Verso i prossimi Palii

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Andare in basso

Mociano, slitta l'addestramento

Messaggio  jabru il Mar Mar 19, 2013 6:41 pm

Maltempo: slitta l'inizio dell'addestramento dei cavalli
19/03/13 - 10:16
L'appuntamento del 2 aprile a Mociano verrà recuperato il 16

Il perdurare delle piogge, che hanno reso inagibili le piste per l'addestramento dei cavalli da Palio, ha fatto annullare il primo appuntamento in programma a Mociano per il prossimo 2 aprile che sarà recuperato il 16; mentre l'attività di addestramento, fissata per il 13 a Monticiano slitterà al 20. Di seguito le altre date, attualmente, confermate.

martedì 9 aprile
Mociano
Lavori di addestramento
martedì 16 aprile
Mociano
Lavori di addestramento
sabato 20 aprile
Monticiano
Corse di addestramento
sabato 27 aprile
Monticiano
Corse di addestramento
martedì 7 maggio
Mociano
Lavori di addestramento
sabato 11 maggio (mattina)
Monticiano
Corse di addestramento
sabato 1° giugno (mattina)
Monticiano
Corse di addestramento
giovedì 6 giugno
Mociano
Lavori di addestramento

AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Al via le visite

Messaggio  jabru il Sab Mar 23, 2013 12:58 pm

Palio, al via le visite ai cavalli. I proprietari chiedono elasticità nelle misure
Oggi visita per 72. Chiude il vittorioso dell'Assunta, Lo Specialista, apre la rivelazione Occolè


Previste dell'Albo 2012
di Laura Valdesi
Siena, 21 marzo 2013 — La frase nell’intervista a Trecciolino, pubblicata ieri su La Nazione on line, è stata apprezzata da molti cavallai. “Visto che siamo tornati al Palio con i proprietari ‘passionisti’, cerchiamo di trovare il modo di non far avere loro dei dispiaceri”, auspicava il vincitore di 13 Palii. Insomma, che si possano divertire. Nessun monito, osservava Trecciolino, limitandosi a registrare gli umori degli appassionati. Chissà se la commissione veterinaria oggi terrà conto di questo clima particolare che vive la Festa quando verranno visti i mezzosangue.

Lo scorso anno, in verità, non ci fu la protesta dei “millimetri” come la stagione precedente. Maggiore la comprensione per quanto riguarda le misure, ferma restando invece la tutela del cavallo. C’è da attendersi che sarà così anche questa volta. Di certo verranno misurati solo i soggetti nuovi e quelli di 4 anni che nel 2012 non avevano le misure. Quanto alla lista degli ammessi, potrebbe essere diramata lunedì mattina anche se la conferma si avrà soltanto oggi al Ceppo.

Sono 72 i cavalli che, salvo defezioni dell’ultimo minuto, si presenteranno. Aprono la giornata quelli di Sampieri, Dino Pes (Occolè e Ondina Prima). quindi Pacchi e Tozzi. Alle 9 ecco Magic Tiglio con i Coghe, alle 10 un gruppo di Gingillo, poi Dario Colagè, Tittia. Chiudono i 40 della mattinata I pupilli di Marchetti portati da Migheli . Infine Caria.

Il pomeriggio si riapre con due mezzosangue di Anselmi convocati alla stessa ora del primo gruppo dei cavalli di Trecciolino. Alle 16 torna Gingillo con otto nomi, quindi Siri, ancora Tittia (Guess e Quasas), chiude alle 18 Lo Specialista, vincitore dell’Assunta 2012.
IL PROGRAMMA
Ore 8
Perredda
Gira e Rigira
Occolè
Ondina prima
Oblò
Pepita saura
Più de Marchesana
Porto Regal
ORE 9
Quaker
Noverre
Magic tiglio
Mirko monello
Oppio
Opera Rara
Perla saura
Questurino
ORE 10
Oreb
Oraco
Quark de Aighenta
Quintilliano de Aighenta
Oceano baio
Poker baio
Natia di Gallura
Nachiso bellu
ORE 11
Nicolas de p.ulpu
No mi tocchese
Orafo
Offenzio
Querida de Marchesana
Quorus
Mac Gyver
Contro tutti
ORE 12
Missisippi
Nottambulo
Orionis
Quoquoqua ci stà
Pressing de Mores
Querbeck sauro
Pissinache
Pantifola
ORE 15
Oba Oba
Pampheros Baio
Preziosa Penelope
Noioso
Mocambo
Montiego
Osama Bin
Polonski
ORE 16
Novanta
Orso Rosso
Pago pago
Esculapio da Clodia
Nespolo de Bonorva
Quativoglio
Masedu
Pole position
ORE 17
Potere assoluto
Guschione
Peccatrice
Nerone sauro
Guess
Quasas
Miguel
Bongo Bingo
ORE 18
Nanneddu meu
Garin
Nessie
Pazzoso
Lo Specialista
Ottiglia
Quinto Momo
Marrocula
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Secondo giorno di visite

Messaggio  jabru il Sab Mar 23, 2013 1:02 pm

Coghe: "Mirko Monello non è più brutto anatroccolo". Posta: "Quitness potrebbe fare il palio"
Nomi curiosi ed eleganza al Ceppo- GLI ORARI DELLE VISITE DI OGGI
di Laura Valdesi

Siena, 22 marzo 2013 — C’è l’imbarazzo della scelta. Nomi curiosi — Questurino, per esempio — portato da Congiu, ma anche Polonski che sembra un giocatore dell’est europeo. C’è un cavallo che sembra da «cortile» tanto è docile e ‘raccolto’, Quebeck sauro. Ma c’è anche il proprietario elegante e con la giacca — Massimo Marchetti — che tuttavia non batte in classe Annarita, compagna di Gigi Bruschelli, in blu scuro.
Quello che riesce a calamitare lo sciame di giornalisti? Massimino, ovviamente. Che lancia un nuovo nome di scuderia: Mirko Monello. «Lo scorso anno era il brutto anatroccolo, invece adesso è in una bellissima condizione, spero che con lui Andrea possa fare bella figura». Ma ha parole di riguardo anche per Oppio: «Finora è stato fatto tutto quello che si poteva per avvicinarlo in maniera graduale alla Piazza. Adesso è più maturo di testa, pronto per ambire ad un posto al canape». E Magic tiglio? «Non ha avuto la fortuna che le sue capacità meritavano, speriamo che trovi la situazione giusta», chiude. Prima di tornare a bomba sulla questione dei premi per le corse: «Non dico che il cavallo vada mantenuto interamente al passionista, però penso che un incentivo gli vada dato. Una cosa simbolica, da aggiungere alla coppa. Caricate un cavallo sul van e portatelo a Monticiano. E poi ditemi quanto costa!».

Augusto Posta loda la sua Quitness, che arriverà oggi al Ceppo. «Ha una grande testa, avrebbe potuto correre il Palio anche se giovanissima. Possiede tutte le caratteristiche di una piazzaiola». E aggiunge: «Spero che si torni presto ai Palii dove le accoppiate fanno la differenza».
Scherza e saluta tutti Luca Veneri, che sottolinea «di aver sempre preparato i cavalli per la Piazza, quanto a forma, e non per portarli a Monteroni oppure a Monticiano».
LE VISITE DI OGGI
ORE 8
Quitness
Nurkara
Istriceddu
Indianos
Omodeso
Overjoyed
Gammede
Ozzastru
ORE 9
Phalena
Oros
Pestifero
Porto Alabe
Morosita prima
Quarnero
Nitrito
Peperino
ORE 10
Lampante
Professore
Misteriosu
Quasimolo
Orionte
Nimento
Oneglia de Ozieri
Phatos de Ozieri
ORE 11
Lahib
Pacifico
Lamagno
Mohsin
Mississippi
Periclea
Podes di Gallura
Nadir de Mores
ORE 12
Apricot da Clodia
Osvaldo
O’ sole mio bello
Odorico
Palio Impero
Quore de Sedini
Quassad de Sedini
Pretziosa
ORE 15
Qulpa di Gallura
Naikè
Prserpina de Aighenta
Internos
Oro di gallura
Qui pro quo
Ciridonia
Oriox
ORE 16
Saratog
Quieroz
Quadrivia
Ivanov
Meremanna
Obelerio
Bowilde da Clodia
Pasteur
ORE 17
Pranu Raffieli
Orgolese
Plutarco de Bonorva
Quit Gold
Oscar Boy
Pitzulu
Quleddu
Quarzo brio
ORE 18
Quanto voglio
Quasimodo di gallura
Orpen
Pacifica
Questione d’amore
Quinto Momo
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Si torna a respirare aria di palio

Messaggio  jabru il Sab Mar 23, 2013 1:08 pm

Colagè: "Valutiamo i cavalli in forma ma anche chi li prepara con professionalità"
Il fantino-allenatore dice "che c'è troppa gente improvvisata"
di Laura Valdesi

Siena, 22 marzo 2013 — Il ritornello? Sempre lo stesso. «Visto che siamo arrivati a un punto, complice la crisi della città, per cui il Palio lo fanno i proprietari ‘passionisti’, cerchiamo di non dare tanti dispiaceri e di consentire loro di vedere i cavalli». Insomma, niente stroncature drastiche. O andrà a finire che, a lungo a andare, mancheranno i proprietari e anche i cavalli.

«Il Palio si fa con i passionisti, questo è vero. Tuttavia penso che lo debba fare chi merita indipendentemente da come è gestito. Parlo di cavalli, non di proprietari perché tutti hanno un grande amore per la Festa visto che i guadagni non ci sono», premette Dario Colagè detto Il Bufera. Uno che il polso della situazione l’ha sempre avuto, intuendo dove tirava il vento.
Che significa?
«Che è necessario valutare i cavalli in forma e chi li prepara con professionalità e li porta nella giusta condizione per partecipare al gioco. C’è invece, a volte, gente improvvisata. Ripeto: andrebbe tenuto presente anche chi lo fa con mestiere e professionalità. Se un cavallo non viene su non viene, questo va visto dopo. Però, in partenza, distinguerei fra chi lo fa per lavoro e chi per divertimento».
Il clima nelle scuderie non è stato brillante, quest’inverno. Anche al Ceppo c’è voluto un po’ prima di scongelare l’aria.
«Le spese ci sono. Se hai un proprietario tranquillo tutto va bene. Però lavorare e avere poche soddisfazioni non è bello. Non è tanto un discorso economico, quanto appunto la soddisfazione di andare a correre. Si è un po’ affievolito l’entusiasmo, speriamo che sia un periodo. Che passi e torni il bel tempo».
Colagè ha portato al Ceppo Nicolas, che ha corso nella Giraffa, e No Mi Tocchese. Oggi tornerà alle 11 con un 5 anni da scoprire
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

I criteri adottati nelle previsite

Messaggio  jabru il Sab Mar 23, 2013 1:46 pm

Tempo di crisi, manica larga. O metro consenziente. Il ritorno dei cavalli al Ceppo ha fatto capire che la crisi si sente e che alla crisi ci si adatterà. Le previsitine iniziate ieri, che si concluderanno oggi, hanno portato alla clinica di Monteresi, priva di persone come non mai in una kermesse come quella di ieri, hanno mostrato l’altra faccia della medaglia del protocollo, rispetto a quello che eravamo abituati a vedere gli scorsi anni.
I proprietari e i cavalli ci sono sempre (l’unica defezione della mattina ad esempio è stata quella di Perla Saura), i soldi no. E i veterinari, chiamati a scegliere la lista degli ammessi al protocollo (guai a chiamarlo d’ora in poi contributo),sembrano essere consapevoli di ciò. Non si starà più a guardare il millimetro o il quarto di millimetro, si cercherà nei limiti del possibile di promuovere i cavalli mantenendo un metro di giudizio relativamente leggero per le misure, moderato (o severo) per caratteristiche morfologiche come gli appiombi. E se la disponibilità delle corse è per novantasei cavalli, si può sempre aggiungere una batteria, più difficilmente una giornata, ma comunque ci si può adattare alla situazione: vanno premiati la passione e l’impegno.
Altri tempi rispetto a quelli del metro mannaia di Giovagnoli, ora sostituito da un metro metallico e uno morbido nelle mani di Calbucci, oppure dell’esclusione dei cavalli irrequieti al canape seppur nelle misure e nei parametri. Si cercherà di non punire troppo i proprietari dei cavalli che hanno accettato di portare i propri mezzo sangue alle visite per partecipare ad un iter che quasi volutamente era stato scoraggiato da un regolamento molto punitivo: senza contributi, premi delle corse e assicurazione, oltre all’obbligo di inattività dei cavalli per i venti giorni antecedenti le previsite. Così i discorsi nel silenzio di Monteresi sono quelli degli ultimi giorni, senza troppi fronzoli: la mancanza di Pian delle Fornaci, l’apertura del rettore del Magistrato delle contrade al dialogo con i proprietari, gli incentivi alla competizione che quest’anno in provincia mancheranno.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Intervista a Reitano

Messaggio  jabru il Dom Mar 24, 2013 8:56 pm

Cavalli, Reitano annuncia: "Siamo stati più elastici nella valutazione"
di Laura Valdesi

Il veterinario comunale spiega la filosofia di selezione. La lista degli ammessi domani.
Siena, 23 marzo 2013 — «Personalmente non mia spettavo di trovare 140 cavalli , vista la crisi che attanaglia centri ippici e l’intero settore», esordisce Marco Reitano, la «voce» della commissione veterinaria quando c’è da tirare una riga sulle visite svolte. «Sono numeri che confermano, anzi, come la crisi nazionale nel mondo del cavallo ha determinato un abbassamento dei prezzi, e quindi, per gli scopi del Palio e per la sua organizzazione è stato quasi un facilitare il proprietario nel reperire i cavalli ad un prezzo migliore. Ci sono 142 cavalli (due non sono stati portati, ndr), il 30 per cento dei quali è nuovo. Di questo 30% una metà sono soggetti giovani, quindi è assicurato il turn over. Le scelte sono state oculate perchè hanno quasi tutti imparato i vincoli. La commissione è soddisfatta, ci ripetiamo. Un trend positivo che si mantiene a Siena a dispetto di quello che accade nel resto del mondo».
I proprietari auspicano che i veterinari siano elastici, visto che non c’è contributo, né premi. Cambierà qualcosa?
«Fondamentalmente il nostro compito è tutelare il benessere del cavallo. Il nostro giudizio di idoneità o non idoneità è sempre vincolato da tale parametro che è il più importante. Nella severità di giudizio di alcune imperfezioni, quest’anno saremo un po’ meno fiscali perchè non c’è il contributo statale. Portare avanti cavalli che presentano oggi dei problemi non comporta un impegno economico da parte del Comune e dell’amministrazione. Quindi direi che i soggetti scartati saranno pochi e sono quelli su cui interveniamo in modo attivo, a tutela del loro benessere. Altre piccole imperfezioni e zoppie che riteniamo contingenti saranno oggetto di un riesame in vicinanza delle previsite. Insomma, se c’è qualche cavallo un po’ corto, un po’ aritmico, siccome siamo a marzo, lo rivediamo nell’iter».
Quanti saranno i cavalli scartati?
«Circa un 10%. Si dovrebbero superare dunque i 100, fermo restando che molti sono giovani e si parla solo di un iter addestrativo».
E gli esperti come stanno?
«Generalmente in buone condizioni. Ce ne sono in buona forma fisica, in altri monitorizziamo l’andamento della malattia professionale. Qualcuno, non posso fare i nomi, è arrivato quasi al limite e la nostra abilità è quella di fargli appendere al chiodo i ferri prima che si faccia male».
Significa che già ora qualche nome conosciuto potrebbe uscire, oppure si consentirà di fare il percorso?
«No, perché si parla di alcune forme oggettive e irreversibili. Sarebbe prendere in giro e dire vai avanti in un iter che non serve perché già esperto».
Cambierà qualcosa anche nella compilazione delle schede di valutazione?
«Stesso criterio, saremo un pochino più attenti all’impegno che i cavalli evidenzieranno, potrebbe scemare nelle corse di allenamento (senza premi, ndr). Se vediamo che a Mociano e Monticiano c’è stato uno scarsissimo impegno, lo richiederemo al momento giusto in sede pre-Palio».
Ho visto che qualche proprietario si avvicinava, chiedeva, spiegava: elementi utili?
«Sempre. Il contatto con i proprietari è utile, non ci condiziona ma ci dà elementi in più per decidere. La nostra porta è sempre stata aperta purchè si vada a tutela di quel cavallo».
Farà discutere l’eliminazione di cavalli eccellenti.
«Ci sono stati anni in cui non sono stati eliminati cavalli eccellenti, quando lo facciamo a questo livello vuol dire che non è più idoneo ad affrontare la trafila di preparazione per il palio di Siena. Perché non dirlo a fine stagione 2012? Perché da allora ad oggi c’è una piccola evoluzione. Ci pronunciamo solo quando siamo sicuri di quello che diciamo».
I giovani hanno più qualità rispetto agli altri anni?
«Forse c’è stata più scelta».
Che futuro ha il mezzosangue e il cavallo da Palio?
«Il fondo arabo ci sarà sempre in Europa, la Sardegna ha grande tradizione anche se diminuisce. L’aliquota di produzione per il cavallo da Palio resterà sempre e comunque, i senesi hanno poi già dimostrato che in caso di indisponibilità in Sardegna andrebbero in Francia. Il Palio è inossidabile rispetto all’andamento del mercato».
E’ stato posto dal Comune uno sbarramento al numero dei cavalli per questioni organizzative?
«Il Comune non ha mai posto dei paletti per quanto riguarda le spese organizzative collegate al numero dei cavalli. Solo quello dell’Entrone è obbligato».
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La RAI in Piazza, trattative ferme

Messaggio  jabru il Dom Mar 24, 2013 9:05 pm

PALIO, LA RAI IN PIAZZA. TRATTATIVE FERME MA RISOLVIBILI
Senza i nuovi vertici del Consorzio non si parte
24/03/2013 14:41:09

Continua a tenere banco la vicenda del rinnovo dei diritti televisivi del Palio. Le trattative con la Rai sono avviate ma sono arrivate ad un punto morto, visto che il Consorzio per la Tutela del Palio è in attesa di rinnovare le proprie cariche.
Proprio a questo proposito, nonostante le prime ufficializzazioni si avranno nella seconda settimana di aprile, il prossimo amministratore delegato dovrebbe portare il nome dell’aquilino Francesco Boschi, già presidente del Comitato Amici del Palio, e per il presidente è ormai consolidata la voce che vuole il priore del Leocorno Paolo Leoncini sostituire l’ex priore dell’Aquila Sandro Nerli.
Al momento del rinnovo delle cariche, si potrà nuovamente procedere alla trattative già avviate in particolare con Rai 2. L’ostacolo quasi insormontabile è quello della mancanza di spot televisivi nel momento di massimo ascolto, ovvero quando i cavalli sono al canape. Nonostante questo, Rai Due sarebbe interessata alla trasmissione del Palio in diretta almeno per l’annata 2013,con una cifra però molto ridotta, di circa il 40 per cento, rispetto allo scorso anno.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Reitano, scartato qualche big

Messaggio  jabru il Dom Mar 24, 2013 9:07 pm

REITANO: "PRETENDIAMO IMPEGNO NELLE CORSE IN PROVINCIA"
Il veterinario del Comune sulle scelte. "Qualche esperto potrebbe essere fermato già ora"
24/03/2013 17:39:09
123456
Proprietari, fantini e allenatori: occhio all’impegno. Le parole di Marco Reitano, nella conferenza stampa di rito, hanno fatto chiarezza sulla prossima stagione di corse che sta per iniziare. Senza premi, l’elogio ai proprietari fa da contrasto con l’avvertimento che l’impegno nelle corse sarà importante ai fini della valutazione dei veterinari. Lunedì ci saranno i risultati degli ammessi, che secondo il veterinario del Comune supereranno quota cento.

Nonostante la crisi e un regolamento che non agevola, i proprietari hanno risposto alla grande. Te lo aspettavi? “Centoquaranta cavalli iscritti è un dato incredibile. Personalmente non me lo aspettavo vista la crisi di questo momento. Ma questa risposta da parte dei proprietari è una conferma di quanto detto: Siena è esente dalla crisi per quanto riguarda il cavallo. C’è anche da considerare che probabilmente la crisi del cavallo ha causato un abbassamento dei prezzi e ha forse facilitato le possibilità di scegliere i cavalli migliori”. C’è da dire che tra gli iscritti ci sono circa il trenta percento di cavalli nuovi di cui la metà molto giovani. Questo assicura il turnover e un ricambio generazionale importante. C’è anche da dire che i proprietari hanno imparato bene i criteri per la scelta dei cavalli nuovi. E’ questo un trend positivo che resta a Siena, a dispetto delle altre parti del mondo”.

Questo vuol dire che sono stati presentati dei cavalli giovani migliori rispetto al passato perché è stato più facile scegliere? “Probabilmente sì, è andata così. Chi cercava il cavallo l’ha trovato in modo favorevole, pur potendo scegliere meno bene, a costi inferiori e con maggiore scelta. E’ una media molto migliorata e sovrapponibile al trend di questi anni”.

Si è vociferato in questa due giorni di possibili scelte meno rigide da parte dei veterinari. Sarà effettivamente così? “Il nostro compito è quello di tutelare il benessere dei cavalli. E’ questo il nostro giudizio più importante. Nella severità del nostro giudizio ci saranno le imperfezioni dei cavalli, soprattutto nell’interesse dell’animale, anche perché la mancanza del contributo statale per tutti, se così si può definire, ci permette di poter portare avanti un maggior numero di cavalli senza che questa cosa incida minimamente sull’impegno economico della pubblica amministrazione. Quindi coloro che saranno scartati lo saranno esclusivamente nell’interesse dell’animale. E’ anche vero che siamo ad inizio stagione e qualche cavallo che si è presentato un po’ corto o aritmico sarà segnalato e sarà monitorato durante la stagione, visto che la situazione che si è venuta a creare quest’anno non prevede della spese inutili”.

Quindi dovremo aspettarci comunque meno esclusioni? “Avremo il dieci per cento circa di cavalli esclusi, credo che si arriverà sopra ai cento soggetti ammessi al protocollo”.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Lunedì gli ammessi al Protocollo

Messaggio  jabru il Dom Mar 24, 2013 9:10 pm

LUNEDÌ GLI AMMESSI AL PROTOCOLLO. ESORDIO A MOCIANO IL 9 APRILE
Questo il calendario di chi passerà le previsitine
24/03/2013 17:29:29

Si sono concluse ieri sera intorno alle 18,40 le previsite per l’ammissione dei cavalli al protocollo equino 2013. Tra i 142 cavalli iscritti, solo Perla Saura e Quleddu sono risultati assenti. Restano quindi ammissibili al circuito di addestramento in vista del Palio 140 cavalli. I risultati degli ammessi saranno pubblicati dal Comune nella tarda mattinata di lunedì.
Tutto fa pensare che, visto il calendario, la cifra degli ammessi al protocollo equino si aggiri intorno a quota 96: nel caso in cui fossero di più, l’eccedenza di questo numero sarebbe formata in gran parte da cavalli di quattro anni, che a differenza degli altri avranno l’obbligo soltanto di effettuare una prova di addestramento a Mociano.
I cavalli che saranno ammessi al protocollo di cinque anni e oltre dovranno partecipare, per poter accedere alle previsite per i Palii, a due addestramenti a Mociano e due corse nella pista del Tamburo di Monticiano.
Queste corse saranno effettuate secondo il seguente calendario: Martedì 9 aprile addestramento a Mociano, martedì 16 aprile addestramento a Mociano, sabato 20 aprile corse a Monticiano, sabato 27 aprile corse a Monticiano, martedì 7 maggio addestramento a Mociano, sabato 11 maggio corse a Monticiano, sabato 11maggio mattina corse a Monticiano, sabato primo giugno corse, a Monticiano, giovedì 6 giugno addestramento a Mociano.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Sono 118 i cavalli selezionati

Messaggio  jabru il Lun Mar 25, 2013 5:31 pm

Sono 118 i cavalli ammessi al Protocollo 2013

Sono 118, dei 142 iscritti alle visite, i cavalli da Palio ammessi all’apposito Albo per il protocollo degli incentivi 2013, dopo le visite di ammissione che si sono svolte il 22 al 23 marzo nella clinica veterinaria “Il Ceppo” in località Monteresi (Monteriggioni).
Erano 142 i soggetti iscritti alle visite.
Questo l’elenco dei 118 soggetti ammessi
1 APRICOT DA CLODIA Pierluigi Cavallo
2 BONGO BINGO Giancarlo Rossi
3 BOWILDE DA CLODIA Antonio Costantino Buzzi
4 CONTRO TUTTI Marco Sampieri
5 ESCULAPIO DA CLODIA Giuseppe Zedde
6 GARIN Alberto Ricceri
7 GIRA E RIGIRA Marco Sampieri
8 GUESS Fabio Romanelli
9 GUSCHIONE Simone Berni
10 INDIANOS Benedetta Gualtieri
11 INTERNOS Elia Giannetti
12 ISTRICEDDU Serena Butteri
13 IVANOV Alessandro Fontani
14 LAHIB Nicola Borselli
15 LAMAGNO Andrea Mari
16 LAMPANTE Alessandro Bandini
17 LO SPECIALISTA Fabio Fioravanti
18 MAC GYVER Tamara Rosi
19 MAGIC TIGLIO Massimo Coghe
20 MARROCULA Alessandro Favilli
21 MASEDU Giuseppe Zedde
22 MEREMANNA Mauro Panti
23 MIGUEL Simone Santi
24 MIRKO MONELLO Monica Mureddu
25 MISSISIPPI Francesco Pizzadili
26 MISSISSIPPI Osvaldo Costa
27 MISTERIOSU Filippo Toti
28 MOCAMBO Mark Harris Getty
29 MONTIEGO Mark Harris Getty
30 MORESU Fabio Fioravanti
31 MOROSITA PRIMA Carolina Tacconi
32 NACHISO BELLU Alessio Tanchi
33 NADIR DE MORES Samanta Sampieri
34 NAIKE’ Simone Picchi
35 NANNEDDU MEU Alberto Ricceri
36 NERONE SAURO Simone Berni
37 NESPOLO DE BONORVA Antonio Zedde
38 NESSIE Niccolino Floris
39 NICOLAS DE P.ULPU Mark Harris Getty
40 NIMENTO Gian Piero Nerli
41 NITRITO Vincenzo Facchini
42 NOIOSO Andrea Marchese
43 NOTTAMBULO Mattia Marchetti
44 NOVANTA Enzo Vannini
45 NOVERRE Augusto Posta
46 NURKARA Augusto Posta
47 O’ SOLE MIO BELLO Egisto Giuseppe Galeazzi
48 OBA OBA Caterina Anselmi
49 OBLO’ Gabriella De Angelis
50 OCCOLE’ Alberto Manenti
51 OCEANO BAIO Elisabetta Ferrini
52 ODORICO Alessandro Tozzi
53 OFFENZIO Mauro Bisconti
54 OMODEOS Nicola Sandroni
55 ONDINA PRIMA Dino Pes
56 ONEGLIA DE OZIERI Luca Francesconi
57 OPERA RARA Massimiliano Fabbri
58 OPPIO Giuliano Brandini
59 ORACO Luca Veneri
60 OREB Emiliano Rinaldi
61 ORGOLESE Simone Berni
62 ORIONIS Mattia Marchetti
63 ORIONTE Nicola Biagini
64 ORIOX Giulia Zingarelli
65 ORO DI GALLURA Linda Scilli
66 OROS Mario Fracassi
67 ORPEN Graziano Chiappetta
68 OSAMA BIN Mark Harris Getty
69 OSCAR BOY Mario Savelli
70 OSVALDO Roberto Danesi
71 OTTIGLIA Gianpaolo Toscano
72 OVERJOYED Martina Zini
73 OZZASTRU Lucia Toto
74 PACIFICA Luca Veneri
75 PACIFICO Dario Colagè
76 PALIO IMPERO Mattia Ermini
77 PAMPHEROS BAIO Luca Anselmi
78 PANTOFOLA Vincenzo Facchini
79 PASTEUR Olindo Pinciaroli
80 PAZZOSO Silvio Bini
81 PECCATRICE Simone Berni
82 PEPERINO Giovanni Deriu
83 PERICLEA Osvaldo Costa
84 PERREDDA Marco Sampieri
85 PESTIFERO Massimo Leonini
86 PHALENA Massimo Milani
87 PHATOS DE OZIERI Giorgio Campanini
88 PINU’ DE MARCHESANA Alessandro Tozzi
89 PITZULU Mario Savelli
90 POKER BAIO Marco Antichi
91 POLE POSITION Giuseppe Zedde
92 POLONSKI Mark Harris Getty
93 PORTO ALABE Fabrizio Brogi
94 PORTO REGAL David Tomei
95 PRANU RAFFIELI Rossella Nardi
96 PRESSING DE MORES Caterina Volpi
97 PRETZIOSA Stefano Paccagnini
98 PREZIOSA PENELOPE Antonio Pozzi
99 PROFESSORE Maria Letizia Barneschi
100 PROSERPINA DE AIGHENTA Osvaldo Costa
101 QUADRIVIA Remo Carli
102 QUARNERO Riccardo Barontini
103 QUASAS Ilaria Bisconti
104 QUASIMODO DI GALLURA Luigi Bruschelli
105 QUASIMOLO Michela Gori
106 QUATIVOGLIO Antonio Zedde
107 QUEBECK SAURO Duccio Ravenni
108 QUERIDA DE MARCHESANA Giovanni Atzeni
109 QUESTURINO Salvatore Muroni
110 QUIEROZ Francesco Passalacqua
111 QUIETNESS Augusto Posta
112 QUINTILLIANO DE AIGHENTA Pietro Salvatore Cossu
113 QUIQUOQUA CI STA’ Ranieri Pannocchieschi d’Elci
114 QUIT GOLD Duccio Fatucchi
115 QULPA DI GALLURA Gianni Oddo
116 QUORE DE SEDINI Salvatore Panebianco
117 QUORUS Eugenio Catastini
118 SARATOG Marco Grazzini
SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Intervista a De Mauro, proprietario di Gammede

Messaggio  jabru il Mar Mar 26, 2013 9:05 pm

De Mauro: "Importante sapere se un cavallo non sarà utile la stagione seguente"
Intervista al proprietario di Gammede, escluso dall'Albo. Proposte di legge per le Contrade.
di Laura Valdesi

Siena, 25 marzo 2013 — Addirittura più cavalli che nel 2011, uno degli anni in cui, unitamente al 2010, vennero toccate le vette più alte tanto da indurre successivamente ad auspicare un giro di vite. Sono infatti 118 i mezzosangue che nel 2013 faranno Mociano e Monticiano e, chi ha l’età, si avvicinerà al Palio. Vero che non c’è più il contributo economico per cui le maglie potevano essere più larghe, per poi stringersi nelle fasi successive. Però è un bel risultato. Hanno ragione i proprietari a rivendicare di aver lanciato un segnale di attaccamento alla Festa. Per la cronaca, nel 2011 i cavalli ammessi all’Albo furono 114, 128 nel 2010, lo scorso anno 96.
Insomma, la scelta non manca. Così come non sono mancate le amarezze. C’è chi lo dice a microfoni aperti, altri lo ammettono invece a voce bassa. E sussurrano: «Speriamo davvero di poter cambiare registro il prossimo anno». Niente Pian delle Fornaci, niente premi alle corse, niente contributo, pochi appuntamenti in cui farsi vedere questa stagione. Così è davvero un calvario anche per i ‘passionisti’. Termine che si attaglia bene a Francesco Maria De Mauro, proprietario di Gammede, il nome eccellente escluso dalla lista. Pensare che, nelle chiacchiere al Ceppo, c’era già chi lo vedeva nel lotto di luglio.
De Mauro, sorpreso della decisione dei veterinari?
«I giudizi vengono formulati e devono essere accettati. Ci sono delle regole, c’è una commissione: se stabilisce che il cavallo non è idoneo all’Albo va rispettata la scelta operata dai professionisti».
I veterinari non le avevano consigliato, a fine stagione, di ritirare Gammede.
«No, se avessi avuto indicazioni in tal senso non sarebbe stato segnato. Ecco, proprio al riguardo, semmai, vorrei dare un contributo per la Festa».
Sentiamo.
«Premetto che le polemiche non fanno parte del mio carattere. Se partecipo e so le regole le accetto. Altrimenti è come contestare l’arbitro. Qui esiste una commissione, sai che prenderà determinate posizioni. Sarebbe stato opportuno, in previsione della fine del percorso, un piccolo contributo. Nel senso che se il cavallo non viene ritenuto utile per la stagione seguente allora che vengano date indicazioni. E’ una questione di correttezza».
Non è dunque una questione economica, anche se i cavallo costano!
«Non ne faccio una questione economica. Era solo meglio dire che Gammede era a chiusura, poi sta a proprietario e allenatore prendere le decisioni conseguenti. E trovare una pensione adeguata per l’animale, proprio come verrà fatto ora con Gammede che, vorrei sottolinearlo, non è mai stato portato ad altre corse o paliotti se non quelle che servivano per il Palio. Ecco, per concludere, non facciamo le cose a mezzo. Segno di rispetto nei confronti della Festa e di una delle sue componenti, i proprietari appunto. Componenti chiamate a svolgere ciascuna il proprio compito».

Tutela della Festa, si diceva. C’è anche un altro modo per garantirla. Ed è quella per via parlamentare. Sì, perché il neo-eletto onorevole Luigi Dallai, ha presentato il 16 marzo una proposta di legge alla Camera «affinché - spiega - i benefici fiscali per le Contrade diventino, per così dire, permanenti. L’altra proposta, fermo restando che il momento economico è comprensibilmente difficile, riguarda le disposizioni per la prosecuzione degli interventi per la salvaguardia del carattere storico, monumentale e artistico della città di Siena e norme in favore delle contrade storiche». In sostanza, una rilettura in chiave moderna della Legge speciale per Siena.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Passano la previsitina quasi tutti i cavalli di esperienza

Messaggio  jabru il Mer Mar 27, 2013 4:59 pm

GAMMEDE IN PENSIONE, C'È UNO "ZOCCOLO DURO" DI CAVALLI D'ESPERIENZA
La lista dei soggetti che passano le previsitine. Ecco i nomi degli esclusi, ma i big restano tutti
26/03/2013 20:04:47

E Gammede va in pensione. Tra i 118 cavalli ammessi al protocollo equino 2013, il cavallo che ha corso gli ultimi suoi due Palii nella Pantera non è presente nell'elenco. Il Palio e la provincia perdono dunque uno dei possibili protagonisti della stagione, visto che il sauro di scuderia Milani poteva sulla carta rientrare nelle scelte dei capitani. Assume quindi un nome la "profezia" del colonnello Reitano, che aveva parlato in sede di conferenza stampa al Ceppo che qualche cavallo esperto sarebbe potuto uscire in sede di previsitine. Gli altri esclusi di lusso portano i nomi di No Mi Tocchese, di scuderia Colagé e l'anno scorso in odore di scelta dei capitani; Orafo, ben montato a Fucecchio da Andrea Mari; i due soggetti di scuderia Zedde Orso Rosso e Pago Pago; l'allievo di Bastiano Qui Pro Quo, vincitore a Fucecchio con il giovane Federico Arri. L'elenco dei 118 ammessi, con una quota di esclusione di poco più del dieci percento dei soggetti, presenta comunque diciannove soggetti di quattro anni, che avranno solo l'obbligo di partecipare ad una riunione di Mociano, senza corsa di addestramento.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Genesi del Drappellone d'Agosto

Messaggio  jabru il Sab Mar 30, 2013 6:36 pm

30/03/2013 13:34GENESI DI UN DRAPPELLONE: L'INCONTRO CON CECILIA RIGACCIL’artista che insieme a Cesare Olmastroni dipingerà il "cencio" d’agosto si racconta in uno dei luoghi-simbolo della festaD
i Max Brod

SIENA. Quante volte abbiamo sentito dire che il Palio, è vita? Infinite. Eppure quando si vuole arrivare all’essenza della festa, alla definizione ultima, si torna sempre a quella parola lì: vita. Ma il Palio è anche di più, il Palio non è solo vita presente, di tutti i giorni, il Palio è anche “vita che non c’è più”. Ce lo ricorda Cecilia Rigacci - che insieme a Cesare Olmastroni dipingerà il prossimo palio dell’Assunta - unendo in un circolo immaginario senesi che furono e senesi che sono, quando, con la voce rotta dall’emozione, descrive il momento in cui le hanno detto che avrebbe dipinto il drappellone: “La notizia ha subito investito il mio presente, ma anche il mio passato: ho subito avuto davanti le figure che non sono più con me, come la mia mamma e i nonni, che sarebbero stati molto felici di questa notizia. È stato come rimettermi in contatto con loro”. Il Palio è anche questo, rimettersi in contatto con i propri avi.

Il cencio per gioco. Senese e chiocciolina nata “in casa” - ci teneva a dirlo per l’appunto la sua mamma - in via della Diana, Cecilia ha alle spalle vent’anni di attività nel campo del restauro e dell’artigianato. È nata nel 1962 - lo ricordiamo per chi guarderà la videointervista, dove la signora Rigacci proprio non dimostra la sua età - e dall’unione con Riccardo, suo marito, ha avuto due figli: Ernesto e Giulio, chiocciolini anch’essi. L’idea di questo palio a quattro mani nasce proprio da lei, che propone a Cesare Olmastroni - quasi per scherzo – di dipingere, prima o poi, un drappellone insieme. Poi nel 2012 il bando comunale esce davvero, e un Olmastroni, inizialmente reticente, si imbarca con rinnovata energia nella stesura “in tandem” del bozzetto. In prima battuta non sono loro a vincere in bando, ma il loro progetto è encomiato per le sue qualità. Proprio per questo motivo, nella seconda selezione, per i palii del 2013, si aggiudicano la commissione (insieme a Claudia Nerozzi, per il palio di Provenzano).

Un intimo silenzio. Cecilia sta vivendo questi giorni di preparazione (a breve inizierà a mettere le mani sulla tela) con gioia ed apprensione. Obbligata alla massima discrezione sui dettagli artistici del cencio, si gode un silenzio intimo e riflessivo, che descrive così: “Il silenzio mantiene l’opera in uno stato di purezza che è il più idoneo, e giova molto a capire ancora di più cosa significa questa festa, e cosa si cerca da essa”.

Palio tradizionale. Nel tentativo di farla sbilanciare un po’ sulle peculiarità del drappellone, scopriamo che sarà “tradizionale”, se per tradizione si intende la fedeltà all’immagine di Siena, e sarà un palio che “conterrà diverse arti”, nel segno di quell’artigianato che è la vocazione originaria della Rigacci. “Vorrei inserirci anche la musica” dice scherzando (ma non troppo), lasciando intravedere un Palio che non sarà solo opera del pennello.

Il drappellone chiocciolino? Sulla possibilità che il prossimo agosto ci attenda un “palio della Chiocciola”, ovvero con colori o tratti fortemente legati alla contrada d’origine, Cecilia sembra smentire: “La mia contrada ha dei colori primari che in arte o si accettano per quelli che sono, o non sono molto facili da collocare. Giallo, rosso e azzurro sono tinte molto forti, e io adoro gli sfumati”.

Genesi di un palio. La videointervista con Cecilia Rigacci è stata volutamente realizzata in uno dei luoghi-simbolo del Palio: piazza del Duomo. Nella Cattedrale, infatti, il dipinto verrà portato in trionfo da uno solo dei popoli che parteciperanno alla carriera, quello vittorioso. In questa piazza, luogo di destinazione così agognato, abbiamo provato a descrivere la genesi della più importante opera che un senese possa avere l’onore di firmare.
ilcittadionoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Quanto costa il Palio?

Messaggio  jabru il Lun Apr 01, 2013 7:03 pm

PALIO, PER METTERE I CAVALLI AL SERVIZIO DEL COMUNE 920MILA EURO ALL'ANNO
Viaggio a tutto tondo nell'economia che muove il Palio, nella prima parte spese e costi dei proprietari
30/03/2013 17:28:11

Il Palio si conferma il principale indotto economico di Siena. La Festa, che attira soprattutto la passione dei senesi e dei contradaioli, è in realtà un evento che muove milioni di euro nell'economia locale, un'esagerazione se si concepisce Siena come una cittadina di soli cinquantamila abitanti e poco più. Nel nostro viaggio di alcune puntate nell'economia del Palio, cercheremo di analizzare quanto il fenomeno del Palio contribuisce alla ricchezza della città. Moltissimi settori dell'economia sono coinvolti in un ciclo che non prevede soltanto le spese organizzative del Comune, ma tutta una serie di processi e scambi economici che aiutano a far vivere Siena.
Partiamo dai cavallai Il Palio in realtà non si limita ai quattro (leggi otto) giorni che riempiono la città di persone e di interessi mondiali. Il Palio vive e si muove, a volte più velocemente, altre più lentamente, tutto l'anno. Proprio da qui vogliamo cominciare questo viaggio, da quel mondo tanto chiacchierato dei cavallai, che sono stati al centro dell'attenzione mediatica degli ultimi mesi. La mancanza di premi per la stagione è solo quello che appare di facciata, una punta di un iceberg che è fatto soprattutto di spese folli. Al protocollo equino sono infatti stati iscritti 142 cavalli, dei quali ne sono stati scelti 118, per fare la provincia.
Costi e spese Per mantenere un cavallo da corsa, con differenti gradoni a seconda dei mesi, occorrono circa 650 euro al mese. E' una cifra simbolica, fatta di una differenza tra i mesi invernali (da fine agosto a gennaio), in cui i cavalli riposano e quindi hanno meno costi, e i mesi estivi in cui le cure e la preparazione aumentano a dismisura. Se consideriamo la media di 650 euro al mese e la moltiplichiamo per i cavalli ammessi al protocollo e per i dodici mesi dell'anno, arriviamo a sapere che i proprietari dei cavalli spendono la bellezza di circa 920 mila euro annui (non considerando le tasse) soltanto per mettere a disposizione del Comune cavalli sani per fare il Palio. E' vero, nessuno obbliga i proprietari a spendere così tanti soldi, né a tenere un cavallo. Ma a chi vanno veramente questi 920 mila euro? Dire solo ai fantini che allenano i cavalli è falso e tendenzioso. La cura del cavallo prevede spese mediche, sia preventiva che curative, che incidono per circa un terzo delle spese per il mantenimento di un cavallo, con circa trecento mila euro che vengono in un anno spartiti in maniera difforme tra medicinali (e quindi farmacie), veterinari e maniscalchi, con queste ultime due categorie che vivono quasi esclusivamente in funzione dei cavalli.

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 30 marzo
a cura di Alarico Rossi da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

PIL del Palio

Messaggio  jabru il Lun Apr 01, 2013 7:06 pm

PIL DEL PALIO, IL "VOLANO" DELLA PIAZZA. LA COMUNICAZIONE CHE MUOVE CIFRE NOTEVOLI
La seconda puntata del viaggio attraverso la finanza che interessa la festa e che fa muovere la città
01/04/2013 14:10:58

Un grande evento ha bisogno di una grande comunicazione. Nel panorama del ciclo economico che il Palio è in grado di muovere, la comunicazione, con annessa l'editoria, è un settore che a Siena vive molto grazie al Palio. I dati sia dei quotidiani che dei siti internet hanno picchi vertiginosi di ascolti e di contatti proprio nei giorni del Palio, a partire all'incirca dal 20 giugno per il Palio di luglio e dal 5 agosto per l'Assunta. E' vero che i giornalisti scrivono di Palio tutto l'anno, ma il vero interesse aumenta nei pressi dei giorni della Festa. Forse però il dato economico che più spesso balza all'occhio è quello del contratto per la diretta televisiva del Palio sulla televisione nazionale, argomento sempre molto dibattuto, che crea un movimento molto importante di denaro. Lo scorso anno la trattativa per la diretta della Festa su Rai Due, con una trasmissione ridotta a quarantacinque minuti prima dell'uscita dei cavalli dall'Entrone, fu chiusa alla cifra di 200mila euro circa per i due Palii. Una cifra che fu girata per quasi la sua metà (90mila euro) al service che cura le riprese in Piazza del Campo per trasmettere sei giorni di Palio, dalle prove di notte alla Carriera, perché le televisioni locali possano trasmettere le dirette da Piazza del Campo, con un valore annuo dei diritti televisivi del Palio che si aggira intorno ai 15 mila euro, da moltiplicare per le due televisioni locali.

I contatti Questo solo per quanto riguarda la televisione: i picchi di ascolto delle radio, dei contatti sui siti internet e delle vendite dei quotidiani nei giorni infuocati della Festa fanno da traino per la vendita di spazi pubblicitari, che servono a tenere a galla un settore come quello dell'editoria, specialmente della carta, oggi più che mai in crisi, vista la previsione, ormai fatta propria dalla maggior parte delle persone, che nel 2043 uscirà l'ultima copia di un giornale stampato. A Siena tutto questo vive ancora, grazie ovviamente al Palio che permette di aumentare vendite e contatti, così da poter far leggere i marchi delle aziende, di qualsiasi settore, ad numero di persone molto alto. Non solo: l'arrivo di giornalisti dall'Italia e dal mondo fa aumentare il valore sia della manifestazione che della città.

L’editoria C'è poi l'editoria locale, fatta di tipografie e case editrici, che sulle attività delle contrade producono circa tre quarti del loro fatturato annuo. Se negli ultimi venti anni sono state fatte più di cento pubblicazioni sul Palio soltanto "descrittive", a una media di due mila copie stampate per pubblicazione si arriva facilmente ad una cifra che supera le duecento mila copie di libri stampati, con conseguenti incassi per un milione e trecento mila euro di vendite negli ultimi venti anni di libri sul Palio. Così anche le librerie entrano nell'indotto del Palio, che diventa un'attrazione per il turista curioso ma anche per l'appassionato di Palio. Se le librerie campano sui libri che parlano del Palio, le case editrici e le tipografie basano la loro attività sulle produzioni delle contrade: non solo giornalini di contrada e numeri unici, ma anche tessere, manifesti e brochure. Se il mondo del Palio e delle contrade potrebbe sopportare moralmente un annodi "stecchetto", questo non accadrebbe per il settore tipografico senese: la mancanza dei cenini dopo la prova, ad esempio, in una contrada piccola farebbe stampare circa tremila tessere in meno all'anno. Cifra che potrebbe aumentare anche del 500 percento in una contrada grande.

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 31 marzo
a cura di Alarico Rossi da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Fucecchio: i fantini stanno meglio

Messaggio  jabru il Mer Apr 03, 2013 4:05 pm

Pes: "Oggi lascio l'ospedale" Bartoletti: "Colpito dai cavalli"
Stanno meglio i due fantini caduti a Fucecchio
I protagonisti (Pes ha una pigiatura ad un rene) ricostruiscono i momenti dell'infortunio. Corse, anche Monteroni a rischio
di Laura Valdesi

Siena, 3 aprile 2013 — «Sto meglio, dovrei lasciare l’ospedale di Empoli e tornare a casa dopo la tac di controllo». Le cure hanno fatto effetto, il dolore è più sopportabile per Dino Pes. Il fantino è caduto nel Gran Premio di Pasquetta a Fucecchio riportando una pigiatura al rene che gli ha causato per ore un dolore acuto. «Ho ricevuto molte telefonate, fa sempre piacere», raccontava ieri sera ricostruendo poi l’accaduto. «Stavo sorpassando Jonatan Bartoletti, all’esterno — dice — quando il suo cavallo è andato giù tranciando praticamente le gambe al mio. Quando succede così la botta è forte. Per fortuna lo siamo anche io e Matato, che ha riportato escoriazioni ma è ok».

Jonatan Bartoletti, invece, ha lasciato il nosocomio di Empoli già domenica, in tarda serata. «Non ho collare, me l’hanno applicato solo in un primo momento. Sto bene anche se, sia chiaro, sono pigiato. E sul gomito ho un taglio», spiega il fantino. «Non ho certo montato — prosegue abbozzando un sorriso —, adesso mi serve qualche giorno di riposo. Come a Pathos de Ozieri. Stamani (ieri, ndr) l’ho portato a mangiare un pochina d’erba, sono rimasto insieme a lui. Tanto nessuno dei due aveva urgenza di correre!».

La prima cosa che Bartoletti ha chiesto, salendo in ambulanza, era proprio come stava Pathos. «Vero, mi preme il cavallo. Il veterinario è venuto a controllarlo e ci ha pienamente rassicurato», prosegue mentre si sente che freme perché non può svolgere l’attività come ogni giorno.

I momenti della caduta sono un film che reca bene impresso nella mente. «Semplice: Pathos è andato giù di quarto, io sono volato a terra e Dino Pes, che arrivava, ha fatto altrettanto. Più che svenuto, direi che sono rimasto immobile perchè pensavo che, se mi fossi spostato, poteva prendermi più facilmente un cavallo. Anche se — ammette Bartoletti — qualcuno dei mezzosangue, non so quale, mi è passato sopra. In corsa può succedere». Ma guarda subito avanti: «Forse domenica le corse a Monteroni, se continua a piovere, saltano. Nel caso sarò pronto a tornare a cavallo per la nuova data», annuncia Bartoletti.

Corse: un tasto dolente. Oggi si saprà se davvero verrà cancellata la data del 7 aprile in Val d’Arbia a causa della pioggia e, forse domani, sarà deciso se slitterà ulteriormente anche il debutto di Mociano, il 9 aprile.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Il maltempo compromette il Palio

Messaggio  jabru il Sab Apr 06, 2013 12:49 pm

"PIÙ CHE LA CRISI È IL MALTEMPO A COLPIRE IL PALIO"
Le condizioni meteo compromettono anche le prossime occasioni per vedere in pista i cavalli e i fantini
06/04/2013 11:32:29

Il maltempo danneggia il Palio. I programmi dei prossimi giorni, o forse delle prossime settimane, saranno sicuramente stravolti dalle condizioni avverse del meteo. Non saranno tanto le giornate di sole o meno i giorni delle riunioni, ma piuttosto questi ultimi giorni che non hanno consentito la messa a norma delle piste per poter correre. Così, dopo questo venerdì piovoso che ha complicato i piani, era scontato prevedere che l'annullamento delle corse di Monteroni, fuori dal protocollo equino ma di grande fascino e interesse soprattutto perché erano previsti purosangue e mezzosangue di livello. Poco male per la Valdarbia però: il calendario lascia spazio nel prossimo fine settimana e dunque le "classiche" si svolgeranno regolarmente domenica 14 aprile, con programmi e batterie ancora da definire, anche se è facile prevedere che nella lista degli iscritti saranno ripresentati quasi tutti gli ottantadue che si sarebbero dovuti dare battaglia domenica. Più complessa la questione del protocollo equino. Il primo rinvio d'ufficio è arrivato ben prima di Pasqua con l'annullamento del primo appuntamento per Mociano previsto per il 2 aprile, con conseguente esordio del programma di addestramento dei cavalli per il Palio previsto per martedì prossimo. Purtroppo la situazione della pista è quella che da mesi ormai si sta trascinando, per colpa soprattutto delle condizioni meteo che non hanno consentito un programma per lavorare sul recupero delle piste. Alcune zone di supporto alle corse vere e proprie, come la zona dei van, sono completamente da recuperare perché praticamente allagate, la pista presenta ancora i solchi profondi per lo scolo dell'acqua e necessita ancora di lavori per riuscire ad essere praticabile dalle otto batterie che dovrebbero essere previste per martedì.

a cura di Alarico Rossi da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Nuovo calendario delle corse di addestramento

Messaggio  jabru il Lun Apr 08, 2013 4:14 pm

08/04/2013 10:36ANNULLATO L'ADDESTRAMENTO DEI CAVALLI A MOCIANOLas pista è impraticabile a causa delle piogge dei giorni scorsiS
IENA.A causa delle abbondanti precipitazioni dei giorni scorsi non è stato possibile rendere praticabile, per l’addestramento dei cavalli, la pista di Mociano, pertanto l’appuntamento in programma per domani, 9 aprile, viene annullato.La giornata verrà recuperata il prossimo 30 maggio, mentre le altre date sono, attualmente, confermate.
Il calendario è così riformulato:

DATA

PISTA

TIPOLOGIA

martedì 16 aprile

Mociano

Lavori di addestramento

sabato 20 aprile

Monticiano

Corse di addestramento

sabato 27 aprile

Monticiano

Corse di addestramento

martedì 7 maggio

Mociano

Lavori di addestramento

sabato 11 maggio (mattina)

Monticiano

Corse di addestramento

giovedì 30 maggio

Mociano

Lavori di addestramento

sabato 1° giugno (mattina)

Monticiano

Corse di addestramento

giovedì 6 giugno

Mociano

Lavori di addestramento
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Palio, la proposta di Rosso discussa il 16 aprile

Messaggio  jabru il Dom Apr 14, 2013 9:40 pm

Palio 2013, l'organizzazione discussa nel Consiglio provinciale di martedì 16 aprile
Domenica 14 Aprile 2013 17:57
Nella riunione del Consiglio Provinciale di Siena di domani, martedì, sarà discusso e votato l'ordine del giorno di Lorenzo Rosso (Fratelli d'Italia) sull'opportunità che siano le Contrade di Siena a supportare il Comune nell'organizzazione delle Carriere. Nel suo atto, Rosso premette "che organizzazione di tali storici e secolari eventi, nel totale delle due Carriere, ha un costo economico ammontante a circa cinquecentomila Euro e che fino alla scorsa edizione il pagamento di tale somma era appannaggio della Fondazione Monte dei Paschi di Siena che quest'anno, per le note vicende, ha eliminato del tutto tale contributo.”

Lorenzo Rosso ricorda poi il grave deficit di bilancio che ha portato il commissariamento del Comune di Siena e della notizia di questi giorni sull'avvenuto taglio degli stipendi accessori degli impiegati del Comune di Siena - comprese le forze di Polizia Comunale - e che sono stati decisi ed attuati drastici tagli ai servizi essenziali alla popolazione residente.

L'ordine del giorno sottolinea come “le storiche Contrade di Siena hanno ormai raggiunto livelli di efficienza assoluti nell'organizzazione di eventi sociali e culturali - anche con durata di molti giorni - tenuti nei rispettivi territori” e che “la corsa del Palio ha una fortissima funzione di sviluppo turistico e di immagine anche internazionale per l'intero territorio della Provincia di Siena” e che “il Consiglio Provinciale di Siena è perciò fortemente competente, viste le fondamentali funzioni di sviluppo economico e turistico del territorio che le sono proprie, anche a fronte del commissariamento del Consiglio Comunale del capoluogo”.

Il dispositivo finale. Con la richiesta di un voto del Consiglio Provinciale affinchè “impegni la Giunta a farsi promotrice della proposta che siano le storiche Contrade di Siena, attraverso una decisione del Magistrato delle Contrade di Siena, ad organizzare con propria forza lavoro, le Carriere dei Palii del corrente anno, nei modi e forme previsti appunto dal Magistrato delle Contrade.”

SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Estrazione, quando farla?

Messaggio  jabru il Lun Apr 15, 2013 10:38 am

Estrazione a sorte, ecco i risultati del sondaggio
Commenti
di Laura Valdesi

Molti sono favorevoli al 2 giugno perché così si tiene alta la temperatura del Palio e magari diventa più intrigante

Siena, 15 aprile 2013 - Meglio il 19 maggio e il 2 giugno? La data dell’estrazione a sorte delle Contrade divide fantini, appassionati e proprietari di cavalli. Ma la tesi prevalente è una soltanto: “Meglio tenere alta la tensione e aspettare che la stagione diventi calda per tirare a sorte le tre che mancano”, sostiene Cianchino. “Il Palio è fatto di segretezza e se vogliamo una Carriera più intrigante è bene che il commissario scelga il 2 giugno. I dirigenti hanno meno tempo per muoversi, ci sta anche qualche spunto diverso dal solito”, aggiunge mentre si avvicina Bastiano che gli fa eco. “Deve essere un batticuore, fino all’ultimo momento. Non si deve ancora sapere quale è il canape completo, rende più saporito il gusto della Festa. Non ho dubbi: 2 giugno”. Non è dello stesso avviso Luca Minisini: “Dovessi scegliere punterei sul 19 maggio perché consente alle Contrade di avere più tempo per mettere a punto le loro strategie. Sì, anche i fantini tutto sommato possono muoversi con maggiore agilità. Dieci giorni di differenza non sono molti però nel Palio contano anche quelli”. “Macchè… il 19 è troppo presto perché ancora l’atmosfera è ‘fredda’. A volte si è fatta l’estrazione il 29 o il 30 maggio. Il 2 giugno dunque va benissimo”, sostiene Fabrizio Brogi, storico proprietario di cavalli. “A me va bene tutto, anche il 25 giugno – scherza Amsicora che osserva le corse a Monteroni con il capitano legnanese di San Bernardino – purché esca a sorte il Drago!”. Battute a parte, la data può influire semmai sui fantini di seconda fascia.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Mociano: lavori di addestramento

Messaggio  jabru il Lun Apr 15, 2013 4:26 pm

Lavori di addestramento dei cavalli da Palio alla pista di Mociano
Lunedì 15 Aprile 2013 11:22
Saranno 49 i cavalli che, divisi in 7 batterie, svolgeranno domani, martedì 16 aprile a partire dalle ore 15.00, la giornata dei lavori di addestramento del Protocollo 2013 nella pista di Mociano.



Questo il programma completo dei lavori:

Prima batteria – ore 15.00
Cavallo Fantino Proprietario
1 NOVERRE Luca Minisini Augusto Posta
2 ORPEN Andrea Chessa Graziano Chiappetta
3 PACIFICA Luca Veneri Luca Veneri
4 NITRITO Pier Camillo Pinelli Vincenzo Facchini
5 PACIFICO Gianluca Mureddu Dario Colagè
6 MONTIEGO Sebastiano Murtas Mark Harris Getty
7 MIGUEL Ireneo Cabiddu Simone Santi

Seconda batteria – ore 15.20
Cavallo Fantino Proprietario
1 MOCAMBO Ireneo Cabiddu Mark Harris Getty
2 ORO DI GALLURA Elias Mannucci Linda Scilli
3 OBA OBA Andrea Farris Caterina Anselmi
4 POLONSKI Sebastiano Murtas Mark Harris Getty
5 PRESSING DE MORES Federico Arri Caterina Volpi
6 POLE POSITION Alessio Corda Giuseppe Zedde
7 NICOLAS DE P.ULPU Gianluca Mureddu Mark Harris Getty

Terza batteria – ore 15.40
Cavallo Fantino Proprietario
1 OCEANO BAIO Virginio Zedde Elisabetta Ferrini
2 INDIANOS Luca Minisini Benedetta Gualtieri
3 ORIOX Silvano Mulas Giulia Zingarelli
4 OPPIO Andrea Coghe Giuliano Brandini
5 PAMPHEROS BAIO Andrea Farris Luca Anselmi
6 ORACO Luca Veneri Luca Veneri
7 GUSCHIONE Antonio Siri Simone Berni

Quarta batteria – ore 16.20
Cavallo Fantino Proprietario
1 MIRKO MONELLO Andrea Coghe Monica Mureddu
2 NERONE SAURO Salvatore Blanco Simone Berni
3 OSCAR BOY Elias Mannucci Mario Savelli
4 MOROSITA PRIMA Giosuè Carboni Carolina Tacconi
5 ORIONTE Bastiano Sini Nicola Biagini
6 OMODEOS Luca Minisini Nicola Sandroni
7 LO SPECIALISTA Silvano Mulas Fabio Fioravanti

Quinta batteria – ore 17.00
Cavallo Fantino Proprietario
1 OZZASTRU Giosuè Carboni Lucia Toto
2 OPERA RARA Andrea Coghe Massimiliano Fabbri
3 NIMENTO Pietro Porcu Gian Piero Nerli
4 MARROCULA Andrea Chessa Alessandro Favilli
5 NESPOLO DE BONORVA Alessio Corda Antonio Zedde
6 ORGOLESE Salvatore Blanco Simone Berni
7 LAMPANTE Alessandro Colombati Alessandro Bandini

Sesta batteria – ore 17.20
Cavallo Fantino Proprietario
1 ONEGLIA DE OZIERI Jonatan Bartoletti Luca Francesconi
2 MEREMANNA Alessandro Chiti Mauro Panti
3 NOTTAMBULO Alessio Migheli Mattia Marchetti
4 OVERJOYED Jacopo Pacini Martina Zini
5 PITZULU Elias Mannucci Mario Savelli
6 QUATIVOGLIO Giuseppe Zedde Antonio Zedde
7 MAGIC TIGLIO Andrea Coghe Massimo Coghe

Settima batteria – ore 17.40
Cavallo Fantino Proprietario
1 MISTERIOSU Alessandro Colombati Filippo Toti
2 NAIKE’ Ireneo Cabiddu Simone Picchi
3 MORESU Andrea Chessa Fabio Fioravanti
4 OSAMA BIN Sebastiano Murtas Mark Harris Getty
5 MISSISIPPI Alessio Migheli Francesco Pizzadili
6 PRETZIOSA Elias Mannucci Stefano Paccagnini
7 ISTRICEDDU Jacopo Pacini Serena Butteri
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Mociano..... tutti giù per terra.....

Messaggio  jabru il Mer Apr 17, 2013 5:43 pm

OVERJOYED E OSAMA IL NUOVO CHE AVANZA. A MOCIANO TRE CADUTE
Debutto della stagione di addestramento per il Palio. Tanti dirigenti, buoni spunti di Marrocula, Morosita e Oneglia
17/04/2013 08:57:53

A Mociano si è ricominciato con tre botti. Non d’artificio, ma cadute. Chiedere ai giovani Ireneo Cabiddu, Alessio Corda ed Elias Mannucci, che hanno assaggiato la terra da pochi giorni resa praticabile di Mociano. In tre maniere coompletamente differenti. Cabiddu, allievo di Luigi Bruscyhelli, è caduto al primo Casato nella seconda batteria dopo essere partito benissimo con Mocambo. Poi è toccato ad Alessio Corda, non nuovo di cadute al canape, dopo una splendida partenza su Oceano Baio, con il canape che si è incastrato sia tra le zampe anteriori del baio montato dal fantino di scuderia Zedde che tra quelle del grigio Indianos, con Luca Minisini, uscito indenne dall’abbassamento leggermente ritardato combinato ad un tempo del via troppo perfetto da parte dei due. Infine, è toccato nella quarta batteria ad Elias Mannucci su Oscar Boy l’assaggio del terreno sempre alla curva del Casato, stavolta con la paura del calpestamento seriamente rischiato da parte degli altri cavalli.

Servizio integrale nel Corriere di Siena del 17 aprile
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Mociano: si parte

Messaggio  jabru il Mer Apr 17, 2013 5:47 pm

MOCIANO APRE I BATTENTI TRA CALDO, TANTA GENTE E QUALCHE BRUTTO SCIVOLONE
News 17-04-2013

In un pomeriggio veramente caldissimo, è partita ufficialmente la stagione delle corse di addestramento per cavalli da Palio. Sono state 7 le batterie che hanno visti impegnati numerosi cavalli che già hanno corso il Palio ma anche molti altri in cerca di un posto tra i 10. Nella prima batteria c'è stata un'ottima partenza di Noverre con Luca Minisini, seguito da Orpen con Andrea Chessa e da Montiego con Sebastiano Murtas. Sono stati solo questi tre soggetti a galoppare ad una velocità più sostenuta. Da segnalare in questa batteria che il cavallo Nitrito è stato montato prima da Bastiano Sini e poi da Pier Camillo Pinelli. Nella seconda batteria, grande partenza di Pressing de Mores con Federico Arri, seguito da Polonski con Sebastiano Murtas e da Ireneo Cabiddu con Mocambo; da segnalare la caduta dello stesso Cabiddu al Casato. La terza batteria è stata un po' ''falsata'' dal canape che è caduto in ritardo e che ha causato la caduta di Alessio Corda da Oceano Baio. Ha rischiato molto anche Luca Minisini che però è riuscito a rimanere in groppa a Indianos. Nella quarta batteria, da segnalare buoni spunti in partenza da parte di Oscar Boy con Elias Mannucci, Morosita Prima con Giosuè Carboni e di Orionte con Bastiano Sini. Brutta caduta al Casato per Elias Mannucci che è stato anche calpestato da un altro cavallo che lo seguiva. Fortunatamente nessuna grave conseguenza per lui visto che nelle batterie successive ha potuto rimontare a cavallo. Nella quinta batteria bel testa a testa in partenza tra Nimento con Pietro Porcu e Marrocula con Andrea Chessa. Buono anche lo spunto di Ozzastru con Giosuè Carboni. Nella sesta batteria, ottima partenza di Oneglia de Ozieri con Jonathan Bartoletti, seguito da Meremanna con Alessandro Chiti e da Overjoyed con Jacopo Pacini. Sono stati solo questi tre soggetti ad essere impegnati seriamente. Infine, nella settima ed ultima batteria, dopo una mossa un po' laboriosa, buona la partenza di Osama Bin con Sebastiano Murtas e di Naikè con Ireneo Cabiddu. Bene anche Misteriosu con Alessandro Colombati. Il prossimo appuntamento è previsto per sabato 20 con le corse a Monticiano.

Francesco Zanibelli da OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Sabato si corre a Monticiano

Messaggio  jabru il Gio Apr 18, 2013 5:21 pm

SABATO È LA VOLTA DI MONTICIANO. CORSE SULLA PISTA DEL TAMBURO
Sabato mattina, con prima batteria prevista al momento per le nove e mezzo ci saranno le prime corse. Fine settimana pieno di impegni
18/04/2013 11:25:01

Ora si fa davvero sul serio. Il prossimo fine settimana prevede infatti il tutto esaurito negli impegni del mondo del Palio. Sabato mattina, con prima batteria prevista al momento per le nove e mezzo ma ancora in definitiva attesa di ufficializzazione, ci saranno le prime corse di addestramento nella pista del Tamburo di Monticiano. Trattandosi di corse e non di addestramento, l'attesa per l'esordio delle corse della provincia senese è altissima soprattutto per la consapevolezza delle difficoltà invernali che in qualche momento dell'anno sembravano tendere al peggio. Soprattutto, nonostante la maggior parte dei cavalli si sia dimostrata a Mociano in ritardo di condizione, l'impegno di martedì ha fatto notare come l'approccio alla stagione da parte dei proprietari e degli allenatori sia esattamente come quello degli altri anni. Quindi le previsioni per le prime corse di Monticiano, con sette o otto batterie in programma, vogliono solo mettere nel conto nomi importanti e grande spettacolo. Soprattutto perché i cavalli impegnati nella pista del Tamburo potrebbero essere a giugno protagonisti in Piazza. Saranno differenti invece i protagonisti dell'ultimo appuntamento delle Corse di Primavera di Ficecchio di domenica.

A cura di Alarico Rossi da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Appuntamento a Monticiano

Messaggio  jabru il Ven Apr 19, 2013 4:21 pm

19/04/2013 13:15PALIO: DOMANI IL PRIMO APPUNTAMENTO A MONTICIANOCorse di addestramento: orari e cavalli in pistaS
IENA. Si terrà nella mattinata di domani (20 aprile), il primo appuntamento delle corse di addestramento dei cavalli da Palio nella pista “Il Tamburo” di Monticiano.
Questo il programma:



Prima corsa – ore 9.00



Cavallo

Fantino

Proprietario

1

NITRITO

Pier Camillo Pinelli

Vincenzo Facchini

2

OBA OBA

Andrea Farris

Caterina Anselmi

3

OZZASTRU

Giosuè Carboni

Lucia Toto

4

NAIKE’

Sebastiano Murtas

Simone Picchi

5

ORIOX

Silvano Mulas

Giulia Zingarelli

6

OSCAR BOY

Elias Mannucci

Mario Savelli

7

NOVERRE

Luca Minisini

Augusto Posta



Seconda corsa – ore 9.30



Cavallo

Fantino

Proprietario

1

LO SPECIALISTA

Silvano Mulas

Fabio Fioravanti

2

MISSISSIPPI

Francesco Caria

Osvaldo Costa

3

MOCAMBO

Ireneo Cabiddu

Mark Harris Getty

4

LAMAGNO

Andrea Mari

Andrea Mari

5

MAGIC TIGLIO

Andrea Coghe

Massimo Coghe

6

LAMPANTE

Alessandro Colombati

Alessandro Bandini

7

ISTRICEDDU

Jacopo Pacini

Serena Butteri



Terza corsa – ore 10.00



Cavallo

Fantino

Proprietario

1

PITZULU

Elias Mannucci

Mario Savelli

2

OCEANO BAIO

Alessio Corda

Elisabetta Ferrini

3

PRESSING DE MORES

Federico Arri

Caterina Volpi

4

ORIONTE

Bastiano Sini

Nicola Biagini

5

PAMPHEROS BAIO

Andrea Farris

Luca Anselmi

6

MORESU

Andrea Chessa

Fabio Fioravanti







Quarta corsa – ore 11.00



Cavallo

Fantino

Proprietario

1

GUESS

Giuseppe Angioi

Fabio Romanelli

2

GUSCHIONE

Antonio Siri

Simone Berni

3

MOROSITA PRIMA

Giosuè Carboni

Carolina Tacconi

4

MISSISIPPI

Alessio Migheli

Francesco Pizzadili

5

IVANOV

Alessandro Chiti

Alessandro Fontani

6

MIGUEL

Ireneo Cabiddu

Simone Santi





Quinta corsa – ore 11.30



Cavallo

Fantino

Proprietario

1

MIRKO MONELLO

Andrea Coghe

Monica Mureddu

2

MONTIEGO

Sebastiano Murtas

Mark Harris Getty

3

OCCOLE’

Alessio Migheli

Alberto Manenti

4

INDIANOS

Luca Minisini

Benedetta Gualtieri

5

LAHIB

Elias Mannucci

Nicola Borselli

6

MISTERIOSU

Alessandro Colombati

Filippo Toti



Sesta corsa – ore 12.00



Cavallo

Fantino

Proprietario

1

POLONSKI

Sebastiano Murtas

Mark Harris Getty

2

ONEGLIA DE OZIERI

Jonatan Bartoletti

Luca Francesconi

3

ONDINA PRIMA

Dino Pes

Dino Pes

4

OPPIO

Andrea Coghe

Giuliano Brandini

5

OMODEOS

Luca Minisini

Nicola Sandroni

6

NERONE SAURO

Antonio Siri

Simone Berni





Settima corsa – ore 12.30



Cavallo

Fantino

Proprietario

1

OVERJOYED

Jacopo Pacini

Martina Zini

2

OSVALDO

Alessandro Colombati

Roberto Danesi

3

NIMENTO

Pietro Porcu

Gian Piero Nerli

4

ORGOLESE

Antonio Siri

Simone Berni

5

OSAMA BIN

Sebastiano Murtas

Mark Harris Getty

6

NOTTAMBULO

Alessio Migheli

Mattia Marchetti
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 8228
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Verso i prossimi Palii

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum