vorrebbe rendere omaggio all’appuntamento milanese e chi invece pensa che l’opera di Simone Martini meriti la massima attenzione. A decidere sarà la giunta quest’oggi, valutando le due opportunità, ma rigettando le polemiche come ha scritto il sindaco Valentini stamani in un post. A sviscerare le due proposte sono stati su Antenna Radio Esse Roberto Barzanti e Mario Ascheri, che se pur di idee diverse, concordano su non alzare i toni su questioni del genere. “In discussione non c’ è una dedica all’Expo – ha precisato Barzanti che tra l’altro ha ricordato come la vera dedica del Palio di agosto da secoli sia alla Madonna – ma un riconoscimento del valore delle terre di Siena e dei suoi prodotti. Legare il nostro agroalimentare ad un evento internazionale non fa certo male!”. Punta invece sulla storia l’altra proposta. “Siena è la prima città che ha messo una Maestà nel proprio palazzo civico, quindi una Madonna che entra in un luogo laico è un fatto straordinario. A 700 anni di distanza ricordare questo evento potrebbe essere anche un modo per dire a chi verrà all’Expo che noi abbiamo delle eccezionalità. Non si tratta di ‘ricordare’ nel palio la Maestà ma di ricordare l’eccellenza di Siena”.

Nel dibattito intanto interviene anche il Magistrato delle Contrade, facendo delle precisazioni dopo alcuni articoli di stampa usciti nei giorni scorsi.

“In merito alla locandina del Corriere di Siena apparsa nelle edicole il 4 marzo 2015, ritengo opportuno precisare che fra i compiti istituzionali del Magistrato delle Contrade non vi è quello di valutare eventuali dediche al Palio nè conseguentemente quello di esprimersi in merito.
Non è corretto quindi fare affermazioni tali da indurre il lettore a credere che il Magistrato delle Contrade abbia eleborato collegialmente un’opinione su questo tema poichè ciò non corrisponde alla verità”.

Fabio Pacciani
Rettore del Magistrato delle Contrade
da AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

I pittori dei due drappelloni

Messaggio  jabru il Sab Mar 07, 2015 7:03 pm

L'artista che dipinge con il vino rosso farà quello dell'Assunta


Il pittore senese lavorerà sulla seta in Fieravecchia. La fiorentina Elisabetta Rogai dovrà cimentarsi con il tema 'Terra di Siena Terra del mondo' / ELISABETTA ROGAI DIPINGERA' IL DRAPPELLONE DELL'ASSUNTA


Siena, 6 marzo 2015 - ERA ad Assisi, Francesco Mori, nella basilica della Porziuncola, quando ha ricevuto la notizia. Quella ufficiale, della giunta: aveva vinto il concorso riservato ai senesi per dipingere il Drappellone di luglio dedicato al miracolo delle Sacre particole conservate in San Francesco. «Un bozzetto che colpirà – l’anticipazione del sindaco Bruno Valentini, al mattino, a margine di una conferenza stampa – dove è stata ben armonizzata la devozione appunto per il miracolo con la capacità di rappresentare la sacralità in termini di protezione verso la nostra città. Una sorta di alone protettivo che la Vergine ha sempre avuto verso Siena emerge in modo prepotente, con elementi iconografici molto forti che potranno colpire sia da lontano che nell’osservazione a distanza ravvicinata. C’è stata una forte discussione ma, alla fine, il parere della commissione sulle 83 proposte, è stato unanime». Si parla di «semplicità di lettura», riferendosi all’opera di Mori che, grossetano ma nato a Siena, ha stabilito dopo un breve girovagare la sua residenza nella nostra città. La sua bottega, dove tiene corsi di calligrafia e di miniatura, è in Fieravecchia. Sarà qui che nascerà il Palio di Provenzano di un artista che ammira la lezione di Pietro Annigoni e sotto la guida del professor Luciano Bellosi, uno dei più conosciuti studiosi della pittura italiana medievale, è ‘cresciuto’. Ha partecipato alla realizzazione del catalogo sulla mostra di Duccio, nel 2006 dipingendo la riproduzione della preziosa vetrata per la ‘fenetra rotunda magna’ del Duomo. Copia che ha sostituito l’originale. E nel 2007 Vittorio Sgarbi gli ha commissionato l’esecuzione delle vetrate della cattedrale di Noto. Nel suo bozzetto del Palio la commissione ha rilevato «l’auspicio di un atteggiamento positivo che i tempi impongono, la creazione di una serena atmosfera anche per il cromatismo ascensionale che conduce dal terrestre al celeste».

«Nessuna dedica del Drappellone dell’Assunta all’Expo – ha chiarito il sindaco tagliando la testa al toro alla gara per l’imprimatur – , abbiamo solo voluto riconoscere il valore della ‘Terra di Siena Terra del mondo’ nell’anno in cui l’Expo si richiama ai valori della qualità alimentare e della sostenibilità. Messaggio che trova spunto a cominciare dagli affreschi del Buongoverno del Lorenzetti. Dunque non ci siamo concentrati sull’evento commerciale in sé, anche se non sarebbe stato scandaloso. Nel Palio vedo uno scivolamento verso un’eccessiva sacralità». Ad interpretare il tema sarà la fiorentina Elisabetta Rogai, artista internazionale famosa anche per il quadro divenuto l’etichetta del vino ufficiale del semestre italiano di presidenza dell’Unione Europea. Nel 2011 ha tra l’altro lanciato i dipinti ‘wine-made’ realizzati con vino, trattato in laboratorio, che col passare del tempo cambiano colore seguendo l’evoluzione naturale del prodotto.
di Laura Valdesi da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Scelti i pittori dei cenci

Messaggio  jabru il Sab Mar 07, 2015 7:05 pm

Dagli 83 bozzetti presentati per il concorso indetto dal Comune e riservato ai nati o residenti nel territorio provinciale, la Giunta, su indicazione dell'apposita Commissione, ha scelto Francesco Mori come artista incaricato a realizzare il Drappellone del prossimo Palio del 2 luglio, dedicato alla devozione per le Sacre Particole di Siena. Il Drappellone del Palio del 16 agosto integrerà la canonica dedica alla Madonna Assunta in cielo con contenuti allegorici che richiamano uno dei tratti più tipici e universalmente riconosciuti dell'identità territoriale senese: quello della produzione agroalimentare e del secolare legame tra la città e le sue campagne. In tale contesto di valori e contenuti, la Giunta ha ritenuto altrettanto naturale la scelta di un'artista toscana di fama internazionale come Elisabetta Rogai
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Racconti di Palio il 17-18 marzo al Teatro dei Rinnovati

Messaggio  jabru il Lun Mar 09, 2015 8:20 pm


9 mar, 2015


Venticinque racconti con storie, aneddoti, curiosità e retroscena sul Palio, dal 1954 al 1994, saranno portati in scena il 17 e il 18 marzo al Teatro dei Rinnovati da Maurizio Bianchini. Attraverso la sua memoria verranno narrati episodi, casualità, gioie e dolori che hanno fatto parte della vita di tutti i senesi. “Il Palio per secoli è stato solo un racconto – anticipa Maurizio Bianchini – mentre ora è sommerso da immagini. La mia non sarà un’operazione nostalgia, e neanche una rassegna di vecchi palii, ma porterò in teatro due momenti da brividi per i senesi: la fanfara e due tamburini riconosciuti unanimemente tra i migliori, Rio Citernesi della Torre e Roberto Panti dell’Istrice”.


Il ricavato delle due rappresentazioni del 17 e 18 Marzo al Teatro Comunale dei Rinnovati sarà devoluto a favore del progetto “adotta una famiglia” realizzato dall’Arciconfraternita di Misericordia di Siena, che è finalizzato a sostenere famiglie in particolare stato di difficoltà, segnalate dai servizi sociali del Comune di Siena.

Simona Sassetti da Antenna RadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

“Per slalom e per amore”, trionfa la società L’Alba, contrada del Bruco

Messaggio  jabru il Mar Mar 17, 2015 8:06 pm


17 mar, 2015

Si sono svolte presso i locali della Società Provenzani nella Contrada della Giraffa, le premiazioni della gara di sci “Per Slalom e per Amore”, giunta quest’anno alla 21^ edizione. Il presidente dello Sci Club Siena Maris Fabbrini in apertura ha voluto ringraziare la Contrada della Giraffa per l’ospitalità e i numerosi sponsor che hanno aderito alla manifestazione: Simply, sponsor ufficiale della gara che ha offerto anche il buffet, Estra, Hotel Ahtena, Sam Sport, Assintesa, Terme Antica Querciolaia, ATM Viaggi, Ristorante Il Mangia e le case vinicole Cignan Rosso, San Felice e Vecchia Cantina che hanno offerto alcune bottiglie di vino. Molti i premiati in tutte le categorie, che si sono avvicendati nel ritirare medaglie, targhe e coppe, salutati da numerosi applausi; uno di questi è stato attribuito con grande affetto a Claudio Cocchia, capitano dell’Oca che dopo la discesa del 1° marzo, ha iniziato una difficile salita; l’augurio da parte dei numerosi presenti è stato quello di rivederlo in forma al più presto. Sono stati proiettati filmati e foto realizzate sulla Pista del Pulicchio all’Abetone; al termine della consegna dei premi, è stata ufficializzata la classifica finale per Società che ha visto trionfare in questa 21ì edizione L’Alba (Contrada del Bruco) con 2651 punti totalizzati, al secondo posto La Pania (Contrada del Nicchio) con 2526 punti, al terzo posto La Trieste (Contrada dell’Oca) con 2393 punti. Al termine il buffet dove i dirigenti dello Sci Club Siena hanno dato a tutti appuntamento alla prossima edizione.

R.R. da AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Verso l'elezione del nuovo Rettore del Magistrato

Messaggio  jabru il Mer Mar 18, 2015 10:24 pm

Siena, 18 marzo 2015 – Esperienza ed equilibrio: ecco il ‘taglio’ che deve avere il nuovo rettore del Magistrato delle Contrade. Non soffia più aria di burrasca, come nell’ultimo biennio. Tuttavia serve conoscere bene la ‘macchina’ per guidarla in mezzo al cambiamento senza stravolgere la tradizione. Ecco perchè, fra i nomi in pole position per raccogliere il testimone di Fabio Pacciani, c’è quello del vice Andrea Viviani, priore della Lupa. La commissione elettorale comunque sta ancora lavorando e non ha concluso il giro di consultazioni. Se tutto filerà liscio il 30 marzo ci sarà la fumata bianca.

Visto che siamo a ridosso del cambio di rettore, nell’ultima riunione del Magistrato non sono state compiute fughe in avanti. Concessa l’autorizzazione al Consorzio tutela del Palio per chiedere al Comune la gestione delle immagini ancora per un anno aggiuntivo. Manovra che sembra preludere ad una futura intesa per la diretta delle Carriere 2015, magari anche più lunga che in passato. Si vedrà.

E se è certo che il Magistrato sta studiando come ‘targare’ un evento per ricordare i 50 anni della morte del Conte Chigi, per lunghissimi anni guida dell’organo che riunisce le 17 Contrade, è comune sentire la necessità di mettere un punto fermo su cosa è utile oppure superfluo per la sicurezza della Piazza. In modo da non tornarci sopra ogni anno, visto che le cose più importanti sono state fatte da tempo e, soprattutto, dietro input venuti dall’interno della Festa.

«Il rispetto degli orari degli eventi serali nei rioni e la questione degli alcolici sono stati l’argomento più denso dell’ultima riunione», spiega Pacciani. Si ricorderà che anche il prefetto, in una recente lettera, aveva sollevato una questione sempre attuale. Quella del rumore e del rispetto, appunto, della necessità di riposo per chi vive in centro. «Qualche sbavatura esiste ancora, inutile negare. Tuttavia cresce il rispetto e i priori staranno accorti. Quanto all’attenzione all’alcol, ogni Consorella accentuerà la frequenza delle serate ‘senza’, a base di birra e succhi per far capire ai giovani che ci si diverte lo stesso».
di Laura Valdesi da La Nazione 7v
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Andrea Viviani è il nuovo Rettore del Magistrato delle Contrade

Messaggio  jabru il Mer Apr 01, 2015 7:14 pm


1 apr, 2015


Andrea Viviani, priore della Lupa, è il nuovo rettore del magistrato delle contrade. Succede a Fabio Pacciani, in un avvicendamento naturale essendo stato il suo vice negli ultimi 3 anni. Viviani conosce bene l’organo rappresentativo delle contrade per aver avuto altri incarichi anche nel passato. “Il Magistrato – ha detto il neo rettore ad Antenna Radio Esse – dovrà continuare a svolgere il coordinamento delle contrade, ma dovrà continuare a rapportarsi con la città come ha fatto a nome di tutte le contrade in questi ultimi anni di crisi. Tra i problemi che dovremo affrontare c’è quello del rinnovo dei costumi. Gli attuali risalgono al 2000 possono ancora essere utilizzati ma sappiamo che ogni 20/25 anni vanno cambiati ed è il momento ora di programmare questo intervento”.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

“O com’era il titolo?”: commedia ai Rozzi per beneficenza

Messaggio  jabru il Mar Apr 14, 2015 7:09 pm

L'iniziativa è organizzata dal Coordinamento Gruppo Donne delle Contrade

SIENA. Teatro, buonumore, solidarietà sono gli ingredienti della bella iniziativa che il Coordinamento Gruppi Donne delle Contrade di Siena ha voluto realizzare mettendo in scena al Teatro dei Rozzi “O com’era il titolo?”, commedia in due atti che narra in chiave ironica le avvenuture/disavventure di un gruppo di donne.

Tre sono le date in cartellone: venerdì 17 ( ore 21.15), sabato 18 (ore 21.15) e domenica 19 aprile (ore 16.30).

L’incasso sarà devoluto in beneficenza all’Associazione Coccinelle, a Riabilita Siena e al Dipartimento Oncologico USL 7 di Siena.

Per info è possibile rivolgersi a Tiziana Marchetti (cell. 339 4251157).

ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La Tartuca accoglie il pronipote del vittorioso fantino "Tabarre"

Messaggio  jabru il Mer Apr 22, 2015 7:46 pm

SIENA. Cinque racconti, cinque storie diverse, un solo assoluto protagonista: il destino. Questo il leitmotiv del libro di Moreno Ceppatelli, “La beffa del fato“. Il volume sarà presentato venerdì 24 aprile alle 18.30 a Siena, nella Sala della Deputazione della Contrada della Tartuca, in Via Tommaso Pendola.

Indissolubile il rapporto di Moreno Ceppatelli con il rione di Castelsenio: originario di Volterra, ma innamorato di Siena e appassionato contradaiolo, Moreno Ceppatelli è infatti il pronipote di Francesco Ceppatelli, detto “Tabarre”, leggendario fantino vincitore di 9 palii tra il 1888 e il 1895, due dei quali per i colori della Tartuca, unico rione che riuscì ad immortalarlo in una foto dopo una vittoria in Piazza del Campo.

“La beffa del fato” è un sapiente mix di fantasia e realtà in cui destino e fato legano indissolubilmente i racconti alla grande Storia. “La beffa del fato” è del primo libro pubblicato da Ceppatelli, uscito nella collana Blutascabile coeditata da primamedia editore e Betti editrice. Alla presentazione interverrà il dottor Luca Lombardini, ex capitano plurivittorioso della Contrada della Tartuca.

l libro – “La beffa del fato” è composto da cinque storie nella Storia, con personaggi che si muovono tra passato e presente e con un solo protagonista: il Fato. È, infatti, il destino a tirare le fila degli uomini e di loro si fa beffe, con coincidenze fortuite, disgraziate casualità e improvvisi colpi di scena. Sullo sfondo la vita militare – della Marina soprattutto -, descritta con dovizia di particolari, grazie a dati tecnici e informazioni dettagliate. Ne La grappa del naufrago il genovese Castoldi appassionato alla vicenda dell’affondamento della Torpediniera 105S, accaduto nel 1890, si butta a capofitto nella ricerca di informazioni su due marinai suoi concittadini. In Il prete socialista si racconta del sovversivo Perelli che da La Spezia si ritrova a bordo del sommergibile Calvi nei panni, per lui fin troppo stretti, di un prete. La profonda amicizia tra Luigi ed Emanuele, arruolati nella Regia Marina, è alla base de Il rovescio della medaglia, ambientato tra Livorno e Somarate. A Volterra prende le mosse Il solco della memoria in cui il giovane Sergio è alle prese con il ritrovamento di un reperto storico risalente al 1944 che si rivelerà molto importante. Bruno, originario di Tirli, è, infine, protagonista de I turbamenti del legionario, interamente dedicato alle sue vicissitudini nella Legione Straniera.



L’autore - Nato a Volterra (Pi), Moreno Ceppatelli tutt’ora vi risiede. È cultore di storia navale, ha scritto articoli per pubblicazioni e riviste di settore e partecipato a numerose conferenze. Dopo anni di ricerche, ha sentito il bisogno di dare una vita, un’identità e dei sentimenti ai personaggi che hanno fatto la storia, inserendoli con questa raccolta di racconti in una miscellanea di verità storiche e fantasia.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Da domani si risentono i tamburi

Messaggio  jabru il Ven Apr 24, 2015 8:04 pm

Festa titolare nel Valdimone in onore della Madonna del Buonconsiglio. Sabato 25 aprile alle ore 17.00, presso la Sede Museale “Sala delle Vittorie” avrà luogo il Battesimo Contradaiolo, la consegna delle pergamene e il rinfresco
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Orologi con gli stemmi delle Contrade?

Messaggio  jabru il Mar Mag 05, 2015 7:14 pm

SIENA. Un’azienda di Buti, la Emme&Emme (http://www.emme-emme.it/), che, come recita il sito Internet, “da oltre vent’anni” si occupa “di grafica pubblicitaria e stampa offset”, ha comunicato tramite la propria pagina Facebook di aver ottenuto “l’autorizzazione dal CONSORZIO TUTELA PALIO DI SIENA a produrre orologi da parete personalizzati e quindi a utilizzare loghi, immagini, stemmi, colori di ciascuna delle contrade del Palio di Siena”. La notizia ha fatto rapidamente il giro di Internet ed è stata diffusa da Francesco Giusti, che ha scritto sulla propria pagina Facebook: “Il Consorzio ha permesso tutto questo? Qualcuno millanta o siamo dinanzi all’ennesima (e spero ultima) prova provata della COMMERCIALIZZAZIONE del Palio?!? Imbastarditi e venduti al primo offerente in questo modo?!? Vergognatevi!!!”. Tra i commenti apparsi sotto il post del Giusti anche quello di Eugenio Neri: “Oscenità permesse da senesi smart”.
olcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Rai pronta a firmare un contratto triennale

Messaggio  jabru il Mar Mag 05, 2015 7:25 pm

La Rai è pronta a firmare un triennale per trasmettere il Palio, assicurandosi le immagini dalla piazza del Campo fino al 2017. La trattativa è in corso e si concluderà nei prossimi giorni chiudendo così il capitolo della diretta tv che riguarda in primo luogo la tv di stato ma permette anche alle emittenti locali di avere immagini di qualità come ha precisato Paolo Leoncini, ad del Consorzio per la tutela del Palio. “Si può essere favorevoli o contrari al Palio sulla Rai, ma è bene sapere che è grazie a questo accordo se possiamo garantire le dirette nei 4 giorni della festa che vengono messe in onda dalle tv locali consentendo a chi per malattia o motivi di lavoro non può essere in piazza del Campo. Siamo in un momento di difficoltà economica e sarebbe impossibile garantire un service di qualità senza l’appoggio della Rai. L’accordo che si andrà a firmare, le bozze sono quasi pronte, sarà simile a quello degli ultimi anni, chiederemo garanzie sul canale in cui verrà mandato in onda e nessuno spot in onda dal momento dell’uscita dei cavalli dall’Entrone. La Rai, ha rispetto della nostra festa, e non ha avanzato nessuna richiesta in questo senso”.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Orologi e Palio: il Consorzio di Tutela puntualizza

Messaggio  jabru il Gio Mag 07, 2015 7:13 pm

SIENA. Da Area Marchio del Consorzio di tutela del Palio di Siena.

“In merito alla notizia dell’autorizzazione concessa dal Consorzio per la Tutela del Palio di Siena per produzione di orologi con immagini delle contrade si precisa quanto segue.
La Ditta Emme&Emme S.n.c. ha ricevuto l’autorizzazione a produrre orologi da parete con immagini delle Contrade e del Palio solo su committenza diretta delle Contrade stesse o di singole persone che intendano utilizzare questo oggetto per uso privato. Gli orologi non saranno pertanto realizzati per una loro diffusione nel circuito commerciale della rivendita al dettaglio.
Appare una forzatura ritenere da parte di alcuni che l’eventuale committenza delle Contrade possa essere una oscenità o un’offesa alla dignità della Festa, tanto piir che la Contrada stessa potrà fornire l’immagine da riprodurre-
Analogo ragionamento può essere esteso al privato, visto che l’autorizzazione concessa dal Consorzio prevede che, anche per ogni singolo orologio, l’immagine da riprodurre sia inviata preventivamente al Consorzio.
Così è awenuto anche per l’orologio apparso su Faceboook per far conoscere la possibilità di commissionare da parte di singole persone questo prodotto che, per sua natura un orologio e per i materiali con i quali è realizzato, non è certo lesivo della Festa.
ll fatto che un’Azienda non senese abbia ritenuto doveroso richiedere l’autorizzazione, anche per produzioni fatte su committenza, è da ritenere un segno di rispetto e di riconoscimento di valore alle Contrade e al Palio”.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Pantaneto ‘rifiorisce’ il fine settimana.

Messaggio  jabru il Gio Mag 07, 2015 7:18 pm

Siena, 7 maggio 2015 - PANTANETO non è più sinonimo di schiamazzi notturni e bottiglie spaccate, abbandonate sui monumenti. Ha rialzato la testa, grazie ad un manipolo di commercianti. Dapprima pochi, adesso ben 72, si sono rimboccati le maniche per cancellare la brutta ‘fama’ della strada. Rianimarla, far tornare clienti, sia turisti che senesi. La chiusura al traffico per consentire iniziative e degustazioni all’aperto, sperimentata lo scorso anno, è già scattata. E tornerà, ogni fine settimana, da venerdì sera a domenica, fino al 29 novembre. «La formula ha funzionato – conferma Tiziana Barbetti, presidente del Comitato ‘Viva Pantaneto Viva’ – contiamo di migliorarla e implementarla». Annuncia che nel Protocollo d’intesa messo a punto con Comune e Contrada del Leocorno ci sono piccole novità. «Ci stiamo infatti organizzando per varare iniziative di sensibilizzazione volte a scoraggiare l’abuso di alcolici ricorrendo a campagne per la diffusione dell’alcol-test. All’interno del mio locale esiste già, ad esempio, la tabella con i valori da non superare». Questione di non poco conto se si considera che la strada si trova a due passi da Piazza del Campo, richiama giovani e incide su una Contrada. E che, come detto, si era guadagnata l’appellativo di ‘Bronx’ della città, adesso definitivamente oscurato. «Ci stiamo dando da fare – prosegue Barbetti – anche per garantire il decoro di Pantaneto e di tutti gli spazi che sono contigui ai negozi. Siamo noi a sistemare nel raggio di dieci metri dall’ingresso del locale, terminata la serata». E sul fronte dei rumori il Comitato sta lavorando per riuscire a convivere, anche nel 2015, con i residenti. «Hanno accolto la rinascita della strada in maniera positiva», aggiunge Barbetti. Che confessa come il primo maggio, debutto dell’area pedonale, le presenze sono state numerose. «Probabilmente di più anche se i clienti spendono meno. Tuttavia è importante – nota – che stia cambiando il trend». A fine maggio, intanto, sarà varato un evento. Un secondo è previsto in autunno, senza incidere con eventuali esigenze delle Contrade vittoriose.

E’ stato poi messo nero su bianco, dopo il tavolo in Comune, che le iniziative dei commercianti nel fine settimana non devono impedire il regolare svolgimento delle attività del Leocorno. «Contestualmente agli eventi organizzati da quest’ultimo – si legge nell’intesa – gli esercizi si dovranno astenere dallo svolgere attività sulla strada e dall’effettuare attività sonora dovuta ad esibizioni ‘live’ o con impianti di riproduzione». Finora la convivenza è stata pacifica.

Laura Valdesi da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

“Sona sona campanella”, in mostra gli elaborati della seconda edizione

Messaggio  jabru il Lun Mag 11, 2015 7:22 pm

Dal 14 al 17 maggio si svolgerà, nel Cortile del Podestà di Palazzo Pubblico, la seconda edizione della mostra sugli elaborati eseguiti dai bambini durante le lezioni del Progetto Scuole.
L’apertura della mostra è fissata per le ore 10,00 di giovedì 14 alla presenta di alcune classi che hanno partecipato al progetto; sarebbe molto gradita la vostra presenza per dare risalto all’evento.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Sonetti in vernacolo, la tradizione rinasce su Facebook

Messaggio  jabru il Mer Mag 13, 2015 7:43 pm

Ispirati dai “Colori” trenta appassionati cantori di Siena concorrono alla seconda edizione del “Concorso del sonetto senese amatoriale, promosso dal gruppo nato su Facebook “siamo di Siena...siamo fatto ‘osì” l’evento torna accompagnato da una cerimonia di premiazione che si svolgerà il 4 giugno, alle 17,30, nei locali della società della contrada del Drago. Sono trenta le composizioni che saranno giudicate prima dalla giuria popolare di internauti e poi dalla giuria tecnica composta da Simonetta Losi, Massimo Bianchi, Riccardo Benucci, Massimo Biliorsi e dal <CF91>Corriere di Siena.</CF> L’iniziativa ha il merito di aver fatto incontrare la comunicazione on line di Facebook, spesso scarna e approssimativa, con una delle forme più rappresentative del nostro vernacolo. Quella che affonda le radici nella cultura popolare di questa città e che vive grazie a tante testimonanianze scritte, ma anche con la forza di una tradizione orale ancora molto viva nel cuore delle contrade. L’arte del sonetto ha contagiato anche tanti giovani e continua ad ispirare coloro che non vivono più fra queste mura. Non a caso fra i partecipanti al concorso ci sono anche compositori extramoenia che hanno offerto un punto di vista sentimentale e appassionante della città.
“Per la straordinaria serata dedicata ai sonetti senesi, quest'anno abbiamo avuto l’idea di entrare nel tessuto vero, nell’essenza della nostra città, nel cuore della contrada. Un percorso, che ci porterà nel tempo a toccare tutte le realtà contradaiole - dicono gli organizzatori - Cominciamo con la contrada del Drago che ha accettato con entusiasmo di ospitarci. Una serata di senesi, per i senesi e per coloro che amano Siena e che servirà anche ad aiutare l'associazione "Le Mura Siena" che, con i suoi splendidi volontari, tanto sta facendo per il rilancio ed il restauro di pezzi importanti del nostro tessuto storico ed architettonico”.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Sky arte riporta Zullina in Piazza

Messaggio  jabru il Gio Mag 14, 2015 6:59 pm

Siena, 14 maggio 2015 - IL RUMORE degli zoccoli in Piazza, l’aria tiepida. Il volo dei piccioni sul Campo. Deserto. Dall’Entrone non escono i cavalli per le prove di notte. Ce n’è soltanto uno, in posa davanti alle telecamere. Irrequieto, non vuole stare agli ordini. Nonostante i 20 anni suonati Zullina sembra una ‘ragazzina’. «In realtà al Corpo Forestale l’abbiamo ribattezzata la ‘zia’ – spiega Simone Perugini che l’accompagna – perché lei fa un po’ da capobranco ai puledri monterufolini che alleviamo al Braccio». A riportarla in Piazza, dopo l’infortunio nel luglio 2001 quando volava, solitaria, verso il bandierino sono state le telecamere di Sky Arte dirette dal regista Emanuele Flangini, a Siena per girare una puntata della fortunata trasmissione «Sette meraviglie».
La N azione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gli studenti raccontano il Palio in una mostra nell'Entrone

Messaggio  jabru il Ven Mag 15, 2015 7:03 pm

Siena, 15 maggio 2015 - «MI SONO venuti i lucciconi a guardare tutti questi bambini nel Cortile del Podestà e i disegni fatti dopo che siamo stati a trovarli in classe». Parola di Antonio Dami, uno dei tanti volontari del Comitato Amici del Palio che, per il secondo anno, sono andati a scuola a ‘spiegare’ la Festa, le Contrade e la loro organizzazione agli studenti. «Sona sona campanella», tenuta a battesimo ieri nell’Entrone, è una mostra che racconta la storia di Siena e le sue tradizioni viste con gli occhi di 1700 cittini (in tutto 64 classi).
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Le medaglie che celebrano il Palio di Siena

Messaggio  jabru il Mer Mag 20, 2015 7:14 pm

SIENA. Per la prima volta nella sua secolare storia il Palio di Siena viene celebrato in una medaglia artistica. L’autore, Alberto Inglesi, senese doc e scultore tra i maggiori nel panorama nazionale, ha trasmesso con la sua creazione tutto l’amore ed il rispetto che nutre, da contradaiolo, verso la sua città e la giostra medioevale più rinomata al Mondo.

Quest’opera, prodotta dalla società AP Imprimatur, rappresenta la prima fase di un percorso che prevede la realizzazione di altre diciassette medaglie, una per ogni Contrada, create da alcune tra le maggiori personalità nel panorama artistico Senese. Questo per dare origine, al completamento del progetto, ad una serie unica e di straordinaria importanza, con alla base il fondamentale supporto e la garanzia del “Consorzio per la Tutela del Palio di Siena”.

Oro argento e bronzo diventeranno il veicolo attraverso cui l’immagine di Siena e del suo celebre Palio risplenderanno in tutta la loro storia secolare, valorizzati dalle formidabili doti artistiche dei Senesi che andranno, di qui ai prossimi anni, a realizzare le successive diciassette medaglie delle Contrade.

Tutte le medaglie, previste in tiratura limitata, unica ed irripetibile per la diffusione mondiale e numerate singolarmente, sono realizzate nello storico stabilimento Picchiani & Barlacchi di Firenze, già autore del distintivo per il “Premio Mangia”, delle monete de “Lo Scudo d’Oro del Sole” e della moneta “Giulio da 40 Quattrini”, oltre ai distintivi delle contrade, diventati con il tempo oggetti di culto e collezionismo. Ad ulteriore titolo di garanzia, i conii, a tiratura esaurita, verranno “segnati” e consegnati al Consorzio per la Tutela del Palio di Siena.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7406
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dove nasce la verbena

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum