Se ne parla a Siena

Pagina 3 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Andare in basso

INVERNO DI ELEZIONI PER DIECI POPOLI

Messaggio  jabru il Ven Ott 13, 2017 6:20 pm

Dopo la stagione paliesca appena conclusa diverse Contrade saranno chiamate al voto nel prossimo inverno. Saranno ben 10 i rioni che dovranno votare per eleggere le massime cariche dirigenziali: in alcuni casi è in scadenza o solo il Priore o solo il Capitano mentre in altri sono in scadenza di mandato entrambi. Riassumiamo la situazione andando in ordine alfabetico.

Aquila: è in scadenza il Capitano Marco Antonio Lorenzini.

Civetta: sono in scadenza il Capitano Francesco Ricci e il Priore Paolo Betti.

Drago: in scadenza il Capitano Fabio Miraldi e il Priore Laura Bonelli.

Giraffa: in scadenza il Capitano Emanuele Tondi e il Priore Bernardo Lombardini.

Leocorno: in scadenza il Capitano Bruno Mazzuoli e il Priore Paolo Bartolini.

Onda: in scadenza il Capitano Alessandro Toscano e il Priore Massimo Castagnini.

Pantera: in scadenza il Capitano Marco Antichi e il Priore Pasquale Colella Albino.

Tartuca: in scadenza il Priore Paolo Bennati.

Torre: in scadenza il Capitano Paolo Capelli e il Priore Pier Luigi Millozzi.

Valdimontone: in scadenza il Priore Simone Bari.

Francesco Zanibelli da OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La Contrada della Torre ha vinto il Minimasgalano 2017

Messaggio  jabru il Dom Ott 15, 2017 7:40 pm

E' stata la contrada della Torre ad aggiudicarsi la 42° esima edizione del "Minimasgalano", la manifestazione dedicata ai giovani alfieri e tamburini delle 17 Contrade organizzata dalla Contrada della Torre. Il tamburino Niccolò Bucciarelli e gli alfieri Tommaso Alberti e Tommaso Provvedi, si sono aggiudicati l'opera realizzata da Maria Vittoria Ciampoli. Per la contrada della Torre si tratta della quarta vittoria nella storia del Minimasgalano.
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Palio 2 luglio: le proposte di sanzione dell’assessore Balani

Messaggio  jabru il Mar Ott 17, 2017 7:22 pm

Proposta l'esclusione per un Palio al fantino Bastiano Sini, per aver ripetutamente strattonato il collega Alessio Giannetti


SIENA. Mauro Balani, assessore delegato alla Giustizia paliesca, ha elaborato tre proposte di sanzione relative allo scorso Palio del 2 luglio, sulla base di quanto disposto dal Regolamento del Palio e dalla relazione dei Deputati della Festa della quale fanno parte integrante i rapporti scritti dagli ispettori della pista e dal mossiere.


Ai sensi dell’articolo 64, 1° comma, del Regolamento del Palio un’ammonizione al fantino della Contrada della Selva Andrea Coghe, detto Tempesta, per essere partito, in occasione della Carriera, dal quarto posto anziché dal quinto assegnatogli. Un’ammonizione, sempre per cambio di postazione: quinta anziché quarta, al fantino della Contrada del Leocorno Dino Pes, detto Velluto.

Balani, infine, come previsto dall’art. 99, ha proposto l’esclusione per un Palio dal montare cavalli di Contrade, sia per le prove sia per la Carriera, al fantino Bastiano Sini, per aver “strattonato ripetutamente, durante il primo giro della seconda batteria della Tratta, il collega Alessio Giannetti in prossimità della curva del Casato”. Un comportamento, questo, contrario a quanto disposto nel 4° comma dell’art. 43 e dal 1° comma dell’art. 67.



I fantini avranno dieci giorni di tempo per presentare alla Giunta comunale le loro memorie difensive.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Giustizia paliesca, Velluto e Tempesta annunciano ricorso

Messaggio  jabru il Gio Ott 19, 2017 8:03 pm

Ammoniti entrambi dal giudice paliesco per cambio di posto. Un Palio di squalifica a Sini

Siena, 18 ottobre 2017 - DUE AMMONIZIONI, una a Velluto, fantino del Leocorno, l’altra a Tempesta, che a luglio debuttava nella Selva. E un Palio di squalifica a Bastiano Sini per quella sua ‘artigliata’ ad Alessio Giannetti che aveva fatto sussultare la Piazza nella seconda batteria della tratta del 29 giugno. Ecco le punizioni decise dall’assessore delegato Mauro Balani per Provenzano. Contro cui già Velluto e Tempesta annunciano ricorso.

«DOPO un contatto avvenuto in corsa alla curva di San Martino tra i cavalli contrassegnati dal n.3 (Sunto) e dal n.20 (Remorex), il fantino di quest’ultimo , Bastiano Sini – recita la relazione dei Deputati della Festa – nel tratto precedente la curva del Casato si è sporto dal proprio cavallo e ha afferrato il fantino di Sunto, Alessio Giannetti, strattonandolo ripetutamente con il rischio di provocarne la caduta». Di qui la squalifica. Se venisse confermata Sini il prossimo luglio non potrà fare la Tratta, né correre il Palio, limitandosi alle prove di notte.
Laaura Valdesi eda La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PROPOSTE DI SANZIONE PER IL PALIO DI LUGLIO: DUE AMMONIZIONI E UNA SQUALIFICA

Messaggio  jabru il Gio Ott 19, 2017 8:06 pm

Mauro Balani, assessore del comune di Siena delegato alla Giustizia paliesca, ha elaborato tre proposte di sanzione relative allo scorso Palio del 2 luglio, sulla base di quanto disposto dal Regolamento del Palio e dalla relazione dei Deputati della Festa della quale fanno parte integrante i rapporti scritti dagli ispettori della pista e dal mossiere.
Ai sensi dell’articolo 64, 1° comma, del Regolamento del Palio un’ammonizione al fantino della Contrada della Selva Andrea Coghe, detto Tempesta, per essere partito, in occasione della Carriera, dal quarto posto anziché dal quinto assegnatogli. Un’ammonizione, sempre per cambio di postazione: quinta anziché quarta, al fantino della Contrada del Leocorno Dino Pes, detto Velluto.
Balani, infine, come previsto dall’art. 99, ha proposto l’esclusione per un Palio dal montare cavalli di Contrade, sia per le prove sia per la Carriera, al fantino Bastiano Sini, per aver <<strattonato ripetutamente, durante il primo giro della seconda batteria della Tratta, il collega Alessio Giannetti in prossimità della curva del Casato>>. Un comportamento, questo, contrario a quanto disposto nel 4° comma dell’art. 43 e dal 1° comma dell’art. 67.
I fantini avranno dieci giorni di tempo per presentare alla Giunta comunale le loro memorie difensive.

OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

camion pieno di cavalli PALIO Eletto il nuovo Consiglio Direttivo dell’Associazione Proprietari Allevatori di cavalli

Messaggio  jabru il Gio Ott 26, 2017 8:42 pm

Nella giornata di ieri è stato eletto il nuovo Consiglio direttivo dell'Associazione proprietari allevatori di cavalli di Siena. Il nuovo Presidente è Massimiliano Ermini mentre i consiglieri sono Massimo Donatinui, Marcello Roti, Maria Elena Frosinini, Maurizio Grazzini, Elisabetta Ferrini e Maria Pace Carapelli.
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

CRONACHE SETTECENTESCHE

Messaggio  jabru il Lun Nov 06, 2017 8:45 pm

La ricorsa dell’agosto 1723, organizzata dalla Lupa, vincitrice a luglio, non venne disputata a causa dei disordini accaduti durante il palio alla lunga del 15 agosto dello stesso anno. I cavalli erano appena partiti dalla chiesa del Santuccio, quando un contadino si fece largo tra la folla per fermare e riprendere il cavallo di cui era proprietario. Egli fu però immediatamente catturato dai birri e da questi malmenato. Tutto ciò provocò la violenta reazione della folla che si pose a difesa dello sventurato. La situazione ben presto degenerò ed un soldato per paura sparò sui presenti i quali reagirono assediando il Corpo di Guardia e cercando di incendiarlo. La calma tornò solo quando il comandante ordinò di puntare i cannoni verso gli insorti, ma per timore di ulteriori tumulti, il Palio alla tonda del giorno successivo fu annullato ed i 40 talleri di premio furono convertiti in doti matrimoniali a disposizione di 10 fanciulle delle contrade che avrebbero dovuto correre la carriera. Al di là di questo episodio, altre volte i Palii alla lunga diedero origine a contestazioni e controversie a causa della scorrettezza dei vari proprietari. Il 15 agosto 1798, tale Angelo Poggesi fece segnare tre cavalli alla corsa. Uno di essi fu ritenuto da altri proprietari essere di razza Berbera, ed il regolamento vietava la partecipazione a questo tipo di cavalli. I giudici della mossa assieme ad un perito effettuarono un’ispezione sul soggetto in questione e, ritenendolo berbero, lo esclusero dal Palio. Ma gli altri proprietari, dubitando ulteriormente sull’onestà del Poggesi, fecero notare ai giudici come un altro cavallo da lui presentato e descritto come morello balzano da tre, fosse in realtà un altro esemplare che era stato adeguatamente pitturato per farlo corrispondere alla descrizione fornita all’atto dell’iscrizione. Anche in questo caso il Poggesi fu smascherato e la mattina della corsa furono mandati dei soldati per impedire l’uscita dalla stalla del cavallo “truccato”.

Tornando alle carriere alla tonda, assai convulsa risultò quella dl 16 agosto 1784. Due cavalli tardarono a presentarsi alla mossa, restando nella spianata. Gli altri fantini nel frattempo forzarono la mossa; Begnamino del Bruco e Gigi Bestia della Civetta caddero, mentre Grillo dell’Aquila, ritenendo che la partenza fosse buona, scattò al galoppo e fu fermato solo dopo che aveva compiuto un giro. Il capitano aquilino protestò vivacemente contro la decisione di fermare la corsa, ma fu riportato alla calma dietro minaccia di arresto. “Cosa potevano le languide voci di due o tre ragionevoli persone contro le baionette di 50 mal comandati e banditi soldati?”, si chiedeva sconsolato un cronista dell’epoca. Al secondo tentativo la mossa fu data buona ed a tagliare per primo il traguardo fu il cavallo scosso della Torre, dal quale era precedentemente caduto Ciocio, seguito in seconda posizione dalla Giraffa. Dopo un po’ di incertezza i giudici assegnarono la vittoria alla Torre, provocando la reazione di giraffini. La Giraffa voleva ricorrere addirittura in giudizio in quanto riteneva che il cavallo della Torre all’ultimo San Martino stava per fermarsi e fu rimesso in pista a suon di nerbate da Ciocio che era precedentemente caduto e, secondo la tesi della contrada di Provenzano, il fantino a terra non poteva più toccare il cavallo. Ma le autorità consigliarono alla Giraffa di non proseguire la propria azione. Chi invece agì di fronte al giudice fu l’Aquila, chiedendo che non fosse pagato il premio in denaro alla Torre, ma anche in questa occasione l’istanza fu respinta e la Torre fu ritenuta la vincitrice legittima di quella carriera.

Davide Donnini da OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

IL PALIO IN GO KART , SFIDA FRA CAPITANI E FANTINI SUL CIRCUITO DI CASETTA

Messaggio  jabru il Dom Nov 12, 2017 10:10 pm

Vince la sfida fra Capitani, fantini ed addetti ai lavori " Matteo Consalvi" addetto al gruppo piccoli della Contrada dell'Onda.

Sul circuito di Casetta si sono sfidati sui Go kart i fantini i capitani ed addetti a lavori delle 17 Contrade. Due giorni di eventi a favore della LILT. La Gara che si è svolta sotto una fitta pioggia è stata vinta da Matteo Consalvi addetto al Gruppo piccoli della Contrada dell'Onda.
oksiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tartuca in lutto per la scomparsa di Gianni Ginanneschi

Messaggio  jabru il Lun Nov 13, 2017 9:18 pm

La Contrada della Tartuca con sincero ed incolmabile dolore comunica al mondo contradaiolo e alla città tutta la scomparsa del suo Rettore del Collegio dei Maggiorenti
N. H. Notaio Dr. Gianni Ginanneschi
Già Priore per otto anni e Capitano per un decennio, vittorioso nel 1967 e nel 1972, ha segnato profondamente la storia della Tartuca nella seconda metà del secolo trascorso, grazie alla sua illuminata determinazione e al suo amore per la Contrada.
Come Rettore del Collegio dei Maggiorenti ha vigilato sul buon andamento dell’istituzione per oltre trenta anni, con straordinarie capacità, magnanimità d’animo e profondo spirito di attaccamento. Tutti i tartuchini, ricordandolo con affetto, piangono la sua scomparsa e si stringono alla famiglia nel suo profondo dolore.
Le esequie si svolgeranno domani pomeriggio, martedì 14 novembre, alle ore 15 presso la Basilica dell’Osservanza.
Antenn RadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La Giunta Comunale delibera la costituzione del Comune di Siena come parte civile nel procedimento penale per i cavalli ''truccati''

Messaggio  jabru il Mer Nov 15, 2017 11:24 pm

La Giunta comunale ha deliberato la costituzione del Comune di Siena come parte civile nel procedimento penale n. 3245/2015 R.G.N.R. per conseguire il risarcimento di tutti i danni subiti e subendi, patrimoniali e non patrimoniali patiti dal Comune di Siena, in relazione ai delitti di cui agli artt. 476, 479, 482, 483 e 490 c.p. (anche commessi mediante induzione in errore ex art. 48 c.p.), così come descritti nei capi di imputazione A, B, C, H, I, L, M, N, O della richiesta di rinvio a giudizio e contro gli imputati a cui tali reati sono attribuiti e contestati.

Con la medesima deliberazione, il Comune di Siena conferisce all’Avvocato Fabio Pisillo del Foro di Siena, ai sensi dell’art. 10 del regolamento dell’Avvocatura comunale, l’incarico per l’assistenza tecnica, la rappresentanza, la difesa legale dell’Ente quale parte civile in tale procedimento penale.

Il 20 luglio scorso il Gup del Tribunale di Siena, Roberta Malavasi, aveva rinviato a giudizio i fantini Luigi ed Enrico Bruschelli, Sebastiano Murtas ed il veterinario viterbese Mauro Benedetti.

I quattro sono accusati a vario titolo ed in concorso per falso in atto pubblico ai danni della commissione veterinaria del palio di Siena, falso ideologico, violazione di sigilli, frode processuale, maltrattamento di animali, commercio ed impiego di farmaci non consentiti. Nessuno dei cavalli oggetto dell'inchiesta ha mai corso il palio.

Il magistrato aveva respinto tutte le eccezione presentate dagli avvocati della difesa. L'indagine era iniziata nel luglio di due anni dopo una segnalazione anonima sulla cui base il sostituto procuratore Aldo Natalini decise il sequestro di tre animali della scuderia di Bruschelli, perche si ipotizzava la sostituzione di un microchip identificativo per poterli far passare come cavalli mezzosangue anglo-arabi mezzosangue e poterli così iscrivere all'Albo del Comune di Siena. Un iter che permette all'animale di poter avere la possibilità di essere scelto per correre il palio.

Lo scorso maggio dopo la morte di uno dei tre cavalli, c'è stato un nuovo controllo da parte della magistratura all'ippodromo senese di Pian delle fornaci e nell'abitazione del veterinario, controllo durante il quale furono trovati e sequestrati medicinali. La prima udienza del processo si terrà il 23 novembre prossimo.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Onda, il capitano Toscano confermato per acclamazione

Messaggio  jabru il Sab Nov 18, 2017 8:41 pm

SOLO un lungo applauso. Niente voto per confermare il capitano vittorioso dell’Onda Alessandro Toscano. Che dunque guiderà, così ha deciso l’assemblea di Malborghetto mercoledì sera, per acclamazione, lo staff Palio per un altro biennio. «Un momento da brividi», ammette annunciando che sono state fatte piccole modifiche al gruppo che lo affiancherà. «Jacopo Castagnini, dopo tanti anni come mangino, ci lascia. Ha svolto un ruolo determinante, per questo lo ringraziamo di cuore. Resterà sempre vicino a noi», annuncia Toscano.

Chi sono i nuovi mangini?

«Carlo Baglioni ovviamente resta. Entrano Luca Vigni e Giancarlo Monari, due debuttanti nel ruolo. Siamo una squadra di persone che si stimano e credono l’uno nell’altro».

Cosa ha detto Toscano all’assemblea?

«Che riparto estremamente determinato. Ho tantissima voglia di fare bene. Entusiasmo. Ovviamente dobbiamo continuare a lavorare e migliorare, se possibile».
Laura Valdesi da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Prorogato fino al 2020 l'accordo tra Comune, Consorzio per la Tutela del Palio di Siena e Magistrato delle Contrade

Messaggio  jabru il Sab Nov 18, 2017 8:45 pm

Durante la seduta della Giunta comunale, tenutasi lo scorso 10 novembre, è stato prorogato per tre anni, coprendo così l’arco temporale 2018, 2019 e 2020, l’accordo per la regolamentazione delle riprese televisive in occasione dei Palii stipulato per la prima volta nel 1992 tra il Comune, Consorzio per la Tutela del Palio di Siena e Magistrato delle Contrade
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Piccini: “Giustizia paliesca da riformare”

Messaggio  jabru il Mar Nov 21, 2017 8:11 pm

SIENA. Da Pierluigi Piccini riceviamo e pubblichiamo.

“La giustizia paliesca non è, da tempo, una giustizia giusta. Le decisioni sono arbitrarie, mancano i parametri per rendere i criteri di giudizio più equilibrati. Ormai, si sa, i contradaioli attendono le sentenze pervasi dall’inconscia certezza che le sentenze conterranno una insana dose di parzialità. Il piatto della bilancia, di volta in volta, pende a favore di un fantino, o un contrada o un gruppo di contradaoli, senza alcun criterio (in apparenza) decifrabile. Il metro di giudizio subisce il dominio delle influenze momentanee, che rendono regole e fondamenti deboli e violabili secondo le convenienze di chi le applica, in barba a chi quelle norme in passato le ha emanate e osservate con rigore.

Allora, visto che non c’è da fidarsi di chi sanziona, puntiamo tutto su una revisione radicale di un sistema, in modo da non lasciare troppa arbitrarietà nei confronti di chi è chiamato a giudicare. Servono criteri di giudizio oggettivi, così da evitare le variabili del primo che passa. La nuova stagione della giustizia paliesca, che tutti auspicano, dovrà basarsi esclusivamente su parametri fissi e condivisi. Quindi, a ogni violazione dovrà corrispondere una penalità, evitando le libere interpretazioni, tenendo ben conto allo stesse tempo del contenuto delle discolpe, che dovranno essere prese in considerazione accuratamente e non scartate a priori. Soprattutto, dovranno essere valutate con equità e coerenza, in modo da far diventare la giustizia paliesca finalmente giusta”.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

L'Aquila conferma il capitano

Messaggio  jabru il Mar Nov 21, 2017 8:14 pm

Il popolo della contrada dell'Aquila ha confermato Marco Antonio Lorenzini come suo capitano. Importanti i numeri di questa elezione: sono stati oltre 240 i votanti (in crescita rispetto alla scorsa tornata) e Lorenzini ha ottenuto il 96% dei consensi.
Una percentuale che testimonia la compattezza della contrada di via del Casato
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

''Delirio - una città, una corsa, diciassette popoli'', la presentazione del libro fotografico sul Palio di Siena

Messaggio  jabru il Mar Nov 21, 2017 8:18 pm

Per quanti sforzi e tentativi linguistici si facciano per interpretare, capire, spiegare, raccontare il Palio di Siena, la lettura più imparziale, meno invasiva, più affascinante, resta quella della fotografia.

Partendo da questo presupposto nasce il libro "Delirio - una città, una corsa, diciassette popoli" edito da Eurograf che verra presentato il sabato 2 dicembre alle ore 17:30 presso la Galleria Lombardi Arte in via di Beccheria n. 19 a Siena.

Il nuovo progetto editoriale si pone l’obbiettivo di fissare, raccontare attraverso l’occhio attento dell’artista, della sua ‘macchina fotografica‘ i giorni che precedono il Palio e il Palio stesso. Non un semplice racconto cronologico degli eventi, ma la trasposizione nell’immagine delle emozioni che
 il Palio genera nel senese e non; dove al centro del progetto c’e l’uomo, il contradaiolo, comparsa e protagonista alle stesso tempo. Un attenta ricostruzione fotografica che permette al lettore di vivere in prima persona le paure, le attese, i silenzi e la gioia del trionfo che solo il Palio di Siena riesce a generare .

Hanno lavorato gomito a gomito i fotografi Fabio di Pietro, Giulia Brogi, Pietro Tonnicodi, il grafico Giacomo Franci per l’impaginazione e la post-produzione, Francesco Fagnani e Francesca Matteassi per la selezione delle foto e i testi. Un grazie va a Michele Masotti per aver concesso la pubblicazione delle sue poesie
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Nicchio, Valdimontone, Torre e Onda “disertano” Sant’Ansano

Messaggio  jabru il Mer Nov 22, 2017 7:36 pm

Nicchio, Valdimontone, Torre e Onda non parteciperanno ai festeggiamenti per Sant’Ansano. La forma di protesta è stata comunicata ufficialmente al Magistrato delle contrade e nasce per dire no alla giustizia ordinaria nel Palio. 68 condadaioli delle 4 contrade saranno infatti processati il 4 dicembre per le scazzottate in piazza del Campo il 16 agosto 2015. L’accusa è di rissa.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Pantera in lutto, è scomparso Raffaello Mori Pometti

Messaggio  jabru il Mer Nov 22, 2017 7:38 pm

Ancora un grande senese se ne va in questo 2017 che si è portato via tanti personaggi di spessore. La contrada della Pantera è in lutto per la scomparsa di Raffaello Mori Pometti, capitano vittorioso ed anche Priore. Il ricordo che pubblichiamo di seguito è quello dell’attuale priore della Pantera Pasquale Colella, postato sulla sua pagina Facebook

“E’ con profonda commozione che comunico la scomparsa del Capitano due volte vittorioso (1971 e 1978) e già Priore Raffaello Mori Pometti. Raffaello è stato uno degli avvocati più noti della città, un uomo che ha dedicato tutta la sua vita alla famiglia, alla professione e alla Contrada. E’ stata e sempre sarà una figura di riferimento per noi tutti, un uomo brillante, sagace, garbato e con un eloquio inarrivabile. Il ricordo della sua esperienza professionale e contradaiola rimarrà inciso nella memoria di ognuno di noi. E’ stato esempio di autorevolezza e attaccamento profondo ai nostri colori e grazie alla sua forza e determinazione ha legato per sempre il suo nome a quello della nostra Contrada sia come Capitano vittorioso che come Onorando Priore. Una mente lucida come poche ne ho conosciute, solo lo scorso anno era a presentare i suoi ultimi tre libri, ma sempre, gentile, premuroso e sorridente anche di fronte alle difficoltà che la vita mette davanti ad ognuno di noi. Siena perde uno dei suoi figli migliori e non è retorica ma una semplice constatazione che può fare chiunque abbia avuto la fortuna di conoscerlo. Per me un punto di riferimento inarrivabile! Ci stringiamo attorno alla moglie e ad Andrea…. Ciao Lello, buon viaggio………

AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Sarà rinviata l'udienza prevista per domani, 23 novembre

Messaggio  jabru il Mer Nov 22, 2017 7:41 pm

Sarà rinviata, probabilmente a data da destinarsi, l'udienza in programma per domani, 23 novembre, a carico dei fantini Luigi Bruschelli, Enrico Bruschelli e Sebastiano Murtas e del veterinario Mauro Benedetti. I quattro imputati erano stati rinviati a giudizio lo scorso mese di luglio dal Gup Malavasi del Tribunale di Siena con l’ipotesi di reato, a vario titolo e in concorso, per falso in atto pubblico in danno della Commissione veterinaria del Palio di Siena (Palio 2014 e Palio 2015), falso ideologico per soppressione, violazione di sigilli e frode processuale, maltrattamento ed uccisione di animali, commercio ed impiego di farmaci non consentiti.
La scorsa settimana anche il Comune di Siena aveva deciso di costituirsi come parte civile.
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Sant’Ansano: Nicchio, Onda, Torre e Valdimontone non ci saranno

Messaggio  jabru il Gio Nov 23, 2017 9:02 pm

Le quattro contrade hanno chiesto alle Consorelle di partecipare alle celebrazioni che danno inizio all'anno contradaiolo


Riceviamo e pubblichiamo dal Magistrato delle Contrade di Siena.


“La Nobile Contrada del Nicchio, la Contrada Capitana dell’Onda, la Contrada della Torre e la Contrada di Valdimontone, nel corso della riunione del Magistrato delle Contrade del 20 Novembre u.s., hanno comunicato alle altre Consorelle la decisione di non partecipare ad alcuna delle celebrazioni laiche e religiose previste per i festeggiamenti di Sant’Ansano il 1.12.2017.
Questa sofferta decisione vuole rappresentare il disagio e la vicinanza ai 68 Contradaioli rinviati a giudizio per gli accadimenti del 17.8.2015, nonché la forte preoccupazione avvertita all’interno delle predette Contrade e da parte di tutto il mondo Contradaiolo, come in precedenza già dichiarato pubblicamente a suo tempo dal Magistrato delle Contrade.
Al fine comunque di sgombrare il campo da equivoci o ingiustificate strumentalizzazioni, preme sottolineare il pieno rispetto e la fiducia per il lavoro portato avanti dalla Magistratura e dalle altre Istituzioni coinvolte, sicuramente consapevoli della storica particolarità della tradizione paliesca e contradaiola.
Nicchio, Onda, Torre e Valdimontone, pur apprezzando la condivisione e la solidarietà manifestata dalle altre Consorelle nel rispetto per la scelta operata, hanno richiesto alle stesse di partecipare alle celebrazioni che segnano l’inizio dell’anno contradaiolo.

Nobile Contrada del Nicchio
Contrada Capitana dell’Onda
Contrada della Torre
Contrada di Valdimontone
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Nicchio, Onda, Torre e Valdimontone non parteciperanno alle celebrazioni di Sant'Ansano

Messaggio  jabru il Gio Nov 23, 2017 9:05 pm

La Nobile Contrada del Nicchio, la Contrada Capitana dell’Onda, la Contrada della Torre e la Contrada di Valdimontone, nel corso della riunione del Magistrato delle Contrade del 20 novembre scorso, hanno comunicato alle altre Consorelle la decisione di non partecipare ad alcuna delle celebrazioni laiche e religiose previste per i festeggiamenti di Sant’Ansano l'1 dicembre 2017.

"Questa sofferta decisione - affermano le quattro Contrade - vuole rappresentare il disagio e la vicinanza ai 68 Contradaioli rinviati a giudizio per gli accadimenti del 17 agosto 2015, nonché la forte preoccupazione avvertita all’interno delle predette Contrade e da parte di tutto il mondo contradaiolo, come in precedenza già dichiarato pubblicamente a suo tempo dal Magistrato delle Contrade.

Al fine comunque di sgombrare il campo da equivoci o ingiustificate strumentalizzazioni, preme sottolineare il pieno rispetto e la fiducia per il lavoro portato avanti dalla Magistratura e dalle altre Istituzioni coinvolte, sicuramente consapevoli della storica particolarità della tradizione paliesca e contradaiola. Nicchio, Onda, Torre e Valdimontone, pur apprezzando la condivisione e la solidarietà manifestata dalle altre Consorelle nel rispetto per la scelta operata, hanno richiesto alle stesse di partecipare alle celebrazioni che segnano l’inizio dell’anno contradaiolo".
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

NICCHIO, ONDA, TORRE E VALDIMONTONE NON PARTECIPANO ALLA FESTA DI SANT'ANSANO

Messaggio  jabru il Gio Nov 23, 2017 9:07 pm

La Nobile Contrada del Nicchio, la Contrada Capitana dell’Onda, la Contrada della Torre e la Contrada di Valdimontone, nel corso della riunione del Magistrato delle Contrade del 20 Novembre, hanno comunicato alle altre Consorelle la decisione di non partecipare ad alcuna delle celebrazioni laiche e religiose previste per i festeggiamenti di Sant’Ansano il primo dicembre. Questa sofferta decisione vuole rappresentare il disagio e la vicinanza ai 68 Contradaioli rinviati a giudizio per gli accadimenti del 17 agosto 2015, nonché la forte preoccupazione avvertita all’interno delle predette Contrade e da parte di tutto il mondo Contradaiolo, come in precedenza già dichiarato pubblicamente a suo tempo dal Magistrato delle Contrade. Al fine comunque di sgombrare il campo da equivoci o ingiustificate strumentalizzazioni, preme sottolineare il pieno rispetto e la fiducia per il lavoro portato avanti dalla Magistratura e dalle altre Istituzioni coinvolte, sicuramente consapevoli della storica particolarità della tradizione paliesca e contradaiola. Nicchio, Onda, Torre e Valdimontone, pur apprezzando la condivisione e la solidarietà manifestata dalle altre Consorelle nel rispetto per la scelta operata, hanno richiesto alle stesse di partecipare alle celebrazioni che segnano l’inizio dell’anno contradaiolo.
OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

"Abbiamo chiesto alle altre consorelle di partecipare alle celebrazioni" La nobile contrada del Nicchio, la contrada Capitana dell’Onda, la contrada della Torre e la contrada di Valdimontone, nel corso della riunione del Magistrato delle Contrade del 20 n

Messaggio  jabru il Gio Nov 23, 2017 9:11 pm

"Abbiamo chiesto alle altre consorelle di partecipare alle celebrazioni"
La nobile contrada del Nicchio, la contrada Capitana dell’Onda, la contrada della Torre e la contrada di Valdimontone, nel corso della riunione del Magistrato delle Contrade del 20 novembre, hanno comunicato alle altre consorelle la decisione di non partecipare ad alcuna delle celebrazioni laiche e religiose previste per i festeggiamenti di Sant’Ansano il 1 dicembre.
Questa sofferta decisione vuole rappresentare il disagio e la vicinanza ai 68 contradaioli rinviati a giudizio per gli accadimenti del 17 agosto 2015, nonché la forte preoccupazione avvertita all’interno delle predette contrade e da parte di tutto il mondo contradaiolo, come in precedenza già dichiarato pubblicamente a suo tempo dal Magistrato delle Contrade.
Al fine comunque di sgombrare il campo da equivoci o ingiustificate strumentalizzazioni, preme sottolineare il pieno rispetto e la fiducia per il lavoro portato avanti dalla Magistratura e dalle altre
istituzioni coinvolte, sicuramente consapevoli della storica particolarità della tradizione paliesca e contradaiola.
Nicchio, Onda, Torre e Valdimontone, pur apprezzando la condivisione e la solidarietà manifestata dalle altre consorelle nel rispetto per la scelta operata, hanno richiesto alle stesse di partecipare alle celebrazioni che segnano l’inizio dell’anno contradaiolo.
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Giustizia paliesca, è caos. La giunta non decide

Messaggio  jabru il Ven Nov 24, 2017 7:27 pm

Slitta la decisione sui ricorsi contro le sanzioni dell'Assunta
di LAURA VALDESI Pubblicato il 24 novembre 2017

Siena, 24 novembre 2017 - FUMATA nera. La giunta comunale non decide sulle proposte di sanzione presentate dal giudice delegato Mauro Balani per i fatti dell’Assunta. Gli assessori si dividono. Discutono. Vanno indietro nel tempo alla ricerca di precedenti, recenti ma anche più datati. E alla fine non c’è verso di trovare una (sana) convergenza. Serve insomma una sorta di ‘supplemento di indagine’, così lo definisce qualcuno. O, sarebbe meglio dire, di riflessione. Sono in fondo le ultime decisioni che vengono assunte in materia di Palio dall’amministrazione che sta concludendo il mandato. Meglio evitare verdetti affrettati, destinati a lasciare strascichi polemici da ora fino alle prossime elezioni comunali. Morale: se ne riparla nella prossima giunta, giovedì 30 novembre. L’ultima utile per chiudere i conti con la giustizia paliesca perché l’indomani si apre il nuovo anno contradaiolo che, peraltro, inizia subito  con l’assenza di quattro Consorelle dalle celebrazioni di Sant’Ansano. La giunta (mancavano ieri soltanto Tiziana Tarquini e Francesca Vannozzi) potrebbe riunirsi però anche prima del 30. Il sindaco ha invitato infatti gli assessori a tenersi a disposizione.
Laura Valdesi da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

L’Oca contesta la gestione della giustizia paliesca

Messaggio  jabru il Sab Dic 02, 2017 10:18 pm


SIENA. Dalla Nobile Contrada dell’Oca riceviamo e pubblichiamo il seguente ccomunicato a firma del governatore Francesco Cillerai.


“La Sedia Direttiva della Nobile Contrada dell’Oca, preso atto delle decisioni della Giunta Comunale in merito alle sanzioni relative al Palio del 16 Agosto 2017, evidenzia come ancora una volta l’Amministrazione Comunale non sia stata in grado di attuare una gestione equilibrata, costante e uniforme degli aspetti disciplinari del Palio, ricadendo per l’ennesima volta in una pessima giustizia da due pesi e due misure.
Nonostante le Contrade e tutti i protagonisti della Festa invochino da tempo una costanza di comportamenti e di giudizi, evitando repentini e immotivati cambiamenti di rotta nella gestione disciplinare del Palio, la Giunta Comunale, di fronte ad infrazioni regolamentari e comportamenti assolutamente speculari, verificatisi ad appena un anno di distanza (vedasi sanzioni per il Palio di Agosto 2016), è giunta a punizioni diverse, sanzionando addirittura la Nobile Contrada dell’Oca per responsabilità oggettiva ex art. 101 Regolamento del Palio, a differenza dell’orientamento espresso nel 2016.
Inspiegabile e ingiustificabile è la difformità di trattamento sanzionatorio adottata con riferimento al Palio di agosto 2017 rispetto al Palio di agosto 2016; ci appare ancor più inaccettabile, in relazione a quanto dichiarato dal sindaco Dr. Bruno Valentini in data 28/5/2017, il quale – in occasione della estrazione delle contrade – così affermava: “L’anno scorso (il 2016, n.d.r.) abbiamo adottato un meccanismo sanzionatorio e la linea non cambia nel 2017. È molto importante, l’ho ribadito anche alle contrade, che i deputati siano consapevoli del loro ruolo. L’istruttoria deve essere molto accurata. Ho dato indicazioni precise.”
Oltre a ciò si evidenzia che la documentazione messa a disposizione della Contrada dall’Amministrazione Comunale in merito alle proposte dell’Assessore delegato, Mauro Balani, è risultata incompleta poiché costellata di “omissis”, impedendo alla Contrada di potersi compiutamente difendere dalle contestazioni mosse e costringendola a redigere una memoria difensiva (che viene allegata integralmente al presente comunicato) inevitabilmente condizionata; al riguardo questa Nobile Contrada ha presentato in data odierna formale istanza di accesso ai documenti amministrativi, al fine di ottenere copia integrale delle relazioni dei Deputati della Festa, degli Ispettori di pista e del Mossiere, riservandosi – in caso di diniego della consegna di tali documenti – di tutelare i propri interessi anche in sede di giustizia amministrativa.
Questa decisione, che verrà spiegata ai Contradaioli in occasione del tradizionale brindisi del 1° Dicembre in Sala delle Vittorie, sarà solo prodromica ad una serie di iniziative che questa Sedia Direttiva, sulla base del mandato che le verrà conferito dall’Assemblea Generale, metterà in atto al fine di tutelare la dignità del proprio Popolo ed il rispetto rigoroso delle “regole del gioco”, nei confronti di un’Amministrazione che, ancora un volta, manifestando palese inadeguatezza ed incapacità nella gestione degli aspetti disciplinari della Festa (il 27 Novembre 2015 il Governatore Fulvio Bruni scriveva le stesse cose in merito all’episodio riguardante i vetri di un’ambulanza “autodistruttisi” secondo la medesima Giunta Comunale), persevera nell’utilizzare per la Giustizia Paliesca quel “bilancino politico” che è quanto di più deleterio e dannoso per la tutela e la salvaguardia del Palio e delle Contrade.
Il tutto ovviamente nel rispetto delle regole e del codice di autoregolamentazione, rispettando ed accettando il deliberato della Giunta. A testimonianza di quanto sopra, oltre al rinvio della settimana scorsa, è da evidenziare la “strana” assenza, alla riunione di Giunta di ieri, di alcuni assessori che sembrerebbe testimoniare una evidente frattura all’interno della stessa Giunta, verosimilmente tra chi invocava il rispetto dell’art. 99 bis e una uniformità e costanza di giudizio e chi, invece, ha preferito anteporre al buon senso, alla logica e al rispetto delle regole, motivazioni faziose e del tutto estranee al contesto in cui si sarebbe dovuto decidere .
In ogni caso, questa Sedia Direttiva, anche in considerazione dell’approssimarsi della scadenza elettorale, non intende in alcun modo strumentalizzare a fini politici la vicenda in oggetto, ma ritiene imprescindibile un radicale cambio di rotta nella gestione della Giustizia Paliesca, che deve necessariamente essere affidata a soggetti capaci e soprattutto conoscitori delle dinamiche, delle regole, della tradizione, e svincolata nel modo più assoluto da interessi di parte e inaccettabili logiche politiche”.


Nobile Contrada dell’Oca – Memoria difensiva 16 Agosto 2017
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

l'Oca attacca il Comune contro le sanzioni

Messaggio  jabru il Sab Dic 02, 2017 10:21 pm

La Contrada dell'Oca non ci sta e attacca il Comune contro le decisioni della giunta in merito alle sanzioni relative al Palio del 16 agosto 2017. Si tratta della "deplorazione" con la quale la Contrada è stata punita "per avere il proprio fantino ripetutamente disturbato nelle fasi della mossa, il fantino della Contrada della Torre".
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7612
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Se ne parla a Siena

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum