PALIO STRAORDINARIO

Pagina 2 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Andare in basso

Domani la consegna del Masgalano e del “Premio Speciale” al Nicchio

Messaggio  jabru il Sab Set 15, 2018 7:43 pm

Si svolgerà domani, alle ore 17,30 in Piazza del Campo, la cerimonia di consegna alla Nobile Contrada del Nicchio del Masgalano, offerto dall’Associazione Nazionale Polizia di Stato di Siena e realizzato dall’orafa senese Alessandra Damiani.

Verrà inoltre consegnato il “Premio Speciale”, realizzato dal maestro di arte orafa Paolo Penko, e offerto dalla Contrada della Selva in onore e a memoria di Giancarlo Galardi, assegnato alla Nobile Contrada del Nicchio grazie all’abilità di Mattia De Santis e Mattia Michelangeli, la coppia di alfieri che si è maggiormente distinta durante il Corteo Storico del Palio dello scorso 16 agosto
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Sindaco De Mossi: “Probabile estrazione il 30 settembre”

Messaggio  jabru il Sab Set 15, 2018 7:46 pm

Da pochi minuti il Consiglio Comunale si è dichiarato favorevole all’effettuazione del Palio straordinario e la macchina organizzatrice è già in moto, a parlarne è il Sindaco Luigi de Mossi, che ai nostri microfoni dichiara: “Probabile estrazione il 30 settembre, mentre gli orari per le prove potrebbero essere le 10 di mattina e le 17.”
RadioSien aTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La notte dello Straordinario: voci di dimissioni

Messaggio  jabru il Sab Set 15, 2018 7:49 pm

Siena in fermento per le voci di dimissioni nelle contrade
E’ una notte strana quella dopo il voto del consiglio comunale che rende realtà il Palio Straordinario. Una notte di voci che si susseguono di dimissioni improvvise di dirigenti, di seggi convocati in tutta fretta, di discussioni accese nelle contrade. Sicuramente tutto si chiarirà nelle prossime ore, ma questa Carriera improvvisa lascerà sicuramente degli strascichi.
RadioSien aTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

potrebbero saltare le prove di notte

Messaggio  jabru il Dom Set 16, 2018 7:32 pm

Riunioni tecniche con gli uffici e con l’amministrazione, poi, da lunedì, il via alla scansione dei lavori. La macchina comunale si è messa in moto per il Palio Straordinario, un calendario più chiaro ci sarà a metà della settimana, ma è già possibile fare alcune ipotesi. Tanti passaggi da qui alla Carriera Straordinaria, fissata da consiglio comunale per il 20 settembre.
IL CALENDARIO In generale non ci si discosterà più di tanto dal calendario “normale” per il montaggio dei palchi e la sistemazione del tufo, anche se per quest’ultimo aspetto ci sono valutazione da fare. Ma andiamo con ordine, anche perché per incasellare i vari “appuntamenti” al momento ci sono solo due punti fermi: il giorno del Palio (20 ottobre) e quello dell’estrazione, che in realtà non c’è, ma che, da regolamento, deve essere fatto almeno dieci giorni prima (quindi prima del 10 ottobre). Il resto dipende da tutto un susseguirsi di tessere che vanno una dietro l’altra o che sono comunque concatenate. Dopo il consiglio comunale, il Sindaco ha cinque giorni di tempo per notificare l’avvenuta votazione dei consiglieri. Dal momento dell’arrivo della notifica del Comune, le sette contrade che hanno detto “No” (Chiocciola, Drago, Lupa, Valdimontone, Torre, Oca e Onda) al Palio Straordinario in assemblea, possono decidere se aderire o meno: hanno cinque giorni di tempo per comunicarlo all’amministrazione comunale. Fatti due conti la data utile per l’estrazione è quella di domenica 30 settembre, giorno che, peraltro, non intralcerebbe i festeggiamenti di Drago e Lupa. E darebbe comunque modo alle contrade di pianificare meglio l’organizzazione interna.
ORGANIZZAZIONE Poi ci sono le date e i tempi “organizzativi”. Calendario alla mano il montaggio dei palchi dovrebbe cominciare quattordici giorni prima, quindi sabato 6 ottobre. C’è l’incognita maltempo, quindi possibile che si decida di anticipare di qualche giorno. La sistemazione del tufo dipende invece da un altro aspetto, cioè l’effettuazione o meno delle prove regolamentate. In linea teorica il comune vorrebbe seguire tutto l’iter “normale”, quindi anche con le “ex” prove di notte di addestramento. Questo sarà però oggetto di valutazione con la commissione veterinaria, che dovrà capire come applicare allo Straordinario il protocollo equino in vigore. Ad agosto le prove mattutine sono state effettuate sabato 11 agosto, con un giorno di anticipo per permettere adeguato riposo ai cavalli. Possibile ipotizzarle il 15 ottobre e, quindi, la sistemazione del tufo avverrebbe dal 12-13 ottobre, sempre con lo sguardo rivolto al maltempo che potrebbe influire. Il tufo di solito viene messo in massimo due giorni, le operazioni potrebbero essere “calibrate” anche in base alle previsioni. E’ stata confermata l’edizione 2018 del Minimasglano, organizzato dalla contrada della Torre, che si svolgerà il 13 ottobre: sarà un’edizione particolare, dunque, con il tufo in Piazza. Possibile che nella stessa giornata venga presentato il drappellone, per evitare “ingorghi”, però, probabile che il Cortile del Podestà sia approntato per il 14 ottobre.
PREVISITE Ci saranno sicuramente le previsite alla clinica del Ceppo, ipotizzabili al massimo il 10 e 11 ottobre, anche se è da valutare il week end del 6-7 ottobre per questioni logistiche. Andrà però anche dato un lasso di tempo ai proprietari per capire se iscrivere i propri cavalli o meno e, stando ai calendari delle Carriere estive, il termine per le iscrizioni alle previste cadrebbe proprio intorno al 6 ottobre. Quindi si potrebbe anticipare di qualche giorno (3 ottobre).

Alessandro Lorenzini da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Unuci si scusa con Sportelli

Messaggio  jabru il Dom Set 16, 2018 7:40 pm

“Era sottinteso che non era stato lei a far richiesta”
L’Unione nazionale ufficiali in congedo (Unuci) ha voluto esprimere le sue scuse all’assessore Massimo Sportelli dopo la comunicazione diffusa ai soci con oggetto la richiesta del Palio straordinario, motivo di alcune polemiche.

“Egregio Assessore – è la nota del presidente Gianluca Sarri- in merito alla proposta di Palio straordinario, desidero chiarire che quanto apparso sulla nostra newsletter n.4/2018 indirizzata ai soli soci UNUCI come una qualsiasi altra email, è stato integralmente ripreso dalla comunicazione che Assoarma ha inviato a tutti i presidenti delle Associazioni a questa afferenti senza nulla aggiungere.
Per quanto ci riguarda il fatto che la richiesta sia stata inviata legittimamente alla Sua persona non voleva certamente sottendere che fosse stato Lei a richiederla.
Siamo pertanto dispiaciuti di come tale comunicazione, ripeto inviata ai soli soci per informarli delle iniziative della nostra e di altre Associazioni d’arma, sia stata utilizzata impropriamente e strumentalizzata a danno nostro e dell’Amministrazione comunale che, come ha chiarito successivamente il presidente Assoarma Federico Pellegrino, non ha avuto nessun ruolo propositivo né ha sollecitato la proposta.
Pertanto, l’errore in cui siamo involontariamente incorsi anche noi, deriva solo da un “refuso” nella composizione della email di Assoarma che, a seguito delle successive precisazioni del Presidente Federico Pellegrino, abbiamo provveduto già ieri a rendere noto ai nostri associati con nuova newsletter n.5/2018. Sinceramente dispiaciuto per l’accaduto e restando a disposizione anche per un eventuale incontro chiarificatore, vengo a porgerLe i più cordiali saluti”.
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Rocco Nice non ci sarà

Messaggio  jabru il Dom Set 16, 2018 7:41 pm

Il proprietario Marchetti in occasione della premiazione del Masgalano: “Contenti per luglio, pensiamo al 2019”
In occasione della cerimonia di consegna del Premio Masgalano vinto dalla contrada del Nicchio e della premiazione dei due proprietari dei cavalli vittoriosi di Luglio e Agosto, Siena Tv ha intervistato Massimo Marchetti, proprietario di Rocco Nice, in sella alla quale Brio ha riportato la vittoria sul Campo il 2 luglio per la contrada del Drago.

Marchetti ha annunciato che Rocco Nice non ci sarà per il Palio straordinario del 20 ottobre. “Siamo contenti per la vittoria di luglio – ha detto ai nostri microfoni Marchetti – adesso pensiamo al 2019”. Oltre a Rocco Nice, non sarà portato anche Ray Misterio, altro cavallo di proprietà di Marchetti
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Fabrizio Brogi: “Porto Alabe sta bene, sarà portato allo Straordinario”

Messaggio  jabru il Dom Set 16, 2018 7:44 pm

Il proprietario del cavallo vittorioso con la Lupa in occasione del Masgalano: “Si sta allenando ed è in preparazione”
In occasione della cerimonia di consegna del Premio Masgalano vinto dalla contrada del Nicchio e della premiazione dei due proprietari dei cavalli vittoriosi di Luglio e Agosto, Siena Tv ha intervistato Fabrizio Brogi, proprietario di Porto Alabe, in sella alla quale Giuseppe Zedde detto Gingillo ha vinto la Carriera del 16 agosto per la contrada della Lupa. Brogi ha annunciato che Porto Alabe, vittorioso nell’agosto 2017 anche con l’Onda, se tutto va bene, sarà portato anche per il Palio straordinario del 20 ottobre.

“Porto Alabe sta bene, si sta allenando ed è in fase di preparazione -ha detto ai nostri microfoni Brogi – se tutto procederà per il meglio sarà presentato per lo straordinario”.

RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il 30 settembre l’estrazione delle Contrade

Messaggio  jabru il Lun Set 17, 2018 7:39 pm

Le bandiere saranno esposte alle trifore del palazzo comunale

SIENA. Si terrà domenica 30 settembre, alle ore 17.30 l’estrazione delle Contrade che prenderanno parte al Palio Straordinario del prossimo 20 ottobre, dedicato al centenario della fine della Prima Guerra Mondiale.

Le bandiere delle Contrade estratte saranno collocate alle trifore del primo piano di Palazzo Pubblico.
iilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

ecco gli orari di ottobre. Ma attenti al jet lag!

Messaggio  jabru il Lun Set 17, 2018 7:52 pm

Domenica 30 settembre, alle 17.30, si terrà l’estrazione delle Contrade che prenderanno parte al Palio Straordinario del 20 ottobre. E’ arrivata la prima adesione, la Chiocciola, che dopo aver votato no alla richiesta del Comune, ha deciso di partecipare alla Carriera. Sono quindi ufficialmente 11 le Consorelle che si preparano all’estrazione, in attesa delle risposte che devono ancora arrivare da Oca, Lupa, Drago, Valdimontone, Onda e Torre.

Un grande fermento si sta già diffondendo per tutta la città e già sono spuntate le prime decisioni per quello che riguarda i punti cardine della Festa: il Masgalano, offerto dai gruppi piccoli e giovani di tutte le Contrade, verrà realizzato dall’artista giraffina Sara Cafarelli, mentre la scelta del pittore per il Drappellone arriverà tra oggi e domani.

Sarà, invece, la Basilica di San Domenico ad aprire le porte alla Contrada vittoriosa nella prima serata del 20 ottobre.

Ma…. di preciso, a che ore c’è la prova?

Il bello di questa preparazione al Palio straordinario, è forse l’incertezza euforica che anima le conversazioni dei contradaioli. Sballati completamente gli orari e scombussolati i consueti appuntamenti del “all’8 al barre, tramezzino con l’ovo che ti rimane di traverso perché mangiato di corsa e poi si va alla prova”. Se la Carriera si correrà alle 17 (sempre in Piazza del Campo eh), le prove regolamentate (quelle di notte per capirsi) si terranno alle 10.30 del 15 ottobre, escludendo i 4 anni. Insomma, praticamente nell’orario dello spuntino di metà mattinata. Il che rischia di mettere a repentaglio anche le super diete dimagranti che alle 10.30 ci vorrebbero far mangiare una mandorla, tre chicchi di riso e un quarto di galletta di mais condita con salsa orientale. Perché poi, a quell’ora, si sa, tocca mangiare invece una bella fetta di pane, grossa, con tre acciughe sotto pesto e un quarto sì, ma di vino. Rosso, possibilmente. D’altronde il Palio ha le sue regole e vanno rispettate. Le previsiste dovrebbero essere il 10 e l’11 ottobre, domani alle 18 la riunione con i veterinari.

Le prove saranno alle 10.30 la mattina e alle 17.15 la sera. Ancora nessuna indicazione per gli orari di batterie e assegnazione (ma è probabile che il fantino, invece che a pranzo, arrivi a colazione).

Insomma, pronti al Palio Straordinario, ma attenti a questo vero e proprio jet lag che rivoluzionerà la confusione che già avrete tutti nel capo. Perché la domanda a che ore c’è la prova? la fate tutti, di luglio e d’agosto, almeno una volta al giorno. Figuriamoci a ottobre…

Per non parlare dell’abbigliamento. Confessatelo: siete già in pensiero perché non avete niente da mettervi in palco e dietro al cavallo. Niente “bracci di fòri” perché non è agosto però bisogna essere pronti anche alle manate, se si richiede. E poi via, serve qualcosa che metta in evidenza gli sforzi della palestra (rassegnatevi, dopo l’estate a riposo e ottobre che si deve ancora ricominciare il vero allenamento, il bicipite pare il budello del salsicciolo). E anche per l’abbronzatura, donne, tocca ricorrere alle lampade e stavolta non potrete nemmeno fingere una domenica al mare perché a ottobre non è che si pigli più lo stellone nel capo. Male che vada, ci possono venire incontro le calze (le calze!!!!!) che al limite coprono anche qualche cacchione di ricrescita.

E allora via a studiare come vestirsi immaginando la leggerezza di plastica del k-way che fa sudare come caimani e la t-shirt di cotone a manica lunga che fa tanto magliettina della salute ma insomma, attillata e colorata, con i jeans, può andare. Felpe ok, ma senza cappuccio, altrimenti il fazzoletto casca male. Le scarpe da ginnastica estive o invernali? I calzini? I sandali no… gli stivali? E se si piglia freddo alla gola? niente sciarpa o foulard, quello proprio non si può. Si prende ognuno il nostro adorato fazzoletto e si gira due volte intorno al collo in modo che oltre al cuore, ci scaldi anche la gola.

A cena? Ganzo, fitti come penne di nana che, se fosse diaccino, ci si scalda a vicenda. E magari si mangia anche il pancosanti bono. e per l’aperitivo non c’è bisogno di sciacquare bicchierate di roba diaccia che sollecitano la congestione (per il freddo eh, non per l’alcol, si intenda bene…). Ah! Nota positiva: dopo la prova della sera, si può tranquillamente fare un salto a casa per fare la doccia. Lo Straordinario non vuole puzzi, per prendere i posti a tavola c’è tempo.

Un po’ meno tempo, forse, per rendersi conto che ci risiamo.

Signore e signori, è Palio!

Katiuscia Vaselli

Arianna Falchi da SienaNew
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Piccini: “Il Palio straordinario, emblema di una deriva populista”

Messaggio  jabru il Mar Set 18, 2018 7:29 pm

"Dieci contrade avevano scelto, perché creare una coda di polemiche? In democrazia vincono i numeri"

SIENA. Non ho partecipato alla votazione sul Palio straordinario, solo per non creare un ulteriore elemento di divisione e contrasto. Dieci contrade avevano scelto, perché creare una coda di polemiche? In democrazia vincono i numeri, anche quando alcune centinaia di persone, dentro ogni Contrada, hanno potuto esprimersi per un’intera città. Tuttavia, si è trattata di una scelta emblematica.

Il Palio è la cartina al tornasole di tendenze, che ci permette di leggere le trasformazioni che attraversano la nostra collettività e, tramite queste, la “salute” complessiva della nostra società. C’è anche una narrazione di questo evento. Senza leggere i resoconti dei vari media, ma parlando, ascoltando qualche contradaiolo che ha partecipato alle assemblee un aspetto mi è apparso costante: il prevalere del “si”. Non del “si” affermativo che pur c’è stato, ma il “si” impersonale, quello del: “si vota”, “si corre”, “si dice” e via discorrendo. Il “si” che accorcia il tempo della discussione, che non permette di argomentare, di spiegare, il “si” del correre come unico atto, come gesto, che riduce la complessità dell’evento a un singolo frammento, a un episodio. L’individuo si nasconde dietro, dentro una maggioranza che agisce secondo la logica del “si fa”, “si dice”… Il “si”, impersonale, ha la funzione primaria di sgravare l’essere da responsabilità e scelte. Tutto diventa più leggero e tutto si trasforma in un gioco impersonale sia per chi avrebbe là responsabilità primaria della conservazione dei valori (Comune), sia per chi è chiamato a votare. Ci “si” trastulla su questa superficialità per cementare un presunto consenso, senza guardare alle conseguenze. Il Palio, con questa leggerezza, viene ridotto a semplice merce da consumare, data in pasto non solo ai turisti ma anche ai senesi. Basterebbe una riflessione minima per capire che il Palio, se inflazionato, ridotto a mero diversivo (con all’origine la proposta di un’associazione molto discutibile) perde di valore, diventa una mera corsa priva di significato. Da qui la contrapposizione, che in alcune contrade è stata evidente. Il “si vota” senza un confronto vero ha annullato ogni valore sedimentato, con la scelta istintiva dei giovani contro una “élite” più anziana e decisamente più ragionevole. La “casta” dei dirigenti, da una parte, la ricerca della novità in quanto tale, dall’altra (ho voluto appositamente usare dei termini che oggi fanno riferimento al populismo: élite, casta). Ecco perché la stessa amministrazione ha sottolineato, positivamente, la presenza di molti “giovani” al voto. Una nuova generazione che guarda poco al futuro ma si chiude in una tradizione vuota, alla ricerca di qualche rassicurazione. In realtà, è la generazione che è diventata, non certo solo per responsabilità locali, consumatrice.

“Si” consuma di tutto e velocemente dimenticando il ricordo, la memoria di ciò che accade o è accaduto. La persona – trasformata ormai in consumatore – vuole consumare, e l’oggetto del consumo diventa nella fattispecie la corsa-merce. Non è da molto tempo che Siena viene identificata totalmente con il Palio e il Palio con Siena. Ma questa identificazione non fa altro che sottolineare la crisi economica e sociale di una città (il progetto della Galleria del Palio va in questo senso) che, non avendo serie prospettive di sviluppo, si chiude dentro se stessa e a un conformismo che porta a inflazionare e svuotare di senso l’unico elemento distintivo rimastogli. Ed è, anche, in questa chiusura a riccio che va letta la polemica sull’ultimo drappellone che non può essere la semplicistica contrapposizione tra cultura laica e cultura religiosa. Si è persa l’occasione per capire fino in fondo il rapporto fra tradizione e contemporaneità, la stessa che per alcuni aspetti sta attraversando la decisione del Palio straordinario. Non siamo in presenza della libertà assoluta dell’artista ma dentro un rapporto fra tradizione, iconografia e lo stile del pittore. Se quest’ultimo prevale sui primi abbiamo uno stravolgimento del senso profondo del Palio, cosa che è avvenuta diverse volte nella realizzazione del drappellone. Attenzione, però, perché i tempi che stiamo vivendo non sono né semplici, né normali. A tutti si chiederebbe più prudenza e consapevolezza i rischi a cui si può incorrere sono altissimi. Nel nostro caso non sono in discussione la pittura di un drappellone o un Palio straordinario, ma la stessa conservazione di una identità collettiva. Che come tutte le identità è sotto minaccia del consumo e dei valori populistici.

Pierluigi Piccini da ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

si studiano soluzioni per proteggere il tufo

Messaggio  jabru il Mar Set 18, 2018 7:33 pm

Coprire il tufo per ripararlo dalla pioggia. Ed evitare così che venga portato via da temporali che, ormai, sono sempre più violenti. Un’idea di cui il Comune sta vagliando in queste ore la fattibilità. Non è la prima volta che ventila un’ipotesi del genere. Qualche anno fa, quando piovve così tanto che Palazzo Pubblico fu costretto ad integrare abbondantemente la terra in Piazza, infuriò il dibattito sulla copertura. C’erano i favorevoli, che in questo accorgimento non vedevano uno sfregio alla tradizione. Altri che gridavano invece alla ‘violazione’ di un palcoscenico che doveva rimanere inalterato. Anche se poi si saltavano tutte le prove del Palio. Quante volte è accaduto nella storia della Festa. Per l’Assunta 2008, per esempio, niente prova generale e provaccia. Traslocò persino la tradizionale messa del fantino per consentire di sistemare il tufo, spostata nella cappella accanto alla Sala del Mappamondo. L’allora sindaco Maurizio Cenni disse che in quella Carriera «si era vista l’intera gamma delle condizioni meteo: ottimali quando la terra è stata messa, quindi un incremento del livello di umidità con punte quasi fantascientifiche, oltre il 90%. E il giorno del Palio un clima da Carriera Straordinaria: temperatura più bassa e aria frizzante come fosse settembre».

L’idea dei teloni torna d’attualità in queste ore con il Palio straordinario ad ottobre. Nessuna decisione è stata presa, per carità. Però il Comune vuole verificare ogni strada che consenta di conservare nell’ovatta lo Straordinario. Tante le questioni tecniche: il tipo di teloni (quelli messi sui campi di calcio?) oppure ci sono soluzioni meno invasive e colorate? Basta guardare sul web per scoprire che c’è un sistema di stesura attraverso i rulli gonfiabili ma dove metterli, così ingombranti? L’intero anello sarà coperto o, magari, soltanto alcuni tratti più delicati come le curve? Si vedrà se sarà ritenuta una strada percorribile dai tecnici oppure l’idea finirà archiviata come già successo nel passato, tenendo conto però della particolarità della stagione in cui si svolgerà questa Carriera che sta richiedendo, come si vede, interventi straordinari.

Ma c’è anche un altro aspetto che sta particolarmente a cuore al Comune. E riguarda la condizione fisica dei cavalli. Il grado insomma di allenamento, visto che quasi tutti avevano rallentato dopo l’Assunta. Per questo motivo ieri si è svolto un sopralluogo dei tecnici a Mociano per verificare le condizioni e della pista e valutare se è possibile tenerla aperta alcuni giorni a settimana, consentendo a proprietari e fantini di portare lì i cavalli.

di LAURA VALDESI da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Gian Marco Montesano dipingerà il drappellone

Messaggio  jabru il Mar Set 18, 2018 7:37 pm

Sarà il pittore Gian Marco Montesano a dipingere il drappellone del Palio straordinario. Il masgalano sarà invece realizzato da Sara Cafarelli e donato dai gruppi piccoli delle contrade.

La giunta si riunirà domani, mercoledì 19 settembre, per ratificare le scelte.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

L'ULTIMA CARRIERA DISPUTATA AD OTTOBRE

Messaggio  jabru il Mar Set 18, 2018 7:42 pm

Fu corsa nel 1849, il giorno 21.



Per ritrovare un Palio alla tonda corso nel mese di ottobre, occorre fare un balzo indietro nel tempo fino al 1849. In quell’anno infatti, accanto alle due carriere ordinarie, fu corso un Palio che di straordinaria ha solo la data, in quanto fu considerato il “recupero” di quello non disputato nel luglio 1848 a causa della concomitanza con la Prima Guerra di Indipendenza. Il 23 giugno di quell’anno, durante l’adunanza del Magistrato Civico, su deliberazione dei capitani delle contrade, fu deciso “attese le presenti vicende politiche e le circostanze di guerra che tengono giustamente agitata la tranquillità di molte famiglie….di aggiornare a tempi più opportuni le feste e la gioia e specialmente la corsa alla tonda solita farsi nella Piazza del Campo nel 2 luglio di ciascun anno”, nonché di devolvere le 420 lire spettanti alla contrada vittoriosa a favore dei militi impegnati in Lombardia a difesa dell’indipendenza italiana. L’occasione giusta per recuperare il Palio sospeso, con la partecipazione delle medesime contrade che avrebbero dovuto correre in quel luglio ’48, fu data dall’inaugurazione della linea ferroviaria Siena – Empoli, vero e proprio gioiello per la nostra città, realizzata a spese dei senesi sotto la direzione di Giuseppe Pianigiani, utilizzando totalmente manodopera locale, che avvenne il 14 ottobre alla presenza del Granduca Leopoldo II e dell’intera famiglia imperiale, che si trattenne in città fino alla corsa del Palio. Il corteo che precedette la corsa del 21 ottobre fu aperto da un plotone di Regi Cacciatori a cavallo, seguiti dai tamburini delle contrade partecipanti, dagli alfieri delle sette escluse, da una banda militare, dalle comparse con i dieci barberi assegnati alle contrade tenuti alla briglia dai barbareschi e dai i fantini sui soprallassi. Chiudeva la sfilata il carro con il drappellone contornato da tutte e diciassette le bandiere. La carriera che seguì risultò bella ed avvincente con più contrade che furono protagoniste. Partì primo Stralanchi nell’Onda, poi superato da Figlio di Bonino della Tartuca e da Piccolo Campanino della Civetta. Quest’ultimo cadde a San Martino, consentendo alla Tartuca di tornare in testa, incalzata dall’Oca. Tra le due contrade, che avevano tra l’altro i migliori cavalli, si scatenò un bel duello; fu la contrada di Fontebranda con il Gobbo Saragiolo ad avere la meglio e ad aggiudicarsi il cencio con l’effige della Madonna di Provenzano.

Davide Donnini da OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Gian Marco Montesano dipingerà il Drappellone del Palio straordinario

Messaggio  jabru il Mar Set 18, 2018 7:52 pm

L’incarico sarà presto ufficializzato dal Comune
Nella giornata di oggi il Comune renderà noto di aver affidato l’incarico di dipingere il Drappellone del Palio straordinario del 20 ottobre 2018 all’artista Gian Marco Montesano.

Classe 1949, vive e lavora tra Parigi, Trento e Bologna. Pittore dal gusto post-realista formato al Seminario salesiano di Valdocco a Torino, è anche scrittore e regista di teatro. Dagli anni ’70 presente sulla scena artistica, e’ stato invitato alla Biennale di Venezia nel ’93. Ha tenuto mostre in importanti spazi pubblici e privati internazionali. Gli e’ stata dedicata una vasta personale in sede pubblica nel 2003 a Torino, a cura di Luca Beatrice e Guido Curto, promossa dalla Regione Piemonte. Hanno scritto di lui intellettuali e critici, da Jean Baudrillard a Toni Negri a Achille Bonito Oliva.
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il Masgalano di Sara Cafarelli dedicato a più piccoli

Messaggio  jabru il Mar Set 18, 2018 7:56 pm

Sarà Sara Cafarelli a realizzare il Masgalano per il Palio Straordinario
E’ una tradizione di famiglia: il babbo Luciano era un grande economo, la sorella Caterina ha realizzato le opere del 1995 (offerto dalle Donne, poi vinto dalla Tartuca) e del 1999 (offerto dai Carabinieri e poi vinto dall’Istrice). Sarà l’artista senese Sara Cafarelli a realizzare il Masgalano per il Palio Straordinario del prossimo 20 ottobre, che andrà ad abbellire il museo della Contrada più elegante nel corteo storico. Sarà offerto dai gruppi piccoli e giovani delle diciassette consorelle, che lo hanno commissionato all’unanimità. “Forse anche perchè – ha detto Sara Cafarelli – sono stata addetta ai piccoli, sono attualmente addetta ai giovani e mio babbo era economo. Ho già chiesto qualche consiglio anche a mia sorella Caterina, ma chiaramente l’opera avrà il mio stile”. Uno stile ormai affermato nel mondo, visto che Sara Cafarelli ha esposto anche al Mo.Ma di New York e recentemente la sua mostra “Reflection” ha fatto tappa anche a Miami, dopo un tour in Europa. Tanti impegni che non hanno impedito però a Sara di accettare l’incarico. “Non si poteva dire di no – ha detto – nella consapevolezza che i miei impegni sono tanti in questo momento, visto che dovrò tornare presto a Miami. E soprattutto visti i tempi strettissimi di realizzazione”. “L’idea? – ha spiegato ancora – Non posso rivelare niente, posso dire che con il coordinatore dei gruppi piccoli Francesco Flamini ci siamo trovati subito in sintonia. Sarà dedicato ai bambini e al concetto di rinascita, sul materiale stiamo studiando tenendo conto appunto dei tempi di realizzazione”. A presentare il Masgalano nel Cortile del Podestà sarà Margherita Anselmi Zondadari.

Sara Cafarelli, in arte SACAF, è nata a Siena il 5 settembre 1975. Diplomata all’istituto d’Arte Duccio di Boninsegna di Siena. L’arte è parte integrante della sua vita. Ha vinto un concorso all’Istituto d’Arte di Ritrattistica e ha partecipato, negli anni, a diverse mostre collettive. Ha effettuato anche expo private a San Gimignano e a Siena. Nel 2013 una sua opera è stata esposta al MoMA di New York; l’opera è di proprietà del PS1 MoMA di New York dal 2007. Nell’ottobre 2013 l’Enoteca italiana di Siena ha ospitato la mostra “SoulMESC”, raccogliendo in soli 15 giorni oltre 1580 visitatori. Nel dicembre 2014 ha realizzato la performance – istallazione e mostra dal nome “Ultreya y Suseya” all’interno del Palazzo Comunale di Siena. Tre le sue opere scultoree anche il “Pellegrino” in acciaio COR-TEN recentemente donato alla ‘Casa delle Balie – L’Ostello del Santa Maria della Scala’, con dedica speciale ai ‘Cammini del Mondo’. L’opera è frutto dalla raccolta spontanea di fondi che l’artista ha lanciato durante l’esposizione “Ultreya y Suseya”dedicata al Cammino di Santiago, che è stata ospitata a Siena nel 2014. Tra le opere scultoree firmate SACAF anche una testa di cavallo è stata messa a disposizione come supporto per la mostra “Etruschi a confronto” a Vetulonia. Nel 2017 la mostra personale ‘Reflection’ è stata presentata a Siena presso l’Enoteca Italiana per poi fare tappa a Firenze, Torino, Milano, Bologna, Napoli, Roma, Palermo, Aalst in Belgio, Monaco di Baviera, Cracovia e Praga.
Sienanews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Gian Marco Montesano dipingerà il drappellone

Messaggio  jabru il Mer Set 19, 2018 8:12 pm

Il Masgalano sarà offerto dal Coordinamento addetti giovani e piccoli delle 17 Contrade

SIENA. La Giunta comunale, riunitasi questo pomeriggio (19 settembre), ha deliberato che a dipingere il drappellone per il Palio straordinario del 20 ottobre, dedicato alla fine della Prima Guerra Mondiale, sarà il pittore di fama internazionale  Gian Marco Montesano.  Sempre nella stessa seduta è stata accolta la proposta di offerta del Masgalano avanzata dal Coordinamento addetti Gruppo Piccoli e Giovani delle 17 Contrade.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Montesano firmerà il drappellone: "Sto inviando i bozzetti al sindaco"

Messaggio  jabru il Mer Set 19, 2018 8:14 pm

Ora è ufficiale, Gian Marco Montesano sarà l’autore del drappellone del Palio straordinario. Ieri il sindaco De Mossi lo ha chiamato ancora, incaricandogli di fornire un paio di bozzetti di come dovrebbe essere il suo Palio.

«Glieli avrei già mandati - conferma Montesano dal suo studio - solo che ho lo scanner rotto e adesso cerco un’alternativa. Il sindaco mi ha conferito l’incarico con una domanda secca: ‘Lo fa questo Palio o no’?»

Le ha spiegato anche i simboli che dovranno esserci?

«Sì, mi ha detto anche questo. E c’è lo spazio nei bozzetti per i simboli araldici, per le Contrade e per tutto quello che deve esserci in un Palio».

Qual è la sua idea di drappellone?

«Sempre quella di ricalcare la mostra ‘Era una notte che pioveva’. Un misto tra immagini cruente e altre d’amore, di pace. Perché i soldati hanno anche momenti di tregua durante la guerra».

Come ha accolto l’invito?

«Una proposta di lavorare per una comunità fa sempre piacere. E se lavoro per una collettività, desidero non essere contestato e rispettare lo spirito del luogo. Il sindaco sceglierà il bozzetto migliore, quello che ritiene più adatto al popolo di Siena».

Cosa sa di Siena?

«Non so nulla, né aneddoti ne problemi. Conosco questa cosa tremenda che è il Palio. Sono claustrofobico, non potrei mai trovarmi al centro di Piazza del Campo. Spero di avere un posto defilato. So che Siena è una città bellissima, ma questo lo sanno tutti».

Meglio così, l’impatto sarà più sorprendente. Il sindaco le ha fissato delle scadenze?

«Sì, molto pressanti. Vorrebbe tutto attorno al 20 settembre. E mi ha anche detto che a presentare il drappellone potrebbe essere un direttore di museo».

Forse Marco Pierini, della Galleria nazionale dell’Umbria?

«Sì, proprio lui».

Che cos’è per lei la Grande Guerra?

«Uno spartiacque fondamentale nella storia d’Europa. Cadono quattro imperi, il mondo antico va in frantumi, nasce un mondo diverso. Per l’Italia è il compimento del Risorgimento. Gli italiani, estranei tra loro fin lì, combattono insieme, muoiono insieme, soffrono insieme. Ricchi, poveri, analfabeti, meridionali, piemontesi, si ritrovano dalla stessa parte».

di PINO DI BLASIO da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

domenica 30 settembre l'estrazione delle Contrade

Messaggio  jabru il Mer Set 19, 2018 8:23 pm

Si terrà domenica 30 settembre, alle ore 17.30, l’estrazione delle dieci Contrade che prenderanno parte al Palio Straordinario del 20 ottobre 2018 in occasione del Centenario della Prima Guerra Mondiale.

Le bandiere delle Contrade, estratte in una sala del Civico Palazzo con l’intervento dei Capitani delle diciassette Contrade, saranno collocate alle trifore del primo piano di Palazzo Pubblico.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Contrade | Programma | Regolamento

Messaggio  jabru il Mer Set 19, 2018 8:27 pm

Dato il sì delle contrade, la parola- secondo quanto recita l’articolo 2 del Regolamento del Palio – è passata al consiglio comunale.

Il rettore del Magistrato delle Contrade, Pierluigi Millozzi, infatti ha trasmesso l’esito della votazione nelle diciassette Contrade al Sindaco di Siena, Luigi De Mossi, che a sua volta ha contattato il presidente del consiglio comunale, Marco Falorni, per convocare d’urgenza il consiglio comunale.

Palio di Siena Straordinario | Il programma
Previsite: 10 ottobre (qualora servisse anche l’11)

Presentazione drappellone: 14 ottobre ore 17.15

Prove regolamentate: 16 ottobre ore 10.00 e 17.00

Gara: 20 ottobre ore 17.00

SienaNews









T
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

DOMENICA 14 OTTOBRE LA PRESENTAZIONE DEL DRAPPELLONE

Messaggio  jabru il Mer Set 19, 2018 8:29 pm

Ufficializzate le date e gli orari del Palio Straordinario: le previsite dei cavalli si svolgeranno il 10 ottobre; il giorno 14, alle 17:15, la presentazione del Drappellone. Il 16 ottobre le prove regolamentate, che si correranno alle 10 come le prove della mattina. Quelle serali in programma alle 17:15. Il 20, giorno della Carriera, i cavalli usciranno dall’entrone alle 17.
E domenica 30 settembre il primo appuntamento ufficiale dello Straordinario. In quella data infatti si svolgerà l’estrazione delle 10 contrade che parteciperanno alla carriera, l’appuntamento è alle 17:30 in Piazza del Campo.
OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Drago e Torre hanno detto sì

Messaggio  jabru il Mer Set 19, 2018 8:33 pm

Hanno tempo fino al prossimo 24 settembre per confermare o cambiare idea le sette contrade che hanno detto no in prima istanza al palio straordinario. Dopo Chiocciola e Onda, che avevano sostanzialmente già deciso al termine della prima assemblea, ieri sera sono state il Drago e la Torre a riunirsi ed entrambe hanno detto sì a larga maggioranza. Stasera tocca all’Oca pronunciarsi, mentre il Valdimontone e la Lupa si riuniranno in assemblea venerdì prossimo alle 21.30 per decidere
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Il mossiere Fabio Magni: “E’ ‘straordinaria’ anche la mia emozione di tornare. Punterei su un lotto di cavalli esperti”

Messaggio  jabru il Mer Set 19, 2018 8:36 pm

E’ alla sua settima volta sul verrocchio, ma l’emozione è “straordinaria”, come il palio che lo vedrà di nuovo come mossiere, per la terza, inaspettata, occasione di quest’anno. “Per me è un onore essere stato richiamato – ha raccontato ai microfoni di ARE Fabio Magni – sarà bellissimo tornare in autunno a Siena. Ogni volta è un’emozione diversa, come quando facevo le gare, perchè cambia in continuazione, non puoi programmare nulla. Anzi cresce la consapevolezza della responsabilità che comunque hai affinchè tutto vada bene, perchè non accada niente e che tutti possano essere competitivi. Per quanto riguarda i cavalli, a mio avviso, punterei su un lotto di soggetti esperti, perchè con l’incognita del tempo, la possibilità che possano saltare delle prove, credo sarebbe meglio”.
A nttennaRadioEse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Chiocciola e Onda aderiscono al sì

Messaggio  jabru il Mer Set 19, 2018 8:39 pm

Domani Oca in assemblea, venerdì è la volta di Lupa e Valdimontone
Sono 7 le contrade che durante le assemblee di martedì 11 hanno detto no al Palio Straordinario. Il regolamento offriva altri 10 giorni per rifare l’assemblea e dare adesione o definitivo dissenso. Chiocciola e Onda hanno già votato e detto sì mentre questa sera Drago e Torre in assemblea daranno il loro parere definitivo, che sembra orientato verso il sì. Lo riferisce “la Voce del Palio”. Domani toccherà all’Oca, mentre Lupa e Valdimontone voteranno venerdì.
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Giannelli dona il compenso del Drappellone

Messaggio  jabru il Gio Set 20, 2018 7:47 pm

Emilio Giannelli, l’artista che ha realizzato il Drappellone del Palio di Provenzano nel luglio scorso, ha deciso di rinunciare al compenso di mille euro che il comune di Siena gli riconosceva per il lavoro svolto. Il popolare vignettista del Corriere della Sera e contradaiolo del Drago aveva richiesto di devolvere la somma in beneficenza e di aver successivamente indicato quali beneficiari l’Associazione Le Mura “in considerazione dell'impegno profuso dall'associazione per la tutela delle antiche mura e delle valli verdi della città”. Ieri, 19 settembre 2018, l’obolo è stato accreditato.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

iniziate le prove per il tufo

Messaggio  jabru il Gio Set 20, 2018 7:51 pm

Come annunciato dal sindaco di Siena, Luigi De Mossi, sono iniziate oggi, giovedì 20 settembre in piazza del Mercato, le prove del tufo con la nuova mescola più adatta al mese di ottobre in vista del Palio straordinario che si terrà il giorno 20 e con la stesura in Piazza del Campo prevista per venerdì 14 ottobre.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8232
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: PALIO STRAORDINARIO

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum