PALIO STRAORDINARIO

Pagina 1 di 9 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Andare in basso

PALIO STRAORDINARIO

Messaggio  jabru il Mer Set 12, 2018 10:34 am

Hanno detto no Chiocciola, Drago, Lupa, Oca, Onda, Torre e Valdimontone

SIENA. Nel corso delle assemblee indette per decidere sulla disputa del Palio straordinario i popoli di 10 contrade hanno votato a favore. Di seguito i sì e i no. Ora tocca al Consiglio comunale la decisione finale.

AQUILA Sì    
BRUCO Sì
CHIOCCIOLA NO
CIVETTA Sì
DRAGO NO
GIRAFFA Sì
ISTRICE Sì
LEOCORNO Sì
LUPA NO
NICCHIO Sì
OCA NO
ONDA NO
PANTERA Sì
SELVA Sì
TARTUCA Sì
TORRE NO
VALDIMONTONE NO
ilcittadinoonline


Ultima modifica di jabru il Mer Set 12, 2018 6:51 pm, modificato 1 volta
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Il Palio straordinario si farà: le contrade hanno deciso a maggioranza per il sì

Messaggio  jabru il Mer Set 12, 2018 10:37 am

Siena, 12 settembre 2018 - Il Palio straordinario si farà. Siena decide per il sì alla carriera straordinaria che si celebrerà in novembre, in una data che adesso dovrà essere individuata. Un palio dunque particolare, in pieno autunno, che sarà dedicato al centenario dalla fine della Prima Guerra Mondiale. Un appuntamento che dunque adesso mette subito in moto le contrade. E' stato un martedì 11 settembre di grande fermento a Siena, con le contrade che hanno deciso definitivamente solo in tarda serata. Serviva il sì di dieci contrade. Lupa, Torre, Chiocciola, Leocorno e Onda hanno detto no. Giraffa, Bruco, Civetta, Aquila, Selva, Nicchio, Leocorno, Istrice, Pantera hanno detto sì. Adesso c'è da lavorare per individurare la data. Il Palio potrebbe tenersi il 13 o il 20 novembre.
La N azione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Palio straordinario: si corre!

Messaggio  jabru il Mer Set 12, 2018 10:46 am

Si corre il Palio straordinario. La decisione è arrivata nelle assemblee delle contrade che si sono svolte martedì e terminate nella notte. Servivano dieci contrade favorevoli e queste ci sono. Servivano dieci popoli per fare questo Palio e questi ci sono: Civetta, Istrice, Pantera, Selva, Aquila, Leocorno, Nicchio, Tartuca, Bruco, Giraffa hanno deciso di aderire al Palio Straordinario.

Hanno invece votato per il “no” Lupa, Oca, Drago, Onda, Valdimontone, Chiocciola. In forse fino all’ultimo la Torre che poi, per un pugno di voti, si è espressa negativamente.

Le consorelle hanno aderito alla richiesta arrivata da Assoarma, vagliata dal Comune (in particolare dalla giunta comunale) e passata attraverso il Magistrato delle Contrade. Resta adesso da capire l’iter: sarà il consiglio comunale a decidere data e svolgimento della Carriera, come recita l’articolo 2 del Regolamento del Palio a cui l’amministrazione comunale, organizzatrice esclusiva dell’evento, deve attenersi. Sarà un Palio d’autunno? Tutto fa pensare a questo, anche se non è da escludere che i consiglieri decidano per il posticipo al 2019, basandosi sui “tempi tecnici” di cui ha parlato anche il sindaco.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Palio Straordinario 2018: le Contrade decidono per il SI'

Messaggio  jabru il Mer Set 12, 2018 11:09 am

Si sono svolte questa sera, martedì 11 settembre, le assemblee generali straordinarie delle 17 Contrade senesi chiamate ad esprimersi sull'effettuazione del Palio Straordinario del 2018 dedicato al Centenario della Prima guerra mondiale dopo l'approvazione della Giunta comunale della proposta di Assoarma.

Al termine delle votazioni le Contrade si sono espresse per il Sì con 10 favorevoli e 7 contrari (per l'approvazione era necessario il sì di 10 Contrade). Questi i voti nel dettaglio:

Aquila AQUILA SI'
Bruco BRUCO SI'
Chiocciola CHIOCCIOLA NO
Civetta CIVETTA SI'
Drago DRAGO NO
Giraffa GIRAFFA SI'
Istrice ISTRICE SI'
Leocorno LEOCORNO SI'
Lupa LUPA NO
Nicchio NICCHIO SI'
Oca OCA NO
Onda ONDA NO
Pantera PANTERA SI'
Selva SELVA SI'
Tartuca TARTUCA SI'
Torre TORRE NO
Valdimontone VALDIMONTONE NO

Ora la decisione spetta al Consiglio comunale che avrà l'ultima parola sull’effettuazione del Palio e che comunicherà l'esito alle Contrade tramite il Magistrato. In caso positivo le Contrade che si sono espresse per il no potranno dare la loro adesione per la partecipazione. Saranno poi sorteggiate le dieci che disputeranno il Palio Straordinario del 2018. Per quanto riguarda la data dell'eventuale effettuazione, difficilmente si potrà riuscire ad organizzare la Corsa prima di metà ottobre.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

PALIO STRAORDINARIO, LE CONTRADE HANNO DETTO SÌ

Messaggio  jabru il Mer Set 12, 2018 11:11 am

Nella serata di oggi, 11 settembre, le contrade erano chiamate al voto per la proposta del Palio Straordinario 2018. In dieci rioni ha prevalso la voglia di vivere un'altra Carriera. Questo il risultato delle assemblee di contrada:

AQUILA Sì
BRUCO Sì
CHIOCCIOLA NO
CIVETTA Sì
DRAGO NO
GIRAFFA Sì
ISTRICE Sì
LEOCORNO Sì
LUPA NO
NICCHIO Sì
OCA NO
ONDA NO
PANTERA Sì
SELVA Sì
TARTUCA Sì
TORRE NO
VALDIMONTONE NO
OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Le assemblee dicono sì (10-7): parola al Consiglio comunale

Messaggio  jabru il Mer Set 12, 2018 11:18 am

Bilancio finale: Chiocciola e Torre dicono di no
Risultati finali dalle assemblee delle contrade: i popoli di Chiocciola e Torre dicono no ma sono 10 le contrade favorevoli, il numero minimo per far sì che ora la palla passi al Consiglio comunale. Il bilancio finale delle assemblee dice di 10 sì contro 7 no.

AQUILA: si
BRUCO: si
CHIOCCIOLA: no
CIVETTA: si
DRAGO: no
GIRAFFA: si
ISTRICE: si
LEOCORNO: si
LUPA: no
NICCHIO: si
OCA: no
ONDA: no
PANTERA: si
SELVA: si
TARTUCA: si
TORRE: no
VALDIMONTONE: no
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

convocata la Giunta

Messaggio  jabru il Mer Set 12, 2018 6:52 pm

Nel frattempo l'Amministrazione comunale si è messa in moto per effettuare tutte le verifiche necessarie

SIENA. “Ieri sera abbiamo visto una grande partecipazione alle assemblee di Contrada. Partecipazione che non si vedeva da tempo – ha detto il sindaco De Mossi – Dagli organi di stampa abbiamo appreso che da dieci di queste assemblee è uscito il parere favorevole a disputare il Palio straordinario dedicato al Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale proposto da Assoarma. Stiamo attendendo l’ufficialità da parte del Magistrato delle Contrade. Nel frattempo, abbiamo convocato una Giunta urgente alla quale parteciperà anche il presidente del Consiglio comunale Marco Falorni per gli adempimenti necessari previsti dal Regolamento del Palio”.

Una volta avuta l’ufficialità dell’esito delle assemblee da parte del Magistrato delle Contrade sarà infatti il presidente Falorni a convocare il Consiglio che avrà l’ultima parola sull’effettuazione del Palio e che comunicherà l’esito alle Contrade tramite il Magistrato.

Nel frattempo l’Amministrazione comunale si è messa in moto per effettuare tutte le verifiche necessarie. “Verranno effettuati gli opportuni controlli di bilancio – ha spiegato il sindaco – oltre al riscontro tecnico relativo alla tempistica ed all’adattamento del tufo alle diverse condizioni climatiche che si avranno ad ottobre rispetto ai mesi di luglio e agosto. Sarà nostra cura confrontarci anche con il Provveditorato agli studi in quanto il Palio è la Festa di tutti, anche dei giovani che nel periodo di ottobre saranno già a scuola. Verranno valutate – nel caso il Consiglio si esprimesse a favore della Carriera straordinaria – tutte le soluzioni più consone per permettere ai ragazzi di vivere i quattro giorni di Festa”.

In base a tutte queste verifiche e valutazioni verranno poi indicate le eventuali date per la disputa del Palio straordinario. L’estrazione delle Contrade dovrà tenersi almeno 10 giorni prima della Carriera.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

dieci sì, sette no: dopo 18 anni si corre tre volte

Messaggio  jabru il Mer Set 12, 2018 6:56 pm

Incredibile ma vero: le Contrade hanno detto sì allo Straordinario per la Prima guerra mondiale. Dieci quelle favorevoli, sette contrarie. Alzi la mano chi, il 31 agosto scorso, avrebbe scommesso che il risultato della consultazione sarebbe stato questo. Ieri sera, nella lunga giornata elettorale iniziata alle 18 con l’assemblea dell’Aquila e terminata intorno alle 23,30 con il voto contrario della Chiocciola, le Contrade hanno dunque rimandato la palla al Comune. Che adesso dovrà accelerare i passaggi per portare, quanto prima, tutto in consiglio. Sarà infatti il parlamentino cittadino a decidere, davvero, se questo Straordinario s’ha da fare. E anche quando si correrà. Le date più probabili, quelle almeno che sono circolate negli ultimi giorni, parlano del 13 o del 20 ottobre. Certo è che solo dopo la decisione positiva del consiglio comunale sull’effettuazione dello Straordinario, il sindaco notificherà entro cinque giorni la scelta alle Consorelle per consentire a quelle che avevano in precedenza negato l’adesione di pronunciare la loro ultima parola sulla partecipazione.

Ma per questo c’è tempo. Per la cronaca, la prima Contrada a dire sì con una netta maggioranza è stata la Pantera, seguita a stretto giro di posta dall’Istrice. Anche il sì del Nicchio non ha tardato ad arrivare a conclusione di un’assemblea partecipatissima. Fin qui i pronostici dei giorni scorsi, che fotografavano l’umore dei popoli, erano rispettati. La prima sorpresa è stata la Selva che ha spostato gli equilibri con i suoi 173 sì a fronte di 88 contrari e due astenuti. I giovanissimi avevano voglia di correre e si sono espressi. Hanno pesato le nuove generazioni, in questa votazione, che sembra sancire un sano scontro generazionale con chi ha i capelli bianchi e si è sgolato inutilmente per impedire uno Straordinario che comporta costi aggiuntivi e difficoltà organizzative. Ma che Siena, evidentemente, vuole. A diciotto anni di distanza dall’ultimo corso, il 9 settembre 2000. E vinto dalla Selva. Non sono bastati i no decisi di sette Consorelle, compresi quelli di Torre e Chiocciola, arrivati in coda, a frenare il fronte del sì. Pensare che l’ultima proposta di Straordinario, quello per il Costituto nel 2009, era stata rigettata con 13 no. E dodici erano stati quelli capaci di bocciare il Palio dell’Università nel 1990.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Convocata la Giunta, De Mossi: "Per lo Straordinario faremo tutte le valutazioni del caso"

Messaggio  jabru il Mer Set 12, 2018 7:00 pm

Il sindaco di Siena Luigi De Mossi interviene sul tema del Palio straordinario. “Abbiamo visto - dice - una grande partecipazione alle assemblee di Contrada come non si vedeva da tempo. Dagli organi di stampa abbiamo appreso che da dieci di queste assemblee è uscito il parere favorevole a disputare il Palio straordinario dedicato al Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale proposto da Assoarma. Stiamo attendendo l'ufficialità da parte del Magistrato delle Contrade. Nel frattempo, abbiamo convocato una Giunta urgente alla quale parteciperà anche il presidente del Consiglio comunale Marco Falorni per gli adempimenti necessari previsti dal Regolamento del Palio”. Una volta avuta l'ufficialità dell'esito delle assemblee da parte del Magistrato delle Contrade sarà infatti Falorni a convocare il Consiglio che avrà l'ultima parola sull’effettuazione del Palio e che comunicherà l'esito alle Contrade tramite il Magistrato.

Nel frattempo l'Amministrazione comunale si è messa in moto per effettuare tutte le verifiche necessarie. “Verranno effettuati gli opportuni controlli di bilancio – spiega il sindaco – oltre al riscontro tecnico relativo alla tempistica ed all'adattamento del tufo alle diverse condizioni climatiche che si avranno ad ottobre rispetto ai mesi di luglio e agosto. Sarà nostra cura confrontarci anche con il Provveditorato agli studi in quanto il Palio è la Festa di tutti, anche dei giovani che nel periodo di ottobre saranno già a scuola. Verranno valutate, nel caso il Consiglio si esprimesse a favore della Carriera straordinaria, tutte le soluzioni più consone per permettere ai ragazzi di vivere i quattro giorni di Festa”.

In base a tutte queste verifiche e valutazioni verranno poi indicate le eventuali date per la disputa del Palio straordinario. L'estrazione delle Contrade dovrà tenersi almeno 10 giorni prima della Carriera.
Corriere di siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

convocata la Giunta comunale

Messaggio  jabru il Mer Set 12, 2018 7:03 pm

“Ieri sera abbiamo visto una grande partecipazione alle assemblee di Contrada. Partecipazione che non si vedeva da tempo – ha detto oggi il sindaco De Mossi -. Dagli organi di stampa abbiamo appreso che da dieci di queste assemblee è uscito il parere favorevole a disputare il Palio straordinario dedicato al Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale proposto da Assoarma. Stiamo attendendo l'ufficialità da parte del Magistrato delle Contrade. Nel frattempo, abbiamo convocato una Giunta urgente alla quale parteciperà anche il presidente del Consiglio comunale Marco Falorni per gli adempimenti necessari previsti dal Regolamento del Palio”.

Una volta avuta l'ufficialità dell'esito delle assemblee da parte del Magistrato delle Contrade sarà infatti il presidente Falorni a convocare il Consiglio che avrà l'ultima parola sull’effettuazione del Palio e che comunicherà l'esito alle Contrade tramite il Magistrato.

Nel frattempo l'Amministrazione comunale si è messa in moto per effettuare tutte le verifiche necessarie. “Verranno effettuati gli opportuni controlli di bilancio – ha spiegato il sindaco – oltre al riscontro tecnico relativo alla tempistica ed all'adattamento del tufo alle diverse condizioni climatiche che si avranno ad ottobre rispetto ai mesi di luglio e agosto. Sarà nostra cura confrontarci anche con il Provveditorato agli studi in quanto il Palio è la Festa di tutti, anche dei giovani che nel periodo di ottobre saranno già a scuola. Verranno valutate - nel caso il Consiglio si esprimesse a favore della Carriera straordinaria – tutte le soluzioni più consone per permettere ai ragazzi di vivere i quattro giorni di Festa”.

In base a tutte queste verifiche e valutazioni verranno poi indicate le eventuali date per la disputa del Palio straordinario. L'estrazione delle Contrade dovrà tenersi almeno 10 giorni prima della Carriera.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

De Mossi: “Grande partecipazione alle assemblee di Contrada”

Messaggio  jabru il Mer Set 12, 2018 7:08 pm

Giunta convocata alle 16.30: all’ufficialità dell’esito delle assemblee da parte del Magistrato il presidente del Consiglio comunale convocherà l’adunanza che avrà l’ultima parola
Palio straordinario, la palla passa al Comune. Come anticipato da Siena Tv, nel pomeriggio si terrà la Giunta Straordinaria. Una volta avuta l’ufficialità dell’esito delle assemblee da parte del Magistrato delle Contrade sarà infatti il presidente Falorni a convocare il Consiglio che avrà l’ultima parola sull’effettuazione del Palio e che comunicherà l’esito alle Contrade tramite il Magistrato.

“Ieri sera abbiamo visto una grande partecipazione alle assemblee di Contrada. Partecipazione che non si vedeva da tempo – ha detto il sindaco De Mossi – Dagli organi di stampa abbiamo appreso che da dieci di queste assemblee è uscito il parere favorevole a disputare il Palio straordinario dedicato al Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale proposto da Assoarma. Stiamo attendendo l’ufficialità da parte del Magistrato delle Contrade. Nel frattempo, abbiamo convocato una Giunta urgente alla quale parteciperà anche il presidente del Consiglio comunale Marco Falorni per gli adempimenti necessari previsti dal Regolamento del Palio”.

Nel frattempo l’Amministrazione comunale si è messa in moto per effettuare tutte le verifiche necessarie, come anticipato da Siena Tv (LEGGI QUI: https://www.radiosienatv.it/ecco-come-si-muove-il-comune-per-il-palio-straordinario/ ) . “Verranno effettuati gli opportuni controlli di bilancio – ha spiegato il sindaco – oltre al riscontro tecnico relativo alla tempistica ed all’adattamento del tufo alle diverse condizioni climatiche che si avranno ad ottobre rispetto ai mesi di luglio e agosto. Sarà nostra cura confrontarci anche con il Provveditorato agli studi in quanto il Palio è la Festa di tutti, anche dei giovani che nel periodo di ottobre saranno già a scuola. Verranno valutate – nel caso il Consiglio si esprimesse a favore della Carriera straordinaria – tutte le soluzioni più consone per permettere ai ragazzi di vivere i quattro giorni di Festa”.

In base a tutte queste verifiche e valutazioni verranno poi indicate le eventuali date per la disputa del Palio straordinario. L’estrazione delle Contrade dovrà tenersi almeno 10 giorni prima della Carriera.
RadioSie naTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Il Palio straordinario si correrà il 20 ottobre

Messaggio  jabru il Ven Set 14, 2018 5:57 pm

Il sindaco ha incontrato le autorità di pubblica sicurezza

SIENA. (a. m.) Il palio straordinario per il centenario della fine della Prima Guerra mMondiale si correrà il 20 di ottobre. Lo ha rivelato il sindaco Luigi De Mossi dopo l’incontro avuto questo pomeriggio con le autorità di pubblica sicurezza, che dovranno occuparsi della complessa organizzazione dell’ordine pubblio.

Resta un ultimo passaggio formale, la decisione del Consiglio comunale che nella riunione in programma domani pomeriggio alle 18,30, dovrà decidere se far disputare la corsa o meno. Ma è chiaro che i consiglieri non si metteranno contro la volontà delle dieci contrade che hanno votato per il palio straordinario anche se il sindaco ha dato libertà di scelta ai consiglieri della sua lista.

I sette rioni contrari potranno comunque essere presenti alla corsa. Il regolamento infatti prevede che possano tornare sulla loro decisione rispondendo entro dieci giorni all’invito del comune. Tue le Contrade quindi potranno avere l’occasione di essere estratte a sorte per formare il gruppo delle dieci fortunate che parteciperanno al palio. La macchina organizzativa dello straordinario è in piena attività: il sindaco questa mattina a chi gli chiedeva conto della sua dichiarazione dei giorni scorsi sulla mancanza di tempi tecnici per disputare la corsa ha risposto citando il voto favorevole di dieci contrade, soprattutto nella fascia dei giovani contradaioli. “In democrazia si rispettano le maggioranze – ha ricordato – tecnicamente era inevitabile che il Comune facesse decidere alle contrade se partecipare o meno”.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Palio straordinario, l’altolà della Lupa: "Il Comune rispetti i nostri festeggiamenti"

Messaggio  jabru il Ven Set 14, 2018 6:01 pm

- "I festeggiamenti per la vittoria dell’Assunta finiranno il 13 ottobre. La Contrada si aspetta che questa dimensione tradizionale della liturgia del Palio venga rispettata, qualora sia fissata la dato dello Straordinario. Non nutro comunque dubbi che il Comune terrà conto di tale aspetto nel prendere le sue decisioni, altrimenti sarebbe irrispettoso nei confronti della Contrada che ha vinto il 16 agosto". Chiaro e forte il messaggio di Luca Petrangeli, priore della Lupa, una delle sette Consorelle che ha detto ‘no’ alla Carriera dedicata ai 100 anni della Prima guerra mondiale, insieme a Drago, Oca, Onda, Valdimontone, Torre e Chiocciola.


«Il nostro voto contrario allo Straordinario – prosegue Petrangeli – riguarda soprattutto un’improvvisazione che nel Palio riteniamo poco opportuna rispetto ai ritmi e all’organizzazione complessiva della Festa. La programmazione è fondamentale per garantire la sicurezza, complessa la macchina organizzativa che sta dietro il Palio moderno. Se la Carriera fosse stata proposta per il 2019 non sarei stato così sicuro che la mia Contrada avrebbe detto no». Il priore spiega poi che convocherà una nuova assemblea quando, decisa la data dello Straordinario, il Comune chiederà alle Consorelle che hanno detto no se questa è la loro ultima parola. A tale riguardo ha invece già deciso l’Onda.

«Se il consiglio comunale delibererà la fattibilità dello Straordinario – conferma il priore Massimo Castagnini – la volontà della Contrada è quella di esserci. L’assemblea di martedì è stata molto partecipata da parte dei giovani e degli adulti, con vari interventi. Si è manifestata una larghissima maggioranza per il ‘no’ . Sono soddisfatto anche delle nuove generazioni che, al di là di quello che può essere l’entusiasmo comprensibilissimo di correre un altro Palio hanno valutato molte sfaccettature. E soprattutto hanno ascoltato i pareri e le esperienze delle persone più mature e dei loro vertici contradaioli».

«La storia ci insegna che l’Oca ha sempre votato contro di principio agli Straordinari. In questo caso specifico – sottolinea il governatore di Fontebranda Francesco Cillerai – c’era l’aggravante che tempi e modi di presentazione non erano consoni. Se mi attendevo un verdetto del genere? Quello della mia Contrada sì, per quanto riguarda quello generale avevo forti sensazioni che saremmo andati verso un sì». L’Oca quando dovrà comunicare a Palazzo Pubblico se intende o meno partecipare allo Straordinario riconvocherà l’assemblea.

La prima Contrada a votare contro la terza Carriera, martedì sera, è stata il Drago, fresco di vittoria. «Modalità e tempistica ci sembravano difficilmente realizzabili», evidenzia il priore Claudio Rossi sottolineando al contempo «che le assemblee sono state tutte nutrite per cui la scelta è risultata veramente espressione del popolo. Lato positivo della vicenda, al di là dell’esito».

di LAURA VALDESI da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

ufficiali le date

Messaggio  jabru il Ven Set 14, 2018 6:07 pm

Ufficiale. Il Palio Straordinario dedicato alla Vittoria della Prima Guerra Mondiale (4 novembre 1918) si correrà sabato 20 ottobre 2018 (VOTA il sondaggio). Il consiglio comunale straordinario si riunirà venerdì 14 settembre alle ore 18.30.

Le ipotesi delle altre date L'estrazione potrebbe essere effettuata domenica 30 settembre (non è possibile domenica 23 da regolamento), le prove regolamentate dovrebbero svolgersi il 15 ottobre mentre le previsite il 10 e 11 ottobre alla clinica veterinaria del Ceppo in base al numero dei cavalli che saranno iscritti.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il dialogo e chi deve scrivere le regole

Messaggio  jabru il Ven Set 14, 2018 6:08 pm

Si correrà il Palio straordinario e tutto lascia pensare che sarà celebrato nel mese di ottobre. Sperando che il meteo a cavallo della Festa conceda una decina di giorni di tregua, anche i problemi tecnici relativi alla complessa macchina organizzativa del Comune potranno essere superati. Di certo non sarà né semplice, né banale arrivare a questo risultato.

Ma il cauto ottimismo che filtra da Palazzo Pubblico lascia presagire che il Consiglio Comunale potrà esprimere il suo voto con tutte le necessarie garanzie tecniche per corretta effettuazione della Carriera. Se così non fosse si creerebe un vero e proprio corto circuito istituzionale,che non vogliamo neppure prendere in considerazione. In caso di pioggia prolungata i problemi saranno enormi, ma per il momento è inutile pensare al piano B. Il rischio “baracconata” (Balestracci cit.) è sempre dietro l’angolo e ora è arrivato il momento di tirare le fila e far in modo che il prossimo Palio Straordinario sia degno della secolare tradizione. Fa bene lo storico del Palio Sergio Profeti a sostenere che Marco Falorni avrà un ruolo centrale. Dunque tutto perfetto, almeno in apparenza. Al contrario “sotto il tufo” gli ultimi venti giorni sono stati molto delicati per la città ed il mondo delle contrade, con ferite aperte che richiederanno molto tempo per essere rimarginate.
Dialogo interno Le assemblee hanno visto la partecipazione massiccia dei giovani, che hanno espresso con il voto la legittima voglia di divertirsi e sognare, ovvero correre il Palio, il loro primo “straordinario”. I “vecchi” si sono resi conto d’improvviso di aver messo per anni il dialogo con le nuove generazioni in secondo piano, limitandolo solo ai periodi elettorali. Lunedì sera è stato invece chiaro che i giovani sono diventati adulti ed anche con capacità di decidere. Per il Palio sarà un punto di svolta, sotto tutti i punti di vista.
Dialogo istituzionale Il 2018 sarà ricordato come l’anno della incomunicabilità fra Magistrato delle Contrade e Comune. Le schermaglie sono iniziate con Valentini ad inizio anno e sono proseguite con De Mossi in questa estate. Il tema sempre lo stesso: giustizia paliesca, al quale si sono sommate le modalità di nomina dei Deputati e Ispettori, quindi negli ultimi giorni la gestione della richiesta del Palio Straordinario, vista la lettera palesemente tardiva di Assoarma. Questo ha portato all’interruzione del dialogo fra le due importanti istituzioni cittadine. Segnali di senso opposto non sono arrivati, ma al contrario l’ultimo Magistrato ha evidenziato anche una chiara divergenza di opinioni fra le contrade. Forse tutti hanno fatto un passo in avanti di troppo ed è il momento, all’unisono, di farne uno indietro. Tutti insieme.
Il mediatore Marco Falorni ha un ruolo istituzionale di primo livello, presiedendo il Consiglio Comunale, l’organismo che dovrà dire se e quando si correrà il Palio. La sua presenza alla Giunta lascia intendere che anche il sindaco considera centrale il suo lavoro. La lunga esperienza amministrativa di Falorni, seppur all’opposizione, la sua conoscenza profonda del Palio e delle contrade, la sua pacatezza e il fatto di essere considerato unanimemente una “persona per bene” e senese vero, potrebbe farlo assurgere a uomo del dialogo, ovvero colui che potrà riallacciare i fili della comunicazione fra Palazzo Pubblico e Magistrato delle Contrade.
]Ruoli e compiti E’ quello che negli ultimi anni sembra saltato. La difficile unità del Magistrato delle contrade ha indebolito in modo forte il ruolo propositivo dei rioni. Allo stesso tempo la fragilità politica di Palazzo Pubblico per le diatribe interne alle maggioranze non ha favorito il lavoro dei sindaci. E’ tempo di fare un passo indietro anche da questo punto di vista, quindi due in avanti. Il Palio lo organizza e lo gestisce il Comune, ma le regole devono scriverle anche le contrade. Su questo non possono e non devono tirarsi indietro.

Lello Ginanneschi da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Assoarma: "La richiesta del Palio straordinario non è stata del Comune"

Messaggio  jabru il Ven Set 14, 2018 6:14 pm

"Tutta colpa di un refuso". Il presidente di Assoarma di Siena Pellegrino Federico spiega come si è svolto il contatto tra Assoarma e Comune di Siena in merito alla richiesta di Palio Straordinario.

Gentili Presidenti,
riguardo alla comunicazione inviatavi lo scorso 25 agosto tengo a precisare che la stessa contiene un errore dovuto ad un refuso di copia/incolla fra le varie bozze che stavo preparando, di cui purtroppo non mi sono reso conto.

Quindi ciò che si riferisce alla circostanza per cui ASSOARMA sarebbe stata interpellata da… va
inteso come “ASSOARMA sta interpellando”.

Escludo categoricamente quindi ed in tutti i modi di aver ricevuto sollecitazioni da parte dell’Amministrazione comunale.
Desolato per quanto accaduto sono certo di contare sulla vostra comprensione anche se questa precisazione arriva solo dopo la newsletter rilasciata da UNUCI,

Ringrazio per gli apprezzamenti dell’iniziativa che avete fatto pervenire.

Cordiali saluti
Lgt. comm. Pellegrino Federico
Il Presidente
da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il Consiglio comunale di Siena convocato per venerdì 14 settembre

Messaggio  jabru il Ven Set 14, 2018 6:17 pm

Convocazione dalle ore 18.30 presso la Sala del Capitano del Popolo di Palazzo Pubblico

sala-del-capitano-del-popolo_650 Il Consiglio comunale di Siena è convocato nella sala del Capitano del Popolo del Civico Palazzo, in seduta straordinaria, per il giorno venerdì 14 settembre alle ore 18.30, per la trattazione della proposta di delibera sull’effettuazione del Palio straordinario dedicato al centenario della Prima Guerra Mondiale.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

IL PALIO STRAORDINARIO DELLE FOGLIE MORTE

Messaggio  jabru il Ven Set 14, 2018 6:20 pm

20 ottobre la Carriera sarà celebrata nelle prime ore del pomeriggio, in una atmosfera mai vissuta



E ora la palla in questo doveroso ping ping fra Contrade e Sindaco torna nelle mani del Consiglio Comunale. Il Palio Straordinario delle foglie morte ha avuto il placet di dieci popoli e a questo punto, questioni tecniche e di opportunità a parte, sarà il Consiglio a rafforzare la spinta data dalla Giunta De Mossi, all'unanimità, alla richiesta tardiva e per certi aspetti singolare di AssoArma, tesa a ricordare i cento anni dalla Prima guerra mondiale, oppure smentire clamorosamente la Giunta stessa con un voto negativo all'effettuazione del Palio che avrebbe del clamoroso, vista l'ampia maggioranza di cui gode l'Avvocato De Mossi.
Si sono trovate le dieci Contrade favorevoli, in una serata a volte convulsa ma sicuramente permeata da valori democratici, e le sette contrarie hanno dovuto fare buon viso ad una decisione che in tanti, alla vigilia dell'11 settembre, vedevano pendere senza tanti “Se e ma” verso il NO.
Inutile a questo punto fare una analisi del voto, cercando motivazioni fra i rioni favorevoli, ma anche fra quelli contrari, che non spostano di una virgola l'assunto.
Di una cosa sono peraltro convinto e cioè che a far pendere il piatto della bilancia verso il Sì siano stati soprattutto i più giovani che vedono davvero nella Festa una occasione di svago e divertimento, ma anche di forte impegno, da vivere in Contrada, senza crearsi troppe e spesso astruse sovrastrutture mentali. E poi, partecipando all'assemblea della mia Contrada, ho avuto come la sensazione che anche chi votava no, fosse in qualche modo contento che il quorum delle dieci fosse stato raggiunto. Insomma ad un Palio si rinuncia sempre malvolentieri...
Si tratta ora di capire quali siano i tempi per svolgere il rito della estrazione e poi delle visite ai barberi, delle esercitazioni mattutine sul Campo, della tratta, le sei prove di rito e la carriera. Il 20 ottobre lo Straordinario sarà celebrato nelle prime ore del pomeriggio – non più tardi delle 16 – in una atmosfera che noi contemporanei mai abbiamo vissuto.
Nella vicenda non si è capito perchè il Comune non abbia risposto al quesito posto dal Magistrato delle Contrade e cioè che si andava a decidere per uno “straordinario” da fare entro il 2018 e non rinviabile. E' chiaro che se ora si volesse spostare la data al 2019 le Contrade dovrebbero essere chiamate nuovamente al voto.
E speriamo, allora, che Dio ce la mandi buona e senza tanta pioggia, perché un acquazzone agostano viene riassorbito in tempi relativamente brevi, mentre un rovescio in pieno autunno lascerebbe strascichi sul tufo francamente di problematica soluzione.
Vedremo. Una cosa dovrà essere chiara e da tutti - Comune in testa - condivisa. L'Ente nazionale o cittadino che intenda proporre, in futuro, uno straordinario lo dovrà fare in tempi consoni alla sacralità della manifestazione, lasciando al Comune e alle Contrade i tempi canonici per dare il via, senza alcun intoppo, alla delicata e costosa macchina organizzativa. Se c'è una cosa che nella vicenda di questo straordinario delle foglie morte nessuno ha capito è il perché di questa frettolosa e per certi versi strana richiesta fatta pervenire ad un Assessore, quando i tempi per l'effettuazione di un Palio erano oramai al lumicino. Colpa di AssoArma, responsabilità dell'Assessore, superficialità di Sindaco e Giunta? Vedete Voi, ma qualche cosa stride e nel Palio di cose strane e stridenti cominciamo a vederle troppe. O no?

Roberto Morrocchi fda OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

gli aspetti tecnici. Tufo, Betti: “Siamo a lavoro per valutare tutti i dettagli”

Messaggio  jabru il Ven Set 14, 2018 6:29 pm

La macchina organizzativa del palio è a lavoro fin da quando ha cominciato a ventilare l’ipotesi di una carriera straordinaria. E, anche se i meccanismi sono ormai perfettamente rodati, è ovvio che è un impegno “straordinario” per tutti, a cominciare da chi si occupa della stesura del tufo sulla pista. Ne abbiamo parlato con Massimo Betti dell’ufficio palio. “Il problema che abbiamo è capire il grado di umidità che ci sarà in quei giorni. Dovremo fare rilevature più attente, più numerose, e valutare bene le annaffiature, perchè sicuramente la stagione è più ‘complessa’ rispetto a quella tradizionale. Siamo usciti dal palio di agosto con un po’ di riduzione del materiale per la pioggia, abbiamo ricontattato alcune cave per fare delle integrazioni con altro tufo, anche in base alla granulometria che potrebbe essere più adatta. Ci vorrà un po’ più di attenzione ed anche di fortuna. Negli ultimi anni abbiamo avuto autunni caldi, in questo caso il cambiamento climatico ci potrebbe aiutare…”
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Le sranezze dei tPalii straordinari, dagli scienziati in fuga alla corsa all’ora di pranzo

Messaggio  jabru il Ven Set 14, 2018 6:32 pm

Quegli strani Palii straordinari
Ce ne sono stati di Palii straordinari conditi da stranezze al cui confronto le polemiche dei nostri giorni sembrano davvero poca cosa.

Il 1967

Dall’archivio di Palio.org, grazie ai ricordi di Roberto Filiani, si scopre che nel 1967 si decise di correre uno Straordinario per celebrare addirittura un congresso: il 49esimo congresso della “Società per il progresso delle scienze”. La Società esiste ancora (www.sipsinfo.it/) ma non risulta che abbia mai considerato Siena in maniera particolare. Addirittura neppure in quell’anno, visto che gli scienziati, incuranti dello Straordinario in loro onore, lasciarono Siena per trasferirsi tutti a Perugia. E le polemiche non mancarono. L’Istrice, contrario al Palio, rifiutò anche di essere imbussolato. Si corse il 24 settembre, senza drappellone perchè quello realizzato era stato rubato nella notte, e quella giornata è un riassunto di tutto quello che di strano possa avvenire in un Palio, compresa la fuga del mossiere, che fu sostituito, seduta stante, da una guardia, che era il padre dell’ex sindaco Bruno Valentini. Senza parlare del fantino svenuto e della mossa annullata dopo che i cavalli erano già arrivati al Casato.

Ma leggiamo la cronaca di Roberto Filiani: “Il quattordicesimo Palio straordinario del secolo nasce fra le polemiche ed ha un prologo del tutto inedito. L’istrice contrario alla motivazione ed alla disputa dello straordinario non da la sua adesione. Le prove sono all’insegna della tranquillità, la seconda e la terza saltano per il maltempo. Le favorite Lupa, Giraffa ed Oca si accordano subito con i rispettivi fantini. Solo la Chiocciola è incerta con Canapetta che non ripone molta fiducia in Selvaggia, in San Marco arriva Bazza dalla Torre che avalla lo scambio dei fantini. La vigilia del Palio è turbata da un episodio molto grave, il drappellone dipinto da Bruno Marzi viene trafugato dalla Chiesa di San Vigilio. La bravata è opera di un gruppo di studenti bolognesi, sul carroccio sfila un minuscolo bozzetto su di un lenzuolo bianco. Nel frattempo anche gli scienziati a cui il Palio è dedicato se ne vanno a Perugia. Il Palio è molto teso, sembrano ripetersi i fatti dell’agosto 1966, dopo una prima mossa annullata per una forzatura del Bruco, che cade al canape, arriva quella valida, almeno così si pensa. Escono prime dai canapi Onda ed Oca, a San Martino cadono Selva e Giraffa con Topolone che resta incastrato nei materassi. Al Casato cade Mezzetto che sviene; dopo poco scoppia il mortaretto, la mossa è invalidata. La tensione è altissima, c’è il pericolo di rivedere le scene dell’anno precedente, intanto il Mossiere Fuligni sparisce. Sul verrocchio sale il vigile urbano Fedro Valentini, è il quinto mossiere in cinque Palii. Si cambia busta, fra i canapi c’è anche Mezzetto che si è rimesso e c’è Topolone, salvo dopo la tremenda caduta. Dopo una caduta al canape di Bazza arriva la mossa valida. Parte benissimo la Giraffa, seguita da Lupa e Leocorno, la Chiocciola resta ferma. Il vantaggio della Giraffa si fa subito consistente, dietro Lupa e Leocorno sono già staccate. Il Palio è praticamente concluso, Tristezza spinge Topolone con sicurezza mentre nelle retrovie cadono Bruco e Torre. Per Topolone è il trionfo dopo la grande paura, a sancire il suo strapotere l’arrivo di Tristezza con entrambe le braccia al cielo, senza mani. Per la Giraffa un’altra vittoria nello straordinario dedicato agli scienziati dopo quella del 1913. Nel museo della Giraffa oltre al Palio “rubato”, poi restituito, è conservato il bozzetto che campeggia vicino aI drappellone originale”.

Il 1910

E’ sempre Roberto Filiani a raccontare il Palio Straordinario dedicato al Convegno della Stampa estera, una riunione neppure particolarmente partecipata di giornalisti stranieri, che ben poco videro in realtà del Palio e che, ancora meno, erano interessati alla festa. Il Palio in realtà si sarebbe dovuto correre l’11 di settembre, ma il maltempo, che aveva impedito anche la gran parte delle prove, fece slittare anche il Palio. I giornalisti ospiti preferirono andarsene che restare un giorno in più a Siena, ma anche il giorno 12 il tempo non permise di correre. Il giorno 13 si decise di correre il Palio la mattina alle 10,30, ma pioveva ancora e i cavalli andarono al canape alle 13,30, con gli spettatori in Piazza con gli ombrelli aperti.

Leggiamo la cronaca di Roberto Filiani: “Il quarto Palio straordinario del secolo viene corso per onorare la Stampa Francese, presente a Siena con una sua delegazione. La tratta favorisce la Torre con Gobba, una cavallina baia di Giovacchino Pianigiani, nettamente superiore agli altri nove barberi. Il maltempo condiziona il regolare svolgimento della Festa sin dalle prove, la quarta, la Prova Generale e la Provaccia saltano per la pioggia, Nelle tre prove disputate cambiano molte monte, Nappa, Sciò e Guido Rossi arrivano al Palio senza aver mai provato nella rispettiva contrada. La terza prova nel Drago la corre Lorenzo Fabbri detto “Pappio”, storico barbaresco della Contrada di Camporegio, in sostituzione di Bubbolo, girato alla Pantera solo momentaneamente. L’undici settembre, una pioggia incessante, impedisce la disputa della carriera. Il Palio è rinviato, i giornalisti francesi, cui era dedicato, lasciano Siena. Anche il dodici settembre la pioggia continua a cadere ed il Palio subisce un ulteriore rinvio. Si decide di correre il tredici settembre, all’inedito orario delle dieci di mattina. Il tempo è ancora incerto, quando i cavalli sono fra i canapi molti spettatori hanno gli ombrelli aperti. La Lupa da la rincorsa, parte prima la Selva con Picino, mandato dall’Oca per impedire la vittoria torraiola. La Selva gira prima a San Martino, seguono Torre, Tartuca e Chiocciola, che si ostacolano a vicenda. Già al Casato emerge la superiorità del barbero della Torre, Moro porta Gobba in testa. Il Palio non ha più storia, per la Torre è una cavalcata trionfale, seconda la Selva, terza la Chiocciola, entrambe staccate di mezzo giro”.

Simona Sassetti da RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il mossiere Magni: "Sono libero il 20 ottobre. Un onore tornare"

Messaggio  jabru il Sab Set 15, 2018 7:29 pm

Siena, 15 ottobre 2018 - «Ho un’applicazione per cui mi arrivano tutte le notizie che riguardano il Palio. E quando ho visto quella sulla possibile terza Carriera sono rimasto sorpreso. E mi sono detto ‘chissà se chiamano me o qualcun altro, se mi confermano. Bello però un Palio per i cento anni della fine della Prima guerra mondiale». Fabio Magni, sul verrocchio dal 2 luglio 2016, è dunque pronto per la sua settima Carriera. Stesso numero di presenze, in questo ruolo, di Daniele Masala. «Non sono stato ancora contattato però è chiaro che per il 20 ottobre mi tengo libero», aggiunge Magni. Difficile che si percorrano altre strade, a maggior ragione dopo la mossa dell’Assunta che, grazie al peso delle sanzioni e alla collaborazione dei fantini, è risultata praticamente perfetta.

Dunque, Magni non ha gare o altri impegni professionali nei giorni della Festa.


«La prima settimana di ottobre, con mia moglie, andiamo ad un concorso. Poi torniamo e lasciamo i cavalli tranquilli per una quindicina di giorni per cui, qualora venga chiamato, sono disponibile»

Di solito arriva a Siena per le prove di notte che, in questo caso, complice il problema umidità, si svolgeranno più tardi, il 15 ottobre, forse alle 10.

«Nel caso il 14 sera sarò a Siena per vivere questa nuova e bella esperienza».

In città c’è stato un dibattito notevole sulla fattibilità in questo periodo dell’anno. Cosa ne pensa?

«L’unica cosa è che ottobre è un mese un pochino birichino, intendo meteorologicamente. Se piove potrebbe saltare qualche prova ma è successo anche ad agosto. E poi negli ultimi anni avviene spesso che l’autunno sia particolarmente gradevole».

Insomma, la sento entusiasta di salire sul verrocchio il 20 ottobre.

«Come no! Per me sarebbe un onore ... straordinario! Ormai sono stato ‘preso’ dalla vostra Festa che considero un po’ anche la mia. Rispetto a quando sono arrivato per la prima volta ho compreso il Palio e ne sono rimasto completamente affascinato. Mi ha coinvolto veramente e dare la mossa dello Straordinario sarebbe, ripeto, un onore. Senza considerare i colori della Piazza, diversi a seconda delle stagioni... Siena è splendida».

Tre Carriere: luglio con un Palio che non riusciva a partire, agosto perfetto. E ad ottobre?

«Difficile fare previsioni dopo l’inghippo di Provenzano e la facilità della mossa di agosto da cui sono usciti bene cavalli e fantini. Comunque sia entusiasmante».



di LAURA VALDESI da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Il consiglio comunale dice sì al Palio Straordinario

Messaggio  jabru il Sab Set 15, 2018 7:32 pm

Il consiglio comunale, al termine di una discussione durata oltre due ore, dice sì al Palio Straordinario. Sono stati 25 i consiglieri presenti (alcuni si sono allontanati dall'aula al momento della votazione) e di questi 23 hanno votato a favore e 2 contro. Il Palio dunque sarà corso il 20 ottobre.

Il sindaco Luigi De Mossi, nel ringraziare tutti per "la civiltà e puntualità usate nell’esposizione delle proprie opinioni", ha ricordato all’assemblea come avesse già dichiarato di aver "lasciato libertà di espressione alla sua maggioranza perché il Palio e la politica non devono mai mescolarsi". Nell’apprezzare le osservazioni ricevute, sia dai banchi della maggioranza sia da quelli della minoranza, condividendo le preoccupazioni sulla tempistica e la necessità di rivedere il relativo articolo 2 del Regolamento del Palio ha chiesto "la collaborazione di tutti affinché la Festa senese possa riuscire al meglio".
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Magni: "Pronto a tornare sul Verrocchio"

Messaggio  jabru il Sab Set 15, 2018 7:35 pm

l mossiere Fabio Magni, in una intervista esclusiva pubblicata dal Corriere di Siena nel giornale in edicola il 15 settembre 2018, si è detto pronto a tornare sul Verrocchio per il Palio Straordinario se i capitani ed il comune lo chiameranno: "Sono pronto, questo Palio mi emoziona. Fare il mossiere per la Carriera che ricorda la Vittoria della Grande Guerra sarebbe un onore. Ma ancora non ho ricevuto comunicazioni ufficiali. In ogni modo anche se non fossi io, sarei felice lo stesso perchè si tratta di qualcosa di unico. Quando l’ho saputo mi ha fatto venire la pelle d’oca per l’emozione. Sono felice per Siena ed il suo popolo, tutto mi ha coinvolto in modo estremo ed il Palio lo sento, ormai fa parte della mia vita perchè stare lì capisci la città, la sua gente, le loro ansie e le loro trepidazioni, l’importanza del Palio. E’ tutto fantastico, io sono positivo”.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

OK DAL CONSIGLIO COMUNALE E AVVIATI I CONTATTI PER IL DRAPPELLONE

Messaggio  jabru il Sab Set 15, 2018 7:38 pm

A Siena il consiglio comunale straordinario, chiamato all'approvazione definitiva dell'effettuazione del Palio straordinario (proposto dal Consiglio Periferico di Siena di Assoarma), dopo una lunga discussione ha dato l'ok con 23 voti favorevoli e 2 contrari. Il Palio, dedicato al centenario della fine della Prima guerra mondiale si correrà sabato 20 ottobre. E' la data definita in Giunta ieri mattina e ufficializzata solo dopo la riunione di ieri pomeriggio del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal Prefetto di Siena Armando Gradone. Nei giorni scorsi sul Palio straordinario si erano espresse le contrade, 10 favorevolmente, le altre 7 contrarie. Quest'ultime potranno comunque rivedere la loro decisione prima dell'estrazione, probabilmente il 30 settembre, delle contrade che correranno la carriera. Il sindaco Luigi De Mossi, che ha annunciato di aver "già avviato i contatti con alcuni artisti" per la realizzazione del drappellone, nel ringraziare tutti per "la civiltà e puntualità usate nell’esposizione delle proprie opinioni", ha ricordato all’assemblea come avesse già dichiarato di aver "lasciato libertà di espressione alla sua maggioranza perché il Palio e la politica non devono mai mescolarsi". Nell’apprezzare le osservazioni ricevute, sia dai banchi della maggioranza sia da quelli della minoranza, condividendo le preoccupazioni sulla tempistica e la necessità di rivedere il relativo articolo 2 del Regolamento del Palio ha chiesto "la collaborazione di tutti affinché la Festa senese possa riuscire al meglio".
OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

gli aspetti tecnici. Tufo, Betti: “Siamo a lavoro per valutare tutti i dettagli”

Messaggio  jabru il Sab Set 15, 2018 7:41 pm

La macchina organizzativa del palio è a lavoro fin da quando ha cominciato a ventilare l’ipotesi di una carriera straordinaria. E, anche se i meccanismi sono ormai perfettamente rodati, è ovvio che è un impegno “straordinario” per tutti, a cominciare da chi si occupa della stesura del tufo sulla pista. Ne abbiamo parlato con Massimo Betti dell’ufficio palio. “Il problema che abbiamo è capire il grado di umidità che ci sarà in quei giorni. Dovremo fare rilevature più attente, più numerose, e valutare bene le annaffiature, perchè sicuramente la stagione è più ‘complessa’ rispetto a quella tradizionale. Siamo usciti dal palio di agosto con un po’ di riduzione del materiale per la pioggia, abbiamo ricontattato alcune cave per fare delle integrazioni con altro tufo, anche in base alla granulometria che potrebbe essere più adatta. Ci vorrà un po’ più di attenzione ed anche di fortuna. Negli ultimi anni abbiamo avuto autunni caldi, in questo caso il cambiamento climatico ci potrebbe aiutare…”
AnntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: PALIO STRAORDINARIO

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 9 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum