si corre fuori Siena

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

si corre fuori Siena

Messaggio  jabru il Sab Ott 07, 2017 8:49 pm

L'anticipo del palio di Asti alla prima settimana di settembre potrebbe influire sul Palio di Siena
Asti anticiperà il suo palio al primo fine settimana di settembre e correrà con i mezzosangue. La notizia, anticipata dal sindaco Rasero proprio ai microfoni di RadioSienaTv qualche settimana fa, trova la conferma in quanto riportato dal sito specializzato Il Canapo.
Mercoledì sera si è svolta una riunione tra i Rettori ed il sindaco Maurizio Rasero il quale ha poi confermato che il palio di Asti 2018, con ogni probabilità, verrà disputato domenica 2 settembre e vedrà correre sulla pista di Piazza Alfieri i cavalli "mezzosangue".
Un cambiamento sicuramente non di poco conto, fortemente voluto dal sindaco. La data "anticipata" permetterebbe infatti di non slegare il palio dal "settembre astigiano" ma, allo stesso tempo, assicurerebbe la possibilità di disporre di giornate più lunghe, in un periodo dove ancora le scuole sono chiuse e con il vantaggio di poter ambire ad un maggiore visibilità televisiva grazie alla sosta del campionato di calcio. Inoltre, sempre secondo Rasero, la nuova data garantirebbe, viste le migliori temperature, anche una maggior presenza di turisti in città.
Altro punto sul quale pare non ci siano più dubbi è quello legato alla tipologia di cavalli che correranno il palio del prossimo anno. Nel 2018 il Palio verrà corso ancora con i "mezzosangue", così da evitare le incertezze che hanno fortemente caratterizzato il percorso di avvicinamento al palio 2017. Rasero, però, ha ribadito la volontà di continuare il dialogo con i Ministeri della salute e dell'agricoltura, nella speranza di poter tornare, in futuro, a correre con i purosangue.
La decisione astigiana rischi di andare a influire fortemente sul parco cavalli a disposizione per il Palio di agosto. Ad Asti occorrono ben 42 cavalli che vengono ingaggiati dai rioni, pagando cifre che, di anno in anno, vanno aumentando. Per i proprietari è un'entrata sicura che ripaga le spese di un anno di mantenimento, oltre a dare la soddisfazione certa di vedere il proprio cavallo correre.
Logicamente però i dirigenti astigiani pretenderanno che il cavallo pagato in ampio anticipo arrivi con sicurezza al palio, chiedendo un'esclusiva che non può coniugarsi con i rischi dell'impiego in Piazza del Campo appena 15 giorni prima.
Inoltre i mezzosangue, che in tanti ritenevano poco adatti a Piazza Alfieri, hanno invece dimostrato di potersi tranquillamente adattare, tanto che Preziosa Penelope ha dato del filo da torcere a tutti gli altri partecipanti, arrivando a pochi metri dal vincitore.
Il rischio è che tra l'insicurezza di vedere il proprio cavallo in Piazza del Campo e la sicurezza, peraltro pagata, di vederlo invece in Piazza Alfieri, molti proprietari optino per la seconda opzione.
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7507
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Palio d’Asti, i rettori e capitani: “”Nessuna polemica contro Siena”

Messaggio  jabru il Dom Ott 15, 2017 7:43 pm

"Non è vero che non vogliamo cavalli e fantini senesi"
Dopo le varie notizie che ad Asti i rettori e i capitani sarebbero stati in rivolta contro "l'invasione" di Siena al palio ecco la nota stampa del collegio dei Rettori del palio di Asti:
"Il Collegio dei Rettori con il Capitano del Palio dopo aver letto l'articolo apparso sul quotidiano La Stampa, in data 12 ottobre sull'edizione di Asti ed il giorno successivo sull'edizione nazionale, intende comunicare che nessun rettore e il Palio di Asti e' in "rivolta" o in "polemica" ne' intende fare la guerra e "alzare le mura" contro l'utilizzo dei cavalli mezzosangue delle scuderie senesi.
L'incontro a cui si fa riferimento è stato organizzato e gestito in forma assolutamente privata e non c'è stato l'intervento di alcun rettore.
Erano presenti, perché invitati dall’organizzatore, solamente il Presidente del Collegio stesso e il Capitano che tuttavia hanno semplicemente ascoltato gli interventi senza prendere posizione ne a favore né contro . Spiace però vedere come a volte vengono strumentalizzati ruoli importanti per amplificare polemiche che non ci sono.
I rettori astigiani con i loro comitati precisano quindi che continueranno a fare ed organizzare il palio puntando sempre a portare al canapo le migliori accoppiate e che continueranno ad organizzare corse di addestramento durante l'anno per testare cavalli e fantini, (astigiani e non) per salvaguardare la manifestazione la sua storia e le sue tradizioni".
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7507
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Palio della Costa etrusca, la novità dei mezzosangue

Messaggio  jabru il Lun Gen 08, 2018 8:02 pm


– Il palio della Costa etrusca, che si corre sulla spiaggia di San Vincenzo, si presenta con il botto. Roberto Saggini, che a Siena tutti conoscono ed è l’organizzatore della manifestazione, ha messo in piedi un evento con grandi momenti di spettacolo, se solo si pensa che ci sarà il trottatore Varenne, per la gioia dei bambini. «Potranno portargli mele e carote», ha detto Saggini alla presentazione svoltasi allo Yacht Club di San Vincenzo. Di più. Quando verrà svelato il palio, dipinto da Claudia Nerozzi, che a Siena ha regalato il Drappellone di Provenzano 2013 e che si sta affermando in tutta Italia, un guru della musica italiana parteciperà alla serata. «Si tratta di Mogol – ha annunciato Saggini – perché è un grandissimo appassionato di cavalli».

Fin qui le novità più importanti di un cartellone che si spalmerà su due giorni, 14 e 15 aprile. E che vedrà, fra l’altro, anche la quintana dei Comuni, per la prima volta, e la corsa delle amazzoni. Ai senesi, diciamo la verità, questo interessa poco. C’é maggiore attenzione ai cavalli. Perché si correrà con i mezzosangue di cui, come ha testimoniato Francesco Caria, detto Tremendo, a San Vincenzo per la presentazione della manifestazione, ormai sono ben fornite le scuderie dei fantini. «Ho già l’ingaggio per Ferrara e per Asti – ha aggiunto Caria – confidando di essere al canape del Palio dove chi fa il mio mestiere vuole sempre stare, quello di Siena».

La formula non cambia: quattro batterie di otto mezzosangue ciascuna dove i primi due accedono alla finalissima dopo l’abbinamento con i Comuni della Costa etrusca. Lo scorso anno Caria dette spettacolo con Dino Pes, che poi vinse. «Pronto a nerbare di nuovo? Certo che sì. Se ce n’è bisogno», la promessa di Tremendo. Responsabile veterinario del palio della Costa etrusca è Massimo Spinelli.

La Nazione Laura Valdesi
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7507
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

A BUTI SI CORRE IL PRIMO PALIO DEL 2018

Messaggio  jabru il Gio Gen 18, 2018 8:03 pm

Mancano ancora alcuni mesi all’inizio della stagione paliesca 2018, ma la terza domenica di gennaio è da qualche anno una data molto attesa da tutti gli appassionati di corse in provincia, in quanto a Buti si corre il primo Palio dell’anno. Il Palio di S. Antonio è una corsa particolare che si disputa alla lunga, sulla strada provinciale appositamente interrata ed allestita secondo i dettami dell’ormai nota ordinanza ministeriale, con i cavalli montati a sella (e per questo motivo i fantini ingaggiati provengono per lo più dal mondo delle regolari), e con partenza data con l’elastico. Dallo scorso anno questa kermesse attira comunque l’attenzione dei senesi in quanto vengono impiegati cavalli mezzosangue.

La formula del Palio è semplice: le sette contrade del paese vengono suddivise in due batterie da 3; le prime classificate accedono direttamente alla finale, le seconde disputeranno un’ulteriore corsa assieme alla settima contrada sorteggiata, definita “signore del Palio”, che determinerà la terza finalista.

Domenica intanto, si è tenuto il sorteggio delle batterie che ha dato il seguente responso:

1° batteria: San Nicolao (Sandro Gessa ed Unico de Aighenta), San Michele (Adrian Topalli e Portorose), Ascensione (Cristiano Di Stasio ed Umatilla).

2° batteria: Croce (Michael Putzu e Bonantonio da Clodia), San Rocco (Gavino Sanna e Bomario da Clodia), Pievania (Simone Fenu e Sempre in Piedi)

Signore del Palio: San Francesco (Alessandro Fiori e Ribelle da Clodia)

Davide Donnini da OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7507
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: si corre fuori Siena

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum