PALIO STRAORDINARIO

Pagina 4 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Andare in basso

Torre, Chiocciola, Oca e Nicchio: ecco chi vogliono montare

Messaggio  jabru il Lun Ott 01, 2018 6:42 pm

Certamente l’estrazione ha fatto sorridere Giovanni Atzeni, a digiuno dall’agosto 2015 (Selva con Polonski), che avrà almeno quattro contrade che gli faranno la prima telefonata ed un altro paio che potrebbero mettere in testa alle chiamate il suo numero, in caso di incroci particolari dei cavalli. Jonatan Bartoletti ha due contrade con il suo nome in testa all’agenda, se la Lupa chiamerà per primo Gingillo. Buono il quadro anche per Andrea Mari con tre capitani che potrebbero avere al primo posto il suo numero e quello di Simone Manganelli.

Ma andiamo nel dettaglio delle singole contrade. La Torre ha come riferimento Andrea Mari, ma se il vincitore di luglio dovesse prendere altre strade, dopo qualche secondo capitan Capelli farà squillare il telefono di Jonatan Bartoletti, per il quale non ha mai nascosto la stima.

La Chiocciola proverà a consumare il matrimonio con Scompiglio, annunciato per il 2018 soprattutto prima del Palio di luglio, ma mai celebrato. Vedremo se questa volta le nozze si faranno. Il colpo a sorpresa di San Marco potrebbe però essere Andrea Mari, monta niente a fatto chiusa a prescindere. L’Oca proverà a montare ancora una volta Tittia, ma non è escluso neppure il ritorno di Gingillo. Il Palio di Fontebranda dipenderà anche dal cavallo della Torre, così come la scelta di Salicotto sarà legata al cavallo che scenderà per via Santa Caterina.

Il Nicchio punta senza tante mezze misure su Tittia, altrimenti proseguirà il rapporto con Trecciolino.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Estratte le dieci Contrade per il Palio di Siena Straordinario del 20 ottobre 2018

Messaggio  jabru il Lun Ott 01, 2018 6:47 pm

Torre, Lupa, Chiocciola, Oca, Drago, Tartuca, Selva, Civetta, Nicchio e Giraffa sono le dieci Contrade estratte a sorte questa sera, domenica 30 settembre a partire dalle 17.30, all'interno del Palazzo comunale in Piazza del Campo a Siena e che prenderanno parte al Palio di Siena Straordinario del 20 ottobre 2018 che si corre in occasione del Centenario della Prima Guerra Mondiale. Sono quindi due le coppie di rivali in campo Torre e Oca, Chiocciola e Tartuca.

Diverso il metodo di estrazione, trattandosi di una Carriera straordinaria. E’ stato, infatti, il sindaco Luigi De Mossi, a estrarre la prima Contrada: la Torre, il cui capitano ha estratto la Lupa, e così di seguito fino alla decima.

Dalle trifore del primo piano di Palazzo pubblico che si affacciano su una Piazza del Campo mai vista così gremita in occasione di un'estrazione, sono state esposte nell'ordine le bandiere delle Contrade estratte, mentre le altre sette che non disputeranno il Palio sono state esposte al secondo piano nell'ordine di estrazione che sarà quello che le Contrade avranno nel Corteo Storico: Aquila, Bruco, Istrice, Onda, Leocorno, Valdimontone e Pantera.


Le 10 Contrade che correranno il
Palio di Siena Straordinario del 20 ottobre 2018

Torre TORRE - Vittorie ufficiali: per la Contrada 51 - per il Comune 45
Ultima vittoria: 2 Luglio 2015 - Andrea Mari detto Brio su Morosita Prima
Lupa LUPA - Vittorie ufficiali: per la Contrada 37 - per il Comune 37
Ultima vittoria: 16 agosto 2018 - Giuseppe Zedde detto Gingillo su Porto Alabe
Chiocciola CHIOCCIOLA - Vittorie ufficiali: per la Contrada 54 - per il Comune 51
Ultima vittoria: 16 agosto 1999 - Massimo Coghe detto Massimino su Votta Votta
Oca OCA - Vittorie ufficiali: per la Contrada 66 - per il Comune 65
Ultima vittoria: 2 Luglio 2013 - Giovanni Atzeni detto Tittia su Guess
Drago DRAGO - Vittorie ufficiali: per la Contrada 38 - per il Comune 38
Ultima vittoria: 2 luglio 2018 - Andrea Mari detto Brio su Rocco Nice
Tartuca TARTUCA - Vittorie ufficiali: per la Contrada 53 1/2 - per il Comune 47 1/2
Ultima vittoria: 16 agosto 2010 - Luigi Bruschelli detto Trecciolino su Istriceddu
Selva SELVA - Vittorie ufficiali: per la Contrada 38 - per il Comune 38
Ultima vittoria: 17 agosto 2015 - Giovanni Atzeni detto Tittia su Polonski
Civetta CIVETTA - Vittorie ufficiali: per la Contrada 37 - per il Comune 34
Ultima vittoria: 16 agosto 2014 - Andrea Mari detto Brio su Occolè
Nicchio NICCHIO - Vittorie ufficiali: per la Contrada 47 - per il Comune 42
Ultima vittoria: 16 agosto 1998 - Dario Colagè detto Il Bufera su Re Artù
Giraffa GIRAFFA - Vittorie ufficiali: per la Contrada 41 - per il Comune 35
Ultima vittoria: 2 luglio 2017 - Jonatan Bartoletti detto Scompiglio su Sarbana
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

ecco le contrade dello straordinario

Messaggio  jabru il Lun Ott 01, 2018 6:50 pm

Sono Torre, Lupa, Chiocciola, Oca, Drago, Tartuca, Selva, Civetta, Nicchio e Giraffa

Palio di Siena, ecco le contrade dello straordinario
Per il Palio straordinario, dedicato alla fine della Prima Guerra Mondiale, che si terrà il prossimo 20 ottobre, correranno Torre, Lupa, Chiocciola, Oca, Drago, Tartuca, Selva, Civetta, Nicchio e Giraffa.
Diverso il metodo di estrazione, trattandosi di una Carriera straordinaria. E’ stato, infatti, il sindaco Luigi De Mossi, alle ore 17,30 di questo pomeriggio (30 settembre), a estrarre la prima Contrada: la Torre, il cui capitano ha estratto la Lupa, e così di seguito fino alla decima.
Le bandiere delle 10 Contrade sono state esposte alle trifore del primo piano di Palazzo Comunale.
Le restanti sette: Aquila, Bruco, Istrice, Onda, Leocorno, Valdimontone e Pantera, sono state nuovamente estratte dal primo cittadino.
SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

ECCO LE DIECI AL CANAPE PER LO STRAORDINARIO

Messaggio  jabru il Lun Ott 01, 2018 6:53 pm

Torre, Lupa, Chiocciola, Oca, Drago, Tartuca, Selva, Civetta, Nicchio , Giraffa. Così si è pronunciata la sorte, in una Piazza del Campo gremita fino all’inverosimile, per il primo atto del Palio straordinario del 20 ottobre. Si è composto così il lotto delle dieci al canape, con due coppie di rivali sul tufo, Chiocciola – Tartuca ed Oca – Torre. Proprio la contrada di Salicotto, estratta dalle mani del Sindaco, correrà la sua prima carriera del 2018, non essendo uscita né a luglio né ad agosto. Prima apparizione del 2018 anche per la Selva, mentre Aquila ed Onda, rimaste alla finestra anche nei due ordinari, dovranno saltare completamente la stagione paliesca. Passando alle curiosità dell’estrazione, la prima cosa che è balzata agli occhi man mano che il rotellino esponeva le bandiere alle trifore è che le prime cinque estratte sono tutte contrade che, la sera dell’11 settembre avevano espresso parere contrario allo svolgimento della carriera. Venendo poi ad analizzare le singole contrade e prendendo in esame gli straordinari dal 1902 al 2000, possiamo notare il ritorno in Piazza della Chiocciola che aveva saltato gli ultimi due straordinari corsi, ed il prosieguo del periodo fortunato della Lupa in tema di estrazioni straordinarie: quella di stasera è stato infatti l’undicesimo sorteggio consecutivo per Vallerozzi dal 1950. La stessa Lupa, assieme alla Torre, mantiene il simbolico comando della classifica delle contrade più sorteggiate dal 1900 ad oggi negli straordinari, toccando quota 16 estrazioni su 21 Palii disputati; le due contrade sono seguite da Drago, Giraffa ed Oca che hanno raggiunto l’Aquila a 14; tra quelle meno fortunate, la Chiocciola raggiunge quota 10 estrazioni, il Nicchio, unica contrada rimasta sotto la doppia cifra, arriva a 7. Per ciò che riguarda l’ordine, la Torre è stata estratta prima per la quarta volta (precedenti 1907, 1913, 1919), per l’Oca è addirittura la sesta volta al quarto posto (1909, 1919, entrambi con vittoria, 1950, 1954, 1972). Terza volta al secondo posto per la Lupa (1980, 1986) e seconda per la Selva al sesto (1980 con vittoria). Passando a dare un’occhiata alle “mani fortunate”, vediamo come la Chiocciola aveva già estratto l’Oca nello straordinario del 1980, la Tartuca ha estratto la Selva nel 2000, e fu un sorteggio fortunato per Vallepiatta che trionfò nell’occasione con Urban ed il Pesse; stessa cosa per la Giraffa, estratta dal Nicchio nello straordinario del 1913, vinto dalla contrada di Provenzano. La solita sequenza di estrazione Oca - Drago - Tartuca, questa sera estratte per quarta, quinta e sesta, si verificò nel 1947, anche se in quell’occasione le rispettive bandiere uscirono per settima, ottava e nona. Per la cronaca, quel Palio fu vinto dalla Civetta. Da notare infine come la combinazione delle “quattro verdi”, presente negli straordinari dal 2000 ad oggi solo una volta, nel 1980, resti tabù, stavolta a causa dell’assenza del Bruco.

Davide Donnini da OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

ECCO LE DIECI AL CANAPE PER LO STRAORDINARIO

Messaggio  jabru il Lun Ott 01, 2018 6:55 pm

Torre, Lupa, Chiocciola, Oca, Drago, Tartuca, Selva, Civetta, Nicchio , Giraffa. Così si è pronunciata la sorte, in una Piazza del Campo gremita fino all’inverosimile, per il primo atto del Palio straordinario del 20 ottobre. Si è composto così il lotto delle dieci al canape, con due coppie di rivali sul tufo, Chiocciola – Tartuca ed Oca – Torre. Proprio la contrada di Salicotto, estratta dalle mani del Sindaco, correrà la sua prima carriera del 2018, non essendo uscita né a luglio né ad agosto. Prima apparizione del 2018 anche per la Selva, mentre Aquila ed Onda, rimaste alla finestra anche nei due ordinari, dovranno saltare completamente la stagione paliesca. Passando alle curiosità dell’estrazione, la prima cosa che è balzata agli occhi man mano che il rotellino esponeva le bandiere alle trifore è che le prime cinque estratte sono tutte contrade che, la sera dell’11 settembre avevano espresso parere contrario allo svolgimento della carriera. Venendo poi ad analizzare le singole contrade e prendendo in esame gli straordinari dal 1902 al 2000, possiamo notare il ritorno in Piazza della Chiocciola che aveva saltato gli ultimi due straordinari corsi, ed il prosieguo del periodo fortunato della Lupa in tema di estrazioni straordinarie: quella di stasera è stato infatti l’undicesimo sorteggio consecutivo per Vallerozzi dal 1950. La stessa Lupa, assieme alla Torre, mantiene il simbolico comando della classifica delle contrade più sorteggiate dal 1900 ad oggi negli straordinari, toccando quota 16 estrazioni su 21 Palii disputati; le due contrade sono seguite da Drago, Giraffa ed Oca che hanno raggiunto l’Aquila a 14; tra quelle meno fortunate, la Chiocciola raggiunge quota 10 estrazioni, il Nicchio, unica contrada rimasta sotto la doppia cifra, arriva a 7. Per ciò che riguarda l’ordine, la Torre è stata estratta prima per la quarta volta (precedenti 1907, 1913, 1919), per l’Oca è addirittura la sesta volta al quarto posto (1909, 1919, entrambi con vittoria, 1950, 1954, 1972). Terza volta al secondo posto per la Lupa (1980, 1986) e seconda per la Selva al sesto (1980 con vittoria). Passando a dare un’occhiata alle “mani fortunate”, vediamo come la Chiocciola aveva già estratto l’Oca nello straordinario del 1980, la Tartuca ha estratto la Selva nel 2000, e fu un sorteggio fortunato per Vallepiatta che trionfò nell’occasione con Urban ed il Pesse; stessa cosa per la Giraffa, estratta dal Nicchio nello straordinario del 1913, vinto dalla contrada di Provenzano. La solita sequenza di estrazione Oca - Drago - Tartuca, questa sera estratte per quarta, quinta e sesta, si verificò nel 1947, anche se in quell’occasione le rispettive bandiere uscirono per settima, ottava e nona. Per la cronaca, quel Palio fu vinto dalla Civetta. Da notare infine come la combinazione delle “quattro verdi”, presente negli straordinari dal 2000 ad oggi solo una volta, nel 1980, resti tabù, stavolta a causa dell’assenza del Bruco.

Davide Donnini da OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

le ipotesi di monta per lo Straordinario

Messaggio  jabru il Mer Ott 03, 2018 6:58 pm

Al via le strategie delle dieci al canape per lo Straordinario
Definite con l’emozionante estrazione di domenica le dieci Contrade che saranno al canape il prossimo 20 ottobre, sono iniziati i lavori (in realtà mai terminati) delle dirigenze: contatti, incontri e telefonate per allacciare o, meglio, riallacciare i rapporti con i fantini, in vista dell’assegnazione dei dieci barberi che saranno scelti il 17 ottobre. Voci e indiscrezioni, promesse e aspirazioni, progetti e piani, anche se poi, come sempre, sarà la sorte a essere decisiva.

La Torre vorrebbe ricomporre il sodalizio con Andrea Mari detto Brio, il quale deciderà anche in base al Bruco, che non sarà in Piazza, ma è sempre la sua Contrada di riferimento. Salicotto ha strada apertissima anche con Jonatan Bartoletti detto Scompiglio in caso di cavallo ritenuto competitivo. Senza scordarsi Luigi Bruschelli detto Trecciolino, mentre la seconda fascia potrebbe essere occupata da Antonio Siri detto Amsicora.

La Lupa ripartirebbe volentieri da Giuseppe Zedde detto Gingillo o da Scompiglio, fantini con cui ha trionfato nel 2016 e ad agosto scorso. Senza l’avversaria in Campo capitan Gragnoli potrebbe dare in alternativa fiducia a Federico Guglielmi, che ha esordito nella prima prova il 13 agosto.

Jonatan Bartoletti è la prima opzione anche della Chiocciola, altrimenti pronta a ricomporre l’accoppiata con Elias Mannucci detto Turbine, che ha già vestito il giubbetto di San Marco. Chiaramente la strategia della Chiocciola sarà per forza di cose legata a quella della Tartuca.

Oca su Giovanni Atzeni detto Titta come prima scelta, ma attenzione anche a Carlo Sanna detto Brigante, che orbiterebbe in Fontebranda. Valter Pusceddu detto Bighino, che rientra dopo la squalifica, opzione in caso di Palio “in difesa”.

Andrea Mari e il Drago hanno costituito la coppia vincente a luglio e capitan Miraldi non disdegnerebbe tornare a montare Brio, anche perchè significherebbe avere chances importanti. Altrimenti è pronto Alberto Ricceri detto Salasso, vincente nel Drago nel 2014.

La Tartuca riparte da Giovanni Atzeni in prima battuta o Carlo Sanna subito dopo. Rapporto consolidato anche con Luigi Bruschelli e Valter Pusceddu, a seconda della valutazione sul cavallo.

Giovanni Atzeni sarebbe la prima scelta anche della Selva, dopo la vittoria nell’agosto 2015, che è anche l’ultimo successo di Tittia. Vallepiatta ha strade aperte anche con Gingillo e Brio, Andrea Coghe detto Tempesta è l’alternativa.

Brio e la Civetta hanno un legame storico, la Contrada del Castellare potrebbe rispolverarne un altro: quello con Luigi Bruschelli, fantino cresciuto proprio con il giubbetto della civetta, Giosuè Carboni detto Carburo alternativa valida.

Il Nicchio punta molto su Giovanni Atzeni per ottenere la vittoria che manca da vent’anni, oltretutto senza la presenza dell’avversaria. Luigi Bruschelli è comunque pronto, Andrea Coghe potrebbe essere l’alternativa.

Giraffa pronta a tornare su Scompiglio, ma attenzione forte anche su Giuseppe Zedde. Dopo la buona prestazione di agosto, rapporti anche con Francesco Caria detto Tremendo.
SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

•LE ULTIME VITTORIE STRAORDINARIE DELLE DIECI AL CANAPE

Messaggio  jabru il Mer Ott 03, 2018 7:04 pm

Ripercorriamo gli ultimi successi delle protagoniste del prossimo 20 ottobre.





Con l’estrazione di domenica scorsa si è delineato il quadro delle dieci protagoniste del prossimo Palio di ottobre. Vediamo allora, grazie ai dati tratti dal sito www.ilpalio.org, quante volte queste contrade hanno vinto carriere straordinarie ufficiali e quando è stato il loro ultimo successo.

Torre: la contrada di Salicotto ha corso in totale 32 straordinari, vincendone 4. I primi due risalgono al ‘700 (1717 e 1767), il terzo è del 14 maggio 1809, corso in onore di Elisa Baciocchi, sorella di Napoleone, l’ultimo fu il 13 settembre 1910 con Gobba e Moro, Palio corso in onore dei giornalisti francesi presenti a Siena. La carriera fu rinviata a causa del maltempo e fu disputata, appunto, il giorno 13, all’ora di pranzo, quando però gli ospiti transalpini avevano già lasciato Siena.

Lupa: 34 straordinari corsi dalla contrada di Vallerozzi con 2 successi, entrambi veramente fuori dall’ordinario: il primo è quello del Palio alla romana corso in Piazza nel 1876, e riconosciuto dal Comune nel 1907, l’altro è datato 18 agosto 1907, nell’ultima carriera con i cavalli scossi a “perette” effettuata sul Campo, riconosciuta dal Comune solo nel 1931. Autrice di quel successo al termine di una corsa assai convulsa, come risultarono peraltro tutte le corse di questo tipo fu, anche in questo caso, la forte Gobba.

Chiocciola: la contrada di San Marco è quella che da più tempo non si impone in uno straordinario. La sua unica vittoria, nelle 31 carriere non ordinarie disputate, risale al 3 giugno 1712, Palio corso per l’elezione a cardinale di Giovan Battista Tolomei. Protagonisti di quel successo furono il mitico Strega sul baio di Siena.

Oca: per ben 5 volte, su 30 tentativi, Fontebranda ha conquistato Palii straordinari: le due carriere alla romana del 1890 e del 1891, i due Palii a sorpresa del 1909 e del 1919 ed infine, la carriera 21 settembre 1969, da tutti conosciuto come Palio della Luna, vinto grazie al grande spunto dalla rincorsa di Topolone, allora chiamato Dragone, montato da Aceto, che già prima di San Martino prese la testa, mantenendola per tutti e tre i giri e resistendo agli attacchi di Ercole e Capretto nella Civetta.

Drago: due vittorie su 28 straordinari corsi; questo è il ruolino per la contrada di Camporegio, il cui ultimo successo è quello del Palio della Pace del 20 agosto 1945 con Folco e l’indimenticabile Rubacuori, un Palio entrato nella leggenda per tutto ciò che accadde prima, durante e soprattutto dopo la carriera. L’altro successo straordinario è del 1889, nel Palio corso con i cavalli scossi.

Tartuca: la contrada di Castelvecchio ha vinto 2 dei 28 straordinari corsi. L’ultimo successo risale al lontano 20 agosto 1804, carriera corsa per volere della regina Maria Luisa, rimasta così affascinata dallo spettacolo del Palio ordinario del 16 che desiderò rivederlo un altro prima della sua partenza. La vittoria della Tartuca fu assai rocambolesca: il cavallo toccatole in sorte, il sauro del Ricci, aveva il vizio di non girare a San Martino, ed anche la sera del Palio andò a dritto, ma il fantino Giuseppetto rimise il barbero in pista e con una rimonta incredibile superò tutte le altre tagliando il bandierino per primo. La precedente vittoria non ordinaria, disputata per omaggiare la venuta dei principi di Baviera, è datata 1 maggio 1722.

Selva: la contrada di Vallepiatta ha corso 23 straordinari, vincendone 2, e cioè gli ultimi corsi in ordine di tempo: il 7 settembre 1980, nel VI centenario della morte di Santa Caterina (ed anche in quell’occasione, la Selva uscì per settima ed il drappellone fu portato in San Domenico) con Panezio e Bastiano (nella foto, la mossa di quella carriera), ed il 9 settembre 2000, Palio corso per celebrare l’avvento del nuovo millennio, grazie alla cavalcata di testa di Giuseppe Pes, al suo ultimo successo sul tufo, sul potente Urban II.

Civetta: la contrada del Castellare ha all’attivo 3 vittorie su 24 straordinari corsi. La prima risale al 30 maggio 1819, disputata in onore di Francesco I d’Austria, gli altri due sono nel XX secolo, rispettivamente il 18 maggio 1947, nella ricorrenza dei 600 anni dalla nascita di Santa Caterina, ed il 4 settembre 1960 con Ciancone su nella carriera corsa per celebrare il 700° anniversario della battaglia di Montaperti ma anche le Olimpiadi di Roma.

Nicchio: la contrada dei Pispini ha riportato 3 successi nei 25 straordinari corsi, l’ultimo dei quali fu il 5 giugno 1961 con Uberta e Vittorino. Nell’occasione si celebrava il centenario dell’Unità d’Italia ed il Palio fu rinviato di un giorno a causa del maltempo e fu corso sottola pioggia. Da notare come la cena della vittoria del Nicchio si tenne il 15 agosto di quell’anno, senza la presenza di Uberta che era sata assegnata per il Palio del 16 agosto alla Tartuca, e con Vittorino “prestato” dopo aver corso la prova generale nella Torre, contrada per la quale vinse poi il giorno successivo. Gli altri due successi straordinari risalgono al 1841, carriera corsa da tutte e 17 le contrade e nel 1875 (Palio alla romana)

Giraffa: due successi su 28 carriere non ordinarie disputate per la contrada di Provenzano, ed entrambi risalenti al XX secolo: il 25 settembre 1913 ed il 24 settembre 1967, quando la Giraffa si impose con Ettore e Tristezza, in un Palio in cui successe un po’ di tutto, dal furto del drappellone nella Chiesa di San Vigilio ad opera di alcuni goliardi bolognesi, alla caduta di Topolone (ribattezzato per l’occasione Ettore) a San Martino durante una mossa falsa, e terminato con l’arrivo a braccia alzate, o senza mani, come scrissero i giraffini nel numero unico, di Tristezza. Da notare come entrambi i Palii furono corsi in onore del congresso della Società per il progresso delle Scienze.

Davide Donnini da OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

l’Associazione Paracadutisti Siena dona 500 euro al Comune

Messaggio  jabru il Gio Ott 04, 2018 6:50 pm

Una donazione dedicata alla memoria del Tenente Alessandro Tandura

SIENA.   “In occasione del centenario della Vittoria della Prima Guerra Mondiale – inizia la nota del direttivo dell’Associazione Paracadutisti di Siena – e quale principio ispiratore del recupero della memoria storica, intesa a valorizzare la cultura nazionale ed il doveroso ricordo di chi ha sacrificato il bene più prezioso della vita alla nostra amata Patria, l’Associazione Paracadutisti di Siena offre al Comune di Siena il contributo di euro 500,00 per la realizzazione della Festa.

L’Associazione Paracadutisti di Siena  – prosegue la nota del direttivo dell’Associazione Paracadutisti di Siena – inoltre vuole dedicare questa offerta al ricordo del tenente Alessandro Tandura, classe 1893 che, esattamente 100 anni fa, è stato in assoluto il primo militare al mondo paracadutato dietro le linee nemiche per raccogliere informazioni e sabotare le linee di rifornimento austriache. Un’impresa che oggi verrebbe compiuta a truppe speciali, super addestrate e super equipaggiate, ma che nell’estate del 1918 fu affidata ad un tenente degli Arditi di 25 anni che non aveva mai visto un paracadute utilizzato, fino a quel momento, esclusivamente come mezzo di salvataggio dei piloti abbattuti.

“Alessandro Tandura, classe 1893, va ricordato per essere stato, esattamente 100 anni fa, in assoluto il primo militare al mondo paracadutato dietro le linee nemiche per raccogliere informazioni e sabotare le linee di rifornimento austriache. Un’impresa che oggi verrebbe compiuta a truppe speciali, super addestrate e super equipaggiate, ma che nell’estate del 1918 fu affidata ad un tenente degli Arditi di 25 anni privo di qualsiasi esperienza che non aveva mai visto un paracadute utilizzato, fino a quel momento, esclusivamente come mezzo di salvataggio dei piloti abbattuti.

Già decorato varie volte per le sue azioni durante la Grande Guerra, nelle le quali è stato anche gravemente ferito, il piccolo fante volontario Alessandro Tandura, alto nemmeno 160 cm, verso fine del 1917 chiede ed ottiene di essere assegnato al neonato corpo speciale degli Arditi.

Dopo la vittoriosa Battaglia del Solstizio, nel luglio del 1918 il Tandura viene promosso Tenente e spostato all’Ufficio Informazioni dove, ai primi di agosto, il Tenente Colonnello Dupont, lo contatta proponendogli una missione da spia nel Veneto occupato.

Nella notte tra il 9 ed il 10 di agosto, durante un violento temporale, un aereo guidato dall’asso canadese William George Barker, ideatore della missione, e dal Capitano inglese William Wedgwood Benn, porta il Tandura oltre le linee austroungariche.

“Quando meno me l’aspetto la botola, su cui ero seduto, si apre e mi sento precipitare nel vuoto […] Ma subito ho l’impressione di essere sollevato, di tornare in su. Alzo gli occhi e vedo il paracadute aperto.”

È il primo lancio al mondo con un paracadute in un’azione di guerra. Tandura è il primo paracadutista incursore della storia!

A causa delle pessime condizioni del tempo, invece di atterrare a Sarmede, il Tandura atterra nel vigneto del parroco di San Martino di Colle Umberto da dove poi raggiunge Vittorio Veneto.

Qui, dopo avere vissuto qualche giorno in una grotta, si ricongiunge con i familiari ed alcuni militari italiani sbandati dopo Caporetto con i quali organizza azioni di sabotaggio ed invia messaggi cifrati utilizzando i piccioni viaggiatori.

Già catturato una prima volta alla fine di agosto, e riuscito a fuggire, viene catturato una seconda volta a settembre, caricato su un treno e destinato ai lavori forzati in Serbia. Ma durante un rallentamento del treno nei pressi di Pordenone, Tandura si lancia da un finestrino mentre gli austroungarici gli sparano addosso.

Miracolosamente salvo, Tandura riesce a tornare dai familiari. Stremato, non mangia né beve per due giorni ma nel giro di un mese si riprende e riesce a partecipare alla vittoriosa Battaglia di Vittorio Veneto.
“Non ho mai visto un uomo più coraggioso di questo piccolo soldato italiano, il più valoroso soldato del mondo.” dirà di lui il Capitano William Wedgwood Benn nella sua biografia.

Onoreficenze ;

Medaglia d’oro al valor militare
«Animato dal più ardente amor di Patria, si offriva per compiere una missione estremamente rischiosa: da un aeroplano in volo si faceva lanciare con un paracadute al di là delle linee nemiche nel Veneto invaso, dove, con alacre intelligenza ed indomito sprezzo di ogni pericolo, raccoglieva nuclei di ufficiali e soldati nostri dispersi, e, animandoli col proprio coraggio e con la propria fede, costituiva con essi un servizio di informazioni che riuscì di preziosissimo ausilio alle operazioni. Due volte arrestato e due volte sfuggito, dopo tre mesi di audacie leggendarie, integrava l’avveduta e feconda opera sua, ponendosi arditamente alla testa delle sue schiere di ribelli e con esse insorgendo nel momento in cui si delineava la ritirata nemica, ed agevolando così l’avanzata vittoriosa delle nostre truppe. Fulgido esempio di abnegazione, di cosciente coraggio e di generosa, intera dedizione di tutto se stesso alla Patria.»

— Piave – Vittorio Veneto, agosto – ottobre 1918

4 Medaglie d’argento al valor militare – nastrino per uniforme ordinaria 4 Medaglie d’argento al valor militare
3 Medaglie di bronzo al valor militare – nastrino per uniforme ordinaria 3 Medaglie di bronzo al valor militare
5 Croci al merito di guerra – nastrino per uniforme ordinaria 5 Croci al merito di guerra
Medaglia d’oro al valor civico – nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d’oro al valor civico
Croix de Guerre belga del 1914-1918 – nastrino per uniforme ordinaria Croix de Guerre belga del 1914-1918″
ilcottadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Palio straordinario: le mosse del Comune per il percolo pioggia

Messaggio  jabru il Gio Ott 04, 2018 6:57 pm


E' stata installata giovedì 4 ottobre la centralina meteo installata a Palazzo Berlinghieri per le previsioni dei giorni di Palio straordinario. Due i contratti gratuiti che il Comune ha fatto con altrettante stazioni: Lamma e Meteo Siena 24. Gli aggiornamenti dovrebbero arrivare ogni tre ore per permettere al Comune di decidere le contromosse in caso di maltempo.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Questa sera alle 21:00 “Aspettando lo Straordinario”

Messaggio  jabru il Gio Ott 04, 2018 7:05 pm

Ospiti in studio Massimiliano Ermini e Sergio Mattichi
Torna questa sera alle 21.00 l’appuntamento settimanale con “Aspettando lo Straordinario”, lo speciale dedicato al Palio del 20 ottobre condotto da Veronica Costa. Questa sera ospiti in studio Massimiliano Ermini, presidente dell’Associazione proprietari, allenatori e allevatori cavalli da Palio e Sergio Mattichi, contradaiolo, ex barbaresco e proprietario di cavalli. Si parlerà dell’estrazione delle contrade con un’analisi sulle 10 contrade che correranno il Palio, di tutti i dettagli sul tufo e del problema scuole dopo la notizia che resteranno chiuse anche nei giorni del Palio. Infine uno speciale sulla Festa della vittoria della Lupa e sul numero unico con un’intervista al fantino Giuseppe Zedde.
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Contributo associazione paracadutisti d’Italia allo Straordinario, De Mossi ringrazia

Messaggio  jabru il Gio Ott 04, 2018 7:07 pm

I ringraziamenti del primo cittadino attraverso il suo profilo Facebook
L’associazione paracadutisti d’Italia ha donato 500 euro al Comune di Siena per l’organizzazione del Palio Straordinario dedicato al centenario della vittoria della Prima Guerra Mondiale.
“Un ringraziamento speciale – ha scritto il sindaco Luigi De Mossi sul suo profilo Facebook – è un contributo, quello dei paracadutisti senesi, offerto alla memoria di chi in quegli anni ha difeso i confini nazionali nelle trincee del nord-est italiano”.
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

niente carica dei Carabinieri

Messaggio  jabru il Ven Ott 05, 2018 6:55 pm

Installata la centralina meteo che sarà curata da Siena Meteo 24 e Lamma


Secondo una fonte molto affidabile, la tradizionale carica dei Carabinieri che precede il corteo storico non sarà effettuata. Per preservare la pista il drappello percorrerà un solo giro al trotto.

Intanto, in piazza è stata installata la centralina meteo su palazzo Berlinghieri. Il Comune ha affidato ai centri meteo MeteoSiena24 e LaMMA il monitoraggio per i giorni della festa, con bollettini che verranno diffusi ogni 3 ore.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

48 cavalli iscritti alle previsite

Messaggio  jabru il Ven Ott 05, 2018 6:58 pm

Di seguito l’elenco dei cavalli iscritti alle previsite che si terranno il prossimo 10 ottobre alla clinica veterinaria “Il Ceppo” – Loc. Monteresi – Monteriggioni .

           CAVALLO – PROPRIETARIO

BOMBARDINO – Mark Harris Getty
LADY SPINA – Stefano Trochei
LAURETTA MIA – Camilla Marzi
OSAMA BIN – Mark Harris Getty
PARLEDI – Giuliano Sampieri
PHATOS DE OZIERI – Giorgio Campanini
PORTO ALABE – Fabrizio Brogi
QUANTOVALI – Alessandro Chiti
QUARSUZ – Maurizio Pacchi
QUEBECK SAURO – Nicola Sandroni
QUERIDA DE MARCHESANA – Luca D’Ambrosio
QUESTURINO – Alessandro Congiu
RADESKI – Filippo Belluco
RAKTOU – Maurizio Farnetani
RAOL – Antonio Francesco Mula
REMOREX – Massimo Columbu
RESOLZA – Leonello Casucci
RESTA – Giuseppe Zedde
RIO MANIGOS – Maurizio Carboni
ROMBO DE SEDINI – Augusto Posta
S’OTHIERESU – Mark Harris Getty
SARULESU ISTEDDAU – Francesco Vilia
SCHIETTA – Anna Maoddi
SENNORESA – Alessio Giannetti
SMERALDO NULESE – Mark Harris Getty
SOLEANDROS – Fabio Fioravanti
SOLERO – Mario Savelli
SOLU TUE DUE – Chiara Falciani
SORIGHITTU – Simone Pistolesi
STALLINEK – Nicola Tondi
SUNTO – Mario Fracassi
TAKATURSA – Luca Paddeu
TECHERO – Massimiliano Montomoli
TERRIBILE DA CLODIA – Mark Harris Getty
TONINA – Elisabetta Ferrini
TORNADA – Bachisio Carta
TORNASOL – Mark Harris Getty
TOTTUGODDU – Camilla Marzi
TOUT BEAU – Tommaso Furielli
TRATTU DE ZAMAGLIA – Fabio Romanelli
TURBILLON – Eugenio Catastini
UGO RICOTTA – Paolo Boschi
UNA PER TUTTI – Massimo Milani
UNAMORE – Stefano Vanni
UNGARO DE BONORVA – Harry Arthur Louis Westerman
UNIDOS – Carmen Tiezzi Magi
URSELLA – Giuseppe Corrias
VIOLENTA DA CLODIA –             Theodore William Thomas Westerman
Le previsite si svolgeranno nei seguenti orari:

Ore 7,30

PORTO ALABE

SENNORESA

SUNTO

TORNADA

UNA PER TUTTI

Ore 8,30

UNGARO DE BONORVA

VIOLENTA DA CLODIA

ROMBO DE SEDINI

LAURETTA MIA

QUERIDA DE MARCHESANA                

Ore 9,30  

RIO MANIGOS

SCHIETTA

PATHOS DE OZIERI

SARULESU ISTEDDAU

QUEBECK SAURO

Ore 10,30

QUESTURINO

RAKTOU      

SOLERO

TAKATURSA

TECHERO

Ore 11,30

LADY SPINA

TOTTUGODDU

RESOLZA

UNAMORE

QUANTOVALI

Ore 12,30

REMOREX

UGO RICOTTA

PARLEDI

TRATTU DE ZAMAGLIA                        

Ore 14,30

TERRIBILE DA CLODIA

SMERALDO NULESE

OSAMA BIN

TORNASOL

S’OTHIERESU

Ore 15,30

BOMBARDINO

UNIDOS

RAOL

RADESKI

RESTA

Ore 16,30

URSELLA

SOLEANDROS

TONINA

TOUT BEAU

TURBILLON

Ore 17,30

SOLU TUE DUE

SORIGHITTU

STALLINEK

QUARZUS

ilcittadinoon line
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Le nomine

Messaggio  jabru il Ven Ott 05, 2018 7:02 pm

Riconfermato Fabio Magni nel ruolo di Mossiere

SIENA. La Giunta comunale ha deliberato, per il prossimo Palio straordinario del 20 ottobre, la nomina del Mossiere, dei Deputati della Festa, Ispettori della pista, Giudici della vincita e del Maestro di Campo.

Nel ruolo di mossiere è stato riconfermato Fabio Magni.

I Deputati della Festa sono: Fulvio Bruni (Oca), Vinicio Capitani (Tartuca), Roberto Zalaffi (Chiocciola). Ispettori della pista Sergio Galgani (Torre), Gian Piero Nerli (Aquila) e Andrea Papi (Pantera). Nel ruolo di Giudice della vincita Stefano Berrettini (Istrice), Marco Betti (Bruco) e Stefano Carignani (Valdimontone).

Maestro di Campo Riccardo Frosini.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Handicap e Palio: il Comune precisa…

Messaggio  jabru il Sab Ott 06, 2018 6:43 pm

Gli unici posti accessibili a chi è costretto ad usare una sedia a rotelle sono due finestre di Palazzo Berlinghieri

SIENA. In merito al post su Facebook che è stato postato ieri, giovedì 4 ottobre, diventato immediatamente virale con tanto di strumentalizzazioni politiche su un tema delicato come il mondo della disabilità, tema caro a questa Amministrazione comunale e per il quale si batte quotidianamente, il Comune ci tiene a precisare che la risposta inviata via mail alla persona con disabilità motoria che ha richiesto la possibilità di assistere al Palio da una delle finestre di Palazzo Berlinghieri contiene un refuso che può essere effettivamente erroneamente interpretato. L’Amministrazione mette a disposizione la possibilità di assistere alle prove ed alla Carriera a numerosi senesi portatori di disabilità.

Gli unici posti accessibili a chi ha invalidità motorie ed è costretto ad usare una sedia a rotelle sono due finestre di Palazzo Berlinghieri che hanno un davanzale meno alto rispetto alle altre finestre e quindi la persona seduta può vedere la Piazza, cosa che non sarebbe possibile da altri affacci.

Questi due posti sono stati già assegnati e dunque purtroppo non è stato possibile accontentare la richiesta del richiedente che da Roma aveva chiesto tre posti a Palazzo Berlinghieri. L’Amministrazione sta studiando altre soluzioni per il futuro anche se non è di semplice risoluzione proprio per la conformazione degli edifici comunali che si affacciano sulla Piazza.

Al momento per le prove dei Palii l’Amministrazione rilascia oltre cento accessi a persone disabilità, fra il palco del Casato di proprietà del Comune e le finestre di Palazzo Pubblico e Palazzo Berlinghieri. Il giorno della Carriera vengono riservati circa 30 posti in quanto per il Palio il palco del Casato viene occupato in gran parte da rappresentanti della Siae, da rappresentati del Comitato Amici del Palio, dalla commissione Masgalano, dagli insellatori di tutti i cavalli da parata e dal servizio Economale che sovraintende al Corteo Storico, dal veterinario del Magistrato delle Contrade, da referenti della Usl veterinaria e da i proprietari dei dieci cavalli che partecipano alla Carriera.

Come detto, questa Amministrazione è molto vicina alle tematiche della disabilità e in questi anni cercherà sempre soluzioni migliori e non solo per i giorni del Palio.

A partire da questa Carriera straordinaria, il Comune mette a disposizione circa 6 posti destinati a persone con disabilità motoria, per assistere alla presentazione del Drappellone. Questi vanno prenotati inviando una mail apalio@comune.siena.it e verranno assegnati fino ad esaurimento.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

lotto di cavalli esperti per evitare sorprese

Messaggio  jabru il Dom Ott 07, 2018 8:00 pm

Passeranno alla storia come i dieci barberi straordinari, i dieci cavalli che correranno la carriera del 20 di ottobre. All’appello di questo Palio inaspettato e per questo più bello degli altri, hanno risposto in tanti: 48 i cavalli iscritti alla previsita. Alla faccia di chi pensava che cavalli non ci sarebbero stati, nella lista troviamo subito il plurivincitore Porto Alabe e poi Phatos de Ozieri il preferito di Scompiglio. Se sindaco e commissione veterinaria cercheranno di spingere per l’esperienza, abbiamo a disposizione ben tredici cavalli che hanno già corso in Piazza.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La Fanfara dei Bersaglieri parteciperà al Palio Straordinario

Messaggio  jabru il Lun Ott 08, 2018 8:36 pm

Il primo appuntamento con la Fanfara è per domenica 14 ottobre in occasione della presentazione del Drappellone

SIENA. L’Associazione Nazionale Bersaglieri parteciperà con la propria Fanfara della città di Siena al Palio Straordinario dedicato al Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale che si terrà il 20 ottobre 2018.

Il primo appuntamento con la Fanfara è per domenica 14 ottobre in occasione della presentazione del Drappellone. Il gruppo, di circa 28-30 elementi, farà il suo ingresso in Piazza del Campo dal Chiasso Largo e si radunerà alle 16 davanti a Palazzo per un concerto che terminerà alle 16.45 circa. Alle 17.15 si terrà nel Cortile del Podestà di Palazzo Pubblico la presentazione del Drappellone del Maestro Gian Marco Montesano che verrà illustrato da Beatrice Buscaroli, docente di arte contemporanea all’Università di Bologna, sede di Ravenna e del Masgalano offerto dai gruppi piccoli e giovani delle Contrade, realizzato da Sara Cafarelli.

Il giorno del Palio alle 14.45, subito dopo il Drappello dei Carabinieri a cavallo – che per questa occasione effettuerà il giro di Piazza al passo per tutelare la tenuta del tufo – la Fanfara, composta da circa 30 elementi, farà il suo ingresso in Piazza Del Campo dalla bocca del Casato e si porterà verso la Mossa al passo da dove, in omaggio alle Autorità ed a tutti i presenti, partirà con il tradizionale “passo di corsa” per poi lasciare la Piazza.

Alle 14.50 farà il suo ingresso nel Campo il Corteo Storico.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La fanfara dei bersaglieri omaggia Siena suonando sul tufo

Messaggio  jabru il Lun Ott 08, 2018 8:43 pm


La fanfara dei bersaglieri omaggia Siena suonando sul tufo
08.10.2018 - 18:44


L'Associazione Nazionale Bersaglieri parteciperà con la propria Fanfara della città di Siena al Palio Straordinario dedicato al Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale che si terrà il 20 ottobre 2018.

Il primo appuntamento con la Fanfara è per domenica 14 ottobre in occasione della presentazione del Drappellone. Il gruppo, di circa 28-30 elementi, farà il suo ingresso in Piazza del Campo dal Chiasso Largo e si radunerà alle 16 davanti a Palazzo per un concerto che terminerà alle 16.45 circa.

Il giorno del Palio alle 14.45, subito dopo il Drappello dei Carabinieri a cavallo - che per questa occasione effettuerà il giro di Piazza al passo per tutelare la tenuta del tufo - la Fanfara, composta da circa 30 elementi, farà il suo ingresso in Piazza Del Campo dalla bocca del Casato e si porterà verso la Mossa al passo da dove, in omaggio alle Autorità ed a tutti i presenti, partirà con il tradizionale “passo di corsa” per poi lasciare la Piazza.

Alle 14.50 farà il suo ingresso nel Campo il Corteo Storico.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il 14 si svelano drappellone e masgalano

Messaggio  jabru il Mar Ott 09, 2018 7:08 pm

Domenica prossima, 14 ottobre, alle ore 17,15 nel Cortile del Podestà di Palazzo Pubblico sarà svelato il drappellone realizzato da Gian Marco Montesano per il prossimo Palio straordinario del 20 ottobre.

Dopo l’intervento del sindaco, a illustrare l’opera sarà la docente di Storia dell’arte moderna e contemporanea Beatrice Buscaroli e, a seguire, Margherita Anselmi Zondadari, storica dell’arte, presenterà il Masgalano realizzato da Sara Cafarelli e offerto dal Coordinamento addetti gruppi piccoli e giovani delle 17 Contrade.

Prima della cerimonia dalle ore 16 alle 16,45 la Fanfara provinciale di Siena dell’associazione nazionale Bersaglieri renderà omaggio alla città offrendo un concerto in piazza del Campo.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Tittia è in una forma ‘straordinaria’. "Nicchio si può fare, Selva anche"

Messaggio  jabru il Mar Ott 09, 2018 7:10 pm

Il fantino conferma i rapporti di vecchia data ma ha altri corteggiatori. "Oca e Tartuca? Giubbetti possibili"

Siena, 7 ottobre 2018 - "Chi mi fa più paura, fra tutti i miei colleghi? (pausa, ndr). L’Atzeni!" Non scherza, Tittia. Anzi, spiega il concetto. "Una cosa che mi sento dentro, non so darti una risposta precisa ma è così. Mi faccio paura", aggiunge il fantino. Che riemerge da allenamento e fine mattina pieno di appuntamenti alla scuderia di Arbia. Il figlio Mattia è tornato a scuola «per questo monta un pochino meno con me a cavallo. Cosa dice? Adesso è tutto babbo, l’ho convinto che sono il più forte di tutti e che non ce ne sono altri», scherza. Insomma, buonumore e grinta. Ma anche serenità pur in questo tour de force di incontri e di intrecci partito dopo l’estrazione a sorte. «Si va. Si cerca di sfruttare il momento», aggiunge. Insomma, un Tittia in versione ‘straordinario’.

In questi giorni vengono molte dirigenze: tutte di corsa.

«Bisogna fare ogni cosa in fretta. Ci sono meno di quindici giorni utili per costruire. Ogni momento è un incontro, una telefonata, una decisione su come impostare il Palio».

La pioggia di ieri faceva tanto clima autunnale.

«Però fino al giorno prima è stato bellissimo il tempo. Sono super-allenato e preparato. Sì, quando piove si sente un pizzico l’invermo ma, guarda, alla fine aiuta a staccare anche un pochino la testa dal Palio. E a pulire la mente».

Quante volte ti hanno fatto questa domanda: il Nicchio è un’opportunità?

«Sì, certo, come poteva essere nei Palii di luglio e agosto. Com’è sempre stato».

Ci sono anche Oca e Tartuca.

«Chiaro! Due Contrade dove ho montato quest’anno con cui ho un rapporto speciale, anche se non è arrivata la vittoria, mi riferisco all’Oca. Altrettanto con la Tartuca: mi sono trovato benissimo e c’è la voglia di rifarsi insieme».

Molti sono convinti, però, che il vero giubbetto per Tittia sia quello della Selva.

«Un legame forte. Qui ho vinto l’ultimo Palio e anche se non ho più montato in questa Contrada la dirigenza mi è sempre stata vicina».

Che cavalli ti aspetti nel lotto?

«Vediamo se tutti si presentano alla previsita. Per me se ci sono almeno quattro punte va bene, se si scende allora è più difficile».

Nella scelta della Contrada dove correre i rapporti conteranno.

«Senza dubbio. Quelle con cui già esistono vengono per prime».

Nessuna porta è chiusa?

«Vabbè, con le nemiche niente legami. Poi ci sono altre che hanno fatto scelte diverse. Quelle che ti ho detto sono le più papabili. Poi un altro paio che mi fanno la corte, vediamo dunque il giorno della Tratta».

di LAURA VALDESI da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

•LA FANFARA DEI BERSAGLIERI PARTECIPERÀ AL PALIO STRAORDINARIO

Messaggio  jabru il Mar Ott 09, 2018 7:17 pm

L'Associazione Nazionale Bersaglieri parteciperà con la propria Fanfara della città di Siena al Palio Straordinario dedicato al Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale che si terrà il 20 ottobre 2018.

Il primo appuntamento con la Fanfara è per domenica 14 ottobre in occasione della presentazione del Drappellone. Il gruppo, di circa 28-30 elementi, farà il suo ingresso in Piazza del Campo dal Chiasso Largo e si radunerà alle 16 davanti a Palazzo per un concerto che terminerà alle 16.45 circa. Alle 17.15 si terrà nel Cortile del Podestà di Palazzo Pubblico la presentazione del Drappellone del Maestro Gian Marco Montesano che verrà illustrato da Beatrice Buscaroli, docente di arte contemporanea all’Università di Bologna, sede di Ravenna e del Masgalano offerto dai gruppi piccoli e giovani delle Contrade, realizzato da Sara Cafarelli.

Il giorno del Palio alle 14.45, subito dopo il Drappello dei Carabinieri a cavallo - che per questa occasione effettuerà il giro di Piazza al passo per tutelare la tenuta del tufo - la Fanfara, composta da circa 30 elementi, farà il suo ingresso in Piazza Del Campo dalla bocca del Casato e si porterà verso la Mossa al passo da dove, in omaggio alle Autorità ed a tutti i presenti, partirà con il tradizionale “passo di corsa” per poi lasciare la Piazza.

Alle 14.50 farà il suo ingresso nel Campo il Corteo Storico.
OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

•GIAN MARCO MONTESANO, CHI È IL PITTORE DEL PALIO STRAORDINARIO

Messaggio  jabru il Mar Ott 09, 2018 7:18 pm

La presentazione del Drappellone per la carriera straordinaria del 20 ottobre si avvicina e un’atmosfera di frizzante curiosità avvolge i preparativi per la Festa, che avrà sullo sfondo un insolito scenario autunnale. A dipingere il Cencio che coronerà questo Palio così particolare sarà il pittore, scrittore e regista teatrale Gian Marco Montesano. Nato a Torino nel 1949, si è formato al seminario salesiano di Valdocco, abbandonando in seguito la vocazione ecclesiastica per abbracciare quella intellettuale e artistica. Il repertorio dei soggetti raffigurati sulle sue tele spazia da ritratti femminili, paesaggi metropolitani di ispirazione cinematografica, icone pop e holliwoodiane a personaggi ed eventi che hanno segnato il corso del XX secolo e immagini sacre. Lo stile personale e riconoscibile di Montesano, che negli anni Novanta è stato inserito all'interno del Medialismo, movimento artistico italiano che si poneva come obiettivo una rilettura delle immagini massmediali, è caratterizzato da pennellate a grandi campiture di poche sfumature di colore, dalla plasticità delle forme e dal forte tocco chiaroscurale. Il 14 ottobre alle ore 17:15 scopriremo quale interpretazione questo artista così particolare ha dato della nostra tradizione.

Francesca Raffagnino da OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Montati i primi steccati in Piazza del Campo

Messaggio  jabru il Mar Ott 09, 2018 7:22 pm

Il 14 spazio ai palchi
Questa mattina in Piazza del Campi è iniziato il montaggio parziale degli steccati in vista del Palio straordinario.

I palchi saranno invece sistemati il 14, entro le 5 di mattina, stesso giorno in cui sarà posato il tufo
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La Fanfara dei Bersaglieri parteciperà al Palio straordinario

Messaggio  jabru il Mar Ott 09, 2018 7:23 pm

Il drappello dei Carabinieri a cavallo effettuerà un solo giro per tutelare la tenuta del Tufo
L’Associazione Nazionale Bersaglieri parteciperà con la propria Fanfara della città di Siena al Palio Straordinario dedicato al Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale che si terrà il 20 ottobre 2018.

Il primo appuntamento con la Fanfara è per domenica 14 ottobre in occasione della presentazione del Drappellone. Il gruppo, di circa 28-30 elementi, farà il suo ingresso in Piazza del Campo dal Chiasso Largo e si radunerà alle 16 davanti a Palazzo per un concerto che terminerà alle 16.45 circa. Alle 17.15 si terrà nel Cortile del Podestà di Palazzo Pubblico la presentazione del Drappellone del Maestro Gian Marco Montesano che verrà illustrato da Beatrice Buscaroli, docente di arte contemporanea all’Università di Bologna, sede di Ravenna e del Masgalano offerto dai gruppi piccoli e giovani delle Contrade, realizzato da Sara Cafarelli.

Il giorno del Palio alle 14.45, subito dopo il Drappello dei Carabinieri a cavallo – che per questa occasione effettuerà il giro di Piazza al passo per tutelare la tenuta del tufo – la Fanfara, composta da circa 30 elementi, farà il suo ingresso in Piazza Del Campo dalla bocca del Casato e si porterà verso la Mossa al passo da dove, in omaggio alle Autorità ed a tutti i presenti, partirà con il tradizionale “passo di corsa” per poi lasciare la Piazza. Alle 14.50 farà il suo ingresso nel Campo il Corteo Storico.

RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

l Drappellone dello Straordinario sarà illustrato dalla prof. Beatrice Buscaroli

Messaggio  jabru il Mar Ott 09, 2018 7:25 pm

La prestigiosa docente di arte contemporanea all’Università di Bologna a Siena il 14
Il primo appuntamento con la Fanfara, che omaggerà Siena e il Palio Straordinario, è per domenica 14 ottobre in occasione della presentazione del Drappellone. Il gruppo, di circa 28-30 elementi, farà il suo ingresso in Piazza del Campo dal Chiasso Largo e si radunerà alle 16 davanti a Palazzo per un concerto che terminerà alle 16.45 circa. Alle 17.15 si terrà nel Cortile del Podestà di Palazzo Pubblico la presentazione del Drappellone del Maestro Gian Marco Montesano che verrà illustrato da Beatrice Buscaroli, docente di arte contemporanea all’Università di Bologna, sede di Ravenna e del Masgalano offerto dai gruppi piccoli e giovani delle Contrade, realizzato da Sara Cafarelli.

Beatrice Buscaroli è stata direttrice artistica delle collezioni d’arte e di storia della Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna dopo aver ricoperto gli incarichi di responsabile del Sistema museale e delle Attività espositive del Comune di Bologna (1998-2004), direttore artistico del Laboratorio per l’Arte moderna e contemporanea del Comune di Vicenza (1998- 2003), commissario per la Quadriennale di Roma (2003-2004). È stata membro del Comitato nazionale per il centenario del Futurismo. E siede nel Consiglio Superiore del Ministero per i Beni Culturali. Circa novanta le mostre alle quali ha collaborato sotto il profilo scientifico e oltre cento le pubblicazioni che portano la sua firma.
RadioSienaTV
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8305
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: PALIO STRAORDINARIO

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 4 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum