verso l'Assunta

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Andare in basso

Ipotesi di monte

Messaggio  jabru il Sab Ago 09, 2008 5:35 pm

Tra le monte c'è "chi scende" e "chi sale"

Vie tutte le congetture o le tattiche paliesche su cui tanti ci eravamo soffermati a luglio. La carriera dell’Assunta si avvicina, tra qualche giorno il tufo sarà di nuovo in Piazza e tutto ripartirà da capo. Perché anche se i fantini, sù per giù, sono gli stessi di luglio, le contrade no (eccetto per qualcuna) e ogni tipo di accoppiata, come ci insegna la storia del Palio, potrebbe essere scombinata, a seconda dell’assegnazione dei cavalli naturalmente e dei rapporti creatisi fra fantini e dirigenze in questo ultimo periodo. Vediamo dunque nello specifico quali potrebbero essere le ambizioni paliesche dei 10 rioni che parteciperanno al Palio d’agosto.
Aquila: tutto farebbe pensare, vista la soddisfazione di dirigenza e fantino, anche per la buona gestione della mossa, ad un ritorno di Paride de Mauro, detto Tiburzio. Giusta carica e giusta grinta per contrastare la nemica in Piazza. E la prova di quanto detto sono state proprio le nerbate contro il Mari per la carriere di Provenzano.
Bruco: se per luglio tutto filò liscio come l’olio, vista la monta quasi certa fin dall’inizio di Giovanni Atzeni, detto Tittia, le cose si complicano per agosto. La presenza della contrada di Fontebranda potrebbe scombinare un po’ i piani della dirigenza di Ovile. Lascaito ormai nell’album dei ricordi la monta del Bruschelli potrebbe affacciarsi alla stalla Pollioni.
Drago: Se Antonio Sgaibarre, e ormai sembra cosa certa, montasse sulla Selva, tutto potrebbe ripartire da Luca Minisini, ex fantino della Giraffa. La contesa per il Dè sembra viva più che mai proprio tra Drago e Valdimontone. Vedremo il 13; chi la dura la vince.
Nicchio: Dopo l’avventura con Virginio Zedde, che non sembra essere piaciuta poi tanto alla contrada dei Pispini, l’obiettivo potrebbe essere Alberto Ricceri, viste le grandi ambizioni paliesche e la voglia di contrastare Trecciolino.
Oca: La paura è passata. La carriera di luglio ha fatto tremare Fontebranda per circa 2 minuti. Ora c’è da rimboccarsi le mancihe perché la Torre, con o senza Bruschelli, ha dato prova di rivoler il Cencio in Salicotto. Quale la migliore monta? Tutto sembra far pensare a Giovanni Atzeni, detto Tittia. Sia per i buoni rapporti con la società, sia per l’ultimo grande ricordo che li lega insieme, quello del Palio di luglio dell’anno scorso, con la splendida cavalcata di Fedora Saura.
Pantera: A gran sorpresa Andrea Mari potrebbe stravolgere i piani di una monta data per certa fino a qualche giorno fa. Chi in sua sostituzione? I giochi si faranno forse con al contrada del Nicchio che nel caso dovesse montare Brio, potrebbe scambiarlo con la monta di luglio, Virginio Zedde, detto lo Zedde.
Selva: Non sembrano esserci dubbi. Antonio Villella, detto Sgaibarre nella Selva sembra trovarsi davvero bene. Uno dei primi sodalizi certi prima dell’assegnazione.
Tartuca: Capitan Bruschelli ama Castelvecchio e Castelvecchio ama capitan Bruschelli. Cosa potrebbe turbare questo connubio? Forse, nel caso venga preso senza problemi, la destinazione di Già del Menhir potrebbe cambiare le carte in tavola.
Torre: Dopo la rocambolesca corsa con il coraggioso Salasso, se questi non volesse tornare in Salicotto le mire potrebbero ricadere sul giovane talentuoso Jonathan Bartoletti. I rapporti con il Liocorno sono buoni. Forse un prestito per agosto potrebbe essere concesso.
Valdimontone: L’attesa è tanta, e dopo la monta di Alessio Migheli, la contrada dei Servi ha forse capito che per vincere un Palio serve qualcos’altro. Le mire tornano sul Bruschelli, nel caso non dovesse correre per la Tartufa, il Montone potrebbe rappresentare la sua seconda scelta. Altrimenti molto interesse era su Luca Minisini, indeciso se spostarsi verso i Servi o verso Pallacorda.

>>09/08/2008 13.00.00(SIENA)
da "Siena News"
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il drappellone

Messaggio  jabru il Dom Ago 10, 2008 9:09 pm

Siena, 10 agosto 2008 - E' piaciuto il Drappellone dipinto da Mario Ceroli per il Palio dell'Assunta: uno scroscio d'applausi l'ha accolto oggi pomeriggio nel cortile del Podestà di fronte a centinaia di contradaioli.
Abruzzese di nascita, romano di adozione, Ceroli, famoso per un concetto di scultura carico di riferimenti figurativi sugli stereotipi della contemporaneità, ha trattato la seta del 'cencio' con la stessa maestria con la quale lavora le sue creazioni in legno.
La superficie non è completamente ricoperta di colore. In alto la Madonna del Voto, riproposizione di quella che si trova sull'altare maggiore della Cattedrale di Siena, ai lati gli stemmi delle Contrade dai quali si irradiano raggi d'argento che raggiungono piazza del Campo, contornata dai palazzi e popolata da spighe di grano dorato.
Per il sindaco di Siena, Maurizio Cenni ''sono bastati pochi segni ad affollare questo Drappellone di contenuti incisivi, di richiami discreti, di notazioni poetiche, rispettando comunque l'impianto tradizionale e le ragioni della committenza. Un palio pieno di novita' e denso di scoperte, tanto da confermare ancora di piu' le infinite variazioni che la potente intelligenza dell'arte sa fornire anche nella interpretazione di temi e di iconografie. Ceroli
- ha aggiunto - ci propone un Campo ribaltato: non l'avevamo mai visto rappresentato cosi' eppure, a pensarci bene, e' proprio in questo modo che chiunque lo scorge, arrivando in piazza, da qualsiasi parte provenga''.
Alla base del Drappellone un lungo corteo di cavalli, scuri come la notte, ma dalle criniere e dagli zoccoli luccicanti d'oro, si protende verso il Campo per raggiungere il tesoro della Festa. ''Anche questo - ha concluso il sindaco - è un punto di vista completamente inedito nella esperienza degli artisti del Palio, ma è ugualmente il più abituale nel rapporto di percezione della corsa e che riporta l'occhio sempre verso il soggetto che e' in testa''.

da "La Nazione"
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il drappellone

Messaggio  jabru il Dom Ago 10, 2008 9:12 pm

Applausi per il Drappellone di Mario Ceroli
Piace ai contradaioli il Cencio di Mario Ceroli, presentato nel Cortile del Podestà dal sindaco Maurizio Cenni e da Omar Calabrese. Un Drappellone – si legge nella nota diffusa dal Comune di Sienja – “delicato e forte. Innovativo e tradizionale. Ma, più che altro, un Drappellone che dà l'impressione ottica del movimento”.
“Abruzzese di nascita, romano di adozione per la sua formazione professionale, Ceroli – si legge ancora nella nota -, uno dei più grandi artisti a livello internazionale, famoso per un concetto di scultura carico di riferimenti figurativi sugli stereotipi della contemporaneità, ha trattato la seta del “cencio” con la stessa maestria con la quale lavora le sue spettacolari creazioni in legno. La materia originale si vede. La superficie non è completamente ricoperta di colore.
In alto la Madonna del Voto, la riproposizione di quella che si trova sull'altare maggiore della Cattedrale, dove andranno a cantare il Te Deum i contradaioli che vinceranno il Palio. Ai lati gli stemmi delle Contrade dai quali si irradiano raggi d'argento che raggiungono Piazza del Campo, contornata dai palazzi e popolata da spighe di grano dorato. In basso dieci cavalli neri al galoppo e braccia alzate: quelle degli alfieri nel momento dell' “alzata”, quando con il corpo ed il cervello, con il sangue e la forza, vogliono sfiorare il cielo con i colori della propria Contrada. Sulla destra, come a dar più forza al galoppo, tre profili urlanti”.
“Riferimenti, connotazioni e proiezioni – si legge ancora nella nota - tipici di quell' “environment dinamico” che ha reso celebre Mario Ceroli, insieme a quel tocco di magistrale originalità con il quale ogni volta riesce a catturare ed immortalare, per l'eternità, un momento di vita. Le spighe. Segno biblico di abbondanza. Di felicità. Il popolo di Siena è dentro quel Campo, come spighe. Una concettualità originale, che solo un personaggio eclettico come lui può esternare; in grado, con estrema disinvoltura e ugual successo, di alternare la scultura alla scenografia teatrale, per celebrare, ogni volta, il valore simbolico delle sue creazioni. Una magica alchimia che riesce a rendere tattile un'idea.
Se il simbolo del Palio è il cavallo, Mario Ceroli l'ha reso vivo. I dieci barberi corrono sulla stoffa, su quell'anello inclinato di tufo. Una prospettiva incredibilmente reale, tanto che il drappellone pare muoversi, e gli elementi a corredo, braccia, mani e facce, sembrano inseguire gli animali. Li spingono, con la forza del cuore, al traguardo, sotto lo sguardo dolce di una Vergine duecentesca”.
“Come la serie di figure appiattite – conclude la nota - vere e proprie fette di statue, le stesse che si possono ammirare all'interno delle Logge del Papa, per la mostra “Forme in movimento”, che Siena ospiterà fino al prossimo 7 settembre, Ceroli ha dato spessore a quanto ha dipinto. Ha dato fisicità e carne agli animali, ha popolato, con i colori, il Palazzo Comunale, ha rappresentato con un elemento della natura i diciassette popoli che vivono Siena.
E il risultato, felice ed imprevedibile, connota in maniera chiara l'unicità di questo grande artista”.
Quello di Ceroli, ha detto il sindaco di Siena Maurizio Cenni nel corso della presentazione, è un Palio in cui bastano “pochi segni ad affollare questo Drappellone di contenuti incisivi, di richiami discreti, di notazioni poetiche, di segnalazioni acute, rispettando comunque l’impianto tradizionale e le ragioni della committenza.
Un palio pieno di novità e denso di scoperte, tanto da confermare ancora di più le infinite variazioni che la potente intelligenza dell’arte sa fornire anche nella interpretazione di temi e di iconografie ampiamente perlustrati ed interpretati nelle circostanze e secondo le modalità più diverse".
"Ceroli - ha detto il Sindaco - ci propone un Campo disassato e ribaltato: non l’avevamo mai visto rappresentato così eppure, a pensarci bene, è proprio in questo modo che chiunque lo scorge, arrivando in piazza, da qualsiasi parte provenga. Ed è proprio la sua imprevedibile inclinazione che meraviglia e disorienta di più, non solo i viaggiatori ma anche i sensi dei frequentatori più abituali, come se ogni volta fosse la prima e come se ogni pur minima variazione climatica e di luce sapesse rendere sempre nuovo questo spazio così straordinario”.
Nel Palio di Ceroli, ha aggiunto Cenni, “la Madonna del Duomo guarda fiera davanti a sé, ma sovrastando benigna le nostre vicende e i nostri affanni terreni. Alla base del Drappellone, un lungo corteo di cavalli, scuri come la notte ma dalle criniere e dagli zoccoli luccicanti d’oro, si protende verso il Campo per raggiungere il tesoro della Festa. Anche questo è un punto di vista completamente inedito nella esperienza degli artisti del Palio, ma è ugualmente il più abituale nel rapporto di percezione della corsa e che riporta l’occhio sempre verso il soggetto che conduce la testa del gruppo e che, più degli altri, è diretto alla vittoria.
I volti e le mani della gente incorniciano questo quadro prezioso: si tratta dei presenti, degli attori reali di questa particolarissima rappresentazione che a Siena si celebra, ogni anno e da lunghissimi anni. Una presenza forte e discreta, consapevole di un ruolo primario ma anche di trovarsi di fronte ad un qualcosa che non ha uguali in nessuna altra parte del mondo, consapevole dunque della persistente vitalità di un avvenimento che trova alimento e forza in se stesso”.



>>10/08/2008 19.14.00(SIENA NEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

intervista a Mario Ceroli

Messaggio  jabru il Lun Ago 11, 2008 1:46 pm

Siena, 11 agosto 2008 - "Io emozionato? Ma no!" Rispondeva così Mario Ceroli, prima della presentazione del Drappellone a chi si stupiva di tanta tranquillità. Ma i suoi occhi lievemente lucidi dopo l’applauso raccolto nel Cortile del Podestà e le tante mani strette per complimentarsi di uno dei Palii più raffinati visti negli ultimi anni, hanno tradito un sentimento vivo che ha preso anche questo artista abituato a platee oceaniche e qualificate. Il tocco magico del Palio, di una Festa che ha memoria e valori vibranti, ha contagiato il maestro abruzzese, ormai romano di adozione. Tanto da concludere l’intervista all’improvviso ma con eleganza, forse proprio per nascondere un afflato che gli viene dal cuore. Si era visto subito che l’atmosfera lo aveva 'preso'. Quando Omar Calabrese ha terminato l’illustrazione Mario Ceroli con un guizzo ha infatti stupito la platea: "Vi ringrazio tutti del vostro applauso. Evviva, evviva Siena", ha esordito battendo le mani alle autorità e ai contradaioli nel Cortile del Podestà.
Poi ha confessato: "Dicevo di non essere emozionato a chi me lo chiedeva, invece non è così. In questo tempo che sono stato nella vostra città sono rimasto incantato dalla Festa". Si gira verso il Palio dove i cavalli neri cangiano ad ogni flash dei fotografi insieme all’oro e all’argento delle spighe, raccontando poi di Cesare Brandi e di quei soggiorni nella sua villa di famiglia a Vignano. Nel clamore di sottofondo il sindaco suggella il termine della presentazione e il maestro Ceroli spiega a caldo i suoi sentimenti.
Perché un applauso al popolo di Siena, come le è venuto?
"Credo che era dovuto rivolgerlo alla gente di questa città, anche se la rappresentanza era piccola. Se fosse possibile vorrei salire sulla Torre del Mangia e fare da lì un applauso a Siena per essergli fortemente grato. Poi credo che vanno rispettate le cose e le persone che hanno valore: ritengo che la gente di Siena merita un battimano. Noi abbiamo perso il segno della meritocrazia ma forse è giusto riscoprirla perché è qualcosa che fa bene".
Insomma, è entrato appieno nel clima della Festa e si è anche emozionato.
"All’inizio per niente, però una volta arrivato qui è stato diverso. Ho fatto teatro e cinema ad alti livelli, sono stato al Bolscioi e alla Scala. Tuttavia essere così a contatto con le persone, quasi a sentirne l’alito, è qualcosa di molto diverso. Poi tutti mi avevano detto ’attento, guarda che ci saranno fischi e applausi’. Invece ci sono stati solo questi ultimi ed allora sì che mi è parso emozionante. Perché in fondo non mi prendo sul serio, la cosa bella è quella che accadrà domani. Tuttavia oggi ho vissuto una bellissima storia. Viva Dio! Io domani voglio ricominciare ma spero che mi ricapiti ancora".
Ossia vorrebbe fare un altro Drappellone?
" Anche... perché no? E’ stata un’esperienza molto, molto divertente. Io ho realizzato il Palio, non ho voluto fare l’artista limitandomi ad inserire citazioni che rappresentano referenze della cultura senese ma anche della sua gente: il carisma, questa discrezionalità che c’è e l’entusiasmo che proviene dal ventre della mamma".
Il riferimento è alle spighe nella Piazza.
"Il grano nel Campo e l’inclinazione, entrando a Siena, sono un’emozione. Lo è osservare il terreno ondulato colmo di spighe. E’ come vedere una donna con il bambino in grembo che si muove. Adesso lo osservo di nuovo e non c’è più il grano ma le famose crete di Siena. E’ nato! E’ nato il Drappellone e dentro ci sono le citazioni... Persino la Madonna...".
Che è la Madonna del Voto.
"Eh sì... E’ una referenza... E’ Lui che mi ha presentato qui, io ho un’altissima referenza! (scherza volgendo lo sguardo verso il cielo, ndr)".
Lei fa riferimento anche alle alzate prima che i cavalli escano dall’Entrone.
"Un omaggio agli alfieri che lanciano le bandiere il più alto possibile e fanno da sorgente di luce per la Madonna".
Il tocco di rosso e bianco, al lato destro del Drappellone, raffigura delle persone che assistono al Palio?
"Ma no, possono anche essere quelli che passano e mangiano il gelato. Voglio dire... ci sono tanti riferimenti ma non vogliono essere nulla che disturba l’atmosfera di questa cosa grandiosa che è l’anima di Siena".
Ha impiegato oro e argento?
"L’argento è la sorgente di luce per la Vergine, quanto all’oro io ho pensato a Duccio".
Lei ha utilizzato la stoffa per i cavalli, che sono così lucidi?
"Io avrei voluto utilizzare i miei materiali, quali il vetro e la paglia ma non si potevano proprio arrotolare".
Una dedica per questo Palio?
"A Cesare Brandi, Piero Sadun,Mario Verdone e Danilo Nannini".
Un bacio da gentiluomo prima di congedarsi e proseguire così la sua avventura senese mentre il Cencio dei cavalli neri, in movimento e (molti l’hanno notato) al galoppo in senso contrario, viene portato via.

Laura Valdesi
da "La Nazione"
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Settantadue i cavalli ammessi alle prove mattutine

Messaggio  jabru il Mar Ago 12, 2008 8:08 am

Sono settantadue i cavalli che parteciperanno alle prove mattutine di addestramento per il Palio del prossimo 16 agosto, otto i soggetti ammessi direttamente alla Tratta di mercoledì 13. Di seguito l’elenco completo.

I cavalli ammessi alle prove regolamentate:

N° CAVALLO PROPRIETARIO
1 A.S. INVINCIBILE Raffaele Franceschetti
2 DERRIU JUNIOR Antonio Villella
3 DIANA BAIA Marco Pagliai
4 DOVYZIA Marcello Rosi
5 DREAM TEAM Luca Veneri
6 DWORUS Giuliano Fanti
7 EDOLO Andrea Roncucci
8 EI EI Francesco Passalacqua
9 ELIMIA Niccolò Rugani
10 ELISIR LOGUDORO Andrea Mari
11 ELYSYRIO Alessandro Fontani
12 ENCANTADO Vincenzo Facchini
13 FANE’ Simone Berni
14 FANTAGHIRO’ SAURA Marco Pagliai
15 FANTASTIC LIGHT Simone Berni
16 FAR WEST Guido Corsi
17 FIORE DE P.ULPU Carlo Brocci
18 FIZZY Luca Anselmi
19 FLOBER Luca Veneri
20 FORTE APACHE Ciro Serchi
21 FRORIA Federica Luchetti
22 FRUSTONE Simone Berni
23 GAMMEDE Daniele Bianciardi
24 GANOSU Virginia Cannoni
25 GENOMA Francesco Passalacqua
26 GEZABELE Claudio Berti
27 GHERLY Augusto Posta
28 GIOCATTOLINO Antonio Costantino Buzzi
29 GITANO DE AIGHENTA Andrea Mari
30 GIULIANA SAURA Luca Francesconi
31 GOLDEN BOY Mario Savelli
32 GRAND NATIONAL Antonio Villella
33 GRIDO DI GALLURA Roberto Danesi
34 GUADALUPE Lucia Toto
35 GUERRIERO BAIO Marcello Roti
36 GUESS Fabio Romanelli
37 GULLIVER SAURO Giovanni Atzeni
38 GUNGADIN Ciro Serchi
39 GURU Simone Panti
40 GUSCHIONE Simone Berni
41 ILON Jacopo Bonucci
42 INCANTADO Riccardo Piras
43 INDOS Guido Corsi
44 INFINE Silvia Stabile
45 INSOMMA Fabio Romanelli
46 INTERNOS Simone Picchi
47 IPERSONIC Mario Bruni
48 IRENELLA Alessandro Burrini
49 IRON HORSE Claudia Nerozzi
50 IRON RIVER Simone Santi
51 ISEO DE AIGHENTA Giovanna Fois
52 ISTRICEDDU Serena Butteri
53 ITAKO Leonardo Brandi
54 IVANOV Alessandro Fontani
55 L’ARTISTA Manola Casagni
56 LAMENTOSU Massimo Martelli
57 LAMPANTE Alessandro Bandini
58 LAMPE LUKE Dario Colagè
59 LAMPO DE AIGHENTA Sonia Catania
60 LARDO’ Francesco Ticci
61 LAVINIO DE ZAMAGLIA Antonella Nuti
62 LEGALE Dino Pes
63 LEGGENDA DI GALLURA Stefano Sani
64 LEO LUI Dario Colagè
65 LEZERA William Castrica
66 LILLOS Luca Anselmi
67 LIMPIDU DE ZAMAGLIA Duccio Bianciardi
68 LINKIN PARK Dario Colagè
69 LO SPECIALISTA Fabio Fioravanti
70 LU MUTU DI GALLURA Giovanna Picconi
71 LUIVA’ Fabrizio Catocci
72 MATSONIA Sergio Mattichi

I soggetti che vanno direttamente alla Tratta:

N° CAVALLO PROPRIETARIO
1 CHOCI Alessandro Tozzi
2 DELIZIA DE OZIERI Marcello Rosi
3 ELFO DI MONTALBO Francesco Ticci
4 FEDORA SAURA Augusto Posta
5 GIA’ DEL MENHIR Massimo Coghe
6 GIORDHAN Michela Gori
7 IADA Samuele Sampieri
8 INDIRA BELLA Fabio Fioravanti




>>11/08/2008 15.05.00(SIENA NEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Estremo Oriente resta a casa

Messaggio  jabru il Mar Ago 12, 2008 10:45 am

Bocciatura per Estremo Oriente, lotto più ristretto per i bigEstremo Oriente resta a casa. Esclusione eccellente da parte dell’equipe veterinaria, una decisione che di fatto toglie uno dei punti fermi degli ultimi Palii. Al suo attivo infatti ben tre Carriere, quella del 2 luglio 2007 nella Lupa, del 16 agosto 2007 nel Valdimontone e quella del luglio scorso nel Bruco. Un’esperienza che faceva di Estremo Oriente uno dei cavalli più affidabili della Piazza. La decisione dei veterinari non ha però sorpreso il proprietario, Enzo Tannini: “Sapevamo che Estremo Oriente sarebbe stato escluso. IL cavallo ha un problema ad una zampa evidenziato nel momento della prevista. Niente di grave, ha perso un ferro, ma tanto è bastato per lasciarlo fuori dai giochi. Dispiace perché è un cavallo che in questo lotto poteva rientrare bene”.
Tra i cavalli che vanno direttamente alla Tratta: Choci, Delizia De Ozieri, Elfo di Montalbo, Fedora Saura, Già del Menhir, Giordhan, Iada, Indira Bella.
12/08/2008 9.16.00(SIENA News)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il palio sul web

Messaggio  jabru il Mar Ago 12, 2008 12:23 pm

da domattina alle 9,00 si possono seguire batterie e tratta al seguente indirizzo:
http://live.intoscana.it/index.html
buon palio a tutti!
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

38 i cavalli ammessi alla Tratta

Messaggio  jabru il Mar Ago 12, 2008 2:35 pm

N° CAVALLO PROPRIETARIO

1 A.S. INVINCIBILE Raffaele Franceschetti
2 CHOCI Alessandro Tozzi
3 DELIZIA DE OZIERI Marcello Rosi
4 DERRIU JUNIOR Antonio Villella
5 DREAM TEAM Luca Veneri
6 EDOLO Andrea Roncucci
7 EI EI Francesco Passalacqua
8 ELFO DI MONTALBO Francesco Ticci
9 ELIMIA Niccolò Rugani
10 ELISIR LOGUDORO Andrea Mari
11 ELYSYRIO Alessandro Fontani
12 ENCANTADO Vincenzo Facchini
13 FANE’ Simone Berni
14 FEDORA SAURA Augusto Posta
15 FIORE DE P.ULPU Carlo Brocci
16 FLOBER Luca Veneri
17 FRUSTONE Simone Berni
18 GEZABELE Claudio Berti
19 GHERLY Augusto Posta
20 GIA’ DEL MENHIR Massimo Coghe
21 GIOCATTOLINO Antonio Costantino Buzzi
22 GIORDHAN Michela Gori
23 GIULIANA SAURA Luca Francescani
24 GRIDO DI GALLURA Roberto Danesi
25 GUADALUPE Lucia Toto
26 GUERRIERO BAIO Marcello Roti
27 GUESS Fabio Romanelli
28 GUNGADIN Ciro Serchi
29 GUSCHIONE Simone Berni
30 IADA Samuele Sampietri
31 ILON Jacopo Bonucci
32 INCANTADO Riccardo Piras
33 INDIRA BELLA Fabio Fioravanti
34 INSOMMA Fabio Romanelli
35 INTERNOS Simone Picchi
36 IRON HORSE Claudia Nerozzi
37 IRON RIVER Simone Santi
38 ISTRICEDDU Serena Butteri





>>12/08/2008 12.53.00(SIENA NEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

verso la tratta

Messaggio  jabru il Mar Ago 12, 2008 4:29 pm

Vigilia di attesa ma anche di lavoro. Chiuso il capitolo delle prove regolamentate e in attesa della lista definitiva degli ammessi alla Tratta, prevista in tarda mattinata sono ore febbrili per le dirigenze. E’ tempo di stringere accordi, di effettuare gli ultimi colloqui ma, soprattutto, di trovare un’intesa, anche se solo di massima sul lotto dei cavalli da mandare al canape sabato prossimo. Perché nulla viene lasciato al caso con contrade e, soprattutto, fantini chiamati a una ‘full immersion’ davvero intensa. Scelte come detto di massima, che poi dovranno essere riviste domani mattina dopo la Tratta, quando le batterie avranno dato responsi impossibili da trascurare. Succede infatti quasi sempre che all’ultimo momento un cavallo tra i papabili dia improvvisamente forfait, oppure durante le batterie dimostri (il caso riguarda soprattutto i nuovi ndr) scarsa adattabilità alla pista. E allora ecco che quando detto nella giornata odierna ‘rischia’ di non essere più al passo con l’evoluzione della Festa.
Un discorso particolare va fatto per gli otto barberi esentati dalle prove regolamentate (qui accanto la tabella completa). Un concentrato di quanto può offrire questa carriera dell’Assunta. Doveroso cominciare dai più desiderati da parte del popolo delle contrade, in primis Già del Menhir, il trionfatore di luglio, in seconda istanza Fedora Saura, barbero papabile per un rientro sul tufo dopo qualche dolorosa e (questo lo aggiungiamo noi) scandalosa bocciatura. Come poi trascurare l’affidabile Choci, i rivalutati Elfo di Montalbo e Giordhan, oltre al trio degli attesi al riscatto dopo prestazioni sul tufo non proprio eccezionali come Delizia de Ozieri, Iada e Indira Bella. La domanda sorge spontanea: quanti di questi barberi usciranno dall’Entrone la sera del 16 agosto? A nostro avviso la metà, forse qualcosina in più. Tutti gli altri andranno ‘pescati’ tra coloro che hanno partecipato alle prove regolamentate di questa mattina e non sarà certo una fatica.
Nel gruppone dei 72 ammessi all’odierno addestramento, a parte i 18 non ancora in età per correre il Palio (ne restano di conseguenza 54) è possibile trovare cavalli assolutamente di primo piano, alcuni dei quali potevano tranquillamente figurare nell’elenco degli ammessi direttamente alla Tratta. Il pensiero va a Elimia, barbero potenzialmente sul livello dei migliori, ma anche Elisir Logudoro di nuovo sul tufo dopo l’assenza dello scorso luglio. Senza dimenticare Gezabele.
Intanto però qualche ‘vecchio’ protagonista il Palio lo ha già perso. Non sono stati infatti ammessi dallo staff veterinario almeno tre soggetti tra quelli già esperti dell’anello di tufo. Il riferimento va ad Estremo Oriente, Favella e Iolao, cavalli che nonostante i precedenti non sono stati ritenuti nelle condizioni giuste (il giudizio è dei veterinari, non certo nostro ndr) per correre il Palio. Fuori anche Formaggio Sardo, uno tra i più chiacchierati in positivo degli ultimi mesi.

Paolo Brogi
da "La Nazione"
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

le batteria

Messaggio  jabru il Mer Ago 13, 2008 12:01 pm

Prima batteria: cade Siri urtando al colonnino del primo San Martino che montava Iron Horse (fantino e cavallo stanno bene), la batteria è vinta da Edolo montato da Silvano Mulas
Seconda batteria: Mossa falsa a causa di Gustione che si è girato all'ultimo momento andando contro mano, alla seconda mossa vince lo stesso Guschione montato da Siri
Terza batteria: Batteria tranquilla, vince Gherli montato da Mureddu
Quarta batteria: Vince Insomma montato da Carboni dopo una bella gara condotta da Delizia de Ozieri ripresa dal fantino (Argomenni) dopo che aveva battuto una ginocchiata al colonnino di San Martino
Quinta batteria: Due mosse false per forzatura dei canapi, cavalli molto nervosi, alla terza mossa parte Già del Mehir montata da Lo Zedde, che va a vincere alla grande

Tutti i cavalli sono apparsi bene allenati ed in ottima forma
Buon palio a tutti
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Batterie, esordienti in bella evidenza

Messaggio  jabru il Mer Ago 13, 2008 12:58 pm

Ottimi spunti degli esordienti nelle cinque batterie di selezione formate dopo la presentazione dei cavalli alla Tratta. All’Entrone sono arrivati 35 dei 38 soggetti attesi, assenti Flober, Giuliana Saura e Gungadin. Nella prima batteria vince Edolo montato da Mulas, mentre nella seconda sono Guschione e Siri ad arrivare primi al bandierino. Terza prova a Gherly con Mureddu, nella quarta vittoria di Insomma montato da Carboni e infine nella quinta batteria sono primi Fanè e Mureddu. I capitani chiedono di rivedere sul tufo sette soggetti nella batteria di recupero: a vincerla è Istriceddu con Virgilio Zedde, con Gherly, Internos e Guess che si mettono in evidenza.

Prima batteria

È Edolo montato da Mulas a vincere la prima batteria del Palio dell’Assunta 2008. Dai canapi partono subito forte Edolo con Mulas e Guadalupe con Carboni che galoppano appaiati, poi al primo San Martino è Edolo a passare in testa e a mantenere il comando fino al bandierino, mentre dietro galoppano forte anche Ei Ei e Incantado. Al secondo San Martino da registrare la caduta di Siri da Iron Horse.

Ecco l’ordine di ingresso tra i canapi:

28 – Guadalupe – Carboni
5 - Iron Horse – Siri
12 – Indira Bella – De Mauro
8 - Edolo – Mulas
17 – Ei Ei – Argomenni
24 – Incantado – Bartoletti
1 – Fedora Saura – Zedde Giuseppe (rincorsa)

Seconda batteria

La seconda batteria del Palio dell’Assunta 2008 va a Guschione con Siri. Prima mossa annullata per la rincorsa che anticipa l’allineamento, poi allineamento un po’ faticoso da trovare. Partono forte Guess con Carboni, Guschione con Siri e Internos con Migheli, che tengono subito un gran tempo di galoppo. Al primo San Martino prendono il comando Guschione e Siri e lo mantengono fino al termine, sempre incalzati da Guess e Carboni e da Internos e Migheli.

Ecco l’ordine di ingresso tra i canapi:

21 – Guschione – Siri
7 - Elisirio – Argomenni
30 - Guess – Carboni
9 – Internos – Migheli
18 – Encantado – Ballesteros
26 - Giocattolino – Chiti A.
6 - Choci – Pollioni (rincorsa)

Terza batteria

Gherly con Mureddu vince la terza batteria del Palio dell’Assunta 2008. Alla mossa schizzano subito forte Ilon con De Mauro e Gherly con Mureddu, che con un ottimo tempo di galoppo staccano subito gli altri soggetti. È un testa a testa tra i due cavallini, con Gherly e Mureddu che prima dell’ultimo San Martino passano dall’interno Ilon e De Mauro e vanno a vincere la prova. Nelle retrovie provano il galoppo anche Elfo di Montalbo con Fais e Guerriero Baio con Franceschini.

Ecco l’ordine di ingresso tra i canapi:

11 - Ilon – De Mauro
2 – Gherly – Mureddu
4 - Giordhan – Mulas
15 – Guerriero Baio – Franceschini
3 – Elisir Logudoro – Mari
33 – Elfo di Montalbo – Fais
19 - Fiore de Pedra Ulpu – Bergamaschi (rincorsa)

Quarta batteria

Va a Insomma e Carboni la quarta batteria del Palio dell’Assunta. Buona partenza di Frustone con Siri e Istriceddu con Virginio Zedde seguiti da Insomma con Carboni, ma da dietro arriva forte Delizia De Ozieri con Argomenni che erano di rincorsa. Al primo Casato è proprio Delizia De Ozieri a passare in testa e a galoppare forte per un giro, poi al secondo Casato batte nel colonnino e ne approfittano Frustone con Siri e Insomma con Carboni, che galoppano forte testa a testa fino all’ultimo San Martino, quando Insomma e Carboni passano al comando e vanno a vincere la prova.

Ecco l’ordine di ingresso tra i canapi:

31 – Insomma – Carboni
22 – Frustone – Siri
29 - Istriceddu . Zedde Virginio
10 - Iron River – Migheli
14 – Dream Team – Veneri
20 – Gridu di Gallura – Donatini
16 - Delizia De Ozieri – Argomenni (rincorsa)

Quinta batteria

Sono Fanè e Mureddu a vincere la quinta batteria del Palio dell’Assunta 2008. Due mosse invalidate, poi il mossiere dà buona la terza e dopo un’ottima partenza di Già del Menhir con Siri è AS Invincibile con Chiti a prendere il comando, seguito da Fanè con Mureddu. Dietro buon galoppo per Gezabele con Pusceddu, leggero trotto per gli altri. All’ultimo San Martino sono Fanè e Mureddu a prendere la testa e a mantenerla fino al bandierino.

Ecco l’ordine di ingresso tra i canapi:

35 - Elimia – Carboni
27 – Già del Menhir – Siri
34 - Gezabele – Pusceddu
23 – Fanè – Mureddu
25 - Derriu Junior – Franceschini
32 – AS Invincibile – Chiti
13 - Iada – De Mauro (rincorsa)

Batteria di recupero

Dai canapi partono fortissimo Istriceddu con Virgilio Zedde, Gherly con Mureddu e Internos con Migheli, che galoppano testa a testa fino al primo San Martino, quando prendono la testa Istriceddu e Virgilio Zedde e la mantengono fino alla fine, andando a vincere la batteria. Dietro galappano forte Gherly e Mureddu, seguiti e poi sorpassati da Guess e Carboni che si mettono bene in evidenza.

Ecco l’ordine di ingresso tra i canapi:

30 – Guess - Carboni
9 - Internos - Migheli
18 – Encantado - Ballesteros
2 – Gherly - Mureddu
29 – Istriceddu – Zedde Virgilio
10 - Iron River - Cheli
33 - Elfo di Montabo – Fais (rincorsa)



>>13/08/2008 10.48.00(SIENA NEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Assegnazione cavalli

Messaggio  jabru il Mer Ago 13, 2008 3:05 pm

1) Giordan - Selva
2) Istriceddu - -Pantera
3) Fedora Saura - Drago
4) Choci - Montone
5) Elisir Logudoro - Bruco
6) Già del Mehir - Torre
7) Elimia - Tartuca
Cool Elfo di Montalbo - Oca
9) Ilon - Aquila
10 Guess - Nicchio
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

prime ipotesi di monte

Messaggio  jabru il Mer Ago 13, 2008 3:55 pm

Tartuca _ Bruschelli
Torre _ Ricceri (Mulas)
Aquila _ De Mauro
Montone _Minisini
Bruco _ Giuseppe Zedde
Drago _ Bartoletti
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

ipotesi di monte

Messaggio  jabru il Mer Ago 13, 2008 4:23 pm

LE ULTIME VOCI DICONO:
Oca - Tittia
Nicchio - Ricceri
Tartuca - Bruschelli
Selva - Villella
Pantera - Pusceddu
Torre - Mari
Aquila - De Mauro
Montone - Minisini
Bruco - Gingillo
Drago - Bartoletti
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

ipotesi sulle monte

Messaggio  jabru il Mer Ago 13, 2008 5:18 pm

Equilibri instabili nelle monte, Andrea Mari vicino a Salicotto

Un cambio di monta interessante quello che vede protagonista Andrea Mari, detto Brio, fantino ormai consacrato della Pantera. Le valigie sembrano ormai pronte Mari dovrebbe arrivare a momenti nella Torre. Se ciò dovesse realizzarsi e formarsi nel concreto la coppia Già del Menhir - Brio, Alberto Ricceri potrebbe orientarsi verso il Nicchio. Sicure le altre monte già preannunciate subito dopo l’asseganzione. Trecciolino è atteso in Castelvecchio dai tartuchini e da Elimia, Luca Minisini correrà con Choci per il Valdimontone, Gingillo, ovvero lo Zeddino, è già nella stalla del Bruco con Elisir. Confermate anche le monte di Bartoletti nel Drago, con la vincente Fedora Saura, di Paride de Mauro nell’Aquila, con l’esordiente Ilon e di Giovanni Atzeni in Fontebranda, con Elfo di Montalbo. Sicuro anche Antonio Sgaibarre, detto il Villella, nella Selva. Ancora un po’ di incertezze sulla scelta della Pantera, per ora rimasta senza fantino.

>>13/08/2008 14.53.00(SIENA News)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Monte quasi definitive

Messaggio  jabru il Mer Ago 13, 2008 6:07 pm

Tutto sembra essersi ormai delineato. I capitani delle 10 contrade hanno svolto i loro calcoli e il loro lavoro. Andrea Mari è atteso dalla Torre e a momenti potrebbe apparire nella stalla di Salicotto. Si attende conferma di Salasso nel Nicchio e di Walter Pusceddu nella Pantera. Invariate le altre monte con Trecciolino nella Tartuca, Minisini nel Montone, Bartoletti nel Drago, De Mauro nell'Aquila, Tittia nell'Oca, Villella nella Selva e Gingillo nel Bruco.

>>13/08/2008 16.22.00(SIENA NEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Prima Prova

Messaggio  jabru il Mer Ago 13, 2008 8:31 pm

Le monte sono state confermate, solo nella Pantera questa sera ha montato il Casu al posto del Pusceddu. Dopo una prima mossa falsa, vince il Drago che era di rincorsa
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Prima prova, vince il Drago con Scompiglio

Messaggio  jabru il Mer Ago 13, 2008 8:51 pm

Prima prova, vince il Drago con Scompiglio su Fedora Saura

È il Drago con Jonatan Bartoletti detto Scompiglio su Fedora Saura a vincere la prima prova del Palio dell’Assunta. Una prova che, dopo qualche difficoltà di allineamento e una prima mossa invalidata, vede uscire forte dai canapi la Pantera con Franco Casu detto Spirito su Istriceddu, seguita dalla Selva con Antonio Villella detto Sgaibarre su Giordhan e dall’Oca con Elfo di Montalbo e Giovanni Atzeni detto Tittia. Al primo San Martino è il Drago, dall’esterno, a guadagnare la prima posizione, seguito dalla Pantera e dall’Aquila con Tiburzi sull’esordiente Ilon. Galoppo in scioltezza per Scompiglio su Fedora Saura, che tiene la testa per tutti e tre i giri staccando di diverse lunghezze la Pantera e va a vincere la prima prova. Leggera sgambatura per le altre contrade.

Questo l’ordine di ingresso tra i canapi:

Aquila con Paride De Mauro detto Tiburzi su Ilon
Tartuca con Luigi Bruschelli detto Trecciolino su Elimia
Torre con Andrea Mari detto Brio su Già del Menhir
Nicchio Alberto Ricceri detto Salasso su Guess
Pantera con Franco Casu detto Spirito su Istriceddu
Selva con Antonio Villella detto Sgaibarre su Giordhan
Oca con Giovanni Atzeni detto Tittia su Elfo di Montalbo
Bruco con Giuseppe Zedde detto Gingillo su Elisir Logudoro
Valdimontone con Luca Minisini detto De’ su Choci
Di rincorsa il Drago con Jonatan Bartoletti detto scompiglio su Fedora Saura




>>13/08/2008 19.40.00(SIENA NEWS)

Il capitano della Pantera non era presente all'Entrone
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Ecco gli orari per le prove di oggi

Messaggio  jabru il Gio Ago 14, 2008 9:14 am

Palio dell’Assunta, gli orari della giornata


Seconda giornata del Palio dell’Assunta. Stamani il mortaretto darà il preavviso alle 8.20. Una ventina di minuti dopo, alle 8.40, inizierà lo sgombero della pista, mentre l'uscita dei cavalli dall'Entrone è prevista per le 9. Tra i canapi saranno chiamate, secondo l’ordine inverso a quello di trifora, Drago, Valdimontone, Bruco, Oca, Selva, Pantera, Nicchio, Torre, Tartuca e Aquila di rincorsa. Per la prova di stasera il primo scoppio del mortaretto ci sarà alle 18.15. La pista verrà sgombrata a partire dalle 18.45, mentre alle 19.15 i fantini usciranno dal Cortile del Podestà. L’ordine di ingresso tra i canapi seguirà quello di assegnazione: Selva, Pantera, Drago, Vadimontone, Bruco, Torre, Tartuca, Oca, Aquila e Nicchio di rincorsa.


>>14/08/2008 6.00.00(SIENA NEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

seconda prova

Messaggio  jabru il Gio Ago 14, 2008 10:38 am

Monte confermate. La tartuca vince la seconda prova. Il capitano della Pantera, Andrea Mori Pometti, è tornato sul palco dei giudici
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Sono Elimia e Trecciolino a vincere la seconda prova

Messaggio  jabru il Gio Ago 14, 2008 10:42 am

A Elimia e Trecciolino per la Tartuca la seconda prova


. Una prova che ha visto come unica novità nelle monte Walter Pusceddu detto Bighino su Istriceddu per la Pantera, che ieri sera aveva invece affidato il proprio cavallino esordiente a Franco Casu detto Spirito. Il mossiere chiama tra i canapi Drago, Valdimontone, Bruco, Oca, Selva, Pantera, Nicchio, Torre e Tartuca, con l’ Aquila di rincorsa. C’è un po’ di nervosismo tra i canapi e l’allineamento viene trovato con qualche difficoltà. Partono forte Oca, Pantera e Bruco, ma a prendere il comando sono Elfo di Montalbo e Tittia, che provano forte per un giro seguiti da Elisir Logudoro e Gingillo. Quando rallentano, è la Tartuca a passare in testa, con Trecciolino che fa galoppare a ritmo sostenuto Elimia per quasi due giri e va a vincere la prova. Nelle retrovie quasi tutte le altre contrade provano alcuni spunti.

Questo l’ordine di ingresso tra i canapi:

Drago con Jonatan Bartoletti detto Scompiglio su Fedora Saura
Valdimontone con Luca Minisini detto De’ su Choci
Bruco con Giuseppe Zedde detto Gingillo su Elisir Logudoro
Oca con Giovanni Atzeni detto Tittia su Elfo di Montalbo
Selva con Antonio Villella detto Sgaibarre su Giordhan
Pantera con Walter Pusceddu detto Bighino su Istriceddu
Nicchio Alberto Ricceri detto Salasso su Guess
Torre con Andrea Mari detto Brio su Già del Menhir
Tartuca con Luigi Bruschelli detto Trecciolino su Elimia
di rincorsa Aquila con Paride De Mauro detto Tiburzi su Ilon



>>14/08/2008 9.18.00(SIENA NEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Il Corteo dei Ceri e dei Censi

Messaggio  jabru il Gio Ago 14, 2008 12:12 pm

Storia e tradizione attraversano la città

Oggi pomeriggio il Palio vivrà uno dei suoi momenti più significativi: il tradizionale “Corteo del Cero e dei Censi” offerti alla Madonna dal Comune, dalle Contrade e dalle parrocchie. La processione partirà alle 16.45 dalla chiesa di San Giorgio diretta verso il Duomo, dove l'arcivescovo Antonio Buoncristiani benedirà il Drappellone realizzato da Mario Ceroli per la Carriera dell'Assunta. In occasione della consueta offerta alla Madonna da parte di Comune, contrade e parrocchie, il Carroccio che trasporterà il Cero comunale sarà trainato, dalla chiesa di San Giorgio fino al Duomo, da due coppie di buoi. Si tratta del recupero di una usanza antica che arricchirà certamente un cerimoniale già pieno di fascino e atmosfera. Questa passeggiata dei buoi sarà un rafforzativo di ciò che a Siena conta davvero, la storia. Il presidente del comitato del Cero, Ivano Scalabrelli, ha annunciato durante la riunione di sabato scorso il programma relativo alla parte sacra della Festa, includendovi appunto la caratteristica novità di quest’anno. Di comune accordo con le varie istituzioni senesi il Corteo del Cero sarà dunque accompagnato fino al Duomo dai buoi e dal Carroccio, portatori simbolici di valori antichi che nei giorni palieschi attraversano l’intera città.

>>14/08/2008 10.00.00(SIENA NEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Il Palio delle donne

Messaggio  jabru il Gio Ago 14, 2008 12:16 pm

Quattro giorni di Festa grandeTra gli elementi più significativi dei quattro giorni di Palio le donne rappresentano in assoluto un valore aggiunto. Sono molti i gruppi delle contradaiole senesi che a partire dal giorno della Tratta “scorrazzano” per le vie della città fra scherzi e canti. Ma come passano realmente i quattro giorni di Festa, le donne del Palio?
“Noi ci troviamo la mattina per andare a vedere la prova – ci spiega Margherita del Drago – e poi stiamo insieme, orari di lavoro permettendo, per l’intera giornata. Il momento più bello? Quando siamo in palco tutte insieme e i momenti prima del Palio, di solito lo guardiamo insieme in società”.
“Quando eravamo più piccole le cose erano diverse – commenta Laura della Tartuca – giocavamo tutto il giorno per i pratini di Castelvecchio e ci divertivamo moltissimo. Ora che siamo tutte vicine ai 30 cerchiamo di stare insieme per le prove e per i cenini in società. Non è possibile dato i vari impegni stare l’intera giornata in contrada, ma se si potesse. Più che volentieri”.
Anche alcune contradaiole dell’Aquila sembrano spassarsela davvero in mezzo a tuti i cori di Piazza: “Cantare a squarciagola è una delle cose che facciamo più volentieri – commentano Giulia e Alice, contradaiole dell’Aquila – siamo un bel gruppo e ci conosciamo da quando abbiamo 6 anni. I giorni di Palio per noi sono i giorni più belli di tutta l’estate. I ragazzi? In questi quattro giorni non esistono, la priorità assoluta va alla contrada”.


>>14/08/2008 10.05.00(SIENA NEWS)
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

prime prove

Messaggio  jabru il Gio Ago 14, 2008 12:19 pm

Siena, 13 agosto 2008 - La contrada della Tartuca, con il cavallo Elimia e il fantino Luigi Bruschelli detto Trecciolino, ha vinto la seconda prova del Palio dell'Assunta che si è corsa stamani in Piazza del Campo.
Dopo una buona partenza dell'Oca con Elfo di Montalbo e Tittia, tutti i fantini hanno 'provato' i cavalli lungo l'anello
di tufo dimostrando un grande equilibrio fra le accoppiate.
Il Drago, con il cavallo Fedora Saura montato dal fantino Jonatan Bartoletti detto Scompiglio, ha vinto invece la prima prova che si è svolta ieri in piazza del Campo. La corsa è stata segnata da una prima falsa partenza alla 'mossa', mentre alla seconda partenza è uscita bene dai canapi la contrada della Pantera con il cavallo Istriceddu del fantino Franco Casu detto Spirito.
Oltre a Drago e Pantera corrono il Palio di agosto Aquila, Tartuca, Torre, Nicchio, Selva, Oca, Bruco e Valdimontone.
da "La Nazione"
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Pantera, il capitano Mori Pometti presente all'Entrone

Messaggio  jabru il Gio Ago 14, 2008 1:42 pm

. Bighino su Istriceddu
Dopo l'assenza sul palco dei Giudici per la prima prova, il Capitano della Pantera Andrea Mori Pometti questa mattina è presente all'Entrone. Dopo l'assemblea di ieri sera quindi, il Capitano ha ritirato le proprie dimissioni.
Novità anche nella monta: dopo aver affidato Istriceddu a Franco Casu detto Spirito per la prima prova, la contrada di Stalloreggi questa mattina ha fatto montare Walter Pusceddu detto Bighino.
da "Siena News"
avatar
jabru
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 7900
Data d'iscrizione : 01.04.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: verso l'Assunta

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum