Se ne parla a Siena

Pagina 2 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

33 contradaioli fanno un calendario sexy per beneficenza

Messaggio  jabru il Lun Dic 14, 2015 9:40 pm

Galeotto fu il selfie in accappatoio, appena uscito dalla doccia. Circolato nei telefonini di un gruppo di amici dallo spirito goliardico, su whatsapp, ha acceso la lampadina nella testa di 33 baldanzosi contradaioli della Chiocciola dopo il commento ‘Assomiglia a Frate Indovino». Così, fra una bevuta e una cena, nel giro di un mese, hanno partorito il progetto: un calendario 2016 senza veli. "Over", come il nome del gruppo su whatsapp. E super-sexy. Tanto che sembra destinato – stando ai primi commenti su Facebook – a fare furore in città. E non solo.

Ma nelle Contrade non si fa mai niente senza un risvolto sociale. Infatti il gruppo, immortalato in pose sensuali e muscoli in bella vista, donerà il ricavato delle vendite all’Associazione «Valdelsadonna». Aiuta chi è stato operato per un cancro al seno, sostenendo le pazienti e diffondendo la cultura della prevenzione. Insomma, paladini della solidarietà. Proprio come i tassisti di New York che hanno devoluto il ricavato del loro calendario sexy per sostenere 30mila lavoratori immigrati.

«Gli attempati Peter Pan della Chiocciola» – Paolino, Gianluca, Micco, Razzetto, Broccia, Bogi, il Diavolo, Stuppia, Pupo, Sisco, Daniele, Massimo, Napo, Pennello, C1, Sandro, Gatto, Pippo, Carlo, Caino, Tono, Roberto, Cagnino, Zolla, Damiano, Mauro, Marco, David, Braccino, Bob, il Generale, Fienghino e il Mancio – si sono fatti fotografare «al limite della decenza» da Raul Catalani, aiutato da Ettore Bocci.

«Ciascuno figura nel proprio mese di nascita per cui ci sono diversi scatti di gruppo. Il set? Niente di trascendentale (ride, ndr). Un garage in San Marco», racconta Simone Bocci, promotore dell'iniziativa e uno dei protagonisti. Che proprio nella sua edicola in via San Pietro, a Siena, venderà il calendario hot che qualcuno sta già prenotando. «Va fatta una donazione minima di 10 euro – aggiunge – , come detto andrà tutto in beneficenza».
E non finisce qui. C’è chi nella Chiocciola si è già prenotato come modello per il 2017!
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Ritrovate 17 bandiere di seta della prima metà del '900

Messaggio  jabru il Mar Dic 15, 2015 9:33 pm

i è trattato di un ritrovamento straordinario e inaspettato quello delle bandiere delle 17 Contrade effettuato durante l’allestimento della mostra Ricordanze. Guido Chigi Saracini e le arti, visitabile fino al 16 giugno presso Palazzo Chigi Saracini, in occasione delle celebrazioni del cinquantesimo anniversario della scomparsa del fondatore dell’Accademia Chigiana. Risalenti prevalentemente alla prima metà del Novecento, con un’eccezione documentata del 1898, i manufatti in seta, presumibilmente realizzati dalla storica sartoria Zalaffi, sono stati ritrovati nei locali dell'Accademia e, seppur in buono stato di onservazione, necessitano di alcuni interventi di recupero. L’accordo tra la Chigiana e il Magistrato delle Contrade, siglato ieri in occasione dell’ultima riunione del agistrato che si svolge periodicamente all’interno di Palazzo Chigi Saracini, consiste, quindi, nel concedere le bandiere, da parte dell’Accademia, alle rispettive Contrade che provvederanno al restauro e all’esposizione delle stesse nei propri Musei, una volta riportate le sete al loro iniziale splendore.

Il Presidente dell’Accademia, Prof. Marcello Clarich, ha dichiarato che “vi è principalmente un aspetto ‘emotivo’ che ha spinto la Chigiana a questo gesto nei confronti delle Contrade, il quale ha radici profonde e va ricercato nel solido ed affettivo legame che il Conte Chigi instaurò con il mondo contradaiolo durante i decenni in cui ricoprì l’incarico di Rettore del Magistrato delle Contrade. Il valore storico-artistico di quel legame di allora, che di certo contribuì ad arricchire il significato della tradizione che contraddistingue l'unicità della città di Siena, viene, così, mantenuto vivo ancora oggi; un legame che auspico possa consolidarsi in futuro con ulteriori iniziative comuni”.
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Bandiere inedite delle Contrade, straordinario ritrovamento alla Chigiana

Messaggio  jabru il Mar Dic 15, 2015 9:43 pm

Si è trattato di un ritrovamento straordinario e inaspettato quello delle bandiere delle 17 Contrade effettuato durante l’allestimento della mostra Ricordanze. Guido Chigi Saracini e le arti, visitabile fino al 16 giugno presso Palazzo Chigi Saracini, in occasione delle celebrazioni del cinquantesimo anniversario della scomparsa del fondatore dell’Accademia Chigiana. Risalenti prevalentemente alla prima metà del Novecento, con un’eccezione documentata del 1898, i manufatti in seta, presumibilmente realizzati dalla storica sartoria Zalaffi, sono stati ritrovati nei locali dell'Accademia e, seppur in buono stato di conservazione, necessitano di alcuni interventi di recupero.

L’accordo tra la Chigiana e il Magistrato delle Contrade, siglato ieri in occasione dell’ultima riunione del Magistrato che si svolge periodicamente all’interno di Palazzo Chigi Saracini, consiste, quindi, nel concedere le bandiere, da parte dell’Accademia, alle rispettive Contrade che provvederanno al restauro e all’esposizione delle stesse nei propri Musei, una volta riportate le sete al loro iniziale splendore.

Il Presidente dell’Accademia, Prof. Marcello Clarich, ha dichiarato che “vi è principalmente un aspetto ‘emotivo’ che ha spinto la Chigiana a questo gesto nei confronti delle Contrade, il quale ha radici profonde e va ricercato nel solido ed affettivo legame che il Conte Chigi instaurò con il mondo contradaiolo durante i decenni in cui ricoprì l’incarico di Rettore del Magistrato delle Contrade. Il valore storico-artistico di quel legame di allora, che di certo contribuì ad arricchire il significato della tradizione che contraddistingue l'unicità della città di Siena, viene, così, mantenuto vivo ancora oggi; un legame che auspico possa consolidarsi in futuro con ulteriori iniziative comuni”.

Anche il Rettore del Magistrato delle Contrade, Dott. Andrea Viviani, ha espresso “la soddisfazione del mondo contradaiolo per un ritrovamento che, grazie alla sensibilità dell’Accademia nei confronti delle Contrade, consentirà di perpetuare il ricordo del Conte in ciascuna delle nostre Contrade, con una operazione di recupero che arricchirà il patrimonio dei 17 musei con opere preziose che offriranno una testimonianza in più della nostra storia, attestando la possibilità di proficue collaborazioni con le istituzioni cittadine”.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Capitani: niente soldi per Mociano

Messaggio  jabru il Mer Dic 16, 2015 9:12 pm

Capitani, niente soldi per Mociano
da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Elezioni e notizie varie

Messaggio  jabru il Mer Dic 16, 2015 9:20 pm

Riunione in comune tra capitani e sindaco, ieri 14 dicembre, in cui non è emerso praticamente niente di importante. Per il mossiere sarà costituita la Commissione a gennaio mentre sarà da chiarire la questione cavalli, soprattutto se prendere provvedimenti nei confronti dei proprietari che pur avendo i propri cavalli iscritti al Protocollo ed in forma, decidono di non presentarli alla Tratta. Inoltre a gennaio il comune nominerà ufficialmente Senio Corsi, dell'ufficio Servizio Amministrativo del Territorio, nuovo responsabile dell'Ufficio Palio.

Intanto fine settimana di elezioni nel rione del Leocorno per il rinnovo dei vertici della contrada e dello staff Palio mentre giovedì 17 dicembre la contrada dell'Onda sarà chiamata ad eleggere il nuovo capitano. Con i popoli dell'Aquila e della Civetta che hanno già confermato i loro capitani (rispettivamente Marco Antonio Lorenzini e Francesco Ricci), andiamo a fare il punto sugli altri rioni impegnati prossimamente alle urne.

Onda La contrada di Malborghetto è chiamata a votare il nuovo capitano, lo farà giovedì sera 17 dicembre nell'assemblea del popolo alle ore 21.30. Aldemaro Machetti sarà sostituito da Alessandro Toscano, attuale vicario che lascerà vacante la poltrona per cui i contradaioli dell'Onda dovranno nominare un nuovo luogotenente. Il prossimo seggio farà la proposta che sarà poi ratificata dall'assemblea.

Leocorno Lavoro veloce per la Commissione elettorale del rione di Pantaneto chiamata ad eleggere tutte le cariche per il biennio 2016-2017 e improntata nel segno della continuità. Nel ruolo di capitano proseguirà Bruno Mazzuoli mentre nella poltrona di priore, al posto di Massimo Bari (che lascia per problemi personali), sederà Paolo Bartolini con la conferma di tre vicari su quattro. Bartolini ha una storia di contrada di quelle belle, già tamburino di Piazza, economo, cancelliere, pro vicario, vicario generale e soprattutto grande contradaiolo. Nuovo presidente di società sarà Gianluca Prosperi. Le elezioni in programma sabato 19 e domenica 20 dicembre.

Pantera La commissione della contrada della Pantera è ancora impegnata costantemente, c'è da nominare la nuova dirigenza di contrada e dello staff Palio. L'intenzione è quella di proseguire nel lavoro già iniziato, con Marco Antichi che potrebbe essere confermato capitano mentre per la poltrona di priore l'ipotesi di continuità con Stefano Morandini (che lascerà) sarebbe rappresentata dall'attuale vicario Pasquale Colella Albino.

Civetta Dopo la conferma del capitano Francesco Ricci, la contrada dovrà rinnovare i dirigenti di contrada. Per la guida del rione al posto dell'attuale priore Riccardo Cerpi, il nome più avvalorato è quello dell'ex capitano vittorioso Paolo Betti.

Lupa Anche in Vallerozzi il popolo è chiamato ad eleggere capitano e priore. La commissione elettorale per l'elezione del Capitano (biennio 2016-2017) ha terminato sabato sera le consultazioni ed ancora non si è espressa ufficialmente. Tra i nomi che circolano con insistenza per prendere il posto di Guido Burrini, c'è quello dell'oculista Gianluca Martone, ma anche quello di Claudio Calderai che di Burrini è stato tenente. Nel ruolo di priore (lascia Andrea Viviani), si ipotizza l'avvocato Gabriele Gragnoli.

Valdimontone Il popolo dei Servi andrà alle urne a gennaio, Gian Franco Indrizzi lascerà il ruolo di onorando e priore sarà eletto Simone Bari, 42 anni, ex presidente di società, ex alfiere di Piazza e molto apprezzato dalla contrada dove è nato e cresciuto. Nuovo presidente della società Castelmontorio sarà Andrea Belleschi, attuale vice presidente.

Tartuca Anche il popolo di Castelvecchio dovrà presentarsi alle urne per eleggere la nuova dirigenza. Con Simone Ciotti che lascerà la carica di priore, la Commissione elettorale sta ultimando i lavori per andare ad elezioni a fine gennaio o inizio febbraio. Per il ruolo di onorando si parla con insistenza dell'attuale vicario Paolo Bennati, nel segno della continuità.

Torre La commissione elettorale è ancora al lavoro. Nel rione vittorioso dello scorso Palio di Provenzano dovranno essere individuate le nuove cariche della contrada. Tra queste è vacante la poltrona di priore dopo che è stata di Sergio Ceccuzzi. I nomi più accreditati sono quelli dell'ex mangino e assessore Massimo Bianchi e quello del già onorando ed ex presidente del Consorzio Tutela Palio, Pier Luigi Millozzi. Cambierà anche il presidente della società Elefante.

Drago In Camporegio si rinnovano tutte le cariche della contrada e dello staff Palio. Laura Bonelli e Fabio Miraldi vanno verso la conferma nei ruoli di onorando priore e capitano.

Andrea Bianchi Sugarelli da Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Una riflessione dei Deputati della Festa e degli Ispettori della Pista sui Palii del 2015

Messaggio  jabru il Ven Dic 18, 2015 9:03 pm

In questi giorni, in varie interviste pubblicate sulle cronache cittadine relativamente alle sanzioni comminate dalla Giunta Comunale a Contrade e Fantini, abbiamo dovuto registrare vari commenti critici nei confronti del nostro operato di Deputati della Festa ed Ispettori della Pista per i due Palii dell’anno 2015.
Riteniamo che sia opportuno allora fare chiarezza sui principi che hanno guidato il nostro operato, in linea con quello di chi ci ha preceduto in questi ruoli.

Il primo è stato quello dell’assoluta imparzialità nei confronti delle Contrade e dei Fantini.
Il secondo, da sempre adottato da tutti coloro che hanno svolto detti incarichi, è stato quello di riferire, quali dati certi, solo ciò che è stato visto e appreso direttamente sia dai Deputati che, in loro mancanza, dagli Ispettori della Pista.
Il terzo è stato quello di riferire i fatti in modo tale da non orientare le opinioni con inutili aggettivi, iperboli o frasi mal interpretabili, e quindi in maniera il più possibile neutra, perché il compito di Deputati e Ispettori è quello di riportare i fatti e non di fare commenti, essendo le nostre relazioni indirizzate a persone che devono avere le competenze per valutarle.
Può, poi, essere utile ricordare che le Contrade, proprio in ragione del fatto che i Deputati e gli Ispettori non possono vedere tutto non avendo il dono dell’ubiquità, possono allegare memorie, filmati ed ogni tipo di documentazione che, se pervenuta o consegnata nei termini, entra a far parte della relazione, senza alcun commento da parte nostra, in quanto detti documenti verranno poi esaminati dall’Assessore Delegato e dalla Giunta Comunale.

Poiché in realtà tutti parlano delle relazioni dei Deputati e degli Ispettori, riteniamo che queste, essendo un elemento di un procedimento amministrativo di un Ente pubblico, possano essere rese note a tutti, ma non solo per stralci, come sembra sia stato fatto, perché è dalla completezza delle stesse che emergono le linee di coerenza, imparzialità e misuratezza di quanto è stato da noi riferito.

Facciamo presente infatti che a norma dell’art. 98 del Regolamento per il Palio le Contrade, tramite i Priori o propri delegati, possono avere copia integrale delle relazioni e degli allegati.

Siamo consapevoli come nelle vicende del Palio sia praticamente impossibile svolgere un compito come il nostro rimanendo esenti da qualsiasi critica, essendoci in gioco sanzioni, squalifiche, rivalità ed interessi che prescindono dal comportamento specifico dei vari protagonisti, ma ricordiamo che, una volta chiuse le relazioni, nulla più viene sottoposto alla nostra attenzione, e che le sanzioni vengono comminate sulla base delle relazioni stesse e di tutto il materiale depositato dalle Contrade, come di quello che il Comune acquisisce anche autonomamente.

Il verdetto finale è comunque strettamente dipendente dai criteri di valutazione dei fatti esposti e della documentazione presentata che l’Organo giudicante decide di adottare.

Confidiamo con questa nota di fare chiarezza definitiva sul ruolo dei Deputati e degli Ispettori della Pista e su quello che è stato il nostro “modus operandi”.

Paolo Betti, Stefano Casini, Marco Lonzi, Filippo Giorgi, Riccardo Pagni, Saverio Gori Savellini, Emanuele Squarci, Fabio Mazzolli e Leonardo Scattoni
ilcittadin oonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Paolo Bartolini nuovo Priore del Leocorno: “Il territorio per noi è una delle priorità”

Messaggio  jabru il Gio Dic 24, 2015 11:41 am

Vita di contrada e vita nel rione gli obiettivi del nuovo priore del Leocorno Paolo Bartolini che ad Antenna Radio Esse ha parlato di come opererà seguendo il cammino avviato dal suo predecessore. “La nostra zona si sta ripopolando essendo cambiate le destinazioni d’uso di alcuni contenitori come l’Università per Stranieri trasformata in abitazioni oggi abitate da famiglie. Questo è un buon segno mentre siamo preoccupati delle tante attività commerciali del territorio che stanno purtroppo chiudendo. Il territorio per noi riveste una delle priorità, abbiamo collaborato insieme ai commercanti per gli eventi di questi anni, c’è qualcosa da aggiustare ascoltando i problemi dei residenti, ma siamo sulla buona strada. Puntiamo ad aprire la valle di Follonica a tutti, già abbiamo organizzato concerti nella scorsa stagione, ma vogliamo fare di più per questo spazio verde condividendo progetti anche con la Giraffa.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

"Abolire la rincorsa sarebbe la cosa più logica"

Messaggio  jabru il Lun Gen 04, 2016 8:07 pm

Siena, 4 gennaio 2016 - «PERSONALMENTE ritengo che abolire la rincorsa (o più esattamente non consentirla oltre, visto che non si può abolire quello che non è mai stato istituito) sarebbe la corsa più logica». Non usa giri di parole Paolo Neri, ex priore del Nicchio e discendente di una famiglia che ha scritto la storia del Palio e della città. Non tanto una provocazione, la sua, piuttosto il risultato di un ragionamento su una delle fasi più delicate (da sempre) e più discusse (nelle ultime Carriere) della corsa fatto sul giornale della Contrada, La Spannocchia. Un contributo da considerare nell’impostazione di una stagione che certo porterà i segni dei tanti fatti che hanno scosso l’ambiente paliesco. «La rincorsa –argomenta Neri – limita drasticamente la libertà del mossiere di scegliere il momento giusto per abbassare il canape e di conseguenza prolunga fuor di misura le mosse, favorendone il disordine con conseguente tormento dei cavalli. Rende inoltre ambigue le responsabilità del mossiere, esponendolo a critiche e polemiche». E’ accaduto anche ad Bartolo Ambrosione, di cui i capitani da metà gennaio cercheranno il successore anche se sembra prendere forza l’idea di andare nuovamente a bussare alla sua porta. Ma questa è un’altra storia.

«Qualunque siano le opinioni in merito, sarebbe il momento di affrontare il problema e di risolverlo – auspica Neri – con modifiche dettate dalla logica e dal supremo interesse della Festa, piuttosto che dagli affari o dalla ‘pancia’ degli operatori del palio». Ritiene questo «un punto cruciale per conservare intatta la tradizione secondo cui il Palio si fa ‘con’ e non ‘per’ le Contrade. Magari ai tempi d’oggi in cui è buono solo il tornaconto individuale questo concetto apparirà un po’ duro da digerire. Ma la Festa, ricordiamolo, si fa prima di tutto nell’interesse collettivo di conservare l’immagine nobile della città e non del solo godimento dei suoi partecipanti, come in una sagra paesana».
Laura Valdesi da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Al Luna Park spunta "Il Palio di Siena"

Messaggio  jabru il Lun Gen 04, 2016 8:14 pm

Il Palio di Siena finisce al Luna Park. Precisamente a quello di Chiavari, in provincia di Genova, dove in questi giorni di festa i bambini possono divertirsi con giochi e tante altre iniziative. Grazie a Facebook, una ragazza senese M.M.C.G. ha ricevuto da una amica tutto il reportage fotografico che testimonia il fatto. Si tratta dello storico gioco dei cavalli che, attraverso il tiro di una pallina su un lotto di buche, fa avanzare gli stessi cavalli più o meno velocemente verso il traguardo. Giochi del genere li abbiamo visti anche a Siena, almeno da trent’anni a questa parte, mai però con l’esplicito riferimento al Palio. C’è di più, sono rappresentati anche i simboli delle contrade, i colori e gli stemmi. Il Consorzio per la tutela del Palio potrà intervenire immediatamente per accertarsi dello sfruttamento di immagini e prendere i dovuti provvedimenti.
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gli "assassini" fanno i "befani": carbone a politici e a chi non li stima

Messaggio  jabru il Gio Gen 07, 2016 8:28 pm

Siena, 6 gennaio 2016 - Attenti a quello che accade nel Paese, sottili quando c’è da mandare messaggi. Pronti a imparare dagli errori e da qualche piccola cattiveria, se necessario. Attaccati alla famiglia, roccia a cui aggrapparsi. Sempre. Anche un po’ malandrini, altrimenti farebbero un altro mestiere. Fotografia dei fantini che si sono immedesimati per un attimo nella Befana svelando a chi avrebbero voluto portare oggi il carbone.

"Non ne ho trovato abbastanza per tutti quelli che lo meritavano. Così, per non essere imparziale preferisco regalare caramelle anche a chi non le merita, sperando che nel 2016 si comporti meglio", dice Andrea Coghe. Chiaro e forte. "Chi lo dovrebbe avere da me già lo sa bene – spiega Enrico Bruschelli –, non c’è bisogno di ricordarglielo. Comunque non voglio portarlo a nessuno. Spero invece di dare tante soddisfazioni a chi crede nel mio lavoro".

Ragazzi con le idee chiare. Come Elias Mannucci. Anche lui opta per la versione bianca del carbone "da consegnare anche a quanti non si sono comportati correttamente. Magari ci resti male, comunque impari e fai esperienza. Serve tutto nella vita".

Non c’è niente da fare: sarà perché le feste sono fresche, sarà perché vengono da brindisi e panettoni ma nessuno vuole brandire l’ascia di guerra. Preferendo il politically correct. "Figurati se devo mandare il carbone a qualcuno – si unisce al coro Carlo Sanna – Con me nel 2015 sono stati tutti bravi, un’annata positiva. Non ho da fare consegne".

Difficile dargli torto. Come ad Alessio Migheli: "Magari, se proprio dovessi, il pacco lo manderei a chi non mi ha dato la fiducia che forse meritavo. Dico la verità, comunque, sono sereno e sto bene. Siamo nel 2016 e penso positivo".

Amplia l’orizzonte, Jonathan Bartoletti. Non pensa tanto a Palio e rapporti con le dirigenze, piuttosto all’Italia. "Il carbone lo darei ai politici. Tutti, senza distinzione. Il motivo? Guarda come sta andando l’Italia. Lascia stare il mondo del Palio, tutto sommato siamo fortunati perché facciamo quello che ci piace. Ma c’è tanta gente senza lavoro, ogni famiglia ha il proprio cruccio".

Famiglia: parola d’ordine anche per il neo-sposo Antonio Siri. "Certo che porto il carbone, però quello buono e dolcissimo alla mia Daniela. A maggio mi renderà padre di un altro maschietto. Bellissima cosa".

I valori che contano nella vita, prima di tutto. La butta invece sullo scherzo Giovanni Atzeni: "Ecco, se proprio devo un pezzetto lo consegnerei a Camillo Pinelli (tiene un blog sulla Festa, ndr) che non ha mai una buona parola per me!". E il vincitore di Provenzano Andrea Mari? "Come faccio a mandare il carbone nero a qualcuno! Esco da un’annata spettacolosa, un periodo meraviglioso. C’è la salute, ho fatto delle piccole ristrutturazioni a scuderia, c’è Ilaria, gli amici veri... Al meglio non c’è mai fine ma io ci sono vicino. Semmai – dice – porterei il carbone buono e delizioso ai bambini che nelle Contrade giocano con i barberi: mi emoziona sempre. E magari anche al sindaco e all’arcivescovo perché istituzioni che rappresentano la città".

"Mi sento in realtà più Babbo Natale che Befana – sorride Luigi Bruschelli – per cui non posso portare il carbone a nessuno".

Segnatevi questa data: gennaio 2016. Fra un mese la musica dei fantini cambierà.

di LAURA VALDESI da La nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Valdimontone: Simone Bari nuovo priore

Messaggio  jabru il Lun Gen 11, 2016 8:52 pm

SIENA. Nel Montone è stato eletto il nuovo Priore, Si tratta di Simone Bari che ha ottenuto l’89 er cento dei consensi. Eletto anche per il presidente di Castelmontorio, il candidato era Andrea Belleschi che ha avuto quasi un plebiscito raggiungendo quasi il 100 per cento dei voti. Rinnovati anche i vari incarichi di contrada dal Consiglio di Società al Seggio di Contrada.
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Bari eletto priore del Valdimontone

Messaggio  jabru il Lun Gen 11, 2016 8:54 pm

Siena, 11 gennaio 2016 - SIMONE BARI è il nuovo priore della Contrada di Valdimontone. L’ex presidente della società Castelmontorio, individuato dalla commissione elettorale per sostituire Gianfranco Indrizzi, ha ottenuto una percentuale del 86%, e nel biennio 2016-17 guiderà la contrada dei Servi. Classe 1973, ex alfiere di Piazza, Bari avrà come vicario generale il confermato Maurizio Pasqui. Conferme anche per i pro vicari Marco Pasqui e Alberto Carniani, mentre Simone Stanghellini sostituisce Lorella Bernini.

Partiamo dal risultato globale e dalla grande affluenza alle urne.

«Sono molto soddisfatto. I 501 votanti e le oltre 280 schede senza cancellature dimostrano che il popolo dei Servi ha voglia di partecipare e rimanere unito. E’ una risposta importante che dimostra compattezza. L’obiettivo è quello di collaborare con tutte le componenti della contrada, la società, i maggiorenti, lo staff palio e il gruppo donatori di sangue».

L’86% rappresenta un ottimo risultato alla prima elezione da priore.

«Merito del lavoro di questi anni, del coinvolgimento e della partecipazione. Essendo stato per 4 anni presidente di società poteva esserci qualche effetto da ‘scheletro nell’armadio’. Invece, come dicevo prima, la contrada ha dimostrato compattezza e volontà di rimanere unita, soprattutto in un’annata come questa in cui mancherà l’adrenalina del Palio. Cercheremo proprio per questo motivo di scoprire altri lati della nostra contrada».

Veniamo al rapporto con l’avversaria. L’ultima annata paliesca non è stata certamente facile sotto questo punto di vista. Come imposterà il rapporto con il Nicchio?

«Secondo i principi di contrada, ovvero il rispetto. E questo inteso in ogni sua forma, ovvero rispetto per le istituzioni, per le consorelle ed anche per l’avversaria».




di Gabriele Voltolini da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Elezioni in due contrade

Messaggio  jabru il Lun Gen 11, 2016 8:57 pm


PALIO: IL RESOCONTO SULLE ELEZIONI NELLA LUPA E NEL VALDIMONTONE
News inserita il 11-01-2016


Nel weekend appena trascorso si è votato in due contrade: nella Lupa per l'elezione del Capitano per il biennio 2016-2017 mentre nel Valdimontone per il rinnovo del Seggio, del Consiglio Direttivo della Società Castelmontorio e del Consiglio Direttivo del Gruppo Donatori di Sangue "B. Borghi" per il biennio 2016-2017.

Nella Lupa il candidato proposto dalla commissione elettorale era l'ex vicario Gianluca Martone che ha ottenuto il 48% dei consensi. Secondo indiscrezioni pare che Martone abbia rifiutato l'incarico (anche se non c'è l'ufficialità); se l'indiscrezione sarà confermata Vallerozzi dovrà trovare un nuovo nome per sostituire Guido Burrini.

Nel Valdimontone, con ampio consenso, è stato eletto come nuovo Priore Simone Bari che sostituisce Gianfranco Indrizzi. Bari sarà coadiuvato dal Vicario Generale Maurizio Pasqui e dai tre provicari che saranno Marco Pasqui, Alberto Carniani e Simone Stanghellini.

Francesco Zanibelli da OKSiena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Lupa, fumata nera per il capitano: Martone non accetta l’incarico

Messaggio  jabru il Mar Gen 12, 2016 7:54 pm

LA LUPA deve cercare un altro capitano: Gianluca Martone non ha accettato l’incarico avendo ottenuto il 47,8% dei voti. Avrebbe infatti anche potuto dire «sì» perché non esiste un quorum da rispettare in Vallerozzi, a differenza di ciò che accade in altre Consorelle. Ma il passo indietro è stato senza ripensamenti. Sebbene – chi conosce Martone ne è convinto – non nutrirà risentimento nei confronti di chi era in disaccordo sul proprio nome per succedere a Guido Burrini. La sua idea di Contrada è quella di una grande famiglia. E tale resta, nonostante l’esito delle urne.

Facciamo un passo indietro. Che ci fossero acque agitate in Vallerozzi non era un segreto. Già il «no, grazie» di Burrini dopo due mandati, nonostante la commissione elettorale avesse registrato in autunno la maggioranza dei consensi ad una rielezione, era sintomo che qualcosa non quadrava. Appurata tale indisponibilità si era cercato un nome tentando di capire se fosse il caso di puntare sulla continuità, guardando ad un mangino del capitano uscente, oppure su una novità totale. Alla fine ha prevalso quest’ultima linea ed è stato indicato Martone, attualmente vicario di Vallerozzi. Nonostante ciò era comune sentire che l’esito delle urne sarebbe stato un punto interrogativo. Sensazione confermata perché su 556 votanti (2 schede nulle) favorevoli a Martone sono stati 265, contrari 289. Di più. Il voto si è frazionato su vari nomi. Difficile sentirsi legittimati in maniera democratica in tale situazione, di qui probabilmente il passo indietro del medico a cui guardavano con favore soprattutto le fasce relativamente più giovani.

Che succede adesso? Tutto da rifare, naturalmente. E da valutare perché una situazione così nella Lupa molti sostengono che non si era mai verificata, almeno negli ultimi 50 anni. Verrà convocata a breve un’assemblea mentre nessun seggio è stato effettuato ieri sera dal priore Andrea Viviani. Una cosa è sicura: bisogna tornare alle urne quanto prima. Lasciare vacante la carica nella fase in cui i fantini cominciano ad impostare le strategie di Palio potrebbe rappresentare una penalizzazione per la Lupa, che attende il successo dal 1989 e a luglio corre di diritto. L’affluenza record, diciamo la verità un pizzico anomala (556 votanti, di solito stava poco sotto i 400, una volta è andata sopra), evidenzia una spaccatura importante. Che solo l’amore per la Contrada a 360 gradi può (e deve) sanare.

di LAURA VALDESI da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Domenica 17 Gennaio, Festa di Sant’Antonio Abate: benedizione della stalla nelle Contrade

Messaggio  jabru il Mar Gen 12, 2016 8:00 pm

Aquila: Come ogni anno, il 17 Gennaio ricorre la festa liturgica di Sant’Antonio Abate (considerato il protettore degli animali) ed a Siena, nello stesso giorno, le Contrade sono solite far benedire la stalla dal proprio correttore. Per quanto riguarda la nostra Nobile Contrada vige l’usanza dal 1979, non appena terminato il rito religioso, di organizzare una cena, imbandita dal Barbaresco, nella suddetta Stalla di Via dei Percennesi, alla quale tuttavia partecipano esclusivamente i facenti parte dello Staff Palio ed i Capitani non più in carica.

Diversamente dal solito, in questa occasione Il circolo Il Rostro ha deciso di allestire una concomitante cena per tutti i contradaioli nei locali di Società. Pertanto chiunque volesse partecipare alla cena di domenica 17 gennaio è pregato di segnarsi nel cartello di società, oppure di completare la procedura di prenotazione sul sito entro le 24 di venerdì 15.

Chiocciola: Domenica 17 Gennaio, S. Antonio Abate, verrà fatta la
benedizione della stalla.A seguire cena presso i locali della Società.

Per prenotare segnarsi nel cartello in bacheca di Società.

Tartuca: Domenica 17 Gennaio 2016: Festa di Sant’Antonio Abate

Ore 12.15 Museo della Contrada: la Commissione Archivio presenta La Vetrina del ‘16, dove sono esposti documenti del 1716, 1816 e 1916

ORE 12.45 Benedizione della stalla

ORE 13.00 Aperitivo e Pranzo in società (prenotazione obbligatoria)

Pantera: si informano tutti i Contradaioli che Domenica 17 Gennaio alle ore 19.00 avrà luogo la Benedizione della Stalla.

Civetta: La Società “Cecco Angiolieri” comunica che, domenica 17 Gennaio, in occasione della benedizione della stalla, organizzerà la cena.
Le prenotazioni possono essere effettuate entro le ore 12.00 di Venerdì 15 gennaio scrivendo a societa@contradadellacivetta.it oppure
per sms/whatsapp al 3393638150 (Francesco Amisano).

Valdimontone: Domenica 17 alle ore 19:00 nella ricorrenza di Sant Antonio Abate, avrà luogo la benedizione della Stalla. Seguirà cena in Società.

Leocorno: Domenica 17 Gennaio, per i festeggiamenti in onore di S. Antonio Abate, alle ore 19.00 si terrà la benedizione della stalla. Seguirà aperitivo e cena in Società. Per soci e famiglie.
Segnarsi entro e non oltre venerdì 15 Gennaio nell’apposito cartello in Società o chiamando lo 0577 49298.

Oca: Domenica 17 Gennaio p.v., alle ore 8:30, si terrà la benedizione della stalla seguita dalla classica colazione.

La merenda per gli Anatroccoli ed i Giovani avrà inizio alle ore 17.00

Bruco: Domenica 17 Gennaio Sant’Antonio Abate “Benedizione della Stalla”. Ritrovo alla stalla alle ore 12,30 a seguire benedizione e pranzo in Società. Per le prenotazioni segnarsi nel cartello in bacheca o a prenotazioni.societa@nobilcontradadelbruco.it entro le ore 12,00 di venerdì 15. Per Soci e famiglie.

Onda: 17 gennaio ore 19,00 Benedizione della Stalla, ore 20 cena in società. Segnarsi nel cartello entro il 15/01 o mandare una mail a società@contradacapitanadellonda.it

Giraffa: Domenica 17 Gennaio, alle ore 13, si terrà la Benedizione della Stalla. A seguire ci sarà il pranzo con il Capitano e lo Staff Palio. Menu: Crostini di milza, pasta al sugo, pollo con patate arrosto, dolce. Vi aspettiamo numerosi!! Per prenotazioni segnarsi nel cartello in Società o chiamare il numero 0577 287091.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La soddisfazione di Simone Bari, nuovo priore del Valdimontone

Messaggio  jabru il Mer Gen 13, 2016 7:54 pm

E’ soddisfatto Simone Bari, nuovo priore del Valdimontone, dell’appoggio che ha avuto dalla contrada nell’elezione alla massima carica paliesca. Lo ha detto ai microfoni di Antenna Radio Esse. “E’ un risultato importante, una soddisfazione per tutto il lavoro svolto negli anni. Abbiamo avuto un’ottima partecipazione a queste elezioni a dimostrazione che il nostro popolo ha voglia di vivere la contrada. Prendo il testimone da Indrizzi con il quale ho collaborato in questi anni in maniera proficua e spero di riuscire a portare a termine il progetto più ambizioso, quello di fare contrada, di far crescere i giovani nel rispetto delle regole del Palio, di spronare gli altri a partecipare alla vita del rione. In questi anni abbiamo rafforzato la collaborazione interna alla contrada, c’è un ottimo feeling con il capitano e con la società”.
Quale linea adotterà per il rapporto con l’avversaria? “Oggi parliamo dell’elezione, del rapporto con la rivale ci saranno altri momenti per affrontare la questione”
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Comitato Amici del Palio: elezione della Giunta Esecutiva

Messaggio  jabru il Ven Gen 15, 2016 7:49 pm

Giovedì 14 gennaio 2016, presso la Sala delle Lupe in Palazzo Comunale, si sono svolte le elezioni per il rinnovo della Giunta Esecutiva del Comitato Amici del Palio triennio 2016/2018.

I membri presenti hanno votato, ad unanimità, le cariche proposte dalla  Commissione Elettorale nelle persone di :

Gabriele BARTALUCCI       (Contrada della Lupa) Presidente
Emiliano Muzzi            (Contrada Sovrana dell’Istrice) Vice Presidente
Luca Bocci                (Contrada della Tartuca) Segretario
Federico MELAI            (Contrada del Drago) Camerlengo
Alessandro BIANCIARDI     (Nobile Contrada dell’Oca) Bilanciere
Michela ROSSI             (Contrada della Selva) Consigliere
Guido BELLINI             (Contrada Capitana dell’Onda) Consigliere

ilcittadinoonline


Ultima modifica di jabru il Ven Gen 15, 2016 7:51 pm, modificato 1 volta
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gli “Amici del Palio” hanno eletto la giunta esecutiva

Messaggio  jabru il Ven Gen 15, 2016 7:50 pm

SIENA. Giovedì 14 gennaio 2016, presso la Sala delle Lupe in Palazzo Comunale, si sono svolte le elezioni per il rinnovo della Giunta Esecutiva del Comitato Amici del Palio triennio 2016/2018. I membri presenti hanno votato, ad unanimità, le cariche proposte dalla Commissione Elettorale nelle persone di :
Gabriele BARTALUCCI (Contrada della Lupa) Presidente
Emiliano Muzzi (Contrada Sovrana dell’Istrice) Vice Presidente
Luca Bocci (Contrada della Tartuca) Segretario
Federico MELAI (Contrada del Drago) Camerlengo
Alessandro BIANCIARDI (Nobile Contrada dell’Oca) Bilanciere
Michela ROSSI (Contrada della Selva) Consigliere
Guido BELLINI (Contrada Capitana dell?Onda) Consigliere
ilcittadinoonline
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Palio 2015, il priore dell'Onda contesta le sanzioni

Messaggio  jabru il Ven Gen 15, 2016 7:53 pm

Siena, 15 gennaio 2016 - Massimo Castagnini, priore della Contrada dell’Onda, affiancato dal capitano Alessandro Toscano, ha duramente criticato la delibera della giunta comunale che ha stabilito le sanzioni per il Palio del 17 agosto.

“Non è stata presa in considerazione la nostra documentazione a discolpa – ha detto – adducendo motivi di ritardo nella presentazione, cosa del tutto falsa come attestano i riscontri ufficiali. È una mancanza grave, ma abbiamo deciso di non ricorrere in altre sedi, per il bene del Palio e delle Contrade”.

Resta l’amarezza nei confronti dell’amministrazione: “Non mi lamento tanto per il Palio di squalifica – ha aggiunto Castagnini – quanto per il metodo seguito. Chi dovrebbe gestire la giustizia paliesca ha dimostrato debolezza e inaffidabilità, per questo abbiamo deciso di protestare pubblicamente”.

di ORLANDO PACCHIANI da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Palio 2015, il priore dell'Onda contesta le sanzioni

Messaggio  jabru il Ven Gen 15, 2016 7:54 pm

Siena, 15 gennaio 2016 - Massimo Castagnini, priore della Contrada dell’Onda, affiancato dal capitano Alessandro Toscano, ha duramente criticato la delibera della giunta comunale che ha stabilito le sanzioni per il Palio del 17 agosto.

“Non è stata presa in considerazione la nostra documentazione a discolpa – ha detto – adducendo motivi di ritardo nella presentazione, cosa del tutto falsa come attestano i riscontri ufficiali. È una mancanza grave, ma abbiamo deciso di non ricorrere in altre sedi, per il bene del Palio e delle Contrade”.

Resta l’amarezza nei confronti dell’amministrazione: “Non mi lamento tanto per il Palio di squalifica – ha aggiunto Castagnini – quanto per il metodo seguito. Chi dovrebbe gestire la giustizia paliesca ha dimostrato debolezza e inaffidabilità, per questo abbiamo deciso di protestare pubblicamente”.

di ORLANDO PACCHIANI da La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Onda: "Giunta debole e inaffidabile in materia paliesca"

Messaggio  jabru il Lun Gen 18, 2016 8:25 pm

"E' palese che vi sia una debolezza della gestione della giustizia paliesca e una sostanziale inaffidabilità di chi è preposto ai processi sanzionatori". La contrada dell'Onda, attraverso il priore Massimo Castagnini, sceglie i giornalisti invitati in conferenza piuttosto che i magistrati raccolti nelle aule del tribunale, per esprimere amarezza e disappunto, convinta di aver subito una pesante vessazione attraverso l'ultima sanzione, comminata dalla giunta comunale, che ha inflitto un Palio di squalifica, a seguito del fronteggiamento, con la Torre, del 17 agosto scorso.
Eppure, rispetto a quanto esposto dal priore, poteva configurarsi un "falso in atto pubblico": "E' vero, ma pur essendo molto indignati abbiamo scelto di non rivolgersi alla magistratura, per rispetto al Palio e alle contrade che crediamo debbano rimanere fuori dalle aule di tribunale. Certo è che siamo di fronte a una dichiarazione non veritiera da parte dell'amministrazione comunale. La delibera di giunta lamenta una "consegna tardiva e irregolare" della memoria della contrada dell'Onda, si afferma cioè che avremmo consegnato le nostre discolpe oltre i 5 giorni previsti. Questo non risponde alla realtà. Nella relazione dei deputati della festa si legge invece che l'abbiamo consegnata alle 15,30 del 21 agosto nelle mani della dottoressa Susanna Fratiglioni, corredata da diciassette fotografie. Il giorno seguente abbiamo consegnato un video e una foto ulteriore, certificata dal timbro della portineria, perché era sabato e il Comune era chiuso. Tutto nei tempi previsti, dunque. Ci chiediamo come la giunta abbia potuto non tenere in considerazione la nostra memoria, visto che è stata presentata in maniera regolare. Avremmo potuto formulare un esposto in altra sede, ma io stesso so, con il caso di Penna bianca, quanto sia faticoso e stressante difendersi in tribunale per cose di Palio, pertanto abbiamo preferito rivolgerci a voi giornalisti, per ristabilire la verità, evitando che certe cose possano ripetersi in futuro".
Corriere di Siena
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

L'ONDA ACCUSA: "GIUSITIZIA PALIESCA INAFFIDABILE"

Messaggio  jabru il Lun Gen 18, 2016 8:27 pm

Ancora polemiche in merito all’infuocato dopo Palio di agosto. L’Onda torna a farsi sentire attaccando le recenti sanzioni, dopo che la contrada aveva presentato un esposto, non preso in considerazione dalla giunta. Da Malborghetto la replica che il documento era stato consegnato nei tempi dovuti e quindi l’accusa di inaffidabilità della giustizia paliesca. Indignazione viene quindi espressa sulla relazione dei deputati della festa che hanno valutato solamente l’esposto della Torre e non quello dell’Onda in riferimento al fronteggiamento tra le due contrade.

Fonte: www.antennaradioesse.it
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Elezioni in Pantera: Antichi confermato capitano, Colella nuovo priore

Messaggio  jabru il Lun Gen 18, 2016 8:30 pm

Pasquale Albino Colella è il nuovo Priore della contrada della Pantera e riceve il testimone da Stefano Morandini. Le elezioni in Stalloreggi hanno visto la riconferma di Marco Antichi nel ruolo di capitano per il biennio 2016-17.
AntennaRadioEsse
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Siena, il Palio rifiuta l'invito al compleanno della regina

Messaggio  jabru il Mer Gen 20, 2016 9:39 pm

Non ci sarà nessuna rappresentanza del Palio di Siena alla festa dei novant'anni della regina Elisabetta, che saranno festggiati a Windsor con una grande parata. Parata a cui appunto le contrade non ci saranno. Questo perché la sfilata complessiva sarà di circa novanta minuti, considerato dal Magistrato delle Contrade "un tempo non sufficiente per rappresentare compiutamente l'idea del Palio storico di Siena". L'invito al Palio di Siena fu fatto nel novembre scorso. Da qui il Magistrato delle Contrade chiese maggiori delucidazioni su come la parata si sarebbe svolta. "Le riflessioni conslusive - dice il Magistrato delle Contrade - sono che il Palio e le sue secolari e storiche tradizioni hanno avuto l'onore di suscitare interesse anche da parte della corte reale del Regno Unito per un evento di carattere planetario. Tuttavia, per motivi sostanzialmente organizzativi ma anche etici, non ci sono state le condizioni per poter nemmeno affreontare la questione e la conseguenze decisione nelle sedi deputate, ovvero le assemblee di contrada".
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Il Palio e quel no alla Regina. Valentini: "Inviteremo Elisabetta a Siena"

Messaggio  jabru il Mer Gen 20, 2016 9:41 pm

Dopo il clamoroso no del Palio di Siena a partecipare a Londra ai festeggiamenti per i 90anni della Regina Elisabetta, il sindaco di Siena, Bruno Valentini, spiega la scelta e invita la sovrana in piazza del Campo: «Se si vuole vedere il Palio bisogna venire a Siena per capirlo, magari entrare in un museo di contrada, perché Siena non si sviluppa solo nel minuto e quindici secondi della corsa ma ha una storia precedente, e una storia futura. Vuol dire che inviteremo formalmente la regina Elisabetta a venire a Siena a vedere il Palio direttamente delle finestre del nostro Palazzo comunale». Valentini continua: «Alla fine le contrade non hanno detto di no 'tout court' ma avevano posto alcune condizioni, ovvero di poter rappresentare non con un numero da circo la nostra tradizione ma con una cornice e con un tempo che fosse adeguato. Non è stato possibile, mi dispiace». Secondo il sindaco «qui si gioca la partita di come raccontare Siena senza snaturarla».
La Nazione
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7386
Data d'iscrizione : 01.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Se ne parla a Siena

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum