Vita nelle Contrade

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La Marcia dell'indipendenza

Messaggio  jabru il Ven Apr 25, 2014 7:04 pm


SIENA-MONTALCINO, LA MARCIA DELL'INDIPENDENZA SENESE

News 25-04-2014




La Contrada della Tartuca, tramite le proprie Compagnie Militari di Porta all’Arco e S.Agata ed il G.S.Senio ed in collaborazione con il Quartiere Ruga di Montalcino ha organizzato la XXXV “Marcia dell’Indipendenza senese” che ha lo scopo di ripercorrere, da Siena a Montalcino, l’esodo - avvenuto il 21 aprile 1555 - delle famiglie senesi che intesero continuare in Montacino la lotta per la libertà e l’indipendenza della Repubblica di Siena.

La Repubblica di Siena riparata in Montalcino fu l’ultimo tentativo di resistenza delle nostre istituzioni repubblicane. Circa seicento famiglie di gentiluomini senesi, dopo aver resistito alle sofferenze del lungo assedio da parte dell’esercito ispano-mediceo, abbandonarono Siena per raggiungere la fortezza di Montalcino, con il proposito di mantenere in vita la Repubblica.

La “Marcia dell’Indipendenza senese”, è un iniziativa che riunisce le Consorelle sotto il grande ideale della Civiltà Senese; per sentirsi eredi della storia i cui valori ancora oggi ci ispirano come senesi e come contradaioli, per ripercorrere quella stessa strada animati da un diverso spirito di libertà, ma con la volontà di ricordare. E’ questo il principio che ogni anno spinge la Contrada della Tartuca ad organizzare questa manifestazione, oltre che vivere una giornata diversa, immersi in paesaggi bellissimi, animati solo da un puro spirito di partecipazione. La “Marcia” è per la Tartuca e per le Contrade partecipanti un momento di festa e di gioia.

Questi i numeri dell'edizione odierna.
•14 Contrade presenti per un totale di 30 Compagnie militari partecipanti
•Compagnia militare vittoriosa: Abbadia Nuova di Sopra A (Nobile Contrada del Nicchio) con il tempo di 3.09.24
•La classifica per Contrade è stata vinta dalla Nobile Contrada del Nicchio con 104 punti

OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Nicchio - festa dell'Abbadia Nuova

Messaggio  jabru il Lun Apr 28, 2014 7:21 pm


Torna la Festa dell'Abbadia Nuova nel Nicchio
28/04/14 - 12:13
La VI edizione si svolgerà da venerdì a domenica



Nel prossimo fine settimana, da venerdì a domenica, si terrà a Siena nella Nobile Contrada del Nicchio la VI edizione della Festa all'Abbadia Nuova. Venerdì 2 Maggio 2014 alle ore 18.00 presso l'Oratorio della Contrada in Via dei Pispini verrà consegnato il Premio Antica Arte dei Vasai, al Maestro Adriano.

Seguiranno le inaugurazioni delle mostre "Forma come autobiografia" personale di Adriano Leverone, "Epifania del Sacro: artisti d'oriente e d'occidente" collettiva di ceramica contemporanea con 78 artisti internazionali e "La Madonna di Provenzano nelle raffigurazioni in ceramica a Siena". Inoltre seminari, incontri, conferenze, animazioni con tornianti di Celle Ligure e dell'Unione Terracottai di Montelupo Fiorentino e cotture Raku in diretta. Organizzazione Associazione Arte dei Vasai Onlus.

Le mostre saranno aperte fino all'11 Maggio 2014.

La VI edizione del Premio Antica Arte dei Vasai della Nobile Contrada del Nicchio di Siena, si rivela come manifestazione tra le più ricche di varietà e partecipazione, segno evidente che l'arte, la poesia e il sentimento, non sono in crisi. Anzi, proprio nei momenti di difficoltà materiali, gli artisti rispondono con ricchezza d'idee e rilanciano nel futuro l'emblema della speranza.

Marco Fattorini, il neo eletto Priore della Nobile Contrada del Nicchio ha capito pienamente l'importanza di questa manifestazione nata dall'idea di ricreare una festa perduta, avuta e seguita dal Prof. Paolo Neri, e il valore della sua continuità, riconoscendo nell'evento culturale sia un passato che l'incarnazione della ricerca di un'identità, e forse della radice vera di un popolo che ha fatto del medesimo mestiere che nel quartiere si praticava, lo spirito per unirsi.

Affiancano la mostra personale del Maestro Adriano Leverone, con i suoi monumentali gres, due interessanti esposizioni: la prima sull'immagine di “Maria Santissima di Provenzano nelle rappresentazioni della ceramica a Siena”, con un'indagine sull'icona tanto venerata a Siena, per la quale si corre il Palio più antico; l'altra “Epifania del Sacro: artisti d'Oriente e d'Occidente” è una mostra bellissima e completa che vede la partecipazione di 78 di artisti internazionali che rendono manifesta l'immagine del Sacro, in un'intreccio di culture, modi, concezioni e tecniche. Opere di Nino Caruso, Alessio Tasca, Paolo Staccioli, Alfredo Gioventù, Lee Babel, Carlos Carlè, Emanule Luzzati, Sandro Lorenzini, Nanni Servettaz, Enrico Stropparo, affiancano artisti giapponesi, cinesi, coreani e mediorientali e giovani sperimentatori di nuove interpretazioni della ceramica contemporanea.

Adriano Leverone nasce nel 1953 a Quiliano (Savona).

Dopo il diploma all’Istituto Statale d’Arte di Chiavari si iscrive, nel 1971, al Magistero Artistico presso l’Istituto d’Arte per la Ceramica G. Ballardini di Faenza.Tra il 1973 e il 1974 frequenta lo studio di Carlo Zauli. Inizia in quel periodo la sua attività espositiva con mostre personali e collettive. Nel 1975 apre il suo primo studio per la lavorazione della ceramica.Tra il 1983 e il 1985 fa parte del Movimento Artistico A Tempo e a Fuoco curato da Vittorio Fagone. Negli anni successivi si dedica anche all’insegnamento: dal 1979 al 1986 presso la Scuola di Ceramica di Albisola e nel 1994 è docente al Centro Italiano Femminile di Genova. Tiene inoltre uno stage di scultura ceramica al Berea College Craft (KY., USA). Per conto del Ministero degli Affari Esteri, dal 1987 al 1989 in Etiopia e nel 1992 in Brasile interviene al programma per la formazione di tecnici e l’avviamento di una scuola di ceramica come esperto della lavorazione della terracotta.Negli anni successivi esegue per Enti Pubblici diverse opere in grès, ardesia e bronzo. Viene inoltre invitato a partecipare a manifestazioni artistiche e simposi internazionali. Durante la sua carriera artistica si aggiudica molti premi e riconoscimenti. Le sue opere sono esposte in numerose collezioni private e pubbliche sia in Italia che all’estero.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Siena capitale della cultura

Messaggio  jabru il Dom Mag 11, 2014 7:15 pm

Le Contrade per Siena capitale europea della Cultura: le proposte del Nicchio


Domenica 11 Maggio 2014 15:21


.
La valle aperta e il welfare alla senese
Ne parlano con Pierluigi Sacco, Direttore di candidatura, Paolo Neri e Daniele Magrini
Introduce Marco Fattorini Onorando Priore della Nobile Contrada del Nicchio
Comunicazione di Manuela Neri, presidente Onlus "Arte dei Vasai"

2019cittaeuropeacultura-logo400Venerdì 16 maggio alle ore 17,30 presso la Società La Pania della Nobile Contrada del Nicchio, si terrà l'incontro "Le Contrade per Siena Capitale europea della cultura: le proposte del Nicchio". Dopo l'introduzione del Priore, Marco Fattorini, ne parleranno, con il professor Pierluigi Sacco, due ex Priori della Contrada, Paolo Neri e Daniele Magrini. Sarà anche illustrata l'idea di un anfiteatro, spazio aperto nella Valle della Pania.
Manuela Neri, presidente della Onlus Arte dei Vasai, illustrerà le caratteristiche della prima onlus contradaiola realizzata.

Un incontro in cui la progettualità della Contrada, sul tema del welfare e dell'uso del territorio, rappresenterà un esempio di quanto, la dimensione contradaiola, possa essere il valore aggiunto della candidatura di Siena a Capitale Europea della Cultura nel 2019.

SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Sona sona campanella

Messaggio  jabru il Lun Mag 12, 2014 9:09 pm


"Sòna sòna campanella" in mostra nel Cortile del Podestà
12/05/14 - 12:48
La storia e le tradizioni di Siena raccontate dai 'cittini'. L'allestimento, ideato e promosso dal Comitato Amici del Palio, resterà aperto dal 15 al 18 maggio



Oltre 400 elaborati in mostra, all'interno del Cortile del Podestà di Palazzo Pubblico, dal 15 al 18 maggio prossimi. Tra disegni, e veri e propri elaborati artistici, circa mille bambini hanno risposto con entusiasmo all'iniziativa, ideata e promossa, dal Comitato Amici del Palio, e concretizzatasi nell’allestimento "Sòna sòna campanella", presentato questa mattina durante la conferenza stampa tenutasi a Palazzo Berlinghieri. Il Comitato, fondato nel 1947, con l’obiettivo di svolgere attività tese allo studio e alla soluzione dei problemi inerenti lo svolgimento della Festa senese, ma anche alla difesa della tradizione e della forma del rito paliesco, organizzando attività culturali e di informazioni, quest’anno ha dedicato il suo impegno ai piccoli senesi. I grandi contradaioli di domani. Un impegno che si è tradotto in un grande successo vista l’adesione riscontrata. Ben 38 classi della scuola primaria e secondaria di primo grado hanno risposto con entusiasmo ai temi illustrati, a rotazione, da tutti i componenti del Comitato ai quali, per le competenze specifiche, si è aggiunto il Prof. Alberto Fiorini. Quattro ore di lezione per ciascuna classe, per stimolare sensibilità civica nei confronti della città, delle Contrade e del Palio, con l’obiettivo di favorire conoscenze e integrazioni, soprattutto con i bimbi non senesi, così da stimolare il concetto di tutela e salvaguardia del cavallo, il principale protagonista delle Carriere.

Partendo, infatti, dalla storia di Siena, dalle sue origini ai momenti più cruciali: la battaglia di Montaperti, la caduta della Repubblica senese, la Siena nel Granducato di Toscana, fino all’unità d’Italia, i ragazzi sono entrati nel vivo di quel tessuto antropologico che, da sempre, ha reso tangibile l’unicità del Palio. Forse l’ombra protettrice della bandiera che ognuno porta nel cuore, forse la passione trasmessa nelle esposizioni dei membri del Comitato Amici del Palio, forse la magia che questa città riesce a tramandare, come fosse una marca genetica, forse questi elementi all’unisono hanno fatto sì che tutti gli alunni producessero, sapientemente seguiti dal personale docente dei vari plessi scolastici, una vera e propria mole di elaborati artistici, che a breve saranno esposti all’interno del Cortile del Podestà. Un segno tangibile dell’importanza che il Palio riveste all’interno del tessuto sociale di questa collettività. Una delle più belle dimostrazioni, per i concittadini, ma, soprattutto, per gli stranieri, per far conoscere loro la differenza tra folklore e tradizione, e il connubio che questa città, nei due appuntamenti palieschi riesce a generare, tra passato e presente. Due elementi temporali qui legati da un solido collante: passione e amore.

Un concetto, questo, ben esplicitato dal Fiorini: <<il messaggio educativo e culturale che il Comitato intendeva trasmettere, traducibile nel motto riveduto e ampliato: la nostra storia e la nostra città sono il nostro orgoglio, è stato ben recepito. Soprattutto la capacità di apprezzamento dei valori contradaioli più genuini: l’amicizia, il rispetto dell’altro, la solidarietà, l’impegno, l’attaccamento ai propri colori. Tutti elementi basilari per una futura, effettiva, e consapevole partecipazione alla vita sociale e culturale della nostra città e delle sue Contrade>>.

Siena come paradigma, dunque, soprattutto adesso, come ha evidenziato il presidente del Comitato Amici del Palio Gabriele Bartalucci: <<In uno dei momenti più brutti della nostra storia, abbiamo deciso di ripartire, con Siena, dalle generazioni più giovani. Lavorare da subito per un non lontano domani. Lavorare su una materia che ci accomuna, un trait d’union, in grado di abbattere qualsiasi barriera: dall’età alle condizioni sociali, dalla lingua alle religioni, dal genere alle idee, perché solo uniti da un elemento comune e, al contempo, neutro, possiamo continuare a difendere la nostra Festa, e impegnarci costruttivamente a far risollevare la nostra città>>.

Durante la vista, gratuita, alla mostra “Sòna sòna campanella”, realizzata con il patrocinio del Comune, il contributo della Banca MPS e il supporto di PubliNeonArt, sarà possibile lasciare un libero contributo a favore dell’Associazione Insieme per i bambini.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Siena 2019

Messaggio  jabru il Mer Mag 14, 2014 7:21 pm


Siena 2019: il ruolo delle contrade
14/05/14 - 11:55
Il Nicchio presenta la sua idea. L'ex priore Neri: "Proporremo la realizzazione di un anfiteatro verde nella parte della Valle che ci è stata affidata dal Comune"



Il mondo delle contrade ha grandi valori che non si possono ridurre al solo Palio, ma vanno anzi fatti conoscere per far capire che Siena non è una città di corrotti come può emergere dagli ultimi episodi, ma è una realtà viva e partecipe. E' il messaggio che vuole lanciare Paolo Neri, ex priore della contrada del Nicchio e che venerdì prossimo insieme ad un altro ex priore, Daniele Magrini, e l'attuale in carica nei Pispini Marco Fattorini parlerà del ruolo che potranno avere le contrade nella candidatura di Siena capitale della cultura 2019. Si intitola "Le contrade per la candidatura di Siena capitale europea della cultura 2019: le proposte del Nicchio" e si svolgerà nella società la Pania alle ore 17,30. "Presenteremo le nostre idee - ha detto Neri ai nostri microfoni - perchè sarebbe utile che ogni contrada portasse il suo contributo alla candidatura. Noi proporremo la realizzazione di un anfiteatro verde nella parte della Valle che ci è stata affidata dal Comune, qui si potranno svolgere manifestazioni, spettacoli fruibili da tutti. Ed essendo esperti di ceramica potremmo abbellirlo con statue realizzate dai nostri artisti". Nel corso dell'incontro sarà possibile avere un'idea chiara del progetto grazie ad un plastico ed un video che verrà presentato. "Le contrade sono il centro della società civile che Siena deve sfruttare, il vero contradaiolo è orgoglioso di quello che può dare alla città", conclude Neri.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Rompicollo offrirà il Masgalano 2016

Messaggio  jabru il Gio Mag 15, 2014 7:14 pm

15/05/2014 16:15

Sarà "Rompicollo" ad offrire il Masgalano del 2016

La fantina Rosanna Flamini Bonelli festeggerà il 60° anniversario


SIENA. La fantina Rosanna Flamini Bonelli, soprannominata Diavola ma conosciuta a Siena come Rompicollo per la sua storica partecipazione al Palio del 16 agosto 1957 con la contrada dell’Aquila, offrirà il Masgalano 2016, proprio per celebrarne, seppur con un anno di anticipo, il 60° anniversario. Un importante riconoscimento per la figlia del grande scrittore senese Luigi Bonelli, la quale si rese protagonista della vittoria di due prove.

E’ quanto ha stabilito la Giunta comunale che, accogliendo la richiesta avanzata del “Lions club Siena” per la ricorrenza del centenario della fondazione del “Lions international”, ha già assegnato l’offerta del prestigioso riconoscimento anche per il 2017.
ilcittadinoonline


avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Le proposte per la medaglia civica

Messaggio  jabru il Gio Mag 15, 2014 7:18 pm

Sergio Micheli e Cristina Ferri i nomi per le medaglie di civica riconoscenza


Oggi scadono i termini per le candidature. Le proposte sono di Istrice e Gruppo stampa
di Laura Valdesi

Siena, 14 maggio 2014 — Cristina Ferri e Sergio Micheli: ecco i due nomi candidati alla medaglia di civica riconoscenza. Le proposte sono state depositate entro il 15 maggio, la prima dal Gruppo stampa senese e la seconda dall’Istrice, affinchè il comitato ristretto e quindi il Concistoro le analizzino. E diano il via libera alla consegna di un riconoscimento che lo scorso anno non venne assegnato, così come il premio Mangia. Del resto è stato deciso di mettere paletti rigidi nella scelta dei personaggi a cui attribuire quest’ultimo. Senza insomma essere costretti, ogni anno, a dover scovare un volto adeguato.


Il Gruppo Stampa ripropone, in verità, il nome di Cristina Ferri. Lo aveva già fatto nel 2012 puntando su un’eccellenza senese che ha studiato pianoforte nella Scuola di Musica di Siena e si è diplomata presso l’Accademia di canto lirico di Busseto nel 1995 e successivamente in canto al Conservatorio Cherubini di Firenze. Ha studiato con Magda Olivero, Carlo Bergonzi, Rajna Kabaiwanska, Renata Scotto, Maya Sunara. Ha interpretato la Turandot, Le Nozze di Figaro, I pagliacci e il Trovatore, solo per citare alcune opere.


Il nome nuovo, per quanto riguarda la medaglia di civica riconoscenza, è quello di Sergio Micheli. Istriciaiolo doc, anche se non ha mai ricoperto cariche (fa parte del consiglio di Camollia), classe 1930, è stato professore di Storia e critica del cinema presso l’Università per stranieri. Numerosi i libri e le riviste specializzate su cui si trova la firma di Micheli. Lunghissimo il suo curriculum che spazia da master presso sedi universitarie straniere (America latina) alla realizzazione di documentari, anche per la Rai. Ha ricevuto tra l’altro la laurea honoris causa dalla nuova università di Sofia, in Bulgaria.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La Chiocciola invita

Messaggio  jabru il Mar Mag 20, 2014 7:44 pm

Palio e Contrade – La Chiocciola propone “Passaggio d’Arte”




Foto 1 una delle opere in mostraDa mercoledì 21 a sabato 24 maggio la Contrada della Chiocciola propone gli attesi appuntamenti nell’Oliveta, gli splendidi giardini recuperati dalla Contrada che per quattro giorni diventano spazio di aggregazione e di socialità. Gastronomia, spettacolo, intrattenimento per iniziare ad assaporare la stagione estiva.



Con l’edizione 2014 torna anche “Passaggio d’Arte” esposizione collettiva che coinvolge tanti artisti chiocciolini.



Ogni sera dalle ore 19.30 alle ore 24.00 Turi Alescio, Cesare Baglioni, Gerard Beaugonin, Renzo Bianciardi, Simone Bocci, Rino Conforti, Federico Corsi, Ilaria Finetti, Jacopo Marchi, Daniela Martelli, Angelo Polvanesi, Cecilia Rigacci e Daniele Zacchini, esibiranno alcune delle loro opere nei suggestivi spazi del Santa Marta (via San Marco, 88)



Tecniche diverse e forme di espressione differenti per un’ iniziativa che arricchisce il cartellone della 4 giorni chiocciolina e che offre alla città uno spazio inedito dove gli artisti si possono confrontare e offrire al pubblico il meglio della loro straordinaria creatività.



Un motivo in più per accogliere l’invito della Contrada della Chiocciola e visitare l’Oliveta 2014.







Per informazioni: cancelleria@contradadellachiocciola.it

SienaNews
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Mostra dei migliori scatti dei Palii 2013

Messaggio  jabru il Mer Mag 21, 2014 6:47 pm

Instapalio13: in stampa il volume con i migliori 500 scatti su Instagram del Palio 2013, ed una mostra al Cortile del Podestà


Mercoledì 21 Maggio 2014 11:44


.
instapalio1 Alle soglie della stagione paliesca 2014 si torna a parlare di quella precedente grazie ad un progetto che ha coinvolto tantissimi appassionati del binomio Palio e Fotografia.

E’ finalmente andato in stampa il libro che racchiude 500 tra i migliori scatti legati alla stagione paliesca 2013 caricati su Instagram. Per chi non lo conoscesse ancora Instagram è un social media basato sulla condivisione di fotografie che sono richiamabili in base ai tag, vere e proprie categorie.

Il Tag #Instapalio13, che racchiude tutte le 3200 e più foto scattate da moltissimi utenti, racconta il Palio in una maniera inedita, attraverso gli occhi dei contradaioli e dei tanti visitatori.

instapalio2Obiettivo quindi centrato per il giovane desinger e direttore creativo senese Marco Cheli, che si era dato come scopo il raccontare la festa attraverso immagini non di professionisti.
Il successo dell’iniziativa è dovuto anche alla collaborazione con la community locale degli “instagramers”, appassionati di questo Social Media, che è stata da subito appoggiata dai vertici regionali e nazionali. Il tutto grazie alla partecipazione al progetto di Antonio Cinotti, libero professionista nella comunicazione online, grande appassionato di Social Media ed in particolare di Instagram e responsabile della community degli Instragramers senesi.

Visto il grande successo dell’iniziativa online è nato un libro di 192 pagine con moltissime immagini e pochissimi testi; la penna di Paolo Bartalucci, ottimo professionista della comunicazione, senese purosangue, accompagna infatti lungo il percorso che porta dai preparativi della pista ai trionfi del Tittia.

instapalio3In apertura il lettore è accolto dalla foto delle batterie di Marco Cheli, rilanciata dal profilo ufficiale di Instagram, che si è guadagnata quasi 272mila like a livello globale.
Le parole di Francesco Boschi del Consorzio per la Tutela del Palio di Siena e di Senio Sensi, grandissimo appassionato del binomio palio-fotografia, introducono alla full immersion fotografica che copre la corsa più bella del mondo a 360°.
Il libro #instapalio13 sarà presentato sabato 24 maggio dalle 17:30 in Piazza del Campo, presso il Bar “Il Palio”.

Nei giorni a seguire, dal 25 al 28, all'interno del Cortile del Podestà, ci sarà la mostra ufficiale delle migliori foto che sarà a supporto della Candidatura di Siena a Capitale della Cultura Europea 2019.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Quattri salti verso il Palio

Messaggio  jabru il Ven Giu 06, 2014 7:46 pm

''Quattro passi verso il Palio'', su Siena Tv la trasmissione ideata e condotta da Senio Sensi



Venerdì 6 giugno, alle ore 21, va in onda su Siena Tv la prima puntata della trasmissione dal titolo “Quattro passi verso il Palio” ideata e condotta da Senio Sensi.

“Quattro passi” perché si tratta di quattro puntate di avvicinamento al Palio con la partecipazione di rappresentanti di istituzioni e “addetti ai lavori”. Ospiti del Bar “Il Palio” in Piazza del Campo, in questo primo incontro si discuterà della possibilità offerta dalle Contrade ai ragazzi – grandi e piccoli – di vivere da vicino i giorni della festa ma anche di come, durante tutto l’anno, è possibile partecipare alle innumerevoli manifestazioni appositamente preparate e gestite dagli addetti ai piccoli e ai giovani. Con l’apprendimento della cultura contradaiola, tramite una operosa vita comunitaria, si cresce anche come cittadini nell’identità, nel rispetto delle regole e dell’ “altro”.

Ne discuteranno, assieme al conduttore, Francesco Flamini e Francesca Farnetani (rispettivamente addetti ai “cittini” di Aquila e Giraffa); parteciperà anche Gabriele Bartalucci, Presidente del Comitato Amici del Palio, che per alcuni mesi, assieme ad altri componenti lo storico Comitato, ha dato vita, in diverse scuole senesi e della provincia, a vere e proprie lezioni su Palio e Contrada. Il tutto “raccontato” poi nella bella mostra di elaborati tenutasi nei giorni scorsi nel Cortile del Podestà.
SienaFree
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Mangia - assegnate le medaglie civiche

Messaggio  jabru il Ven Giu 06, 2014 7:56 pm


Mangia: medaglia civica a Sergio Micheli e Cristina Ferri
06/06/14 - 12:28
Sergio Micheli, proposto dalla Contrada sovrana dell’Istrice, e Cristina Ferri, proposta dal Gruppo stampa autonomo di Siena. Come deciso dal Concistoro del Mangia andrà a loro la Medaglia di civica riconoscenza, perché con la loro opera si sono resi cittadini benemeriti.

Sergio Micheli (Contrada dell’Istrice), storico e critico cinematografico, di grande rilievo nel panorama italiano e internazionale, già docente di Storia e Critica Cinematografica all’Università per stranieri di Siena, e Direttore del Centro studi sul cinema e sulle comunicazioni di massa alla Facoltà di Lettere e Filosofia, è autore di numerose pubblicazioni sul cinema e il rapporto fra la settima arte e gli altri media, in particolare il fumetto e l’arte pittorica. Il massimo esperto, in Italia, delle cinematografie dei Paesi dell’est Europa alle quali ha dedicato numerose monografie, compiendo ricerche sul campo, e per le quali nel 2005 gli è stata conferita la Laurea honoris causa dalla Nuova Università di Sofia. Di rilievo gli studi effettuati sul cinema degli anni Trenta e Quaranta con interviste ai testimoni ancora viventi; così come i documentari audiovisivi e la regia di cortometraggi a soggetto in Italia e all’estero, fra i quali uno in collaborazione con Pier Paolo Pasolini, ricevendo consensi e premi. Tante le lezioni tenute in diversi Atenei per Master sulla critica cinematografica, e le conferenze universitarie sulla Storia e le Teorie del cinema svolte in Brasile, Uruguay, Perù, Francia, Germania, Slovenia, Croazia, Marocco, Ungheria e Austria.

Numerose le collaborazioni con riviste specialistiche italiane e straniere, ricoprendo per dieci anni l’incarico di direttore del periodico “Carte di Cinema”, organo ufficiale della Federazione Italiana dei Cineclub, una delle più antiche associazioni culturali riconosciute in ambito cinematografico.

Insieme all’attività didattica anche una pervicace opera di ricerca per il recupero di reperti audiovisivi che ha permesso di ammirare frammenti di Palii antichi, tra questi il primo nel cinema filmato nel 1909 dalla ditta Croce di Milano. Nel 1996 ha realizzato il documentario “La città in camicia nera”, frutto di un sapiente montaggio di vecchie pellicole provenienti dal Museo del cinema di Torino, che ha permesso di recuperare spezzoni di pellicola girati a Siena che documentano le visite di Storace, Pietro Badoglio, Vittorio Emanuele III, permettendo ricerche sugli atteggiamenti, comportamenti, gesti e parole di questi personaggi. Importantissimo il ritrovamento di un lungometraggio a soggetto a 35 mm intitolato “Quo vadis” (che non ha niente a che vedere con il libro di H. Sienkiewicz), girato a Siena nel 1921 dai Fratelli Bonnoli, dove si possono riconoscere tanti volti di senesi del passato e importanti testimonianze architettoniche e urbanistiche della città, nonché episodi di vita sociale come la cerimonia con sfilata dei carri delle Feriae Matricularum del 1921.



Cristina Ferri (Contrada della Torre), cantante lirica, è stata l’allieva senese più giovane a frequentare l’Accademia Musicale Chigiana, dove vi si accede con il rigore richiesto dal prestigio che questa ricopre a livello internazionale, e dove come all’Accademia Verdiana di Busseto (PR), ha ricevuto i diplomi di merito.

Dopo aver studiato pianoforte alla Rinaldo Franci si è diplomata in canto al Conservatorio Cherubini di Firenze, continuando gli studi con Magda Olivero, Carlo Bergonzi, Rajna Kabaiwanska, Renata Scotto, Maya Sunara.

Segnalata come “La più giovane promessa della lirica”, al Concorso Internazionale di Rocca delle Macie a Castellina in Chianti, appena ventenne ha debuttato ne L’amico Fritz (Suzel) al Valli di Reggio Emilia, con l’Orchestra Toscanini, diretta dal M° Stefano Ranzani.

Voce poliedrica e grande presenza scenica negli anni ha ricoperto innumerevoli ruoli, spaziando da un repertorio lirico ad uno lirico spinto, riprendendo l’arte del canto sulla parola, caratteristica dei più famosi interpreti, tra i quali la grande cantante senese Marietta Piccolomini.

Ha dato la voce a Liù in Turandot e a Mimì ne La Bohème, rappresentata a Trieste, Busseto, Siena, Parma, Firenze, Modena, Prato, Ostrava.

In una tournée nel sud della Spagna, ha vestito i panni di Eugenia ne Il filosofo di campagna di Galuppi, diretta dal M° A. Saura, Donna Anna nel Don Giovanni nel prestigioso festival estivo di Riga. Per un Gala verdiano ha toccato le più importanti città spagnole, in commemorazione del centenario della morte di Giuseppe Verdi. E’ stata la Contessa nelle Nozze di Figaro a San Galgano (SI) e debuttato nello Stabat Mater di Pergolesi. In Francia, a Aubenas e a Grenoble ha svolto una serie di Recital. All’Opera Festival di Taormina e Palermo è Violetta nel La Traviata, stesso personaggio interpretato a Palermo diretta dal M° Michele de Luca.

Ha debuttato a Roma una prima assoluta nel Bach Haus, di M° dell’Ongaro nel ruolo di Anna Magdalena. Leonora nel Trovatore rappresentato a Siena con la regia di Sergio Licursi e Alberto Paloscia, con la scenografia di Guia Mascagni, e al Ravenna Festival, con la regia di Cristina Muti e la direzione di Julian Kovatchev; Liù in Turandot a Pechino, Como, Brescia, Bergamo, Pavia e Cremona diretta dal M° Massimo de Bernard.

E’ Nedda in Pagliacci a Zagabria e Teramo, Carmina Burana al Santa Cecilia e ha eseguito il ruolo Magda ne La Rondine diretta dal M° Steven Mercurio, stesso ruolo sarà ripreso a Parigi al teatro Chatelet, sotto la direzione del M° Marco Armiliato. Donna Elvira nel Don Giovanni a Zagabria e il Requiem di Mozart a Messina. Dà ancora voce a Liù in Turandot a Caracalla, sotto la direzione del M° Alain Lombard con la regia di Henning Brockhaus, a Violetta in Traviata a Spalato. Ha debuttato Lauretta in Gianni Schicchi a Palermo diretta dal M° Paolo Arrivabeni, e a Bologna nella prima assoluta del Der vampyr (inaugurazione della stagione teatrale), nel ruolo di Emmy diretta dal M° Roberto Abbado, con la regia di P. Pizzi. Hanna Glavary ne La Vedova Allegra al Teatro Carlo Felice di Genova con la regia di Federico Tiezzi e la direzione di Christopher Franklin.

Belinda ne Dido and Aeneas di H. Purcell al Teatro La Fenice di Venezia; Leonora ne L'Oberto Conte di S. Bonifacio di G. Verdi al teatro Ponchielli di Cremona.

Lo scorso anno ha debuttato il ruolo di Aida, con la regia del M° Francesco Bellotto e la direzione del M° Simone Maria Marziali, in una tournée che ha toccato le principali città dell'Olanda e del Belgio. Attualmente è rientrata da un importante appuntamento musicale svoltosi a Bratislava.

Ha cantato con grandi nomi della lirica, tra i quali: Andrea Bocelli, Silvano Carroli, Lando Bartolini, Saimir Pirgu, Giovanna Casella, Carlo Bergonzi, Angela Gheorghiu, Rolando Panerai, Inva Mula, Rodion Pogossov, Roberto Aronica, Giuseppe Filianoti, Fabio Armiliato.

Tra i premi ricevuti: la segnalazione al concorso RAI Maria Callas 2000; vincitrice assoluta dei concorsi: Mattia Battistini, Tito Gobbi, Di Stefano; ha ricevuto il premio dagli “Amici della musica di Sassuolo” per la “sua interpretazione da attrice e la sua facilità nel creare le finezze più ardite nelle sue esecuzioni” e il premio Luca Cava alla carriera.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

"Il Palio a mezzo" diventa un libro

Messaggio  jabru il Mar Giu 17, 2014 9:19 pm




"IL PALIO A MEZZO" FRA TARTUCA E ONDA DIVENTA UN LIBRO

News 17-06-2014

Giovedì 19 giugno alle ore 18.30, la Contrada Capitana dell'Onda e la Contrada della Tartuca, presso la Sala delle Lupe del Palazzo Comunale, presenteranno il volume "16 agosto 1713: IL PALIO A MEZZO - Controversia di Palio fra Tartuca e Onda".
Testi di Mario Ascheri, Giordano Bruno Barbarulli, Simonetta Losi, Giovanni Mazzini, Armando Santini.Interverranno Il Sindaco di Siena Bruno Valentini, Il Priore della Contrada Capitana dell’Onda Massimo Castagnini, Il Priore della Contrada della Tartuca Simone Ciotti. Curerà la presentazione della pubblicazione Laura Vigni.
OKSIENA
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Happy Palio

Messaggio  jabru il Sab Giu 21, 2014 8:28 pm

http://www.lanazione.it/siena/curiosita/2014/06/21/1081771-happy-palio-fantini.shtml

Link di un video divertente in cui fantini, cavallari e cavalli..... si divertono !
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7429
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vita nelle Contrade

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum