Se ne parla a Siena

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Sant'Ansano di protesta, quattro contrade non ci sono

Messaggio  jabru il Sab Dic 02, 2017 10:24 pm



Non ci sono le bandiere ed i tamburi di Nicchio, Onda, Torre e Valdimontone. E la celebrazione di Sant'Ansano, con l'inizio dell'anno contradaiolo, ha un sapore diverso. Le quattro contrade non hanno partecipato in segno di protesta per i 68 contradaioli che dovranno subire un processo.
Corriere diSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

LE MEDAGLIE UFFICIALI DELLE CONTRADE, SABATO LA PRESENTAZIONE

Messaggio  jabru il Sab Dic 02, 2017 10:26 pm

C'è una bella novità nell'ambito del Palio di Siena. La società AP Imprimatur ha realizzato le medaglie ufficiali delle contrade.

Sabato 2 Dicembre, nella splendida cornice di Palazzo de' Vecchi in Via Pantaneto, dalle ore 17:30 alle 20:00, è allestita la mostra con presentazione delle prime quattro medaglie della collezione:

Medaglia di apertura della collezione, dedicata al Palio, realizzata da Alberto Inglesi

Medaglia della Nobile Contrada dell'Aquila, realizzata dal Maestro Alberto Inglesi

Medaglia della Nobil Contrada del Bruco, realizzata dal Maestro Ezio Pollai

Medaglia della Contrada della Chiocciola, realizzata dal Maestro Pier Luigi Olla

L'invito è rivolto a tutti gli interessati ed appassionati, l'evento è accompagnato da rinfresco.

Per maggiori informazioni, www.medagliedelpalio.com
OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Palio oggi in tribunale: udienza per 68 contradaioli accusati di rissa

Messaggio  jabru il Lun Dic 04, 2017 7:31 pm

GLI IMPUTATI ci saranno tutti. O quasi E con loro anche i priori delle rispettive Contrade – Onda, Nicchio, Torre e Valdimontone – che non hanno partecipato alle celebrazioni di Sant’Ansano per esternare il disagio per il processo scaturito dai fronteggiamenti del 17 agosto 2015. E per confermare dunque la piena solidarietà ai 68 contradaioli chiamati stamani a rispondere di rissa aggravata perché in entrambi i fronteggiamenti vi furono feriti, seppure lievi. Così sono stati letti dalla procura i due episodi a fine Carriera: il primo tra Onda e Torre, avvenuto fra l’imbocco di via Dupré e il Casato, Nicchio e Valdimontone erano stati invece protagonisti del secondo, nel lato opposto della Piazza.

La prima udienza, davanti al giudice Silvia Romeo, sarà certo lunga fosse solo perché, come in ogni processo, c’è da verificare se le notifiche sono state effettuate correttamente, prima che i difensori inizino a calare le carte in tavola. I giorni scorsi sono stati intensi per gli imputati, c’era da scegliere la linea da adottare. Gli otto del Nicchio, difesi dall’avvocato Luigi De Mossi, sono orientati a fare regolarmente il processo. Ad andare fino in fondo perché fatti come quelli accaduti in Piazza sono da secoli nel dna della Festa. Distanti anni luce dalla violenza gratuita e da quella negli stadi. Il modo di vivere dei senesi di sicuro fa spettacolo ma solo se estrapolato dal contesto può sembrare squallido scontro fra persone. Ventisei i montonaioli finiti nelle oltre mille pagine dell’inchiesta condotta dalla Squadra Mobile, 17 dei quali assistiti da Fabio Pisillo. In larghissima parte dovrebbero optare per il patteggiamento. Il pm Aldo Natalini, dal canto suo, è orientato a dare il consenso. Vorrebbe dire che la vicenda si potrebbe concludere, riconosciute le attenuanti generiche, in 150 euro di multa. Un paio di contradaioli della Torre dovrebbero imboccare la stessa strada mentre gli altri 13 di Salicotto (il loro legale è Daniele Bielli) hanno intenzione di definire la questione con il giudizio abbreviato, dunque sulla base degli elementi contenuti nel fascicolo del pm, puntando a difendere strenuamente la tradizione del Palio che altrimenti rischia di uscire dal processo assimilato a una delle tante giostre che ci sono in Italia. Diciannove, infine, gli ondaioli imputati che si sono affidati all’avvocato Alessandro Betti. Un paio si indirizzeranno verso la messa alla prova (che porta all’estinzione del reato, come avvenuto nel caso di Veleno II), altrettanti faranno il processo. Il resto patteggierà.



di LAURA VALDESI da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Processo ai contradaioli, se ne riparla il 31 gennaio 2018

Messaggio  jabru il Lun Dic 04, 2017 7:36 pm

E' cominciato questa mattina il processo ai 68 contradaioli appartenenti a Nicchio, Valdimontone, Torre e Onda rinviati a giudizio per i fatti del dopo corsa del 17 agosto 2015. Come previsto, fuori dal tribunale si è radunata una folla di senesi per dare solidarietà agli imputati, con una folta rappresentanza di nicchiaioli che ha accompagnato i propri contradaioli dalla società La Pania fino alla Lizza, ma anche con rappresentanti di altre consorelle, come il priore del Bruco Gianni Morelli. Dopo le arringhe delle difese, 15 delle persone alla sbarra hanno scelto la strada del rito abbreviato, 8 il patteggiamento, 2 la messa alla prova, gli altri il dibattimento. Alcuni ondaioli e montonaioli si sono riservati di accettare o il rito abbreviato o il patteggiamento. Così si è concluso questo primo passaggio del processo. Si tornerà in aula il 31 gennaio 2018.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Fronteggiamenti Palio agosto 2015: le conclusioni dell'udienza preliminare

Messaggio  jabru il Lun Dic 04, 2017 7:38 pm

Si è tenuta oggi, lunedì 4 dicembre, l'udienza preliminare nei confrontri dei 68 contradaioli di Onda, Nicchio, Torre e Valdimontone relativamente ai fronteggiamenti avvenuti tra Onda e Torre e tra Nicchio e Montone al Palio di Siena del 16 agosto 2015.

Al termine dell'udienza è stato proposto il rito abbreviato per 15 contradaioli, il patteggiamento per 8 e la messa alla prova per altri 2. Gli altri coinvolti andranno al dibattimento. Fuori dal Tribunale molti senesi per dare solidarietà ai contradaioli che devono rispondere di rissa aggravata.

Il 31 gennaio il giudice Silvia Romeo dovrà decidere in merito alle richieste.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Processo ai contradaioli: "Il Palio non si tocca. E ha un'alta rilevanza sociale"

Messaggio  jabru il Mar Dic 05, 2017 7:40 pm

IL PALIO in tribunale, le Contrade rispondono presente. Centinaia di persone fuori da Palazzo di giustizia, ieri già prima delle 9. In segno di solidarietà con gli imputati. Tanta la rabbia che ciascuno ha dentro. E si vede. Alcune decine salgono fino all’aula al primo piano, dove si alza il sipario sul processo ai 68 contradaioli per i due fronteggiamenti dell’Assunta 2015, Nicchio-Valdimontone e Onda-Torre, che la procura ritiene risse. «Scalda il cuore vedere qui tanta gente, ci voleva il Palio per unirci. Anche se potevamo e dovevamo essere di più», sostengono in molti. Ma il segnale Siena l’ha comunque mandato: il Palio non si tocca. E’ un bene, forse l’ultimo e il più prezioso, rimasto alla città. E’ vita, solidarietà. Tradizione e cultura. Da sempre trasversale quanto ad età, sesso e professione. I contradaioli non sono tifosi da stadio che si picchiano e danneggiano senza sentimento. Questo si leggeva negli occhi di chi attendeva fuori l’esito del primo round in tribunale, come pure di chi è andato in aula. In prima fila Marco Fattorini e Pier Luigi Millozzi, priori di Nicchio e Torre, che con altri dirigenti si sono sistemati nel lato destro dell’aula. A sinistra il capitano dell’Onda Alessandro Toscano con l’onorando Massimo Castagnini. Seduto accanto a lui il ‘collega’ della Selva Stefano Marini, venuto a dimostrare la sua solidarietà. Come pure Gianni Morelli, rettore del Bruco. Vicino a Toscano, in piedi, anche il priore del Valdimontone, Simone Bari. Gli avvocati sono già schierati quando il giudice Silvia Romeo inizia a fare l’appello dei 68 imputati.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Fronteggiamenti Palio agosto 2015: le conclusioni dell'udienza preliminare

Messaggio  jabru il Mar Dic 05, 2017 7:45 pm

Si è tenuta oggi, lunedì 4 dicembre, l'udienza preliminare nei confrontri dei 68 contradaioli di Onda, Nicchio, Torre e Valdimontone relativamente ai fronteggiamenti avvenuti tra Onda e Torre e tra Nicchio e Montone al Palio di Siena del 16 agosto 2015.

Al termine dell'udienza è stato proposto il rito abbreviato per 15 contradaioli, il patteggiamento per 8 e la messa alla prova per altri 2. Gli altri coinvolti andranno al dibattimento. Fuori dal Tribunale molti senesi per dare solidarietà ai contradaioli che devono rispondere di rissa aggravata.

Il 31 gennaio il giudice Silvia Romeo dovrà decidere in merito alle richieste.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

L’8 dicembre la premiazione dei Tabernacoli

Messaggio  jabru il Mer Dic 06, 2017 8:28 pm

Il Comitato Amici del Palio ed Il Magistrato delle Contrade consegneranno l'opera di Paolo Penko


SIENA. Lunedì 8 dicembre alle ore 10, nella Basilica di Santa Maria in Provenzano, si svolgerà la premiazione della Festa dei Tabernacoli 2017, organizzata dal Magistrato delle Contrade e dal Comitato Amici del Palio.


Ai bambini della Contrada che vincerà il concorso dei Tabernacoli verrà consegnato il premio realizzato dal Maestro Orafo Paolo Penko, autore del Masgalano 2017. Da alcuni anni, infatti, l’artista che realizza il Masgalano dona anche il premio dei Tabernacoli.

Un’opera che sa di storia e d’arte, come la città di Siena, e che verrà donata per la Festa dei Tabernacoli l’8 dicembre prossimo, è stata forgiata dalle sapienti mani di Paolo Penko, l’artista orafo a cui si deve il Masgalano 2017.
L’opera, traforata e lavorata con incisione a penkato, racchiude in sé l’immagine della Vergine col Bambino protettrice della città di Siena, insieme all’ attributo che la rende tale: il riconoscibile e splendido profilo della città.
L’intera scena figurata è accompagnata da un cartiglio che svolazza libero al vento, come un labaro in piazza del Campo, e che rende esplicita, con una frase incisa, la motivazione del dono.
La luminosità dell’opera si deve non solo ai lievi tocchi dorati, stesi quasi a mo’ di pigmento dipinto, ma anche al gioco dei pieni e dei vuoti che, nel formare il prezioso clipeo, fa della luce un elemento proprio del gioiello e rimanda al significato di luce sacra, di spirito santo a protezione della città di Siena, ivi raffigurata, e , insieme, di colui che tale medaglia riceverà.
In questo oggetto d’arte suntuaria dal disegno moderno e vibrante, l’icona mariana e l’immagine di Siena ritrovano ancora, grazie all’arte del suo artefice e ai rimandi di devota tradizione, un medium che le unisce per sempre.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

''Storia del Palio per immagini'', la presentazione del libro di Alberto Fiorini

Messaggio  jabru il Mer Dic 06, 2017 8:31 pm

Lunedì 11 dicembre alle ore 18.30, nella Sala delle Lupe di Palazzo Pubblico, avverrà la presentazione del libro di Alberto Fiorini: “Storia del Palio per immagini”.

Il libro del professor Fiorini è stato realizzato avendo come base le slide che l’autore ha utilizzato per le lezioni nelle scuole elementari e medie di Siena nell’ambito del “Progetto scuole”, promosso dal Comitato Amici del Palio fin dall’anno scolastico 2013-’14, non solo per far conoscere ed amare la nostra città, la sua festa, le Contrade, ma anche e soprattutto per stimolare in ogni alunno i valori contradaioli più genuini quali l’amicizia, il rispetto dell’altro, la solidarietà e l’impegno.
La presentazione del volume verrà effettuata da Roberto Barzanti.
L’autore ha voluto dedicare la sua opera al 70° Anniversario della costituzione del Comitato Amici del Palio.

“Storia del Palio per immagini”, pubblicato da Pacini Editore di Pisa, grazie al supporto di Fideuram Private Banker, ha il patrocinio del Comitato Amici del Palio e del Comune di Siena.
La cittadinanza è invitata a partecipare.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

LA PARTECIPAZIONE DELLE CONTRADE ALLA CARRIERA

Messaggio  jabru il Mer Dic 06, 2017 8:35 pm

Nell’odierno appuntamento sul regolamento del Palio ci occuperemo delle modalità di partecipazione delle contrade alla carriera ed anche della facoltà di rinuncia prevista dall’articolo 6.

L’articolo 4.3 introduce una disposizione certamente conosciuta da tutti i senesi: ad ogni carriera partecipano dieci delle diciassette contrade, le 7 che non hanno corso il corrispondente Palio dell’anno precedente più 3 estratte a sorte (che possono aumentare se tra quelle che corrono d’obbligo ci sono contrade sottoposte a squalifica) tra quelle che vi avevano partecipato. Forse a pochi è invece noto che tale regola fu introdotta con il Bando di Biccherna del 1721 che, all’art. XIII, fissava in 10 le partecipanti, e ciò onde evitare i problemi che si potevano creare (e che puntualmente si crearono) con un numero più alto di cavalli in gara. Va altresì ricordato come tale norma in origine riguardava solo il Palio di luglio, in quanto quello di agosto fu istituzionalizzato solo a partire dal 1774 e passò sotto la giurisdizione del Comune nel 1801. La partecipazione al Palio, oggi come allora, è volontaria, così come sancito dall’art. 6 che prevede anche la facoltà di ciascuna contrada di rinunciare a partecipare o alla possibilità di essere estratta a sorte. La rinuncia, che non può essere condizionata o a favore di altre contrade, non pregiudica l’eventuale disputa d’obbligo della contrada rinunciante al Palio successivo, e per produrre i suoi effetti deve essere comunicata per iscritto al Sindaco almeno dieci giorni prima dell'inizio delle operazioni di sorteggio delle contrade. L’ultimo comma dell’art. 6 prevede che, “se le rinunce non permettano di raggiungere il numero di dieci, mentre le Contrade che non avrebbero avuto diritto di partecipare alla corsa lo acquistano senz'altro, si procede ad un sorteggio fra le rinuncianti per determinare quali di esse divengano obbligate a parteciparvi al fine di completare il numero anzidetto”. Oggi, la rinuncia appare un qualcosa di impensabile ed anche in passato, esempi simili si contano sulle dita di una mano: accadde nel 1860 quando a rinunciare fu la Tartuca, ma anche nel 1878 e nel 1896 quando, in entrambi i casi fu l’Aquila ad esercitare tale facoltà.

Il capo III del regolamento è interamente dedicato alla cerimonia di estrazione delle contrade che ex art. 20, deve avvenire almeno 20 giorni prima del 2 luglio o del 16 agosto, o 10 giorni prima della data fissata per lo straordinario. In una sala di Palazzo Pubblico vengono convocati i capitani delle contrade con esclusione di quelli delle rinunciatarie. Il meccanismo di sorteggio è stato anch’esso introdotto dal Bando di Biccherna del 1721 ed è ben esplicato dagli attuali artt. 22 e seguenti. Aperta l’adunanza, il Sindaco provvederà all’imbossolamento in un’urna delle ghiandine con i nomi della contrade i cui capitani siano presenti alla cerimonia, mentre nell’altra collocherà i nomi delle contrade inattesa di estrazione. Egli provvederà poi a sorteggiare 3 contrade i cui capitani si recheranno presso l’altra urna ad estrarre le fortunate che completeranno il lotto delle 10 al canape. Le rispettive bandiere saranno esposte alle trifore di Palazzo, salutate dagli squilli delle chiarine. Le restanti 7, che correranno d’obbligo il Palio corrispondente dell’anno successivo, saranno estratte dal Sindaco al fine di completare l’ordine di sfilata del corteo storico, ma non solo, come vedremo in seguito. Per gli straordinari, per i quali è previsto il sorteggio integrale delle partecipanti, la procedura è più snella e viene usata una sola urna dove sono inserite tutte le contrade tranne quelle sottoposte a squalifica. Il Sindaco estrarrà la prima contrada fortunata, il cui capitano sorteggerà la seconda e così via fino al completamento del lotto. Notevoli cambiamenti si sono avuti a partire dal 1980 per ciò che riguarda la gestione delle squalifiche. Oggi la contrada squalificata che non corre di diritto viene imbossolata e, se estratta, viene eliminata, scontando così la propria punizione, e la sua bandiera viene immediatamente esposta alle trifore alte di Palazzo. In precedenza invece se la contrada squalificata correva d’obbligo veniva esclusa dal sorteggio, altrimenti veniva tolta dall’imbossolamento. Terminate le operazioni di sorteggio, i 10 capitani delle contrade partecipanti restano riuniti per ricevere comunicazioni o fare osservazioni e procedono poi alla votazione per la proposta di nomina del mossiere. Spetterà poi all’Amministrazione la sua designazione ufficiale tenuto conto del nominativo proposto dai Capitani. Se essi non dovessero avanzare nessuna proposta, il Comune effettuerà la nomina d’ufficio. L’ultimo comma dell’art. 22 stabilisce infine che nel caso di sopraggiunta impossibilità a partecipare al Palio da parte di una Contrada non si procede all'ulteriore convocazione dei Capitani, ma avranno diritto a correre le Contrade non estratte nel rispetto dell'ordine di sorteggio. Concludiamo con una curiosità: a norma dell’art. 20 il sorteggio delle contrade deve avvenire nel pomeriggio di un giorno festivo. Oggi questa cosa ci sembra scontata ma fino agli anni ‘30, quando la cerimonia non aveva la solennità odierna, essa si teneva di mercoledì mattina, alla sola presenza del Podestà e dei Capitani e senza l’esposizione al pubblico delle bandiere delle contrade estratte, che fu istituzionalizzata solo dal 1929. Dall’agosto 1933, grazie anche ad una lettera dell’allora Rettore del Magisrtato, Conte Chigi Saracini, l’estrazione fu spostata alla domenica mattina alle ore 11. Dall’agosto 1937, la cerimonia di estrazione fu definitivamente collocata nel pomeriggio della domenica.

Davide Donnini da OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

L'Oca vince il concorso dei tabernacoli

Messaggio  jabru il Ven Dic 08, 2017 6:49 pm

E' il tabernacolo realizzato dai bambini dell'Oca quello piaciuto di più alla commissione che la sera dell'8 settembre ha visionato tutte le rappresentazioni.
La proclamazione dei vincitori e la consegna del premio è stata questa mattina, 8 dicembre , alle ore 10 nella basilica di Provenzano.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Nicola Lorenzetti capitano della Civetta

Messaggio  jabru il Sab Dic 09, 2017 8:33 pm

Con un gradimento di oltre il 90%, Nicola Lorenzetti, medico, con grande esperienza nel ruolo di mangino, è il nuovo capitano della Civetta. A votare sono stati circa 250 contradaioli. A breve l'assemblea di insediamento, con la scelta dei mangini e dello staff, poi, a metà gennaio, le elezioni degli organismi di contrada.
RadioSie naTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Passeggiate “Urbanistica&paesaggistica” nelle Contrade

Messaggio  jabru il Mar Dic 12, 2017 8:44 pm

Nella mattina di sabato 9 dicembre 2017 si è svolta una passeggiata “Urbanistica & Paesaggistica“ su invito della Contrada del Valdimontone per il suo gruppo di piccoli Contradaioli, la quale ha esteso l’invito a partecipare anche ai piccoli delle Contrade del Leocorno e della Giraffa.

Ha proseguito così l’esperienza già avviata con l’esplorazione e la conoscenza diretta delle aree verdi intra-urbane che i piccoli del Leocorno e della Giraffa hanno già intrapreso nei loro territori con la precedente iniziativa svolta a ottobre e legata al workshop “Paesaggio & Partecipazione” – realizzato nell’ambito di ITINERA all’interno del progetto “Atelier Techné” ideato e sviluppato dal Siena Art Institute, sostenuto dalla Regione Toscana nell’ambito del bando TOSCANAINCONTEMPORANEA2017/Giovanisì – e svolto a supporto partecipativo e ideativo dello studio di fattibilità “La Città Permeabile. Arte, Cultura e Comunità nelle Valli Urbane di Siena”, realizzato dall’Università per Stranieri di Siena.

L‘iniziativa rivolta ai piccoli, è stata promossa dalla Contrada di Valdimontone in collaborazione con l’Associazione Culturing, Atelier del Paesaggio AR Scape, l’Associazione Le Mura e l’Università per Stranieri di Siena, che ha partecipato con alcuni suoi studenti e con la collaborazione e partecipazione dell‘Imperiale Contrada della Giraffa e della Contrada del Leocorno, si è svolta all’interno del più vasto programma del Trail delle Mura.



La passeggiata è partita con i piccoli del Leocorno e della Giraffa e le Associazioni coinvolti, dalle Logge del Papa passando da S. Martino fino alla Basilica di Santa Maria dei Servi dove sono stati accolti dai piccoli del Valdimontone. Insieme hanno continuato verso il l‘ex O.P San Niccolò, godendosi anche una visita della Farmacia Storica grazie alla gentile collaborazione dell‘Azienda Usl Toscana Sud Est.

Durante il percorso i piccoli hanno potuto osservare come la natura sia presente anche nel tessuto urbano, piccoli ciuffi d’erba tra le lastre, muschi e licheni, giardini, balconi e vasi di fiori, anche qualche albero di Natale. Natura e urbanistica si intrecciano per restituirci un paesaggio, a volte minimo, ma che come la valli, è colmo di spunti di osservazione e di riflessione.

Dopo la passeggiata è stata offerta una piccola colazione di “lavoro e divertimento” dalla Contrada di Valdimontone e i piccoli hanno potuto riempire, con reperti raccolti lungo la l’escursione, alcune palle di Natale, componendo così il loro personale studio sul paesaggio urbano e naturale.

L’evento ha riscontrato notevole successo sia degli operatori che delle persone coinvolte, soprattutto da parte dei piccoli delle Contrade coinvolte. Ancora una volta ha funzionato l’approccio partecipativo e innovativo, dimostrando il valore della collaborazione tra operatori, istituzioni culturali, utenti e in particolar modo delle Contrade, veri attori di inclusione, sviluppo e valorizzazione culturale e sociale.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

"Le nostre Società di Contrada hanno sostituito la vita nel rione"

Messaggio  jabru il Mar Dic 12, 2017 8:47 pm

«LE SOCIETA’ di Contrada oggi hanno sostituito il rione. L’unico modo di creare coesione è richiamare qui i senesi perché molti ormai vivono fuori dal centro storico», dicono i vittoriosi Raffaele Rossi e Alessandro Betti, che guidano rispettivamente le società di Giraffa e Onda. E che, sabato sera, insieme ai colleghi delle Consorelle, si sono ritrovati a cena nella Sala della Suvera ai Rozzi con il comandante dei vigili urbani e al sindaco. «Non è più come negli anni ’70 e ’80, devi creare occasioni per portare non solo i contradaioli ma soprattutto i giovani, invogliandoli a frequentare. In Società ti diverti ma c’è anche tanto da lavorare – sottolinea ancora Betti – , quindi devono esserci ragazzi e ragazze». Sempre un po’ in ombra, i presidenti. Svolgono un lavoro dietro le quinte «ma – come dice Rossi – siamo sempre a disposizione della Contrada. E l’importanza del Coordinamento è che condividiamo i problemi riscontrati durante l’anno per cercare di trovare una soluzione unitaria».
Laaura Valdesik da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7471
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Se ne parla a Siena

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum