palii in provincia

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

palii in provincia

Messaggio  jabru il Dom Gen 17, 2010 4:39 pm

Fais è un big Ha vinto le ultime due edizioni del palio di Buti primo palio della stagione

Il palio di Buti è il primo della stagione e, vista la temperatura e la particolare situazione climatica del luogo, dai senesi viene considerato il palio del freddo. Eppure sono in tanti che, concluso il lungo periodo di digiuno da corse, fantini e cavalli, raggiungono il paese in provincia di Pisa per assistere alle tre batterie e alla finale. Quella di Buti è una competizione alla quale in passato hanno partecipato anche grandi personaggi come Andrea Degortes, ma negli ultimi anni è diminuito il numero dei fantini del Palio di Siena che si cimentano in questa performance. Quest’anno troviamo Gianluca Fais, un fuoriclasse per la pista pisana, che vanta le ultime due vittorie consecutive. Poi ci sono Silvano Mulas e Virginio Zedde. Poi una serie di nomi conosciuti da chi frequenta il mondo delle regolari o delle corse paesane: Pisanu, Coccinella, Gennarino e Mereu. Si corre con cavalli purosangue dai nomi di fantasia, come vuole la consuetudine per evitare squalifiche nelle regolari. La composizione delle batterie è stata stabilita la scorsa settimana mediante estrazione a sorte. Nella prima batteria troviamo Silvano Mulas, Pisanu, fantino molto conosciuto nelle regolari, soprattutto a Corridonia, e Coccinella, proveniente dalla Sicilia. Nella seconda batteria andranno alla partenza Gianluca Fais per il rione San Nicolao che Vittorio ha portato per due volte alla vittoria, Virginio Zedde e Gennarino, altro fantino proveniente dalla Sicilia. I due secondi classificati avranno una ulteriore chance partecipando alla terza batteria insieme al rione che viene definito “Il Santo” per essere stato il settimo estratto. I vincitori delle tre batterie parteciperanno alla finale. Il tracciato interrato e adeguatamente protetto , di circa 750 metri, presenta due leggere curve sul primo tratto e un'ultima curva, prima della dirittura in leggera salita. Tre tribune con posti a sedere e tre maxi schermi consentono l'intera visione della corsa, anche se in linea. Sette le contrade: La Croce, Pievania, San Francesco, Ascensione, San Nicolao, San Rocco e San Michele

Susanna Guarino da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Le monte di Legnano

Messaggio  jabru il Mer Feb 03, 2010 10:50 am

Monte quasi definite a Legnano, dopo l’annuncio di Francesco Caria a San Benedetto. La Flora si affiderà ad Antonio Siri (tutto da scoprire il cavallo che verrà scelto), San Magno continuerà il rappporto di fiducia con Giovanni Atzeni e il cavallo Aberrant. Sant’Erasmo a giorni ripresenterà Giuseppe Zedde e confida parecchio in Rinki. Legnarello, domenica prossima, per la Candelora, festeggerà di nuovo Valter Pusceddu che ha una scuderia piena di purosangue pronti per il Palio. Sant’Ambrogio partirà con l'accoppiata vincente l'anno scorso con Silvano Mulas e Zanzuela. San Domenico cambia e passa da Andrea Mari a Gianluca Fais, mentre i cavalli di contrada sono sempre a casa Donatini dove, dice Mario Fedeli, hanno trovato l'ambiente giusto per la preparazione. Infine, San Martino volta pagina e punta tutto su Andrea Mari, mentre Massimo Coghe continuerà ad allenare Sister Bug, purosangue di contrada
da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Bruschelli e Bartoletti presentati uffucialmente

Messaggio  jabru il Mar Feb 23, 2010 11:03 am

Gigi Bruschelli è stato presentato ufficialmente sabato pomeriggio come fantino del rione Torretta. Sempre sabato si è svolta l’investitura ufficiale di Jonatan Bartoletti per Santa Caterina, dove il fantino torna dopo la pesante squalifica di tre anni. Per quanto riguarda le altre novità provenienti da Asti, troviamo Massimo Coghe nel comune di San Damiano. San Secondo sembra invece sempre legato a Giovanni Atzeni, San Silvestro è indirizzato verso Andrea Mari e Cattedrale su Giuseppe Zedde. Nel Don Bosco dovrebbe tornare Massimo Donatini, dopo l’infortunio che l’ha tenuto fermo lo scorso anno. In San Pietro c’è Massimo Farnetani, inossidabile con i suoi 52 anni. Antonio Villella è in Baldichieri, Gianluca Fais a Montechiaro
da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Fucecchio

Messaggio  jabru il Sab Feb 27, 2010 6:03 pm

Il palio di Fucecchio compie trentanni 27 febbraio 2010

E’ Romano Stefanelli l’artista incaricato di realizzare il “cencio” del trentesimo Palio delle Contrade, in programma la penultima domenica di maggio. La scelta del consiglio d’amministrazione dell’Associazione Palio, quest’anno, è caduta su un artista già noto almeno a una parte di Fucecchio. Infatti, è autore degli affreschi che si possono ammirare nella chiesa parrocchiale Santa Maria di Massarella, illustrati ed esaltati nel libro voluto, recentemente, dall’Associazione Le Stanze sul Padule.
Stefanelli, pur oberato di lavoro, ha accettato volentieri e ha chiesto subito la documentazione all’assessore al Palio Alessio Spinelli, che l’ha contattato. Al settimo cielo è don Ferdinando Santonocito, parroco di Massarella, grande estimatore dell’artista fiorentino.
Nato nel 1931 a Firenze, dove vive e lavora, Stefanelli si forma nello studio di Pietro Annigoni. Lì s’impossessa delle tecniche pittoriche e grafiche. Da questa matrice figurativa nasce la sua personale ricerca di un rapporto di continuità e discontinuità con la tradizione. Di qui il suo spaziare dalle nature morte ai paesaggi, dal nudo al ritratto, dall’affresco alla tempera murale, dalla litografia all’incisione, dalla scultura alla medaglistica, senza disdegnare la creazione di gioielli con la tecnica dello “sbalzo e cesello”..
La sua prima esposizione risale al 1968, alla galleria Levi di Milano Tra gli affreschi più importanti, oltre a quelli di Massarella, vanno segnalati i cicli delle chiese di Santa Maria Assunta a Quarrata (Pistoia) e del Sacro Cuore di Gesù ad Albenga. e le opere singole nelle chiese di San Michele Arcangelo a Ponte Buggianese (Pistoia) e di Santa Maria a Torri (Firenze).
Nella grafica, sono molto importanti la cartella satirica “La Gigioneide”, del 1965, “I fantasmi di Venezia”, del 1973 e “La Versilia”, del 1977.
Nella scultura, sono da segnalare i nudi femminili, le teste e le figure realizzate per la Zecca di Stato.
Da non dimenticare, infine, la personale allestita, nel 1998, alla galleria Pananti di Firenze, comprendente dipinti, studi per affreschi e sculture.
da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torrita di Siena - il palio dei somari

Messaggio  jabru il Lun Mar 22, 2010 5:46 pm

Porta a Sole Lunga notte di festa nonostante la pioggia per rendere omaggio alla vittoria di Gighen

La contrada di Porta a Sole con il fantino Alessandro Massaro, detto "Gighen", ha vinto il 52esimo Palio dei somari di Torrita di Siena. La manifestazione che, nonostante le condizioni meteo incerte, ha come sempre richiamato un gran pubblico, stimato alla fine in cinquemila unità, ha rischiato di essere rovinata dalla pioggia. Al termine della quarta ed ultima batteria eliminatoria, dunque nel pieno della carriera, ha infatti cominciato a piovere; una precipitazione intermittente e non intensa che, grazie anche alla volontà degli organizzatori di condurre in porto la festa, non ha imposto lo stop al programma. Così, in mezzo agli ombrelli aperti (e sfruttando gli attimi di tregua), la carriera è proseguita fino alla fine premiando gli spettatori che non hanno abbandonato i posti sul palchi. Anzi, proprio la finale ha riservato l'emozione più forte, con un epilogo talmente emozionante da aver suscitato più di un boato tra il pubblico. Due le protagoniste assolute, Porta a Sole, che aveva vinto la propria batteria contro Porta Nova, e Refenero, che si era sbarazzata nella prima eliminatoria di Porta gavina, vincitrice nel 2009. Tra Gighen, ventisette anni, torritese, di professione carrozziere, e Jonathan Guerri, detto Ràfia, venti anni appena compiuti, ai quinto anno in sella al somaro di Refenero, è stato un duello aperto e corretto, che ha visto alternativamente prevalere l'uno e l'altro fantino. Poi Rafia è passato decisamente a condurre ed a mezzo giro dall'arrivo sembrava sicuro vincitore. Il popolo di Refenero, che non vince dal 1985, ha cominciato a sognare ma ben presto la speranza si è trasformata in incubo: il somaro si è infatti "piantato" in pieno rettilineo consentendo a Gighen di perfezionare un recupero ormai quasi impossibile. A nulla è valso il tentativo di rimonta in extremis di Ràfia che, dopo l'arrivo, non ha potuto trattenere la propria disperazione. Per Porta a Sole si interrompe un lungo digiuno, che durava dal 1996: la decisione di Alfredo Capitani, popolarissimo presidente gialloblu, di dare ancora fiducia a Massaro, dopo 4 anni di prove opache e sfortunate, si è rivelata quanto mai azzeccata e lo stesso Gighen, finalmente in sella ad un somaro "competitivo" ha potuto dimostrare il proprio valore. Praticamente assenti le altre 3 finaliste Cavone, Porta a Pago e Porta Gavina mentre Stazione, Porta Nova e Le Fonti si sono fermate alle eliminatorie. Nonostante il tempo ancora capriccioso, Porta a Sole ha cominciato immediatamente ad allestire i tavoli della festa trovando collaborazione anche nelle altre contrade. Per lo staff organizzativo guidato dalla neo-Presidente Silvana Micheli la pioggia ha rappresentato un banco di prova in più, superato brillantemente. Spettacolare il programma del mattino, grazie al corteo storico ed alle esibizioni del gruppo sbandieratori e tamburini; impeccabile l'allestimento e la regia della carriera. Assegnati anche i premi ai migliori sbandieratori, Gabriele Grotti e Stefano Falegnami de le Fonti, ai migliori tamburini Lorenzo Capecchi e Luca Ludovichi di Porta a Pago ed il premio Gattamelata al miglior figurante, risultato Luca Massai nei panni del Principe di Porta a Pago
da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

corse a pelo ad Acquaviva

Messaggio  jabru il Ven Apr 09, 2010 5:10 pm

Corse a pelo ad Acquaviva di Montepulciano 09 aprile 2010

L’Unione Polisportiva Poliziana ed il Comitato Organizzatore di Acquaviva informano che la riunione ippica, già >programma per domenica 4 aprile e rinviata a causa del maltempo, sarà recuperata sabato 10 aprile, sempre >all’ippodromo comunale “Ceccuzzi”, con inizio alle ore 15.00.

In programma 6 corse a pelo ed 1 con la sella, valida per l’assegnazione del Trofeo Le Aie
Antenna Radio Esse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Fucecchio: tutti al canape

Messaggio  jabru il Lun Apr 12, 2010 9:44 am

Si recupera oggi, a Fucecchio, la giornata di corse rinviata per pioggia il Lunedì di Pasqua. Qualche modifica al programma, che è rimasto comunque su dieci corse mentre ha dato forfait qualche cavallo. Da Siena è prevista la partenza di tantissimi contradaioli e appassionati, e non mancheranno le dirigenze Palio al completo. Probabilmente non sarà invece recuperata la giornata di corse organizzata del Comune a Monticiano per il giorno 6 aprile, slittata per pioggia. 1° corsa ore 14,30 (cavallo) Mascalzino (fantino) Lisciandrello; Igor De Mores (Bianchina); Infidele (Mulas); Intiveddau (Spiga), Inventane Un'altra (Carboni Giosuè); Ipersonic (De Mauro); Guru (Panti). Rincorsa Incantos (Minisini) 2° corsa ore 15 Isopac (Canu); Istrix (Topalli); Italiana De Sedini (Bandini); Ivnanova (Argomenni); Dostojevsky (Mari); Ganosu (Fais); Isola Mia (Agus). Rincorsa Fuffy De Ozieri (Bartoletti). 3° corsa ore 15,30 Nabilia Saura (Siri); Nespolino (Pes Dino); Nessie (Ricceri); Nobile Nilo (Atzeni); Nottifrimmesmai (Topalli); Novanta (Ballesteros); Nuoresa So' (Corda). Rincorsa Natia Di Gallura (Veneri). 4° corsa ore 16 Melissa Bella (Mulas); Merisiana (Carboni Giosuè); Mica Male (Farris); Miguel (Caria); Mississipi (Ghiani); Misteriosu (Minisini); Miulas (Ricceri). Rincorsa Moedi (Depau). 5° corsa ore 16,30 Buiotto (Atzeni); Magellano (Argomenni); Maleducada (Mureddu); Ninos (Siri); Mar Dei Coralli (Migheli Alessio); Melchisedek (Porcu); Melanto (Zedde Virginio). Rincorsa Manna De Ozieri (Pusceddu). 6° corsa ore 17 Montigu (Fais); Moresu (Migheli Alessio); Mortimer (Zedde Virginio); Mose (Villella); Murenu (Panti); Mercenaria (Carboni Giosuè); Boccadoro (Porcu). Rincorsa Misano De Sedini (Farris). 7° corsa ore 17,30 La Comica (Siri); Lamagno (Mari); Lamdor (Porcu); Larentu (Fais); Lodigiano (Ballesteros); Libertad (Mureddu); Lotar De Bonorba (De Mauro). Rincorsa Lazzarione (Zedde Virginio). 8° corsa ore 18 Galeottu Di Gallura (Veneri); Garcon De Sedini (Fais); Garin (Ricceri); Ginger De Mores (Chessa Andrea); Giostreddu (Zedde Giuseppe); Guardinga (Murtas); Gulliver Sauro (Minisini). Rincorsa Freesby (Bartoletti). 9° corsa ore 18,30 Lingua Blu (Moreddu); Linkin Park (Ricceri); Lorione (Pes Dino); Lybeccyo (Zedde Virginio); Lampante (Minisini); Irruente C.P.S. (Mulas); L'incanto Magico (Argomenni). Rincorsa Morri (Bartolozzi). 10° corsa ore 19 Dworus (Mari); Entu Solianu (Topalli); Fantastic Light (Siri); Luchente (Bianchina); Galana (Ricceri); Leggenda (Corda); Freelander (Chiti). Rincorsa Fantaghirò (Spiga)
da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Acquaviva - mezzosangue in evidenza

Messaggio  jabru il Lun Apr 12, 2010 9:48 am

Giornata di corse ad Acquaviva di Montepulciano. Prima corsa - Cavalli mezzosangue, metri 1200: Prima corsa: (cavallo) Gesabele (scuderia Feri), (fantino) Clemente; Mocambo (Ghetti) Tremendo; Murra di Gallura (Atzeni) Farris A.; Lorenzo Malatesta (Chiti) Voragine; Nabilia Saura (Scelfo L.) Siri; Fanzine (Fabbri) Massimino. Vince Mocambo seguito da Gesabele e Murra di Gallura Seconda corsa - Cavalli purosangue, metri 1200: Capuzzella, Veneri; Gigi Denzer, Siri; Calimero (Eric) Mulas; Collega (Chiti) Voragine; Rinki (Sedde) Gingillo; Lupen, Pusceddu. Vince Rinki, seguito da Collega e Gigi Denzer Terza corsa - Cavalli mezzosangue, metri 1200: Leggenda di Gallura, Porcu; Lamagno (Thomtson) Brio; Mefisto (Berni) Siri; Elene Pere (Fontani A.) Jonni Gori; Minotauro (Roncucci) Murtas; As Invincibile (Columbo) Veleno II. Vince Leggenda di Gallura, seguito da Minotauro e Lamagno. Quarta corsa - Cavalli purosangue, 1200 metri: Qualunque (Zedde) Gingillo; Binga (Mari) Brio; Maia (Atzeni) Tittia; Cellere (Canu) Clemente; Silvestro (Erica) Bucefalo. Vince Qualunque, seguito da Maia e Binga. Quinta corsa - Cavalli mezzosangue, metri 1200 : Mezzus di Gallura, Porcu; Gastonbaio (Sorriso) Bergamaschi; Farsalo, Veneri; Dowrus (Fisichino) Mereu; London (Fabbri) Massimino; Bingo Bongo (Bruschelli) Caria. Vince Bingo Bongo seguito da Farsalo e Mezzus di Gallura. Sesta corsa - Cavalli purosangue metri 1200: Bingo (Mari) Mereu; Mister Obama (Coghe) Massimino; Lucio Apuleio (Gatta Sani) Tremendo; Tranquillo (Ferneta) Bucefalo; Gosto (Canu) Clemente; Nero (Bt) Topalli. Vince Tranquillo seguito da Bingo e Mister Obama. Gran Premio dell’Aia - Cavalli purosangue, metri 1600: Cristina (Matteo) Falchi; Papavero (Simoni) Mulas; Rischi (Galletto) Guerrini; Sabino (Benito) Manolo. Vince Sabino per la contrada Passerino, seguito da Rischi per Puntale, papavero per Chianino e Cristina per Cochino
da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Domani palio dei Venti a Grosseto

Messaggio  jabru il Sab Apr 17, 2010 5:27 pm

Circa 60 cavalli e altrettanti fantini danno appuntamento ad appassionati e curiosi per domani sulle spiagge di Marina con la seconda edizione del "Palio dei venti, Maremma beach race". Quasi tutti cavalli e fantini senesi, a cui si aggiungono coloro che partecipano ad altre competizione come quella di Mantova e di Fucecchio. La manifestazione ha lo scopo di far conoscere e raccogliere fondi per la fondazione Il Sole. Sin dalla mattina si potranno osservare purosangue e mezzosangue allenarsi e prendere dimestichezza con il circuito, mentre le gare prenderanno il via dalle 14 con varie manche, nelle quali gli animali verranno cavalcati a pelo. I vincitori di ognuna si sfideranno nella finale. Il circuito ha la forma di una "u", ha una lunghezza di 800 metri e copre l'area tra il bagno Moreno e quello dei Vigili del fuoco. Una passerella in legno consentirà ai disabili in carrozzina di poter assistere agevolmente allo spettacolo. Tra lo stabilimento dell'aeronautica e Il faro, invece, verranno allestite due aree per far provare grandi e piccini a cavalcare pony, somarelli e cavalli da maneggio al prezzo di 5 euro che andranno a favore della fondazione. L'altro modo per sostenere Il Sole è una sottoscrizione di 5 euro, che darà diritto a partecipare all'estrazione di alcuni soggiorni di due settimane negli stabilimenti balneari aderenti con ombrellone, sdraio e lettino nel periodo giugno-luglio. In più una trentina di ragazzi distribuiranno depliant informativi per promuovere la donazione del 5 per mille alla fondazione. "L’iniziativa - commenta il presidente de Il Sole, Massimiliano Frascino - permette ai fantini e agli allevatori di testare la resistenza e la velocità dei cavalli in vista di prossime gare ed è un'occasione per anticipare la stagione turistica coinvolgendo residenti e non, visto che ristoranti e bagnetti saranno aperti. Ormai ci mancano 25mila euro dei 2 milioni da pagare per la struttura che abbiamo realizzato a Barbanella in cinque anni e dobbiamo ringraziare i cittadini, le istituzioni e i vari sponsor che ci hanno aiutato. Per questo, a corredo dell'evento ci saranno una serie di pannelli con foto della casa famiglia per far vedere dove e come sono stati spesi i soldi. Questo però è solo un punto di partenza per riuscire a mettere in piedi altri progetti e servizi per i disabili". Alla manifestazione collaborano l'Associazione grossetana genitori di bambini portatori di handicap, il Ciam e il centro ippico La Ginestra

Danila Ansaldi da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Abbadia di Montepulciano

Messaggio  jabru il Dom Apr 25, 2010 6:30 pm

Si svolge oggi la giornata di corse al galoppo ad Abbadia di Montepulciano, dove si recupera il Gran Premio delle Palme rinviato per maltempo lo scorso 28 marzo. Questo il programma, con inizio delle corse,riservate sia a mezzosangue che a purosangue, alle 15. Il mossiere sarà Giancarlo Matteucci. Prima corsa - Mezzosangue Nabilia Saura (Siri), Mascalzino (Lisciandrello), Dostoevskij (Mereu), Lodigiano (Gingillo), Alicudi (Rignani). Seconda corsa - Purosangue Perte (Siri), Rosigliano (Tremendo), Rischio (Voragine), Spartacus (Chessa), Bingo (Mereu). Terza corsa - Mezzosangue Mercenaria (Carboni), Nobile Nilo (Tittia), Manioca (Siri), Iron River (Giglioli), Dworus (Cinotti). Quarta corsa - Purosangue Moreno (Tremendo), Viceversa (Voragine), Margo (Bighino), Nerina (Stoppa), Mister Barake (Massimino). Quinta corsa - Mezzosangue Minotauro (Murtas), Mortimer (Corda), Misano de Sedini (Farris), Messi (Gingillo), Mefisto Cps (Siri), Little Corte (Cenni). Sesta corsa - Mezzosangue Leggenda del Menhir (Lo Zedde), Giustinoh (Cinotti), Boccadoro (Porcu), Mica Male (Farris), Mosè (Sgaibarre). Settima corsa - Purosangue Batman (Bighino), Nero (Stoppa), Melodia (Di Vivo), Perme (Siri), Kent (Topalli). Ottava corsa - Mezzosangue Istrix (Topalli), Manna de Ozieri (Bighino), Nottifrimmesmai (Lo Zedde), Murra di Gallura (Farris), Enaelepere (Voragine), Larentu (Stoppa). Nona corsa - Mezzosangue Lazzarione (Lo Zedde), Guardinga (Murtas), Ginger de Mores (Chessa), Novanta (Gingillo), Ninos (Siri)
da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Palio di Bomarzo

Messaggio  jabru il Lun Apr 26, 2010 4:43 pm

Botte a fine corsa Sembra che non sia stato rispettato qualcosa negli accordi pre palio e così i contradaioli di due rioni si sono affrontati al termine della gara. Buone le prove di Canu e Argomenni, ma Pollioni sorprende tutti e vince

E il rione “Dentro” che, per il terzo anno consecutivo, vince il palio di Sant’Anselmo. Dopo una stressante attesa (quaranta minuti di ritardo, poichè le mucche che portavano il carro con il palio apparivano irrequiete), il fantino Alessio Pollioni ha portato il cavallo Igor De Mores alla vittoria dopo un emozionante testa a testa con Mario Canu che montava Gezabele. Secondo si è piazzato il rione “Poggio”, proprio con Canu che sembrava il favorito della giornata. A fine gara, parapiglia tra quelli del rione “Dentro” e i rivali del “Borgo”, in seguito a una non tanto velata accusa di combine. Oltre cinquemila, per la cronaca, le persone giunte a Bomarzo per assistere al palio in una splendida e calda giornata di sole. Molte anche da Siena. Due le persone portate in ospedale per malore, con codici giallo e verde. Ancora una volta, il palio (alla presenza del nuovo sindaco Furano) si è confermato un appuntamento da non perdere. Sia sul piano storico e spettacolare. E’ un palio che, com’è noto, si corre tra le cinque contrade o rioni in cui è diviso il paese. Le contrade sono: “Dentro”, la più antica, che aveva ricevuto in sorte Igor de Mores montato da Alessio Pollioni, “Borgo” con Ygor Argomenni su Melissa Bella, “Poggio” con Mario Canu su Gezabele, “Croci” con Paride De Mauro e Iada, e “Madonna del Piano” con Alberto Ricceri su Garin. Sono state loro a contendersi il palio realizzato da Paolo Berti (artista di Soriano), portato in processione fino al campo del Fossatello dove si è disputata la competizione. La corsa del palio è stata ripristinata da poco, ma da antiche fonti si sa che questa si correva già nel 1600. Anzi, a quell’epoca i palii erano due, uno il 24 e l’altro il 25 di aprile, giorni in cui si festeggia il patrono di Bomarzo, il vescovo Anselmo. Dagli antichi libri risulta che i palii venivano pagati in baiocchi e altre monete del tempo e che c’era un incaricato per organizzare questo avvenimento. Durante il trascorrere dei secoli, puntualmente, venivano corsi i palii, fino a che si ridussero a semplice corse di cavalli. Ma l’amore per le tradizioni e per queste nobili bestie che, sempre, furono vivi nell’animo dei bomarzesi ha fatto sì che il 25 aprile si rinnovasse la disputa che prevede, per il vincitore, un premio in denaro e per il rione l’assegnazione dello stendardo detto appunto “palio”
da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Fucecchio

Messaggio  jabru il Sab Mag 01, 2010 5:34 pm

Il mese del palio delle contrade Città di Fucecchio inizia domani con le corse di primavera nella Buca D’Andrea. Praticamente un giorno intero. Difatti, si partirà, con la prima batteria, alle 11 e si andrà avanti fino all’una. Sosta fino alle 15, quando si riprenderà a correre. Conclusione intorno alle 19.30. Nel frattempo c’erano stati due rinvii. I cavalli in pista, salvo defezioni dell’ultim’ora, dovrebbero essere un’ottantina con molti fantini da Siena. Di che soddisfare il palato degli appassionati, ma non solo. La speranza è che il tempo non faccia le bizze come ad aprile. S’incrociano le dita, a tal proposito. L’aria che si respira è di grande attesa per la disputa, con il palio del 23 maggio. C’è anche chi pensa alla sfilata e alla conquista del “Premio Tommaso Cardini”. Quest’anno le targhe da assegnare sono sette, una in più dell’anno scorso, in quanto la commissione giudicante ha accolto la richiesta delle contrade di separare il premio per gli sbandieratori e i musici. C’è da dire anche che la commissione giudicante, quest’anno, è arricchita da esperti indicati dalle contrade stesse. Oggi invece si corre ad Acquapendente
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Acquapendente

Messaggio  jabru il Lun Mag 03, 2010 5:24 pm

Otto corse Quattro riservate ai mezzosangue che aspirano anche a Piazza del Campo

Per dirigenti di contrada, fantini e proprietari di cavalli, la gita del primo maggio ad Acquapendente, per assistere al palio, è ormai una tradizione. E così sabato pomeriggio allo stadio Dario Dante Vitali si respirava aria senese, con gruppi di contrada numerosi, reduci da pranzi eccellenti sulle rive del lago. Il programma prevedeva tre batterie di purosangue per decretare i sette partecipanti alla finale, ma anche quattro batterie di mezzosangue. Tanti i fantini presenti, molti impegnati a montare in prima persona, ma tanti anche come semplici spettatori. La vittoria del palio è stata del Gruppo Prima Equipe Torre San Marco, ormai abbonato alla conquista del "palio dell'Arcata Madonna del Fiore", al termine di una corsa avvincente, nella quale Chiti con Messalina ha tenuto per due giri la posizione di testa per poi cederla negli ultimi due ai due contendenti che si sono dati battaglia fino all’ultimo metro, Mereu con il cavallo Oliver che poi ha vinto, e un Brio in gran forma con il cavallo Takis. La gara ha visto piazzarsi nelle posizioni di retrovia Lo zedde con Marcellina Chiti con Messalina, Chessa con Spartacus, Verdigi con Porpr e Siri con Big Show. Lottate le batterie preliminari. Nella prima ha avuto la meglio Virginio Zedde su Mereu, mettendo dietro Canu, Verdigi e Chiti. Nella seconda, dopo una mossa falsa, Chessa va a vincere con Messalina, seguito da Brio e Dino Pes. Lunga mossa per la terza batteria, con due annulli per il tentativo di alcuni fantini di partire accoppiati alla rincorsa. Ne fa le spese Canu che cade al canape, ma senza nessuna conseguenza tanto che poi conquista la seconda posizione dietro a Chessa e davanti a Siri. In questa batteria cadono in curva Bucefalo e Fais, per una buca in curva. Protagonista assoluto delle quattro gare riservate ai mezzosangue è Alessio Migheli, che prima sul cavallo Moresu e poi sul cavallo Mar dei Coralli si aggiudica la prima e la quarta. Nella prima mette in riga Siri su Fantastic Light , Scompiglio su Frisbi, Minisini su Incantos e Colagè su Leolui. E nell'ultima batte Farris su Misano de Sedini, Bocchi su Gaston Baio, Chiti su Enaelepere e Dino Pes su Nespolino. Nella seconda corsa successo di Sanna su Ninos che precede Guerrini su Moschino, Panti su Moremu e Giulio Rignani su Lorenzo Malatesta. Non corre Giglioni su Mister Melon che si ritira dopo aver fatto due giri di galoppo per la mossa data in un primo tempo per buona e poi annullata perchè proprio Sanna era partito girando al contrario. A numero ridotto (solo quattro partecipanti) la terza. Vittoria per Fais su Larentu, che regola Bocchi su Gaston Baio, Farris su Misano de Sedini, Dino Pes su Nespolino e Chiti su Enaelepere

Susanna Guarino da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Fucecchio

Messaggio  jabru il Lun Mag 03, 2010 5:29 pm

Undici corse Molto bene Donatini, tornato in forma dopo l’infortunio dello scorso anno

La pioggia, caduta a tratti ma per tutta la giornata, non ha fermato le corse di Fucecchio, rinviate già per ben due volte. Sono state quindi effettuate tutte e undici le batterie previste, e le defezioni sono state davvero poche. Tanti anche i senesi che hanno raggiunto “la Buca” per assistere alle performance dei cavalli che aspirano alla Piazza e dei fantini, big e giovani. Ecco i risultati delle undici corse. Prima corsa, ore 11: (Cavallo) Melissa Bella (fantino) Mulas, Ivanovna, Chessa; Ipersonic, De Mauro; Larentu, Donatini; Isopac, Canu; Istrix, Topalli; Italiana De Sedini, Bandini. Vince Larentu seguito da Ipersonic e Melissa Bella. Seconda corsa ore 11:30: Nuoresa So', Corda; Natia Di Gallura, Veneri; Nespolo De Bonorva, Mureddu; Lelle Li', Chiti; Mascalzino, Lisciandrello; Magellano, Ricceri; Lamagno, Mari. Cade Lisciandrello, vince Lamagno seguito da Nepolo de Bonorva e Nuoresa So. Terza corsa ore 12: Merisiana, Carboni Giosuè; Morri, Bartolozzi; Entu Solianu, Donatini; Galana Cps, Ricceri; Libertad, Mureddu. Vince Entu Solianu seguito da Merisiana e Galana cps Quarta corsa ore 12:30: Miulas, Ricceri; Fuffy De Ozieri, Bartoletti; Melanto' De Aighenta, Zedde Virginio; Lingua Blu, Moreddu; Freelander, Chiti; Dostoevskij, Mereu Vince Melantò de Aighenta seguito Dostoevskij e Miulas. Quinta corsa ore 15: Gorrocu, Topalli; Misano De Sedini, Atzeni Giovanni; Messi, Zedde Giuseppe; Mefisto, Siri; Intiveddau, Canu; Levriera Saura, Mureddu Vince Messi seguito da Levriera Saura e Intiveddau. Sesta corsa ore 15:30: Nabilia Saura, Siri; Nessie, Ricceri; Nobile Nilo, Atzeni; Nottifrimmesmai, Topalli: Novanta, Zedde Giuseppe Vince Nottifrimmesmai seguito da Nabilia Saura e Novanta. Settima corsa ore 16: Gulliver Sauro, Minisini; Boccadoro, Porcu; Fantaghirò Saura, Spiga; Ernesto Bello, Ricceri; Nembo Kid, Zedde Giuseppe; Venanzina, Columbu Primo è Fantaghirò Saura seguito da Boccadoro e Ernesto Bello. Ottava corsa ore 16:30: Mica Male , Farris; Isola Mia, Agus; Manioca, Siri; Lodigiano, Pollioni; Nunteregghepiu, Argomenni Vince Manioca, secondo è Lodigiano e terzo Isola Mia Nona corsa ore 17: Guru, Panti; Nibbio Baio, Mulas; Murra De Gallura, Farris; Melchisedek, Porcu; Borsaiola Da Clodia, Tuffu; Misteriosu, Minisini Borsaiola non corre per un calcio rimediato alla mossa da Melchisedek. Vince Malchisedek in fotografia con Guru e Misteriosu. Decima corsa ore 17:30: Cuore Nero, Columbu; Lamdor, Porcu; Grein, Chiti; Garin, Ricceri; Ginger De Mores, Chessa Andrea Primo è Landor seguito da Garin e Grein. Undicesima corsa ore 18: Linkin Park, Ricceri; Guardinga, Murtas; Galeottu Di Gallura, Veneri; Zio Sauro, Columbu; Alicudi, Rignani Giulio; Lorione, Pes Dino Vince Lorione seguito da Linkin Park e da Galeottu di Gallura»
Corriere da Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Sarteano - raduno delle amazzoni

Messaggio  jabru il Lun Mag 10, 2010 4:39 pm

Sarteano Il raduno delle amazzoni ha superato ogni aspettativa nonostante l’iniziativa sia partita in sordina e con qualche problema organizzativo

Grande successo al Primo Raduno delle Amazzoni, che si svolto per due giorni consecutivi, sabato e domenica a Sarteano, contemporaneamente al Primo raduno di country line dance organizzati da Fitetrec Toscana,Regione Toscana, Apt di Chianciano Terme Val di Chiana, dal Comune e dalla Proloco di Sarteano. Sono stati oltre mille e 500 i visitatori che nella due giorni sarteanese hanno partecipato all'iniziativa facendo anticipare ai promotori che il prossimo anno l'iniziativa verrà ripetuta sempre nel piccolo borgo a sud della provincia di Siena proprio per le sue caratteristiche che si prestano ad ospitare le amazzoni e le ballerina del Country Line Dance. Anzi queste ultime si sono già prenotate per potersi esibire alla VII edizione di "Febbre da cavallo", la mostra-mercato equestre che si terrà sempre a Sarteano dal 18 al 20 giugno. Il raduno delle amazzoni ha superato ogni aspettativa nonostante l'iniziativa sia partita in sordina e con non pochi problemi organizzativi . Ma tutto si è risolto nel migliore dei modi e il pubblico è rimasto più che soddisfatto non solo per le esibizioni delle amazzoni nel campo in terra battuta del palazzetto dello Sport ma anche per le prove del ballo western che ha trovato anche molti appassionati che si sono prenotati per impararlo. Tutto ciò dimostra il grande legame che c'è tra Sarteano e il cavallo. Sarteano infatti è chiamata anche la città del Saracino che quest'anno vedrà i giostratori delle cinque contrade impegnarsi non solo nella tradizionale sfida del 15 agosto ma anche in una giostra straordinaria che si terrà, in notturna, nella piazza principale del paese, sabato 17 luglio. E proprio in vista di questi appuntamenti dieci cavalieri, in rappresentanza delle contrade, hanno effettuato un carosello dimostrativo in occasione delle esibizioni delle amazzoni. Carosello durante il quale i dieci giostratori, hanno dismesso i vestiti con i colori delle contrade e hanno indossato degli abiti da cavallerizzo molti eleganti e tutti eguali a dimostrare il fatto che i giostratori sono "un unico gruppo quando si esibiscono al di fuori della Giostra". Soddisfatti al termine di questa manifestazione in rosa la direttrice dell'Apt di Chianciano Terme Valdichiana Grazia Torelli che l'ha fortissimamente voluta, il presidente della Proloco Guido Norrito , la presidente della Fitetrec Toscana Daniela Venturi oltre. naturalmente i rappresentanti delle istituzioni come Roberto Burani, sindaco di Sarteano, Ermanno Bonomi,responsabile della Regione Toscana del settore politiche di sviluppo e promozione del turismo e Mario Lupi, delegato della Regione Toscana nell'Associazione europea delle vie Francigene. "La Fitetrec Toscana ha un ruolo di coordinamento tra territorio e istituzioni - ha commentato Daniela Venturi, presidente Fitetrec Toscana - con i nostri progetti ed eventi, infatti , riusciamo a promuovere il territorio mettendolo in relazione con le strutture del luogo". "L’evento di Sarteano è stato un momento importante per valorizzare un luogo meraviglioso e ricchissimo - ha affermato a sua volta Grazia Torelli, direttrice Apt Chianciano - il cavallo, come già per la "Giostra del Saracino" diventa ancora un'occasione per scoprire questo territorio, per conoscere e apprezzare la storia, la cultura, ma anche i prodotti locali, dall'artigianato all'enogastronomia"

Leonardo Mattioli da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Fucecchio - Domenica si corre il palio

Messaggio  jabru il Mar Mag 18, 2010 4:31 pm

Fucecchio Domenica si corre il palio

Alla Buca del palio è tutto pronto per l’avvio della festa. Domani per Fucecchio è il giorno della tratta, ed ieri si sono chiuse le iscrizioni dei cavalli. Iscrizioni top secret quest’anno, per volere degli organizzatori. Si dice che lo scorso anno qualche cavallo non fu presentato perchè “qualcuno”, per ragioni strategiche, invitò i proprietari a lasciarli in scuderia. Con la segretezza si è cercato di arginare il fenomeno. Gli iscritti sono 46, ma la lista ufficiale verrà consegnata domani mattina all’inizio delle previsite. Nel pomeriggio si svolgeranno le batterie della tratta e poi, ormai a notte, l’assegnazione alle 12 contrade. Giovedì e venerdì, alle ore 18,30, sono previste le batterie di preparazione, mentre sabato è la giornata dedicata alla segnatura dei fantini. Tra le accoppiate quasi certe ci sono Valter Pusceddu a Borgonovo, Silvano Mulas a Porto Bernarda, Virginio Zedde in Querciola e Giovanni Atzeni a Sant’Andrea, ma è fondamentale vedere quali cavalli riceveranno in sorte queste contrade. Indosseranno sicuramente il giubbetto anche Gianluca Fais, richiestissimo, Luca Minisini, Andrea Mari, Massimo Donatini e Alberto Ricceri, vincitore del palio 2009. Il giorno del palio, prima di ogni batteria, verrà estratto a sorte dall’assessore e la polizia minicipale un fantino da sottoporre a alcol e drug test
da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Fucecchio: il giorno della verità

Messaggio  jabru il Dom Mag 23, 2010 6:06 pm

Fino all’ultimo la monta di Luigi Bruschelli ha tenuto tutti con il fiato sospeso. Da giovedì era circolata la voce, più che fondata, che Trecciolino avesse deciso di misurarsi proprio oggi nel famoso paliotto. E infatti fino a ieri la possibilità era assolutamente concreta. Alla fine proprio poche ore prima dell’ufficializzazione delle monte, il fantino più ambito del Palio di Siena, ha deciso di rinunciare all’opportunità che si era prospettata. Bruschelli ha valutato i pro e i contro di una scelta che, nell’economia di una stagione di grande impegno che per lui si incentra in massima parte sulle due Carriere, avrebbe potuto creare qualche contrattempo. La sua intenzione più volte manifestata alla vigilia di correre a Fuchecchio e il fatto stesso che sia stato a un passo da farlo, fanno presagire che nei prossimi mesi Gigi Bruschelli coltivi la precisa intenzione di montare anche in altri paliotti dello Stivale. Segno che la buona fibra del fantino continua a promettere grandi cose per il futuro. Oggi è il grande giorno per Fucecchio ed ecco come si presenteranno al canape le contrade: Borgonovo con Valter Pusceddu Gaston Baio, Botteghe con Giuseppe Zedde e Italiana de Sedini , Cappiano Mari e Nottifrimmesmai, Ferruzza Coghe e Boccadoro, Massarella Fais e Nambo King, Porta Bernarda Mulas e Novanta, Porta Raimonda Corda e Merisiana, Querciola Atzeni e Lingua Blu, Samo Luca Minisini e Moschino, San Pierino Virginio Zedde e Melantò de Aighenta, Sant'Andrea Ricceri e Ipersonic, Torre Siri e Misteriosu

J.R. da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Fucecchio: vince Virginio Zedde

Messaggio  jabru il Lun Mag 24, 2010 4:35 pm

Tutta l’attenzione era puntata sulle condizioni di Moschino, il cavallo di Samo che nei giorni scorsi aveva evidenziato dei problemi, ma che sabato mattina era stato regolarmente segnato, ma nessuno pensava che il palio 2010 dovesse far a meno addirittura di due contrade. In tarda mattinata, invece, la scoperta che l’assenza di Samo non sarebbe stata l’unica. Anche il cavallo della Ferruzza, Boccadoro, non era in condizioni di disputare il palio. Quindi niente rientro a Fucecchio per Massimo Coghe, dato anche tra i più accreditati alla vittoria. E palio da spettatore per Luca Minisini, che avrebbe dovuto correre per Samo. Le due batterie risultano così composte. Nella prima si contendono i quattro posti per l’accesso alla finale Porta Bernarda con Novanta montato da Silvano Mulas, Botteghe con Italiana de Sedini montato da Giuseppe Zedde, Porta Raimonda con Merisiana e Alessio Corda, Querciola con Lingua Blu e Giovanni Atzeni e infine Torre con Misteriosu montato da Antonio Siri. Nella seconda batteria troviamo Sant’Andrea con Ipersonic e Alberto Ricceri, Cappiano con Nottifrimmesmai montato da Andrea Mari, Borgonovo con Gaston Baio e Valter Pusceddu, Massarella con Nambo King e Gianluca Fais e San Pierino con Melantò de Aighenta e Virginio Zedde. I fantini, prima dell’inizio delle batterie, vengono sottoposti a alcol test e drug test. Sono le 16,15 quando i cavalli entrano in pista e si presentano al canape agli ordini del mossiere Daniele Masala. Per la prima batteria entrano nell’ordine, Porta Raimonda, Torre, Porta Bernarda, Querciola, mentre Botteghe è di rincorsa. La prima mossa viene subito invalidata perchè Corda, per Porta Raimonda, cerca di forzare la partenza. Al via è pronto Mulas a schizzare fuori dai canapi e prendere la testa della corsa con Novanta, seguito da Atzeni con Lingua Blu, Giuseppe Zedde con Italiana de Sedini e Siri con Misteriosu. Ultimo è Corda con Merisiana. Per due giri l’ordine non cambia, ma nel finale Torre, con Misteriosu e Siri, recupera e va a piazzarsi in seconda posizione. L’ordine è quindi: Porta Bernarda, Torre, Botteghe e Querciola. E’ fuori dalla finale Porta Raimonda con Merisiana e Corda. Nella seconda batteria entrano tra i canapi nell’ordine Cappiano, Borgonovo, Massarella, San Pierino e, di rincorsa, Sant’Andrea. Questa volta i tempi della mossa sono particolarmente brevi e senza nessun problema. Va subito in testa Andrea Mari con Nottifrimmesmai, accoppiata favoritissima di questo palio. Dietro lottano per la seconda posizione Massarella e Borgonovo, rispettivamente con Fais e Pusceddu. Sempre ultimo Sant’Andrea, con Ipersonic e Alberto Ricceri. All’arrivo l’ordine vede primo Cappiano, poi Borgonovo, Massarella e San Pierino, mentre è fuori Sant’Andrea. Entrano quindi in finale, per contendersi la vittoria del palio, Porta Bernarda, Torre, Botteghe, Querciola, Cappiano, Borgonovo, Massarella e San Pierino, con due rivalità particolarmente forti come rquelle tra Borgonovo, con il cavallo Gaston Baio e Valter Pusceddu, e Botteghe, con Italiana de Sedini montata da Giuseppe Zedde, e Cappiano con Mari su Nittifrimmesmai e Torre, con Misteriosu condotto da Antonio Siri. Al canape entrano nell’ordine: Querciola, Massarella, Borgonovo, Torre, Cappiano, Botteghe e San Pierino. La rincorsa è affidata a Mulas per Porta Bernarda. Daniele Masala è bravo a far mantenere la calma tra i canapi, nonostante il vivace scontro che porta Giuseppe Zedde a tentare di tutto per bloccare Valter Pusceddu. La prima mossa viene invalidata, nonostante l’allineamento sia stato perfetto. Masala ha ritenuto che non fosse regolamentare la partenza senza la chiamata della rincorsa, come invece deve essere a Fucecchio. Anche una seconda partenza viene considerata non valida, in quanto Torre e Massarella sono rimeste al canape. Al via volano in testa Porta Bernanrda e Botteghe, autori di un testa a testa emozionante. Mulas e Pusceddu corrono in maniera perfetta, ma anche il resto del gruppo, capeggiato da Torre e San Pierino, non molla di un solo metro. E così le sorprese non sono finite. Impegnati nel loro testa a testa, i due battistrada non si accorgono che San Pierino pigia sull’acceleratore all’inizio della penultima dirittura. Melantò de Aighenta, condotto da Virginio Zedde, passa in testa e va a conquistare il palio, davanti a Misteriosu e Siri per Torre e Gaston Baio e Pusceddu per Borgonovo. San Pierino festeggia così la sua quarta vittoria, dopo quelle conquistate nel 2005, 2006 e 2007
da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Castiglion Fiorentino

Messaggio  jabru il Sab Giu 19, 2010 5:22 pm

E’ ormai la vigilia del Palio 2010. Tutto è pronto per la galoppata dei sei cavalli che cercheranno di conquistare la vittoria e il Palio numero 32 dell'era moderna. Porta Romana, la contrada detentrice del Palio, farà scendere in pista per la “provaccia” di stasera Igor de Mores, il vincitore del 2009, Murra di Gallura e Licurgo. A montare in sella dovrebbero essere probabilmente Columbu e Ballesteros. Porta Fiorentina ha invece iscritto Gezabele, già protagonista anche in Piazza del Campo, Levriera Saura e Melissa Bella. In sella Mureddu e Canu. Infine il Cassero, che ha portato alla visita veterinaria Dostoevskij, anche lui già in gara al Palio di Siena, e poi Freelander e Grein. Quasi certi i fantini: Pusceddu e Chiti
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Animalisti contro il palio dei ciuchi di Poggibonsi

Messaggio  jabru il Lun Giu 21, 2010 4:47 pm

Sono da anni un sostenitore del Movimento Una, residente in provincia di Siena e con enorme sorpresa vengo a sapere che proprio a Poggibonsi, dove ha sede una attiva sezione dell'Una, è in programma per domenica 27 giugno una corsa dei ciuchi che prevede l'uso degli asini per una gara, che a mio parere non ha ragione di esistere sia dal punto di vista storico-culturale che per ragioni etiche e morali, ma forse solo per muovere il vil denaro. Ormai da anni, anche in molte località toscane si abbandona questa triste circostanza e con meraviglia noto invece che a Poggibonsi si ripropone per il secondo anno consecutivo questa farsa, che lede il diritto alla non sofferenza e alla dignità degli animali. Mi preme ricordare che di recente è stata emanata una ordinanza ministeriale che permette le gare, le competizioni o le manifestazioni con equidi solo seguendo un preciso disciplinare, che dubito sia rispettato per questa neonata pagliacciata poggibonsese. Non me ne vogliano gli organizzatori ma ci sono ben altri modi per divertirsi o per diffondere conoscenza delle tradizioni e del territorio, piuttosto che per introitare dei quattrini; fate altro invece che sfruttare e mettendo a rischio e in ridicolo degli animali, che hanno dei diritti come tutti gli esseri umani. Mi permetto invece di richiamare l'attenzione delle Autorità di competenza: sindaco, prefetto e dirigente della Asl, rammentandogli solo di verificare le normative e le disposizioni vigenti in materia, con la speranza che le normative vengano tutte rispettate come previsto dalla legge, diversamente mi appello al Loro buon senso e capacità di gestione del territorio per far si che si impediscano anche delle illegalità. L’Una nazionale ha moltiplicato gli sforzi per impedire lo svolgersi di manifestazioni che contemplano lo sfruttamento di animali. Dopo la serrata campagna, che ha ottenuto di mobilitare perfino alcuni membri del parlamento, per salvare dalla sofferenza la colomba di Orvieto, elevata a simbolo di tutti gli animali utilizzati per il divertimento degli uomini, l’azione dell’Una si è rivolta a molte altre feste, sagre e palii durante i quali, in nome della tradizione, si infliggono sofferenze e offese agli animali. Sono stati diffidati molti sindaci dal concedere l'autorizzazione allo svolgersi di tali manifestazioni e, dove le gare abbiano avuto luogo, l’Una ha presentato denunce per maltrattamento di animali. Abbiamo manifestato la nostra contrarietà al Palio delle Rane di San Casciano Bagni, alla Festa del Grillo di Firenze e alla Corsa delle Oche di Lacchiarella e di Isola Dovarese, alle battaglie tra le mucche e ai combattimenti tra capre che si svolgono in molti comuni della Valle d'Aosta, nonché a molte competizioni durante le quali sono impiegati asini e cavalli

Mario Giannelli da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Tragedia per il Capitano del palio di Asti

Messaggio  jabru il Dom Lug 11, 2010 4:56 pm

Per i tanti senesi che frequentano Asti nel periodo del palio, Mario Vespa è un volto conosciuto. E’ lui il Capitano del Palio, da quattro anni massimo esponente della festa astigiana. Cordiale e disponibile nonostante la sua mole possente, Mario Vespa è una persona che sa farsi apprezzare e che non passa inosservata. La scorsa notte una tragedia gli ha spezzato la vita e gli ha portato via i due figli, Enrico di 11 anni e Ilaria di 9. Le immagini del terribile incidente sono passate anche sui tg nazionali, proprio per la crudeltà del destino. Mario Vespa, promotore finanziario di 52 anni, stava tornando dalle vacanze trascorse con la famiglia in Puglia. Erano le 6 del mattino quando la Fiat Multipla condotta dalla moglie, Elena Gaia di 48 anni, è impazzita. La macchina ha sbandato mentre percorreva l'autostrada A21 (Torino-Piacenza) nei pressi di Casteggio, in provincia di Pavia. Ha sbattuto tre volte nel guard rail, poi ha trovato un varco e si è ribaltata nella scarpata sottostante. I due bambini, che probabilmente dormivano nei sedili posteriori, sono morti sul colpo. Nell’urto Mario Vespa ha avuto un braccio amputato. Praticamente illesa la moglie, che è stata prima trasportata all’ospedale di Voghera in stato di choc e poi è stata dimessa nel pomeriggio ed ha raggiunto il marito a Milano. Mario Vespa, trasportato d'urgenza all'ospedale Niguarda di Milano con l’elisoccorso, è stato sottoposto ad una delicata operazione ma è stato impossibile riattaccare l’arto. E’ ricoverato in prognosi riservata ma non sarebbe in pericolo di vita. La notizia della tragedia si è rapidamente diffusa ad Asti ed anche a Siena, sconvolgendo tutti gli appassionati della corsa che si tiene la terza domenica di settembre. Tutte le manifestazioni di Asti sono state sospese o saranno effettuate con bandiere a lutto. A Vespa sono affidati gli incarichi di coordinamento e applicazione del regolamento per il corretto svolgimento della corsa
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Casole d'Elsa

Messaggio  jabru il Lun Lug 12, 2010 10:03 am

Cavallano ha vinto il palio di Casole d’Elsa

La contrada Cavallano ha vinto il palio di Casole d’Elsa con il cavallo Farsaro e il fantino Andrea Chessa. Una corsa straordinaria che ha portato alla vittoria Cavallano, davanti a migliaia di persone, contradaioli e appassionati. Quello di Casole è un appuntamento importante per il mondo dei palii.

>>11/07/2010 20.31.00(SIENANEWS)

avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Bientina

Messaggio  jabru il Lun Lug 19, 2010 4:45 pm

Mureddu vince a Bientina
19/07/10 - 11:52 Mureddu conosciuto a Siena con il soprannome Filuferro ha trionfato al Palio di Bientina che si è corso ieri. Il fantino che correva per i colori di Guerrazzi in groppa a Isopac si è messo alle spalle Antonio Siri su Fantastic dopo una mossa durata a lungo che lo ha visto anche cadere a terra forzando il canape. Durante la corsa finisce a terra anche Farris, per il quale si temeva la frattura del malleolo, ma in serata sono arrivate notizie rassicuranti dal pronto soccorso.
Antenna Radio Esse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Piancastagnaio

Messaggio  jabru il Ven Lug 23, 2010 9:44 am

Agnorelli, sindaco Piancastagnaio: "Impegno per Palio e l'adeguamento dello stadio comunale"

"Il Comune è impegnato da mesi per mettere a norma lo stadio comunale e per adeguare sia la pista per il Palio che il campo e le tribune per il campionato di calcio della Pianese in Serie D". Lo afferma Fabrizio Agnorelli, sindaco di Piancastagnaio intervenendo sugli adeguamenti richiesti per permettere allo stadio comunale di ospitare le due manifestazioni.



"L'ordinanza ministeriale - continua Agnorelli - ha introdotto una serie di nuovi adempimenti. Solo da poco tempo i funzionari dell'UNIRE partecipano alle commissioni che precedono Palii e corse. Il Comune si è attivato, da tempo, per richiedere un sopralluogo preventivo, in modo da capire dove e come intervenire e, attraverso l'impegno del dottor Sorcelloni, responsabile dei Giochi Storici dell?UNIRE, che ringraziamo, sabato scorso abbiamo avuto il sopralluogo preventivo del funzionario incaricato, l'architetto Baldini. Dalla visita - aggiunge Agnorelli - sono emerse molte prescrizioni, che stiamo già attuando, per modificare e mettere in sicurezza, per cavalli e fantini, la pista che ospita il Palio. Questo farà slittare di alcuni giorni le prove che, secondo il regolamento, sarebbero potute iniziare da ieri, 21 luglio. Ne abbiamo già informato le quattro contrade, con le quali ci scusiamo, che hanno compreso la necessità di rispettare l'ordinanza del sottosegretario Martini, che diventerà legge nel 2011, e in seguito alla quale molti Palii sono stati già annullati".



"Oltre ai lavori sulla pista - continua Agnorelli - il Comune sta provvedendo a cantierare gli adeguamenti richiesti dalla Figc e ad acquisire tutte le certificazioni prescritte dalla Commissione di vigilanza per il pubblico spettacolo, in modo da essere in regola anche per ospitare le partite di calcio della neopromossa Pianese. Abbiamo la responsabilità e l'obbligo di coniugare tutti gli interventi richiesti al fine di dotare Piancastagnaio di una struttura efficiente e pronta ad ospitare, oltre al Palio, un grande appuntamento: il campionato di Serie D, che vedrà protagonista la nostra squadra per la prima volta nella sua storia, e il Palio del 18 agosto. L'impegno è arduo, sia per i tempi molto stretti che per lo sforzo economico, ma voglio rassicurare il presidente, Maurizio Sani e i tifosi, che l?amministrazione comunale intende portarlo a termine".


>>22/07/2010 16.21.00(PIANCASTAGNAIO)

Sienanews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Al femminile il palio di Piancastagnaio

Messaggio  jabru il Mer Ago 11, 2010 5:07 pm

PIANCASTAGNAIO. Tutta al femminile la parte artistica del palio di Piancastagnaio, sia nel drappellone dipinto da Rosalba Parrini, sia nel "cupello", una specie di masgalano in premio alla contrada che sfila meglio, realizzato dall'artista Cecilia Rigacci, in assonanza e in contemporanea alla mostra di grafica e pittura, esposta nelle sale dell'acqua della Rocca Albobrandesca, "Donne: storia e costume nel percorso dei secoli" di Alda Casini.
A fare le presentazioni, oltre al sindaco Agnorelli e all'assessore Renai, il critico Gilberto Madioni, che, dopo aver ricordato che il palio di Piancastagnaio rappresenta una specie di viatico per il palio di Siena (Franco Fortunato, al quale è stato commissionato il cencio per il prossimo palio dell'Assunta, tre anni fa dipinse il drappellone per il palio della Madonna di San Pietro di Piancastagnaio del 18 agosto), ha ricordato il profilo internazionale della Parrini, e la presenza nella saletta comunale di otto bozzetti preparatori e di altre opere dell'artista. Più in particolare del dipinto ha ricordato l'intensità dei colori, definendolo scenicamente perfetto, e rilevandone il motivo portante nei cavalli. Si tratta di un'opera a portata popolare, attenta alle tradizioni pianesi, con, oltre gli animali, il monte Amiata, la figura della Madonna di San Pietro in alto, diafana, con caratteristiche non ben identificabili, che, spiega l'autrice, "lascia spazio interpretativo a chi si rivolge a lei in preghiera. E' una vergine materna, che tiene in mano un giocattolo da regalare al figlio. La montagna è di un colore inconsueto, lo stesso, commenta la Parrini, che ha quando la vedo al mattino, da Monteaperti. Il terzo elemento è costituito dalle fase concitata della mossa - aspetto tratto direttamente dalla corsa di Piancastagnaio dove la partenza, fondamntale per la carriera, assume aspetti talvolta snervanti - con i cavalli veri protagonisti della corsa, mentre i fantini non hanno un'identità precisa. Infine la varietà dei colori, in cui ogni contradaiolo potrà cogliere un segnale propiziatorio per la vittoria". Decisi elementi di novità anche nel cupello, non più il solito piatto, nel materiale, l'ottone, un lavoro che la stessa autrice Cecilia Rigacci ha definito a quattro mani, essendosi avvalsa anche dell'esperienza e dell'estro di Mauro Cerretani "coltellinaio in Buonconvento" e nella forma, a spirale, con un preciso significato, messo in luce dall'artista stessa: "Chiudere l'evento nel fatto compiuto per lasciare il suo perpetuarsi libero di accadere. Un inizio senza una fine, intrappolato nella trama del tempo che diventa storia, ma ad una condizione, che ritorni ad essere, a riproporsi con la ritualità, e sempre con l'imprevedibilità della sorte. Ciò che l'uomo programma e controlla con la ragione ordinata appartiene a questo mondo, il resto appartiene al destino. E' nell'incognita che troviamo il coraggio di vivere. Ecco perché la spirale: essa è una linea che si avvolge su se stessa, senza fine, che collega incessantemente le due estremità del divenire - evoluzione-involuzione, nascita-morte - rende manifesto il movimento che esce dal punto di origine e lo mantiene prolungandolo all'infinito".


Il Cittadino Online
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: palii in provincia

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum