Palio dell'Assunta

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Andare in basso

Assegnati i cavalli

Messaggio  jabru il Ven Ago 13, 2010 3:35 pm

E' stata effettuata in Piazza del Campo l'assegnazione dei cavalli alle dieci Contrade che parteciperanno al Palio di Siena del 16 agosto 2010. I favoriti Fedora Saura e Istriceddu, già vincitori del Palio, sono andati rispettivamente al Valdimontone e Tartuca.

L'assegnazione dei cavalli è avvenuta in ritardo alle 14.00 a causa del maltempo che ha reso impraticabile il tufo di Piazza del Campo.

Questa sera non si correrà la prima prova.

SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Palio in poltrona

Messaggio  jabru il Ven Ago 13, 2010 5:48 pm

SIENA. Bubboli a sfare, e l’acqua viene giù a bestia. Tutto fermo, tufo liquido in rivoli per piazza a buttarsi nel Gavinone. Meno male che le batterie erano finite e i capitani riuniti in concistoro dentro il Palazzo a scegliere il lotto dei dieci eletti. I quali vengono trattenuti, immobili, nell’Entrone con un vigile a fianco di ciascuno. Questione di regolamento: finché non sono assegnati, la responsabilità è del Comune.
Esclusi diversi vip, c’è un imbarco di novità. E s’aspetta che spiova. Intanto si sa che la prima prova stasera non si correrà, tufo troppo allentato, i rischi sono tanti. I cavalli riposeranno nelle nuove stalle di contrada coccolati dagli addetti. Smette di piovere, gli operai a sistemare la pista alla meglio, la gente viene in piazza con ombrelli, impermeabilini rossi e blu, fazzoletti e giornali nel capo, citte con le gambe nude bagnate e le scarpe piene d’acqua e tufo. Ardimentosi siedono nei palchi bagnati.
Intanto la macchina si mette in moto: chiarine alle 14,01, capitani al posto, sindaco e assistenti imbossolano nomi e numeri. Monturati con le facce un po’ stralunate aspettano il verdetto. Niente esultanze dei contradaioli, niente volate a prendere il cavallo, che passerà da via Duprè per le rispettive sedi.
E ecco le sentenze. Mocambo nuovo al Nicchio (boh), Indianos nuovo alla Selva, Mortimer nuovo al Drago, Istriceddu alla Tartuca e berci lontani di esultanza, Lo Specialista nuovo niente male all’Onda, e sono tutti lì, Ilon alla Civetta, Lahib all’Oca, Guschione alla Giraffa, Elfo di Montalbo ha rifatto al Bruco, e la doppia vittoriosa Fedora Saura al Montone! Qui i berci si sono sentiti, e anche un branchetto di gente montonaiola s’è buttata a prendere il cavallo. Con un barbero così, chi li frena?
Tutti al lavoro sulla pista. Speriamo non ripiova. A domattina. E sogni d’oro.
Lisca da Il cittadino Online
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Walzer delle monte

Messaggio  jabru il Ven Ago 13, 2010 5:55 pm

ORE 16,40
Nuovo sussulto del valzer. Con tutto definito, mancano due certezze, quelle di Onda e Valdimontone. Nelle due Contrade mancano le ufficialità rispettivamente di Scompiglio e Mulas. E non si capisce quali siano le intenzioni delle due drigenze, che stanno attuando un gioco al rialzo. Prima curiosità: in cinque Contrade fantini che hanno già vinto con lo stesso giubbetto.

ORE 16,25
Sarà già finito il valzer delle monte dopo che nella Tartuca è arrivato Luigi Bruschelli detto Trecciolino? Chissà? Intanto Silvano Mulas detto Voglia è nel Valdimontone; Francesco Caria detto Tremendo nel Nicchio; Alessio Migheli detto Girolamo nel Drago; Giuseppe Zedde detto Gingillo nel Bruco; Alberto Ricceri detto Salasso nella Selva; Giovanni Atzeni detto Tittia nell’Oca; Andrea Mari detto Brio nella Civetta; Luca Minisini detto De’ nella Giraffa; Jonatan Bartoletti nell’Onda.

ORE 16
Esposta la bandiera verde, niente prima prova

ORE 15,45
Trecciolino nella Tartuca, Caria nel Nicchio. Praticamente chiuso tutto

ORE 15,30
Nessuna sorpresa dalle Contrade con il proprio fantino, Nicchio a parte: Gingillo nel Bruco su Elfo di Montalbo, Giovanni Atzeni nell'Oca su Lahib, Alessio Migheli nel Drago su Mortimer.


ORE 15,20
Con la comunicazione ufficiale dell'annullamento della prima prova, il valzer si rallenta. Chiave di lettura, la scelta di Luigi Bruschelli fantino del Niccchio, che conosce molto bene Mocambo, di cui è allenatore. Nel Valdimontone è quasi certo Jonatan Bartoletti, con Mulas nell'Onda (che in provincia ha montato Lo Specialista) e Ricceri nella Selva.

ORE 15
Parte il valzer delle monte che potrebbe portare Luigi Bruschelli detto Trecciolino nella Tartuca (ma c’è anche ipotesi Jonatan Bartoletti detto Scompiglio) mentre nel Valdimontone potrebbe andare Andrea Mari detto Brio o Silvano Mulas detto Voglia o Bartoletti. Nel Nicchio potrebbe finire Francesco Caria detto Tremendo se non resta Bruschelli; nel Bruco rimane Giuseppe Zedde detto Gingillo; nell’Oca resta Giovanni Atzeni detto Tittia; nel Drago va Alessio Migheli detto Girolamo; nell’Onda potrebbe andare Luca Minisini detto De’ o Bartoletti oppure Mulas; nella Selva potrebbe restare Mulas o Antonio Villella detto Sgaibarre o fiducia a Igor Argomenni; nella Giraffa potrebbe tornare Alberto Ricceri detto Salasso; nella Civetta ipotesi Mari.



>>13/08/2010 14.59.00(SIENANEWS)



avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La Selva vince la seconda prova

Messaggio  jabru il Sab Ago 14, 2010 10:37 am

SIENA. Cielo nuvoloso per la seconda prova, dopo l'annullamento di ieri. Viste le previsioni del tempo, potrebbe essere annullata anche la terza prova, mentre è in discussione anche il corteo dei Ceri.
Confermate le monte, già consolidate nel pomeriggio di ieri:
ONDA - LO SPECIALISTA -SCOMPIGLIO

GIRAFFA – GUSCHIONE - DE'

CIVETTA – ILON - BRIO

OCA - LAHIB - TITTIA

SELVA – INDIANOS - SALASSO

BRUCO - ELFO DI MONTALBO -GINGILLO

DRAGO – MORTIMER - GIROLAMO

NICCHIO – MOCAMBO - TREMENDO

VALDIMONTONE - FEDORA SAURA - VOGLIA

TARTUCA – ISTRICEDDU - TRECCIOLINO
Il Cittadino Online
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Seconda prova: vince la Selva

Messaggio  jabru il Sab Ago 14, 2010 10:41 am

La Selva vince la seconda prova
14/08/10 - 09:13La contrada della Selva, con Alberto Ricceri detto Salasso su Indianos, ha vinto al seconda prova di questa mattina, prima uscita dei cavalli e dei fantini in attesa della Carriera di lunedì (ieri, infatti, la prima prova era stata annullata per le forti piogge che avevano inzuppato la pista). Di rincorsa la Tartuca, con Trecciolino che entra dal Verrocchino quando il Valdimontone, al 9° posto, è di traverso. Partenza dunque a rilento per queste due contrade, mentre nella parte bassa scattano con prontezza Onda, Civetta e Giraffa. Primi due giri ad andatura sostenuta per Andrea Mari su Ilon (Civetta), che poi richiama il cavallo e si fa superare dalla Selva. Salasso prova il barbero nell'ultimo giro e va a vincere la prova. Cielo grigio su Piazza del Campo, con gli operatori del Comune di Siena che hanno sgomberato a tempo di record la pista per permettere il regolare svolgimento della prova. Occhi rivolti in alto, dunque, con le previsioni che non lasciano presagire nulla di buono per il resto della giornata di oggi e per buona parte di domani. Il tufo, in ogni caso, ha retto benissimo alle piogge di ieri.

Questo l'ordine di ingresso ai canapi e le accoppiate della Seconda Prova:

1) ONDA - JONATAN BARTOLETTI detto SCOMPIGLIO su LO SPECIALISTA
2) GIRAFFA - LUCA MINISINI detto DE' su GUSCHIONE
3) CIVETTA - ANDREA MARI detto BRIO su ILON
4) OCA - GIOVANNI ATZENI detto TITTIA su LAHIB
5) SELVA - ALBERTO RICCERI detto SALASSO su INDIANOS
6) BRUCO - GIUSEPPE ZEDDE detto GINGILLO su ELFO DI MONTALBO
7) DRAGO - ALESSIO MIGHELI detto GIROLAMO su MORTIMER
Cool NICCHIO - FRANCESCO CARIA detto TREMENDO su MOCAMBO
9) VALDIMONTONE - SILVANO MULAS detto VOGLIA su FEDORA SAURA
10) TARTUCA - LUIGI BRUSCHELLI detto TRECCIOLINO su ISTRICEDDU
Antenna Radio Esse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Seconda prova alla Selva

Messaggio  jabru il Sab Ago 14, 2010 10:45 am

La seconda prova del Palio di Siena del 16 Agosto 2010 è stata vinta dalla Contrada della Selva con Alberto Ricceri detto Salasso su Indianos.

L'ordine di ingresso ai canapi, agli ordini del mossiere Bartolo Ambrosione, in questa seconda prova (che in effetti è la prima disputato in quanto la prova di ieri non si è corsa a causa del maltempo) è stato inverso a quello della prima prova: Onda, Giraffa, Civetta, Oca, Selva, Bruco, Drago, Nicchio, Valdimontone e Tartuca di rincorsa.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Palio in poltrona

Messaggio  jabru il Sab Ago 14, 2010 7:35 pm

SIENA. E non si corre neanche questa terza prova. Lassù qualcuno non ci ama. E davanti alla tv in poltrona può anche venire l’abbiocco coi pensieri che scorrono vertiginosi all’indietro.
Al tempo di quando da ragazzi ci s’ingegnava per vestirsi nella comparsa in giro all’omaggio dei protettori, con l’orgoglio che si sentiva sulla pelle il colore della montura che pareva fatta su misura per i nostri corpi secchi dalla fame che resisteva dalla fine della guerra, e il peso del manico piombato della bandiera.
Giro lungo “a piedi” anche in campagna per far sentire al protettore che la contrada era presente. Magari i piedi non si sentivano per le scarpe a punta che stringevano i ditini in cima. Pranzo con un bel piatto di trippa incaciata bene in un ristorantino di via delle Terme, un po’ (poco!) di vino per mandare giù tutto e si finiva il giro stracchi rifiniti.
Ma quando si tornava in contrada passando per il corso con la gente che ci guardava con la bocca a riso ci passava tutto, si raddrizzavano le spalle, petto in fòri e le larghe ventole con la bandiera a sfiorare soprattutto il capo alle citte coll’occhioni sgranati.
Ci si sentiva padroni del mondo. Poi è cominciato il periodo della “stanca”, i ragazzi ammosciati dalle serate in discoteca o al pub, i musi lunghi, le proteste e il condiscendere forzato della dirigenza: si sa, so’ giovani, risparmiamoli… e arrivano i pulmini per portarli a sbandierare ai protettori un pochino più lontani. Poi la decisione di lasciare il giro extra moenia. Sto a S. Prospero e è come fossi a Guanguingueri. Solo un paio di contrade resistono, quelle proprio attaccate alla zona. E quando le sento e le vedo mi ritrovo più escluso dalla mia, dimenticato. Ancora qualcuno viene a riscuotere la tessera, e è una boccata d'aria di contrada, anche se poi si chiede di versare l’importo sul conto corrente. E svanisce anche l'odore.
Mi sveglia un tuono, fuori piove proprio bene. Niente terza prova. Che tempo uggioso. Domani? Dice che migliorerà. Speriamo.
Lisca da Il Cittadino Online
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Annullata la terza prova

Messaggio  jabru il Sab Ago 14, 2010 7:38 pm

SIENA. Annullata la terza prova del Palio del 16 agosto per l’inagibilità della pista a causa della pioggia, che ha reso impraticabile il tufo steso intorno a Piazza del Campo.
Il maltempo si accanisce sulle prove. si potrebbe anche arrivare alla Carriera senza ulteriori prove, se la pioggia continuerà a rendere il tufo scivoloso e molto morbido.
Intanto nel pomeriggio è stato anche annullato il Corteo dei Ceri.
Il Cittadino Online
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Le Monte

Messaggio  jabru il Sab Ago 14, 2010 7:41 pm

SIENA. Le certezze: Tittia nell'Oca, Gingillo nel Bruco. Migheli nel Drago, da bravi fantini di contrada. Nella Tartuca si è parlato subito di Trecciolino, ma ci sono stati anche voci che lo volevano in bilico. Brio si è accasato nella Civetta, mentre per De' nella Giraffa c'è voluto più tempo del previsto; alla fine l'accordo c'è. Voglia monterà Fedora per il Montone: è l'accoppiata vincente di Luglio.
Gli altri fantini: dopo qualche tentennamento Caria (Tremendo) monta per il Nicchio; Alberto Ricceri (Salasso) è nella nella Selva. Jonatan Bartoletti è nell’Onda.
Il Cittadino Online
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Monte

Messaggio  jabru il Sab Ago 14, 2010 8:01 pm

Siena, 14 agosto 2010 - Appena due ore per chiudere i giochi. Non appena anche la Giraffa, cambiando le carte in tavola, ha messo il giubbetto a Dè, le dieci accoppiate si sono completate. E lo hanno fatto proprio come avevamo scritto ieri. Nell’assegnazione più strampalata dal dopoguerra a oggi (stando alle memorie storiche), con la pioggia che ha costretto a ritardi e cavalli arrivati nella stalla accompagnati solo dai barbareschi e da pochissimi contradaioli, la sorte ha baciato Valdimontone e Tartuca. E proprio quest’ultima, in tempo quasi reale, ha creato l’accoppiata: Istriceddu e Trecciolino.



Luigi Bruschelli ha quindi lasciato il giubbetto blu dei Pispini per tornare in Castelvecchio dove ha ritrovato l’accoglienza di sempre da parte di un popolo che comunque si gode questa posizione privilegiata con grande serenità. Nel Nicchio, il passaggio è stato quasi automatico, è andato Francesco «Tremendo» Carìa a montare quel Mocambo che, pur essendo nuovo sul tufo, conosce benissimo. Mentre la Tartuca chiude la pratica Bruschelli, nel Valdimontone girano le prime voci sull’arrivo di Scompiglio. Fedora Saura decisamente attrae e a questo punto nulla stupirebbe del cambio di strategie.



Punti fermi, stando ai cavalli assegnati, rimangono Girolamo nel Drago sull’esordiente Mortimer e Gingillo nel Bruco sul grande esperto Elfo di Montalbo. così come Tittìa nell’Oca, dove è arrivato il potentissimo Lahib. E da queste accoppiate non ci si è mai smossi. Due Palii alle spalle per Ilon, che tocca in sorte alla Civetta così che capitan Betti decide di puntare su quel Brio che proprio un anno fa su Istriceddu coronò il sogno di vittoria del Castellare. Così che eventualmente si lasciava aperta la porta della Giraffa che, a seguito delle dichiarazioni fatte dopo luglio, non lasciava pensare a una riapertura verso Vittorio. Tanto che su Guschione per pochi minuti si è ipotizzata la monta di Antonio "Amsicora" Siri, che conosce molto bene il cavallo. Ma nel chiudere il cerchio, in via delle Vergini si è preferito il ritorno del livornese Dè. Il che ha significato comunque la rinuncia per Vittorio ad essere in Piazza ad agosto.



Poi arriviamo alla Selva che, ancora col sapore del trionfo in bocca, su Indianos ha preferito montare Salasso al rientro della squalifica, ultimo fantino prima di Voglia a vincere per Vallepiatta, nel 2006. Ed ecco che il fantino vittorioso del mese scorso, si contende due situazioni: da un lato Lo Specialista, l’ottima novità andata in sorte all’Onda, dall’altra la grigia Fedora che lo ha condotto al suo primo trionfo in Piazza. Alla fine dei giochi, il fantino sceglie proprio di ricomporre l’accoppiata con Fedora nel Montone, mentre Scompiglio torna a indossare come a luglio il giubbetto bianco e azzurro di via Dupré per una grande occasione su un cavallo che dopo tanti consensi debutta sul tufo. Tutto è fatto, o quasi. Nel tardo pomeriggio, quando si dovrebbe essere già stati in Piazza per la prima prova (annullata causa pioggia), si diceva che tra Onda e Montone fossero possibili scambi di fantini. I tempi di cronaca non ci permettono di scriverlo adesso.

Katiuscia Vaselli da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La leggenda delle quattro verdi

Messaggio  jabru il Dom Ago 15, 2010 9:30 am

Sarà pure una leggenda, ma anche stavolta il Palio “delle quattro verdi” riserva una sorpresa dopo l'altra. Un'assegnazione come quella di ieri non l'avevamo mai vista, l'atmosfera che si vive nelle Contrade – lontana dalla Piazza e dai “bollori” tipici dei giorni di Festa – appare rarefatta e, per l'appunto, annacquata. Insomma, a camminare per le strade della città, non sembra neanche Palio.

Però, al contrario, la macchina organizzativa va avanti cercando, per quanto possibile, di trovare soluzioni ai disagi causati da Giove Pluvio, contro il quale nulla possiamo. Quindi, annullata la prova di ieri sera e – con la bandiera verde esposta intorno alle 16 di oggi – anche quella che avrebbe dovuto corrersi stasera, è già in forse anche la quarta prova, quella in programma domani mattina. Il tufo in Piazza è infatti, comprensibilmente, “allagato” e i tecnici del Comune sono a lavoro per capire come muoversi; quel che è certo è che nessuno – né il Sindaco, Maurizio Cenni, né tanto meno i dieci capitani delle contrade al canape – avranno la minima voglia di rischiare. Se la pista non è perfetta, meglio rinunciare a un'altra prova o, al limite, rinviarla alla tarda mattinata., come successe a luglio dell'anno scorso quando la seconda prova fu corsa alle 11, in un'atmosfera nebbiosa a dir poco surreale (per l'amore della cronaca, vinse la Tartuca; non la prova, il Palio).

Tant'è, ormai c'è da abituarsi alle “cose mai viste”, mentre i contradaioli cercano altri modi di passare il tempo, visto che anche le cene sono problematiche e, senza vedere la prova, il gossip più o meno esperto da “radio Palio” scarseggia.
Ieri sembrava che le monte non fossero del tutto assestate. Si ventilava ancora un possibile scambio tra Montone e Onda, ad oggi rispettivamente con Silvano Mulas detto Voglia e Jonatan Bartoletti detto Scompiglio, ma per il momento – appunto – sono tutte chiacchiere.

Certo, l'annullamento delle prove non aiuta a capire quali accoppiate salgono e quali invece faticano a trovare il feeling. La lettura più banale ci porterebbe a dire che i cinque esordienti del lotto (Lahib, Mocambo, Indianos, Mortimer e Lo Specialista) saranno danneggiati dalle scarse possibilità di testare la pista e che, in queste condizioni, potrebbe valere ancora di più la “carta” che vede favorite la Tartuca, il Montone e (seppur un passo indietro) il Bruco, con gli esperti Istriceddu, Fedora Saura e Elfo di Montalbo. La prova di questa mattina ha dato ben poche indicazioni, con alcune contrade che non hanno neanche fiancato alla mossa e un tempo di percorrenza lentissimo per tutti.

Oggi pomeriggio anche la tradizionale processione del cero è saltata. Sarebbe dovuta partire alle 16,30 dalla Chiesa di San Giorgio, ma in quel momento sulla città si stava abbattendo un vero e proprio diluvio. Niente da fare e i giovani monturati delle contrade sono arrivati direttamente in cattedrale, in auto o addirittura in taxi (per non rischiare di rovinare le monture) e l'offerta dei ceri alla Vergine Maria si è “limitata” alla parte finale, quella dentro il Duomo.

Insomma, non resta che far passare un'altra nottata nell'attesa che il tempo, almeno quello meteorologico, inizi a voler bene a questo Palio. Due dei quattro giorni di festa, praticamente, se ne sono già andati. La speranza è che da domani possa cominciare la festa vera, seppur “dimezzata”. E che le sorpresacce delle “quattro verdi” possano finire qui. Per stavolta può anche bastare.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Posticipata la quarta prova

Messaggio  jabru il Dom Ago 15, 2010 9:54 am

Palio di Siena - Bandiera bianca al Comune, prova posticipata alle 9,30 DIRETTA SU SIENA NEWS

Questa mattina la prova è posticipata di 30 minuti. Le condizioni del tufo sono leggermente allentate, ma la giornata di sole prevista per oggi fa bene sperare per la Prova Generale di questa sera e la Provaccia di domani
SIENANEWS
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La quarta prova va alla Giraffa

Messaggio  jabru il Dom Ago 15, 2010 10:43 am

La quarta prova del Palio di Siena del 16 Agosto 2010 è stata vinta dalla Contrada della Giraffa con Luca Minisini detto Dè su Gushione.

Dopo il rinvio per permettere al tufo di asciugarsi ulteriormente, buona mossa di Drago, Civetta, Selva. Dopo un giro con l'Oca in testa vince la Giraffa.

L'ordine di ingresso ai canapi, agli ordini del mossiere Bartolo Ambrosione, in questa quarta prova (in realtà la seconda disputata a causa del maltempo) è stato inverso di assegnazione dei cavalli: Bruco, Oca, Civetta, Drago, Tartuca, Selva, Giraffa, Valdimontone, Onda e Nicchio di rincorsa.

Queste le accoppiate contrada - cavallo con le monte della quarta prova:

BRUCO - Elfo di Montalbo - Giuseppe Zedde detto Gingillo
OCA - Lahib - Giovanni Atzeni detto Tittia
CIVETTA - Ilon - Andrea Mari detto Brio
DRAGO - Mortimer - Alessio Migheli detto Girolamo
TARTUCA - Istriceddu - Luigi Bruschelli detto Trecciolino
SELVA - Indianos - Alberto Ricceri detto Salasso
GIRAFFA - Guschione - Luca Minisini detto Dè
VALDIMONTONE - Fedora Saura - Silvano Mulas detto Voglia
ONDA - Lo Specialista - Jonatan Bartoletti detto Scompiglio
rincorsa NICCHIO - Mocambo - Francesco Caria detto Tremendo

SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Le quattro verdi

Messaggio  jabru il Dom Ago 15, 2010 11:09 am

Palio di Siena - In Piazza le quattro verdi e succede un po’ di tutto

Le quattro verdi non regalano mai Palii scontati, sia nei quattro giorni che nel loro esito finale. La tratta bagnata del 13 agosto, paradossalmente, non rimarrà negli annali. Le operazioni infatti, così come si sono svolte, hanno avuto tutto di regolare. Ben altra cosa furono, tecnicamente, le assegnazioni pomeridiane del 13 agosto 1999 e del 29 giugno 1988. Il Palio dell'agosto 2010 però si inserirà tra i Palii che hanno visto meno prove di tutti. Impareggiabile sarà lo straordinario del settembre 1972, quando furono svolte soltanto le procedure doverose del Palio: l'assegnazione e la carriera. Si correva il Palio per celebrare il compleanno plurisecolare del Monte dei Paschi e vinsero Aceto e Mirabella per l'Istrice. Un'accoppiata molto affiatata ed esperta, che ebbe come vantaggio proprio anche quello di correre zero prove, a causa di tre giorni di pioggia insistente, non facendo scoprire agli avversari le proprie potenzialità. Ineguagliabile è stato anche il Palio del 16 agosto 2002, quando un'ondata insolita di maltempo ricoprì Siena alcuni giorni prima del Palio. La terra fu posata in Piazza, ma le copiose acquate riuscirono a bagnare anche la pietra serena che, inumidita, non riusciva a far seccare il tufo.
L'amministrazione comunale fu costretta a togliere la terra da Piazza e riposarla. Fu deciso di far "riposare" il tufo appena steso il 13 agosto e le operazioni della tratta si svolsero il 14, togliendo di fatto un giorno completo dal Palio. Quella volta vinse la Tartuca lo storico Cencio di Botero, che fu presentato al teatro dei Rinnovati proprio a causa del maltempo. E parlando di acqua e presentazione del Palio, non ci si può dimenticare che la prima presentazione al pubblico del drappellone si svolse nella sala delle Lupe invece che nel cortile del podestà, proprio per pioggia, in occasione della carriera del 16 agosto 1984. Nella storia dei tanti rinvii per pioggia del Palio, ci sono state anche due carriere rinviate per ben due giorni: nel luglio del 1979 e nell'agosto del 1976. In entrambe le occasioni vinse la Civetta. Fu rinviato per pioggia anche l'unico Palio corso di giungo nel Novecento.
Era il Palio del centenario dell'Unità d'Italia, previsto per il giorno domenica 4 giugno. Si corse invece il 5, vinse il Nicchio con Vittorino e Uberta de Mores e il maltempo costrinse tanti senesi a prendersi un giorno di ferie dal lavoro. Venne rinviato per pioggia anche lo storico Palio della Pace, che era previsto per il 19 agosto del 1945. Un violento acquazzone fece sì che la carriera si corse il giorno successivo, quando fu il Drago a vincere il Palio con Folco e Gino Calabrò detto Rubacuori. Di solito il Palio dell'Assunta è più facilmente flagellato dal maltempo, anche se sono ben trenta anno esatti che il Palio si corre regolarmente il 16 agosto. L'ultima volta di una corsa il 17 fu nel 1980, con "scuffiata" del Leocorno ad opera di Aceto e Uana de Lechereo. Un rinvio per pioggia a livello generale non si verifica dal luglio del 1997, quando Il Pesse e Penna Bianca portarono in Provenzano il primo dei due Cenci del cappotto. In attesa di scrivere un'altra pagina di questa storia.

>>15/08/2010 9.52.00(SIENANEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La Giraffa vince la quarta prova

Messaggio  jabru il Dom Ago 15, 2010 11:14 am

Palio di Siena - La Giraffa vince la Prova corsa questa mattina

Ordine al Canape: Bruco, Oca, Civetta, Drago, Tartuca, Selva, Giraffa, Valdimontone, Onda.
Rincorsa: Nicchio.
La prova è stata vinta dalla Giraffa

Nessuna sorpresa sulle monte, che restano invariate:
Luigi Bruschelli detto Trecciolino corre per la contrada della Tartuca, nel Nicchio il giovane Francesco Caria detto Tremendo, nel Valdimontone il fresco vittorioso Silvano Mulas detto Voglia, nel Drago monta Alessio Migheli detto Girolamo, nella contrada del Bruco il fantino di contrada Giuseppe Zedde detto Gingillo, nella Selva torna Alberto Ricceri detto Salasso, nell'Oca il fantino è Giovanni Azteni detto Tittia, nella Civetta monta Andrea Mari detto Brio, il giubbetto della Giraffa è indossato da Luca Minisini detto Dè, e nell'Onda monterà Jonatan Bartoletti detto Scompiglio


>>15/08/2010 9.46.00(SIENANEWS)


avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Palio in poltrona: finalmente il sole

Messaggio  jabru il Dom Ago 15, 2010 12:47 pm

SIENA. Pare che lassù si siano decisi a farci godere (o patire) la nostra Festa con un bel sole che ha aiutato gli addetti a riparare la pista danneggiata dalla pioggia. Palio strano questo azzoppato dalle condizioni meteo che hanno tenuto tutti in apprensione con tanti nuovi cavalli che correranno senza prove importanti per abituarsi alle curve della piazza. Speriamo bastino queste ultime tre anche se la provaccia non fa legge. Monte confermate, cavalli riposati, accarezzati, lustrati a dovere e tante speranze e tante illusioni, attesa noiosa, tanto nervosismo dei fantini. Decide l’ultimo canape e la sorte dei tre giri fino al bandierino.
Stamani c’è gente in piazza, il ritardo di mezzora all’inizio della prova non si sente, sarà la giornata di mezz’agosto che dà più allegria, insomma, pare che ci siamo. La Madonna del Vecchietta troneggia sul drappellone, c’è chi l’ha definita un “Madonnone” rispetto a tante altre che parevano un francobollo. Il ritorno alla tradizione ci ha fatto gran piacere. Palchi colorati di fazzoletti e belle figliole, citte con ventagli verdi, e il Masoni subentra a Fabrizio Salerno per la cronaca della prova.
“A cavallo”, bandiera bianca, mortaletto e tamburo e i cittini sul palco delle comparse salutano coi fazzoletti le contrade che escono dall’Entrone, cavalli tranquilli, scambio di informazioni tra fantini, tondino e il primo a entrare è il Bruco, poi Oca, Civetta, Drago, Tartuca, Selva, Giraffa, Montone, Onda e Nicchio di rincorsa. Onda e Montone alte, fisarmonica in basso, Montone con Fedora di traverso a guardare la rincorsa. Nicchio fianca, sprint della Tartuca, Drago, Civetta, Oca, primo S.Martino Civetta, Drago, Selva, poi Oca allunga, Giraffa, Selva, Montone, Oca al secondo Casato, Giraffa, Montone, Drago, Bruco. Allungo del Montone dietro la Giraffa che vince la prova. Andatura abbastanza prudente, non si sa mai, ma efficace.
Stasera prova generale, cene, discorsi, promesse, speranze, partiti. E vino. Ciao alle 19,15.

Lisca da Il cittadino Online
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La Selava vinca la prova generale

Messaggio  jabru il Dom Ago 15, 2010 8:47 pm

La prova generale del Palio di Siena del 16 Agosto 2010 è stata vinta dalla Contrada della Selva con Alberto Ricceri detto Salasso su Indianos.

In una Piazza del Campo gremita buona mossa di Valdimontone, Oca, Drago e Selva. Dopo due giri molto convincenti con Fedora Saura in testa, Voglia richiama il cavallo vincitore del Palio di Luglio e vince la Selva.

Preceduti dalla prova della "carica" dei Carabinieri a cavallo, i cavalli sono entrati nei canapi secondo l’ordine del numero di orecchio all'atto del sorteggio, agli ordini del mossiere Bartolo Ambrosione: Valdimontone, Selva, Oca, Drago, Tartuca, Civetta, Giraffa, Onda, Bruco e Nicchio di rincorsa.

Queste le accoppiate contrada - cavallo con le monte della prova generale:

VALDIMONTONE - Fedora Saura F grigio 9 anni - Silvano Mulas detto Voglia
SELVA - Indianos C grigio 7 anni esord.- Alberto Ricceri detto Salasso
OCA - Lahib C sauro 6 anni esord. - Giovanni Atzeni detto Tittia
DRAGO - Mortimer C sauro 5 anni esord. - Alessio Migheli detto Girolamo
TARTUCA - Istriceddu C baio oscuro 7 anni - Luigi Bruschelli detto Trecciolino
CIVETTA - Ilon C sauro 7 anni - Andrea Mari detto Brio
GIRAFFA - Guschione C sauro 8 anni - Luca Minisini detto Dè
ONDA - Lo Specialista C baio 6 anni esord. - Jonatan Bartoletti detto Scompiglio
BRUCO - Elfo di Montalbo C baio 10 anni - Giuseppe Zedde detto Gingillo
rincorsa NICCHIO - Mocambo C baio 5 anni esord. - Francesco Caria detto Tremendo

SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Vince la Selva la prova generale

Messaggio  jabru il Dom Ago 15, 2010 8:50 pm

Palio di Siena - La Prova Generale vinta dalla contrada della Selva

La contrada della Selva ha vinto la Prova Generale di Ferragosto. Ottimo l'allineamento nei canapi. Sono uscite bene Drago, Selva, Montone, Onda.
Il Valdimontone ha sostenuto una posizione di primo piano per due giri della Piazza con Fedora Saura in splendida forma e in testa fino a quando non è stata richiamata da Voglia.
La Prova ha dato indicazioni positive soprattutto per quanto riguarda lo stato del tufo.

La Prova Generale è stata preceduta dal carosello dei carabinieri a cavallo

Ecco l'ordine di ingresso ai canapi:

VALDIMONTONE - Fedora Saura con Silvano Mulas detto Voglia

SELVA - Indianos (esordiente) con Alberto Ricceri detto Salasso

OCA - Lahib (esordiente) con Giovanni Azteni detto Tittia

DRAGO - Mortimer (esordiente) con Alessio Migheli detto Girolamo

TARTUCA - Istriceddu con Luigi Bruschelli detto Trecciolino

CIVETTA - Ilon con Andrea Mari detto Brio

GIRAFFA - Guschione con Luca Minisini detto Dè

ONDA - Lo Specialista (esordiente) con Jonatan Bartoletti detto Scompiglio

BRUCO - Elfo di Montalbo con Giuseppe Zedde detto Gingillo

NICCHIO - Mocambo (esordiente) con Francesco Caria detto Tremendo

Il mossiere Bartolo Ambrosione
Domani mattina per la Provaccia i barberi entreranno in ordine inverso.
Le monte si possono considerare definite, aspettiamo comunque domani mattina quando avverrà la segnatura dei fantini. A quel punto non ci potranno essere cambiamenti.


>>15/08/2010 18.23.00(SIENANEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La provaccia al Nicchio

Messaggio  jabru il Lun Ago 16, 2010 10:17 am

La provaccia del Palio di Siena del 16 Agosto 2010 è stata vinta dalla Contrada del Nicchio con Francesco Caria detto Tremendo su Mocambo.

In una Piazza del Campo vuota come di consueto in occasione della prova della mattina del Palio, buona partenza di Nicchio, Bruco e Onda. Con un'andatura molto ridotta vince il Nicchio.

Non si è presentata alla provaccia la Contrada della Giraffa. L'assenza sembra dovuta a problemi da parte del cavallo. Sarebbe quindi in forse la presenza della Contrada alla Carriera di questa sera.

I cavalli sono entrati nei canapi secondo l’ordine inverso rispetto al numero di orecchio all'atto dell'assegnazione del 13 agosto, agli ordini del mossiere Bartolo Ambrosione: Nicchio, Bruco, Onda, Civetta, Tartuca, Drago, Oca, Selva e Valdimontone di rincorsa.

Prima della corsa è stato osservato un minuto di raccoglimento in ricordo di Alain Enfaux, capo delegazione della città di Avignone, che durante la cena generale della Civetta è stato colpito da un colonnino di pietra parte di una terrazza sovrastante la Banca Toscana ed è deceduto nel corso della notte.

Queste le accoppiate contrada - cavallo con le monte della prova generale:

NICCHIO - Mocambo C baio 5 anni esord. - Francesco Caria detto Tremendo
BRUCO - Elfo di Montalbo C baio 10 anni - Giuseppe Zedde detto Gingillo
ONDA - Lo Specialista C baio 6 anni esord. - Jonatan Bartoletti detto Scompiglio
CIVETTA - Ilon C sauro 7 anni - Andrea Mari detto Brio
TARTUCA - Istriceddu C baio oscuro 7 anni - Luigi Bruschelli detto Trecciolino
DRAGO - Mortimer C sauro 5 anni esord. - Alessio Migheli detto Girolamo
OCA - Lahib C sauro 6 anni esord. - Giovanni Atzeni detto Tittia
SELVA - Indianos C grigio 7 anni esord.- Alberto Ricceri detto Salasso
di rincorsa VALDIMONTONE - Fedora Saura F grigio 9 anni - Silvano Mulas detto Voglia

SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Disgrazia alla cena della Civetta

Messaggio  jabru il Lun Ago 16, 2010 10:20 am

Cade pezzo di terrazza durante la cena della Civetta. Muore turista francese

E' morto all'ospedale di Siena Alain Enfaux, 77 anni (non 74 come in precedenza indicato), colpito da un colonnino di pietra durante la cena propiziatoria della contrada della Civetta in vista del Palio di questa sera. L'uomo era il capo delegazione della citta' di Avignone, gemellata con Siena, e ospite del Comune. All'ospedale era giunto in condizioni disperate e nonostante le cure dei sanitari e' deceduto intorno alle 2.45.

L'uomo era seduto al tavolo con alcuni amici quando improvvisamante è stato colpito alla testa da una parte del capitello reggente la terrazza del palazzo a lui sovrastante. Immediato l'intervento del 118. Da subito le condizioni del francese sono apparse gravissime. L'uomo è stato operato d'urgenza durante la notte. Sul posto carabinieri di Siena e vigili del fuoco che hanno effettuato un sopralluogo per valutare le dinamiche esatte dell'accaduto. Al momento dell'incidente la cena non era ancora finita e da poco aveva preso parola il fantino della Civetta Andrea Mari per il consueto discorso di metà serata. Grande tristezza e sconcerto tra i contradaioli del Castellare che hanno subito interrotto i festeggiamenti.

Sara Corti


>>16/08/2010 6.00.00(SIENANEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La Giraffa non partecipa alla Provaccia

Messaggio  jabru il Lun Ago 16, 2010 10:22 am

Palio di Siena - La Giraffa non parteciperà alla Carriera. Esentata dalla Provaccia

La Giraffa non partecipera' alla Provaccia. Un problema fisico al cavallo Guschione che si e' verificato ieri sera durante la Prova Generale. La contrada della Giraffa non parteciperà al Palio dell'Assunta. Le condizioni del cavallo non consentono la partecipazione alla carriera

>>16/08/2010 8.58.00(SIENANEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Palio in poltrona - una bella prova generale

Messaggio  jabru il Lun Ago 16, 2010 10:27 am

SIENA. Una bella prova generale, prima vera prova di questo palio scombussolato dal maltempo e dalle delusioni, il tempo regge, piazza gremita, serata bellissima, cavalli che arrivano in ritardo per la gran folla che riempie le strade chiuse per l’ammaio delle cene della prova generale. Capitani intervistati lamentano la mancanza delle due prove annullate dalla pioggia specie le accoppiate giovani, cinque su dieci.
Nicchio-Montone uniche avversarie, una con un esordiente e l’altra col grosso calibro c’è da stare poco allegri, secondo punti di vista, è chiaro. Canti, panoramiche di palchi e finestre con tanta gente, cittini, mamme e figlie infazzolettate, babbi e nonni da tutte le parti. Immagini della camera alta di palazzo Sansedoni con la gente a dimensione formica, pista riparata, chiusi i varchi e si aspetta il drappello dei Carabinieri per il giro d’onore. Entra fra gli applausi scroscianti che lo accompagnano per tutti i giri, passo, trotto leggero, galoppo e carica a sciabola puntata: il cavallo di un gregario affianca quello del comandante e lo supera negli ultimi metri nel rientro a S.Martino, gli toccherà un cacchiatone?
Mortaletto, escono i cavalli coi fantini che salutano i cittini che sventolano i fazzoletti, un bello spettacolo. Al canape Montone, Selva, Oca, Drago, Tartuca, Civetta, Giraffa, Onda, Bruco e Nicchio di rincorsa. Cavalli allineati e coperti, buoni e bravi ad aspettare la rincorsa che traccheggia, un allineamento così è un sogno. Via, schizza il Montone, Selva, Oca, Drago, primo S:Martino il Montone va come il vento, poi Oca, Selva, Drago, Montone al primo Casato e al secondo S.Martino Oca, Selva, Onda e gli altri, poi Selva, Montone, Onda, Drago, Nicchio, Tartuca, la Selva prende la testa, Drago, Nicchio, e la Selva vince questa bella prova generale.
Ora a ricaricare le batterie a cena con tutti che sognano la vittoria, senza grandi illusioni, ma con il canto in gola e il bicchiere alzato.
E domani Palio!
Lisca da Il Cittadino Online
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Palio in poltrona: provaccia surreale

Messaggio  jabru il Lun Ago 16, 2010 10:49 am

SIENA. Alla messa del fantino l’arcivescovo ricorda la tragedia del turista francese ospite della cena della Civetta colpito da una pietra caduta da un palazzo in piazza Tolomei, fatto che sconvolge la città che si prepara alla sua festa più bella. Tante le presenze di gente intorno alla Cappella, suggestivo il momento della comunione mentre i barberi si avvicinano all’Entrone con rispetto e silenzio.
Patrizio Salerno ricorda l’evento luttuoso del turista francese e annuncia che la contrada della Giraffa non parteciperà alla prova per un problema al cavallo Guschione, poi il capitano della contrada annuncia che stasera la Giraffa non sarà presente e al canape saranno in nove. Atmosfera surreale quella che si respira stamani, turbata da questi due eventi, immancabile riferimento ai famosi quattro verdi, da sempre presagio inquietante di difficoltà e imprevisti, più di quelli usuali. Monte confermate, alle 11 la segnatura dei fantini e lo scorrere di questa giornata. Si va rapidamente al canape, i fantini scendono da cavallo e la gente si alza in piedi per il minuto di silenzio in ricordo del turista ospite sfortunato, un grande applauso chiude questo momento toccante. Entrano fra i canapi Nicchio, Bruco, Onda, Civetta, Tartuca, Drago, Oca, Selva e Montone di rincorsa. I cavalli si allineano meglio con uno spazio in più, fianca il Montone e parte l’Onda, Nicchio, Oca, Bruco, Tartuca, Drago, Civetta, scena madre del Nicchio in solitaria che si fa i tre giri in galoppo leggero mentre gli altri trotterellano in scioltezza.
Nicchio primo al bandierino. Che Dio ce l’avvezzi!
Lisca Il Cittadino Online
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La Giraffa non correrà

Messaggio  jabru il Lun Ago 16, 2010 5:29 pm

La contrada della Giraffa si ritira dal Palio dell'Assunta

Problemi fisici per Guschione per questa dopo una riunione tenutasi in contrada ieri sera la contrada della Giraffa ha deciso di non mettere a rischio la salute dell'animale ritirandosi dalla corsa dell'Assunta.



Stamani mattina il Priore Laura Dinelli e il Capitano Maurizio Vanni della Imperiale Contrada della Giraffa si sono recati dal Sindaco Maurizio Cenni per informarlo sullo stiramento dei muscoli dell’avambraccio destro accusato dal loro cavallo Guschione.

Per questo motivo, in forma collegiale, i veterinari comunali, il veterinario del Magistrato delle Contrade e la dirigenza della Contrada della Giraffa, assieme all’Amministrazione comunale, hanno accertato la diagnosi e proposto il ritiro cautelare del cavallo dalla prova di questa mattina e dal Palio che si correr‡ questo pomeriggio.






>>16/08/2010 13.48.00(SIENANEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La conferenza stampa del sindaco Cenni

Messaggio  jabru il Lun Ago 16, 2010 5:33 pm

“Come nel drappellone di Franco Fortunato, le diciassette città diventano una sola e solo così sono più forti: il collante che le unisce, la coesione, la forza sociale sono dati dal Palio”. Si appassiona, il sindaco Maurizio Cenni, nella tradizionale conferenza stampa che precede, di qualche ora, la Carriera. Si appassiona parlando di sentimenti – il sentimento della città e della Festa, il sentimento di Siena nei confronti dei cavalli – e facendolo con sentimento, il suo.

Inevitabilmente la chiacchierata con la stampa parte dall’incidente avvenuto ieri sera durante la cena della prova generale nelle contrada della Civetta. “Un incidente – afferma Cenni – che ha coinvolto un vero amico della città, il capo delegazione di una città amica e gemellata come Avignone. Una fatalità tragica che lascia Siena colpita e attonita e addolorata”.

Il Comune, spiega il Sindaco, sta collaborando con l’autorità giudiziaria e si sta adoperando per aiutare la delegazione francese a velocizzare tutte le pratiche burocratiche che permettano il rientro della salma. La delegazione sarebbe dovuta restare fino a domani ma adesso, comprensibilmente, c’è solo la voglia di tornare a casa.

Cenni torna sulle dimostrazioni di sensibilità e di affetto di queste ore: la scelta della Civetta di lasciare vuoti i palchi, questa mattina, in segno di rispetto; quella del Comune di non far indossare, questa sera, l’alta uniforme ai vigili urbani e quella – di concerto con il Magistrato delle contrade e con tutti i soggetti interessati – di fermarsi per un minuto di silenzio, prima della provaccia.

E a chi gli chiede se non fosse il caso di fermare la Festa, risponde con fermezza: “La città ha testimoniato la propria sensibilità con forme che non sono state riservate, in passato, ad altre vittime di tragici incidenti. E’ un lutto della città ma non del Palio, cui l’evento è legato solo dalla coincidenza nel tempo e nello spazio”.

Poi, la magistratura, le indagini, i tecnici avranno il compito di fare luce sulla vicenda e, eventualmente, sulle responsabilità. Ma questo è un altro capitolo che, a questo punto, ha poco a che vedere con la Piazza.

Questa è la classica giornata che, forse, Maurizio Cenni non avrebbe mai voluto vivere da Sindaco, soprattutto come ultimo Palio del suo lungo mandato.

Ci sono aspetti, invece, su cui non smette di battersi. Ricorda per l’ennesima volta – ma forse mai abbastanza – il protocollo equino, “su cui ogni anno investiamo 200mila euro per monitorare e addestrare 200 cavalli con visite continue, schede cliniche e veterinarie. Da dieci anni esatti e venti palii, Siena impiega esclusivamente cavalli mezzosangue con caratteristiche morfologiche che riducono fortemente il rischio di incidenti”.

Ricorda l’amore e l’impegno della città, rifiutando ancora con forza gli attacchi di qualcuno, ed è inteso il Ministro Michela Vittoria Brambilla in testa, che – afferma – “sono poca cosa rispetto ai veri valori della vita”. E anche in questa ottica ringrazia e abbraccia, idealmente, la Contrada Imperiale della Giraffa che decide di rinunciare, per una misura cautelare, a correre il Palio, sottolineando ancora una volta il rispetto e l’amore nei confronti dei cavalli e della Festa.

Il Sindaco va a ruota libera, come se volesse condensare una volta per tutte, in poco tempo, una sorta di ennesimo “Bignami” su questa nostra incredibile e, dall’esterno, a tratti incomprensibile Festa. Parla delle contrade come collante sociale, come laboratorio di crescita dei giovani e luogo di ritrovo e sostegno degli anziani; parla della capacità del Palio di adattarsi al cambiamento dei tempi, rinnovandosi (ad esempio nella procedura di stesura del tufo che ha “resistito” alle semi-alluvioni dei giorni scorsi); parla, appunto, del sentimento di una città intera. E lo fa rifiutando, rifuggendo le “critiche strumentali di chi utilizza la Festa per creare un consenso, senza comprendere che il Palio non è qualcosa su cui fare leva per altre finalità”.

Si batte. Forse avrebbe preferito un’occasione migliore, più felice, più tranquilla, più festosa, per congedarsi dal suo ruolo di Sindaco del Palio.
Ma si adatta, continua a difendere la città e a spiegarla.

E forse già pensa che, tutto sommato, il prossimo anno la Festa potrà godersela di più.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Palio dell'Assunta

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum